E il giudice sorrise

E il giudice sorrise

di Elisabetta Rosi (Consigliera della Corte di cassazione)

Alla domanda, che spesso mi rivolgono, su quali siano state le ragioni che mi spinsero a scegliere la professione di magistrato, rispondo che l’idea nacque ancor prima di iniziare il liceo, dopo la lettura di un libro dal titolo “…. e il giudice sorrise” di Annamaria Ferretti (Ed. Capitol, 1969): un libro per ragazzi, uscito alla fine degli anni sessanta del secolo scorso, dove la giudice-donna ristabiliva la verità dichiarando l’innocenza di un ragazzino accusato di un furto.

L’immagine della protagonista descritta dall’autrice del libro suggerisce ancora oggi uno dei valori fondamentali, a mio avviso, per svolgere le funzioni di giudice. La benignità, ossia l’interesse sincero per le sorti del prossimo sia esso accusato o vittima, rende il processo penale qualcosa di più che una sequenza di regole volte ad accertare la eventuale responsabilità penale, e caratterizza così la funzione della giustizia in una condivisione empatica con quel popolo nel nome del quale la stessa è amministrata.
Il giudice sorridente, insomma, è anche quello di cui ti fidi, perché ne percepisci l’umanità, più che il potere.

Ma del giudice ti fidi quando sai che è preparato e competente.
Ed anche a tale proposito mi torna alla mente la prima indicazione utile che ebbi a ricevere da giovane neolaureata, praticante in uno studio legale di Ancona, la mia città, da parte dell’Avvocato Renato Sparapani, professionista da poco scomparso che voglio qui ricordare: «Per essere buoni avvocati – mi disse – serve la diligenza».
Quel suo consiglio mi apparve allora riduttivo, come poteva pensare che tale regola fosse sufficiente? Ma mi colpì così tanto che introitai quel monito dentro di me e ne feci costanza quotidiana sin da allora, anche quando diventai magistrato. A mia volta, ho trasmesso lo stesso consiglio ai tirocinanti ed ai giovani laureati, molti dei quali hanno scelto la professione forense.

L’avvocato aveva, in effetti, ragione. Infatti, che cosa significa diligenza? Non solo studio diligente di dottrina e giurisprudenza e rigorosa applicazione della legge, ma anche organizzazione del proprio lavoro con certosina precisione dell’agenda, lettura attenta degli atti a noi sottoposti, annotazione di una sintesi dei contenuti di maggiore rilevanza, ascolto attento delle parti, redazione tempestiva dei provvedimenti con puntuale risposta a quanto richiesto, tenendo conto che il nostro iurisdicere deve rappresentare una decisione “giusta”, in quanto assunta nel rispetto delle regole del diritto processuale e sostanziale.
La diligenza è anche umiltà, consapevolezza dei propri limiti conoscitivi e della difficoltà di questo lavoro, così incisivo nelle vite degli altri e rilevante per il benessere della società.

La diligenza è soprattutto impegno, impegno nei confronti dei cittadini che hanno chiesto allo Stato una risposta di giustizia che solo il giudice nello svolgimento della propria funzione giurisdizionale può dare.
Come suggeriva il magistrato coordinatore del tirocinio a noi giovani “uditori giudiziari”, il collega Umberto Zampetti, si deve trattare con cura ogni processo, come se fosse l’unico processo da trattare, perché è unico per chi lo vive, sia esso vittima od accusato.

Ma del giudice ti fidi davvero quando sai che è indipendente e, quindi in posizione di terzietà. Quando indossa un solo abito: la toga, e non altre casacche, più o meno visibili.
Ho sempre pensato che oggi per il giudice l’indipendenza sia, innanzitutto, un esercizio e che sia necessario esercitarsi continuamente per restare indipendenti, senza abbassare mai la guardia, tenendo sempre presente che la funzione del giudice è una funzione essenziale e che la “sete di giustizia” deve animare innanzitutto chi la esercita. Il giudice non dovrebbe avere altri obiettivi oltre questo.

Vorrei, da ultimo, tornare al “giudice che sorride” per richiamare una altra qualità che dovrebbe sempre caratterizzare l’esercizio dell’attività di giustizia: l’eleganza, da intendere nel significato etimologico, quale stile comportamentale, da “scegliere”, tra i molti comportamenti possibili a seconda delle circostanze, in quello più consono alla funzione esercitata, che dovrebbe essere caratterizzata dalla sobrietà dei modi, dal rispetto per le parti, dalla gentilezza e cordialità, e così via.
In questi tempi di aggressione verbale nei rapporti interpersonali reali, o virtuali sui social, il voler vivere nell’eleganza potrebbe essere una strada percorribile, per uscire dal degrado comportamentale, per ciascuno di noi, anche per chi non sia investito di funzioni giudiziarie.

Photo credit: guidasicilia.it
(Quaroni – Chiesa madre – Ghibellina)

#TOPICS: ultimi articoli

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Un sogno realizzato

Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)
Un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità

Leggi l'articolo

Giudici e Avvocati

Anna Losurdo
L’Avvocato che esercita la sua professione con libertà e indipendenza rafforza l’indipendenza della giurisdizione

Leggi l'articolo

La letteratura dei giudici

Enzo Varricchio
I magistrati raccontano perché narrare rende liberi, la verosimiglianza del romanzo permette loro di assumere vesti e ruoli inconcepibili nella vita reale, condurre un’esistenza scapigliata e romantica

Leggi l'articolo

L’evidenza invisibile

Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma) 
Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale

Leggi l'articolo

Magistratus sum

Decidere sugli altri e per gli altri è un atto complesso che coinvolge l’intima percezione di sé, impone di superare pregiudizi, convinzioni culturali, abiti mentali

Leggi l'articolo

Privilegi o prerogative

Sergio Di Paola (Consigliere della Corte di cassazione)
La presunzione di essere depositario delle certezze giuridiche e storiche deve cedere al costante esercizio dell’arte del dubbio

Leggi l'articolo

Il diritto alla giustizia

Umberto Apice (già Avvocato Generale presso la Corte di cassazione)
Portare sul tavolo del giudice ogni malessere sociale, senza provvedere alla eliminazione delle cause, finisce per tramutare in fisiologico quello che è patologico

Leggi l'articolo

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona

Anche noi?

Pubblicato in ||||

Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)
Bullismo e molestie sessuali anche nel settore legale analizzati in un sondaggio dell’International Bar Association

Esseri linguistici

Pubblicato in |||

AnnaMaria Passaggio (business career coach in Milano)
Se la parola è azione e l’azione costruisce il nostro essere, allora possiamo modificare il nostro essere attraverso la parola