Il salto culturale

Il salto culturale

di Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)

La legge sul sovraindebitamento (l.n. 3/2012) è stata profondamente modificata dalla l. 18.12.2020 n. 176, di conversione del decreto legge Ristori (d.l. n. 137/2020), anticipando molte delle novità previste in materia dal codice della crisi.
La nuova disciplina, emendando il testo della l.n. 3/2012, ha però previsto regole in parte diverse da quelle del codice della crisi, la cui entrata in vigore è oggi differita al maggio 2022 e, peraltro, in modo parziale posto che al contrario le disposizioni afferenti all’istituto dell’allerta sono state rinviate al 31.12.2023.

L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria, così da ampliare le maglie per l’accesso all’istituto anche dal punto di vista soggettivo con la previsione di categorie di debitori civili originariamente escluse (mi riferisco, ad esempio, ai soci illimitatamente responsabili ovvero ai componenti di una famiglia).

L’idea di fondo rimane quella di consentire al debitore, qualificato come consumatore o professionista ovvero imprenditore che eserciti un’attività commerciale, artigiana o agricola, di riacquistare un ruolo attivo nel mercato produttivo e ciò mediante la definizione e composizione controllata di una posizione debitoria divenuta inesigibile al fine di ottenere poi l’ambito traguardo della esdebitazione.

Assume particolare rilevanza la novità relativa al cd. debitore incapiente che, ove ritenuto meritevole (il requisito della meritevolezza non pare essere eliso dalla riscrittura delle norme sul sovraindebitamento) e non essendo in grado di offrire ai creditori alcuna utilità diretta o indiretta neppure in prospettiva futura, potrà accedere all’istituto della esdebitazione solo per una volta, fatto salvo l’obbligo di pagamento del debito entro quattro anni dal decreto del giudice laddove sopravvengano utilità rilevanti che consentano il soddisfacimento dei creditori in misura non inferiore al dieci per cento.

Di centrale rilevanza, risulta essere la novità afferente la valutazione del cd. merito creditizio, non soltanto per gli aspetti processuali introdotti dalla riforma – sanzionatori del comportamento tenuto dal creditore banca o finanziaria laddove abbia colpevolmente determinato o aggravato la situazione debitoria del sovraindebitato mediante il superamento dei limiti del merito creditizio.

Il legislatore ha manifestato la piena consapevolezza di quale ruolo svolgano (e possano svolgere) gli intermediari del credito perché molto del successo delle procedure di sovraindebitamento come riscritte e, finanche, del nuovo istituto della composizione negoziata della crisi introdotto con il d.l. n. 118/2021 in attesa di essere convertito in legge dello Stato, si gioca sul comportamento dei grandi creditori, che nella maggioranza dei casi sono il fisco e, appunto, gli intermediari finanziari, posto che essi nella quotidianità sono alla base del naufragio di ogni tentativo di salvezza.

Quando la crisi morde le piccole imprese si avverte, frequentemente, un certo disinteresse nel trattare le posizioni a rischio con soluzioni concordate, divenendo perfino complicato individuare un interlocutore all’interno degli istituti di credito posto che questi tendono solo a ridurre immediatamente i rischi con riduzioni, sospensioni o revoche degli affidamenti, senza valutare ipotesi di nuove soluzioni, così da minimizzare per quanto possibile le perdite.

Ecco, quindi, che il d.l. n.118/2021 è intervenuto prevedendo espressamente, tra l’altro, il divieto da parte anche degli istituti di credito di interrompere taluni rapporti in corso neanche in ipotesi di maturato inadempimento, così come prevedendo che “le banche e gli intermediari finanziari, i loro mandatari e i cessionari dei loro crediti sono tenuti a partecipare alle trattative in modo attivo e informato” nonché trasparente e leale.

Chissà se sia in atto quel famoso “salto culturale”, richiesto agli imprenditori, richiesto ai professionisti, richiesto agli intermediari finanziari e, comunque, a tutti gli stakeholders interessati ai vari procedimenti di composizione della crisi, in casi di insolvenza civile e non.
Nella speranza che, “saltando”, non ci si faccia male.

di Carlo Orlando su Ora legale NEWS

Image credit: Gerd Altmann da Pixabay

https://www.assoavvocatigestoricrisi.it/

#TOPICS: ultimi articoli

Un orizzonte chiuso

Camilla Corradi
Il pregiudizio più importante sul futuro è quello di non poterlo cambiare

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

L’opinione non ci salverà

Massimo Corrado Di Florio
A pensarci bene, siamo immersi in un pantano mediatico di opinionisti

Leggi l'articolo

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

La forza dei fatti

Alessandra Pisu
I pregiudizi atrofizzano le idee finché non vengono messi alla prova dei fatti

Leggi l'articolo

Una società pregiudicata

Tania Rizzo
Pregiudizi che alimentano altri pregiudizi fin tanto che è l’altro a essere sotto i riflettori

Leggi l'articolo

Salvare i più sfortunati

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Apprendimento ed esperienza

Pubblicato in |||

Giulia Massa
L’errore, inteso come rivalutazione, incarna una componente dell’apprendimento

I diritti personali e relazionali dei minori e i diritti genitoriali degli adulti

Pubblicato in |

Elvira Reale
Il diritto a mantenere relazioni con i due genitori è un diritto relativo, disponibile e rinunciabile

I percorsi di recupero (art. 165 c.p.)

Pubblicato in |||

Lucio Barbato
La novità sul piano giudiziario è data dalla inclusione nel processo decisionale di merito di altre figure professionali

Come ti depotenzio la riforma

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
I disturbi della personalità non compaiono improvvisamente quando una donna si separa e ifigli rifiutano la relazione con l’altro genitore

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Una questione di dignità

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Occorre cambaire tutti il punto di vista, professionisti e clienti

Il ruolo dell’OCC

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
L’OCC non potrà essere considerato in alcun modo litisconsorte necessario

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno