Iustitia Delenda

Iustitia Delenda

di Massimo Corrado Di Florio
Tre delle caratteristiche principali che connotano la nostra attuale realtà: Volume, Velocità, Varietà. Non è una novità che la prossima tappa da raggiungere è rappresentata dalla nuova tecnologia denominata 5G. Non è nemmeno ancora immaginabile quale potrà essere l’effetto finale della tecnologia 5G. il c.d. Big Data. Tutto ha a che fare con tutto. Una sorta di rete a maglia fittissima in cui le trasformazioni saranno impressionanti. Non è nemmeno una questione riferibile alla tecnologia priva di controllo umano, è solo questione di intelligenza artificiale. Eh già, intelligenza artificiale che, peraltro, esiste perfino nei nostri comunissimi telefoni cellulari. In questo contesto di innovazione continua, si assiste a qualcosa che -inevitabilmente- colpirà l’umanità nelle sue più complesse articolazioni. I c.d. dispositivi intelligenti anticiperanno i nostri comandi e, in tal modo, ciò di cui abbiamo bisogno, verrà anticipato dai nostri dispositivi. È impressionante, vero? Forse sì. In questo avveniristico clima, qui da noi, nella nostra meridionalissima Bari, la giustizia è crollata. Fisicamente crollata, infischiandosene dell’avveniristico mondo destinato ad anticipare i nostri bisogni. È assai verosimile che il bisogno di giustizia non sia (non più, almeno) un vero bisogno. Eppure, sarebbe stato magnifico sognare un meccanismo che anticipasse il crollo, ovvero il pericolo del crollo (quello del palazzo in via Nazariantz, per intenderci). Tuttavia il tempo, che oggi vive una sua propria vita accelerata, da noi ne è uscito del tutto sconfitto. Eh sì. La giustizia ha sconfitto il tempo. La pericolosità del crollo (che, a quanto si legge, dura da un ventennio circa), ha sconfitto il tempo. Altro che Volume, Velocità e Varietà. Il tempo è stato fermato esattamente come sarebbe potuto accadere in un fotogramma sbiadito, bianco e nero, decolorato, con viraggio seppia. Una colorazione antica; la giustizia, da noi, è antica e, nella sua accezione più negativa è antica poiché vecchia senza nemmeno essere stata nobilitata dalla maestosità dell’antico. È vecchia esattamente come un vecchio elettrodomestico malfunzionante. Di quelli che, forse, si riavviano, cigolanti, fino a fermarsi del tutto, esausti. La giustizia, una vecchia lavatrice con cinghia di trasmissione ingottata. Un dispositivo a -5G (si legga: meno cinque Gi). Iustitia delenda est, scrivevo qualche mese addietro e, ottimisticamente, attendevo il sale (quello di romana memoria); sì, ottimisticamente perché dimenticavo gli effetti salvifici e conservanti del sale. Qui, oramai, è meglio non conservare nulla e i venti di novità che spirano sono privi di effetti salutari. Sono soltanto tempeste prive di controllo. Il caos è già tra noi. Il portiere del mio stabile parla di “problematiche” senza nemmeno sapere cosa sia una problematica. È affezionato al termine avendolo ascoltato in chissà quale trasmissione televisiva, una di quelle con gli indovinelli un po’ sciocchi, ovvero ha imparato ad essere “circonciso” (come un qualche anonimo Onorevole ha avuto modo di dire in Parlamento) rispetto al problema del cigolìo del portone dello stabile. Siamo in questa melma, ben sommersi fino al collo. Siamo nel girone degli accidiosi. Venti anni (o quasi) di avversione all’operare, neghittosità indefessa (un ossimoro?). Accidia per sempre. Quale che sarà il racconto, io denuncio un mio personale disagio. In questa struttura narrativa, la cifra stilistica è completamente impoverita poiché priva di una sua dignitosa profondità di campo. Il palazzo sta per crollare. Da quasi venti anni è lì lì per autodistruggersi e, con esso, l’intero sistema della giustizia penale. Un bisogno che non è più un bisogno. Si respira una amara sensazione di mancanza di prospettive, ovvero di una prospettiva ai più ignota. Quel che sgomenta, infine, è un sotterraneo atteggiamento di più o meno impostazione laicista dello Stato e, contemporaneamente, profondamente anti-moderno. Ricordiamo tutti che la nostra Costituzione non contiene la parola Dio. Ciò nonostante un rappresentante del Governo in carica esibisce il rosario, pur affermando di non “pregare” il rosario. È il trionfo dell’immagine, costi quel che costi. L’aria riformista è davvero ben strana. Continuo a pensare che la Divina Provvidenza non risolverà alcun problema. L’attesa produce solo altra attesa e, infine, frustrazione.

#TOPICS: ultimi articoli

La democrazia degli “imbecilli”

di Carlo Calvieri (Professore associato Istituzioni di diritto pubblico – Dip. Giurisprudenza Unipg)
La libertà di parola non può essere fonte di discriminazione

Leggi l'articolo

Le parole sono finite

di Massimo Corrado Di Florio
Fake news e distopia sociale

Leggi l'articolo

Abitare piattaforme

di Anna Losurdo
L’Avvocatura è presidio dei diritti degli utenti nel sistema delle regole della rete

Leggi l'articolo

Aaron Swartz: la resilienza culturale

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Il Diritto a prendere parte alla vita culturale nella società digitale. La lezione di Aaron Swartz

Leggi l'articolo

Come pesci nel grande oceano

di Pietro Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
Dobbiamo stupirci se siamo così immersi in pregiudizi e stereotipi da non accorgercene quasi più?

Leggi l'articolo

Iper – conoscenza super – ignoranza

di Antonio Longo (Avvocato in Bari)
La cosa importante, rivoluzionaria era che la notizia era diventata patrimonio comune.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

BARI – MARSALA…. VITTORIA CHE REGALA L’ALLUNGO DECISIVO!

Pubblicato in ||

Dopo la pesante e brutta sconfitta subita sul campo della…

TURRIS – BARI…. SCONFITTA CHE FA MALE!!!

Pubblicato in |

Arriva la seconda sconfitta per la squadra biancorossa in questo…

Garantismo penale e Società globale

Pubblicato in ||||

di Giorgio Pica (Presidente del Tribunale di Matera)
Relazione al Convegno “Dei delitti e delle pene” a 250 anni dalla pubblicazione.

BARI – IGEA VIRTUS…. RIPRENDE LA MARCIA

Pubblicato in |

Una partita che forse non è mai cominciata quella disputatasi…

Fake news e rilevanza penale

Pubblicato in ||||

di Nadia Germanà Tascona (Avvocata in Milano)
La forza distruttiva della parola è ancora più evidente quando la comunicazione avviene attraverso la rete e i social

Il meglio di un uomo

Pubblicato in ||||

di Orazio Leggiero (Associazione nazionale Maschile Plurale-Gruppo Uomini in gioco di Bari)
Il meglio di un uomo è la consapevolezza e la responsabilità delle sue azioni

BENVENUTO FISCO FORFETARIO

Pubblicato in ||||

di Antonio Damascelli (Avvocato in Bari e Presidente di UN.CA.T.)
Disciplina fiscale del reddito degli avvocati

Lettera aperta al Senatore Simone Pillon

Pubblicato in ||||

di Isabella de Bellis Sciarra (Avvocata in Perugia)
Il diritto di famiglia: un’isola che il diritto può solo lambire.

CITTANOVESE – BARI…. PRIMA SCONFITTA, MA NIENTE DRAMMI

Pubblicato in |

Dopo 19 giornate di campionato il Bari perde la propria…

SANCATALDESE – BARI…. ADESSO E’ FUGA

Pubblicato in |

Nel giorno in cui i tifosi biancorossi piangono la scomparsa…

BARI – MESSINA. NUOVO ANNO, SOLITO BARI

Pubblicato in |

Nuovo anno, solito Bari. Il Bari ricomincia la stagione nel…