la crisi cambia prospettiva

La crisi cambia prospettiva

di Michele Cuoco (Giudice del Tribunale di Benevento)

È noto come, all’interno di una diffusa e persistente crisi finanziaria, le mutate esigenze degli operatori economici hanno condotto il legislatore ad un radicale cambiamento della prospettiva assunta nella valutazione e nella gestione della crisi.
E così, da una prospettiva esclusivamente liquidatoria, connessa ad una visione statica del rapporto e sanzionatoria dell’inadempimento (intrinsecamente lesivo del principio generale di tradizione romana secondo cui pacta sunt servanda), dove la “crisi” rappresenta un evento eccezionale e patologico, si è passati progressivamente ad una visione conservativa, finalizzata alla tutela dell’integrità del mercato, dove la crisi diviene una eventualità statisticamente frequente, forse inevitabile nell’evoluzione ciclica di un libero mercato concorrenziale e dove lo stesso mercato è in sé ritenuto idoneo a gestire autonomamente, senza necessità di interventi eteronomi, anche la fase discendente del ciclo sinusoidale di ciascuna attività economica.

Il progressivo sovrapporsi di ripetuti interventi riformatori, tuttavia, ha reso il dato normativo incoerente e frammentato, in quanto frutto del progressivo e continuo sovrapporsi di interventi riformatori orientati verso prospettive radicalmente diverse.

Ebbene, in un’ottica di unitarietà oggettiva, soggettiva e procedimentale, il Codice della Crisi e dell’Insolvenza si propone di gestire organicamente tutte le forme di manifestazione della “crisi”, non solo imprenditoriale; e di fornire – in una prospettiva di tutela dell’integrità del mercato – gli strumenti necessari per la diagnosi precoce dello stato di difficoltà economica e finanziaria e la conseguente tempestiva emersione e gestione. Tutto ciò utilizzando un solo modello procedimentale.

In questo contesto, gli strumenti offerti al “sovraindebitato”, il debitore “civile” non soggetto cioè alla liquidazione giudiziale o ad altra disciplina liquidatoria, sono: la liquidazione controllata, il concordato minore e la ristrutturazione dei debiti del consumatore.

La prima è una procedura finalizzata alla liquidazione del patrimonio del debitore ed alla successiva distribuzione del ricavato ed è strutturata sulla falsariga della liquidazione giudiziale, l’attuale fallimento.
Può essere attivata non solo dal debitore, ma anche dal singolo creditore (ma solo nel caso in cui pendano procedure esecutive individuali) o dal Pubblico Ministero (nel caso in cui il debitore sia imprenditore); una volta introdotta, però, è sottratta alla disponibilità della parte “ricorrente” e troverà la sua definizione solo all’esito della (utile) liquidazione di tutti beni (anche futuri) acquisiti all’attivo. E comunque non prima del decorso di un quadriennio.

Le altre due, invece, sono riservate all’iniziativa del debitore (essendo precluso al creditore sostituirsi al debitore nell’introduzione del procedimento) e sono a contenuto aperto (ancorché con un’esplicita preferenza per le soluzioni non esclusivamente liquidatorie) in quanto entrambe articolate intorno ad una proposta con la quale il debitore, in un’ottica remissoria o dilatoria, prospetta un’ipotesi di rideterminazione delle poste debitorie e le relative modalità di adempimento.

Per quanto accomunate dalla medesima ampiezza di contenuto, tuttavia, le due procedure offerte al debitore in alternativa alla liquidazione si differenziano profondamente l’una dall’altra.

Nel concordato minore, strumento precluso al consumatore, la proposta formulata dal debitore, per quanto sottoposta al sindacato del giudice, è diretta in primo luogo ai creditori, chiamati a valutarne la fattibilità e la soggettiva convenienza.
È quindi uno strumento con un evidente carattere di negozialità, strutturato intorno ad un accordo che si forma, all’interno del procedimento, tra il debitore ed i suoi creditori.
Uno strumento che conserva il suo carattere di negozialità nonostante il penetrante potere di controllo riconosciuto all’organo giurisdizionale, chiamato a sindacare non solo i confini esterni dell’accordo, ma anche la sua concreta fattibilità economica; incidendo finanche sulla formazione del consenso (quando il giudice, sottraendo al creditore pubblico, l’amministrazione finanziaria, la sua valutazione di convenienza, “omologa … il concordato minore anche in mancanza di adesione da parte dell’amministrazione finanziaria quando … la proposta di soddisfacimento dell’amministrazione è conveniente rispetto all’alternativa liquidatoria”).

Al consumatore è invece riservata, in ragione della sua intrinseca fragilità contrattuale, la ristrutturazione dei debiti; un procedimento senza voto, privo di elementi di negozialità, nel quale la proposta formulata dal debitore (anche in questo caso a contenuto aperto) non è diretta al ceto creditorio, ma unicamente al giudice.
Un procedimento nel quale le parti sostanziali del rapporto (i creditori), pur legittimati – se non “colpevoli”, per aver abusivamente concesso il credito – a sollevare contestazioni o proporre impugnazioni, sono estromessi dalla rideterminazione delle rispettive posizioni creditorie, rimessa esclusivamente al giudice.

La mancanza di negozialità e la conseguente marginalità del ruolo assunto dai creditori giustifica, tuttavia, un ruolo ancora più invasivo dell’organo giurisdizionale, al quale è affidato non solo il sindacato di legittimità e fattibilità del piano e della relativa proposta, ma anche la più incisiva valutazione di meritevolezza.

Una valutazione, posta a tutela del generale principio di correttezza e buona fede, che si sostanzia in un giudizio di prognosi postuma avente per oggetto la ragionevolezza della prospettiva di adempimento al momento dell’assunzione dell’obbligazione e, con essa, quindi, la diligenza adottata dal debitore (nella fase genetica e nel successivo articolarsi del rapporto) nel prospettarsi le concrete probabilità di adempimento alla luce dei redditi attuali o potenziali.

PH: Free-Photos da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

L’anno nuovo della giustizia

Franco Cassano (Presidente della Corte d’Appello di Bari)
Non rimanere nella solitudine rassicurante di se stessi, ma rischiare l’avventura, aprendosi con fiducia agli altri

Leggi l'articolo

Il ruolo politico del giudice

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
La Costituzione è il canale attraverso il quale la giustizia è penetrata nell’ordinamento giuridico ed è stata realizzata quella saldatura fra giustizia e diritto che ha cambiato il volto della legalità

Leggi l'articolo

Questione di genere in magistratura

Carla Marina Lendaro (Consigliera della Corte Appello di Trieste e presidente dell’A.D.M.I.)
Imparare a “riconoscere la differenza” è un’esigenza che risponde ai bisogni della Giustizia, un fattore di funzionamento ed una risorsa del sistema

Leggi l'articolo

C’è un grande passato, davanti a noi

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Il pianeta giustizia appare in fiamme: e in fiamme sono le coscienze, brucianti le domande

Leggi l'articolo

Vecchie mappe e nuovi scenari

Maurizio Pacchiani (Archivista storico in Bolzano)
Pensare in “modalità futuro” non ha una scala, è innanzitutto una forma mentis prima ancora che una metodologia scientifica

Leggi l'articolo

Si chiamerà Pace

Paola Furini (Avvocata in Milano – Fronteverso network)
Come Lucio Dalla, molti altri artisti, attraverso le loro opere hanno veicolato messaggi di amore e concordia contro tutti i muri

Leggi l'articolo

Il cambiamento che fa paura

Fabio Millevoi (Noi di Spoiler)
Contrastare il cambiamento non ci fa recuperare il passato ma perdere il futuro

Leggi l'articolo

Basta immaginare

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Per creare il futuro è necessario prima saperlo immaginare. Gli “studi di futuro” intersecano ogni aspetto del vivere sociale

Leggi l'articolo

La ruota dei futuri

Radman Khorshidian (Futurista in Teheran- Noi di Spoiler)
la Ruota dei Futuri fa emergere conseguenze, interazioni e relazioni complesse; aiuta a pensare in modo creativo e divergente

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Infezioni

Pubblicato in

Cerco di farla breve. Durante la lunga guerra di Troia…

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

Zen attitude

Pubblicato in ||||

Cecilia Manganelli e Daniele Valeri (Avvocato in Ancona – A.S.G.I.)
Mi chiedo se avessimo visto i campi di sterminio cosa avremmo fatto, perchè ora che li vediamo e li sappiamo,ora che facciamo?

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona