la libertà degli amministratori nell'allerta

La libertà degli amministratori nell’allerta

di Gianluca Bertolotti (Diritto commerciale – Università di Roma Tre)

Ripensare la “crisi” e recuperare la libertà di azione degli amministratori di società nella fase di allerta nel codice della crisi d’impresa e della insolvenza.

In vista del “decreto correttivo” è opportuno rivolgere la riflessione alle criticità, notevoli e tuttavia poco evidenziate nel dibattito, del codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza, scontati essendo ormai i meriti dello stesso, abbondantemente emersi negli articoli scientifici e della stampa specialistica.
Del resto, era inevitabile che la complessità tecnica e la mole (391 articoli) del codice, che nel complesso rappresenta senza dubbio un “ottimo lavoro”, avrebbero imposto ulteriori riflessioni e ripensamenti: di ciò il legislatore riformatore è stato pienamente consapevole e, oltre a scaglionare l’entrata in vigore delle norme, ha già predisposto un veicolo per le correzioni del quale, allora, è bene approfittare.

Le criticità più preoccupanti dell’impianto normativo del codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza riguardano snodi nevralgici del diritto societario e ruotano attorno a principi fondanti l’impresa, in senso economico, prima ancora che giuridico, i poteri e le responsabilità degli amministratori: il rischio e lo scopo di lucro.
Il rischio e lo scopo di lucro, infatti, per effetto della entrata in vigore del codice in rassegna subiscono alterazioni dalle quali derivano effetti indesiderati e indesiderabili, in particolare, sulla adeguatezza degli oneri organizzativi, sulle responsabilità degli organi sociali e, in ultima analisi, sulla effettiva idoneità delle misure predisposte ad agevolare il superamento della crisi.

Nell’ intento, infatti, di favorire una emersione della crisi della impresa il più possibile anticipata rispetto allo stato di insolvenza e al fine di scongiurarne il verificarsi, il codice reca una procedura di allerta che incide sensibilmente sia sugli oneri organizzativi dell’impresa, sia sulle responsabilità degli organi sociali, specialmente sulla responsabilità degli amministratori.
Sul piano organizzativo le società sono ora obbligate all’adozione di assetti adeguati (i) a rilevare tempestivamente lo stato di crisi e (ii) ad assumere “idonee iniziative” (art.3).
La “crisi” assume dunque un ruolo centrale nell’attivazione della procedura di allerta.

Nelle definizioni (art.2) si legge che per le imprese la crisi si manifesta come inadeguatezza dei flussi di cassa prospettici a far fronte regolarmente alle obbligazioni pianificate“, con la conseguenza che un fenomeno ricorrente, necessario e fisiologico e cioè quello di adeguare un progetto imprenditoriale e rimodularlo rispetto alle previsioni iniziali sarebbe dunque una manifestazione dello “stato di crisi”.
E lo stato di crisi, in applicazione del codice, impone agli organi di controllo, al revisore contabile e alla società di revisione la segnalazione agli amministratori (art.14, comma 1); gli amministratori devono riferire in ordine alle soluzioni individuate e alle iniziative intraprese (art.14, comma 2) e se ciò non fanno, i menzionati organi di controllo devono portare “all’esterno” la notizia della crisi informando l’ OCRI.
E’ evidente che il rilievo normativo della “inadeguatezza dei flussi di cassa prospettici a far fronte regolarmente alle obbligazioni pianificate” finisce per drenare oneri importanti, in termini di tempo e di risorse, che vengono così distolti dalla attività economica e dunque, non solo non contribuisce a risolvere una crisi eventualmente in atto, ma la aggrava.

Ciò che invece può rappresentare una manifestazione dello stato di crisi è l’inadeguatezza dei flussi di cassa prospettici a far fronte regolarmente alle obbligazioni “contratte” e dunque il rischio di inadempimento.

L’alterazione più dannosa dei profili fondanti l’impresa (il rischio e lo scopo di lucro) è però quella recata dalla lettera c dell’art.4 che obbliga il debitore a gestire il patrimonio o l’impresa “nell’interesse prioritario dei creditori“, non soltanto durante la procedura di regolazione dell’insolvenza, ma addirittura durante la procedura di regolazione della crisi.

Si tratta di una norma devastante per le imprese e il tessuto economico del Paese perché ingessa la libertà di azione degli amministratori nella fase di allerta (che può essere “suonata” in modo molto disinvolto, anche per effetto della definizione di “crisi” di cui all’art. 2) inducendoli a ricercare porti sicuri nel momento nel quale proprio operazioni e strategie “rischiose” potrebbero traghettare l’impresa al di là della crisi e scongiurarne il default.

D’altra parte, la lett. c dell’art. 4 altera lo stesso scopo di lucro della impresa, imponendo all’imprenditore individuale, ovvero agli amministratori, di gestire il patrimonio, non già nel fisiologico interesse al suo (legittimo) incremento, ciò che ancora una volta presuppone la libertà di rischiare, bensì nell’interesse prioritario dei creditori

Il decreto correttivo è una occasione che non si può e non si deve perdere per recuperare il valore del rischio d’impresa e la insindacabilità nel merito delle scelte gestorie anche durante la crisi.

PH: Daniel Reche da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Un tesoro da salvare

Fabio Cavalera (Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
La parola è uno degli strumenti più esclusivi e appassionanti che abbiamo per opporre al nuovo e algido potere dell’algoritmo il contropotere caldo della ragione

Leggi l'articolo

Parole perdute

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Devo solo cercarle
Le parole che ho perso
Te le ricordi, erano qui
Tra le cose di sempre
Tra i vestiti da smettere
Qualche avanzo di tempo
Bottiglie e scatole
Vuote.

Leggi l'articolo

Siamo le parole che usiamo

Enzo Varricchio
La scrittura, apparsa intorno al quarto millennio a.C. dopo il disegno e il pittogramma, fu un atto fondativo dell’homo sapiens. La parola scritta ha avuto il compito di tramandare memoria delle umane vicende

Leggi l'articolo

Parlare è un’opera pubblica

Massimo Corrado di Florio
Millanteria intellettuale, esaltazione della mera opinione e affermazione della sintesi come mero sistema di diffusione della parola, finiscono col mortificare e deprimere la parola stessa

Leggi l'articolo

La comunicazione al centro

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
Una comunicazione non adeguata, che sia scritta, orale o trasmessa, non solo non raggiunge i propri obiettivi, ma modifica la relazione comunicativa fra le persone

Leggi l'articolo

Hate speech, hate thinking

Aldo Luchi (Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cagliari)
Le parole che usiamo ci qualificano. Connotano i nostri pensieri, le nostre radici culturali, la nostra appartenenza a determinate categorie

Leggi l'articolo

La lingua che crea

Gianni Clocchiatti (Consulente aziendale in Milano)
Il linguaggio è una rappresentazione della realtà ma al contempo è anche un software che fa funzionare il pensiero il quale a sua volta genera i comportamenti

Leggi l'articolo

Consenso mostruoso

Anna Losurdo
L’interdipendenza tra linguaggio, consenso e potere rende evidente la grande responsabilità, per le parole che usiamo e che definiscono i nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

HO VISTO UN FILM

Pubblicato in

“Un giorno di pioggia a New York” è l’ultimo film…

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione