La marea bianca è nostra madre

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio

Gli Arabi lo chiamano “Mar Bianco di Mezzo“, al-Baḥr al-Abyaḍ al-Mutawassiṭ, البحر الأبيض المتوسط‎, evocando il latte materno e l’idea del nutrimento, tanto che forse bisognerebbe declinarlo al femminile, alla francese, La Mer méditerranée: la marea bianca tra le terre.

Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, la marea bianca è nostra madre.

Nelle sue onde si sono specchiate le più antiche civiltà del pianeta, tra Oriente e Occidente, lì dove 6000 anni prima di Cristo nacque l’agricoltura: egizia, minoica, micenea, fenicia, greca, romana, araba, bizantina.

Con i popoli delle sue sponde abbiamo sempre commerciato e guerreggiato, ma soprattutto sognato. Con le storie narrate dai suoi poeti e cantori: il Vello d’Oro, l’Iliade e l’Odissea, e le Mille e una Notte. Con le gesta di eroi come Gilgameš, Ulisse, Giasone, Teseo, i cui nomi ancora echeggiano di torre in baia, di isola in porto, per strade e per contrade. Con le tre grandi religioni monoteiste, che per questo medium liquido già caro a Poseidone si diffusero ovunque.

Ad Atene nacquero la filosofia e la democrazia, a Mileto la scienza, a Roma il diritto, a Palermo normanno-sveva lo Stato e la lingua italiana, almeno nelle prime forme di come oggi li intendiamo.

E l’Italia fu al centro di questo grande traffico di genti, di merci e di idee, e non solo grazie alle conquiste dell’impero romano. Basti pensare alla Magna Grecia e alle Repubbliche marinare.

Ci rubò il primato la scoperta dell’America nel 1492 e poi l’avvento della capacità logistica dei porti dei mari del nord: Rotterdam, Amburgo, Anversa. Da allora è cominciato un lento e inesorabile declino dal quale fatichiamo a risollevarci.

Ormai la forza non è più nell’immaginazione ma nell’organizzazione, non più nell’economia reale ma in quella finanziaria, non nella solitudine dell’avventura ma nella solidità del progetto.

In quest’era così poco romantica non c’è più molto spazio per santi, poeti e navigatori ma solo per oleodotti, barconi e isole di plastica.

Così anche una culla può trasformarsi in un cimitero.

Pic.: Ritorni, Enzo Varricchio, 2015

Articoli dello stesso autore:

https://www.oralegalenews.it/?s=Enzo+Varricchio

https://www.youtube.com/watch?v=om1-bi5yeWM

#TOPICS: ultimi articoli

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Il fondo di garanzia INPS

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Leggi l'articolo

Una storia dei debiti

di Enzo Varricchio
Per chi non riesce a pagare i debiti si è troppo spesso profilato il baratro del suicidio o comunque della rovina personale e familiare

Leggi l'articolo

Gli Avvocati e il codice della crisi

di Carlo Orlando (Consigliere Nazionale Forense)
È essenziale che le prestazioni intellettuali rese in ambito concorsuale e pre-concorsuale godano della prededuzione e che i compensi siano proporzionati alla complessità dell’incarico

Leggi l'articolo

Autonomia negoziale e comunicazione

di Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Nella gestione dei rapporti patologici tra creditore e debitore si è ampliata la sfera di intervento dell’autonomia privata su base negoziale

Leggi l'articolo

Nuova esdebitazione

di Alvise Cecchinato (Avvocato in Pordenone)
Le modifiche alla liquidazione e la possibilità di esdebitazione senza patrimonio e liquidazione forse daranno davvero la possibilità della seconda chance

Leggi l'articolo

Una occasione perduta

di Luigi Amendola (Avvocato in Salerno)
Il nuovo Codice della crisi non ha risolto il mancato coordinamento tra le disposizioni preesistenti e la legge 3/2012 in tema di falcidiabilità dell’IVA e delle ritenute operate e non versate

Leggi l'articolo

La liquidazione controllata

di Francesco Angeli (Commercialista in Terni)
La nuova disciplina della liquidazione controllata ha risolto i problemi procedurali della liquidazione dei beni nella L. 3/2012 e consente maggiore celerità e migliore soddisfacimento dei creditori

Leggi l'articolo

La direttiva UE 2019/1023

di Stefania Pacchi (Diritto commerciale – Università di Siena)
La Direttiva non presenta né un progetto globale di diritto delle imprese in crisi nè un progetto analitico e completo di disciplina delle ristrutturazioni ma soltanto indirizzi su alcuni punti fondamentali

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Torri

Pubblicato in

“Il giorno seguente non morì nessuno…” mi sarebbe piaciuto scrivere…

La fiducia. Una spirale ci annoierà

Pubblicato in

C’è chi la chiede e chi la dà. C’è anche…

Come si diceva? C’è voluto poco

Pubblicato in

Tutto era già scritto. Tutto era già programmato. Con largo…

Un altro mondo è possibile

Pubblicato in |||

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Il fondo di garanzia INPS

Pubblicato in |||

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Una storia dei debiti

Pubblicato in |||

di Enzo Varricchio
Per chi non riesce a pagare i debiti si è troppo spesso profilato il baratro del suicidio o comunque della rovina personale e familiare

QUASI AMICI

Pubblicato in

L. e N., quasi amici. La misura del quasi è…

Ciarlatano mio Ciarlatano. il Don Chisciotte de noantri

Pubblicato in

Un po’ di ragione vorrei attribuirmela. Lo so, è inelegante…

RIPOSIZIONAMENTI

Pubblicato in

Eravamo alla frutta. Occorreva uno scossone serio. Non so bene…