La negazione dell'abuso

La negazione dell’abuso

di Ida Grimaldi (Avvocata in Vicenza)

Alienazione Parentale e Convenzione di Istanbul nei Tribunali Italiani

La Convenzione di Istanbul del 2011, ratificata in Italia con la Legge n.77/2013, impone agli attori delle vicende separative e di affidamento dei minori, quindi anche ai consulenti quando chiamati ad esprimersi in merito, di tenere nel debito conto le vicende di violenza intra-familiare.

In particolare, sulla base di detta normativa, i diritti dei bambini testimoni di violenza (anche solo violenza assistita) vanno privilegiati rispetto ai diritti vantati dalle altre parti in causa (art. 26), i diritti e la sicurezza dei bambini sono in primo piano rispetto al preteso diritto di visita del genitore non collocatario (art. 31), e, soprattutto, sono vietate forme alternative di risoluzione del conflitto, tra cui la mediazione familiare (art. 48).

Va tuttavia rilevato che, detta normativa, pare essere disattesa in Italia dal mondo giudiziario, come emerge da vari rapporti ombra consegnati per il monitoraggio dell’applicazione della Convenzione di Istanbul nel nostro Paese all’’organo di vigilanza e monitoraggio della Convenzione stessa (Grevio: https://alleyoop.ilsole24ore.com/2019/04/03/violenza-assistita-minori/).

Emerge, invero, che, nelle nostre aule giudiziarie, la violenza viene confusa con il conflitto con la conseguenza che il Giudice, in caso di rifiuto di un minore verso un genitore, tende ad appurarne i motivi avviando come procedura standard la consulenza tecnica di ufficio la quale, spesso, surroga l’attività investigativa del giudicante.
La conseguenza è che, le rituali procedure giuridiche (ascolto del minore, prove e testimonianze), vengono sostituite dalle procedure di una scienza psicologica che non fornisce conoscenze attraverso la raccolta di fatti, ma che fornisce l’interpretazione dei fatti rispondenti a criteri non giuridici e quindi non improntati ai principi di un processo equo (Reale E. “I diritti dei minori a confronto con la violenza maschile sulle donne: la vittimizzazione secondaria di donne e bambini”, in “L’Alienazione Parentale nelle aule giudiziarie” A cura Cassano G., Corder P., Grimaldi I., Maggioli Editore 2018).

Un esempio concreto lo si può osservare in alcune statuizioni ove, in procedimenti il cui incipit è una situazione di violenza domestica, è stato escluso l’affidamento alla madre a seguito di CTU cha hanno diagnosticato la PAS o l’Alienazione Parentale.
Purtroppo, come rilevato dalla Professoressa Romito dell’Università di Trieste, si tratta di una strategia impiegata sempre più spesso per occultare la violenza su donne e bambini in un’epoca caratterizzata da un nuovo negazionismo dell’abuso (Crisma, M., Romito, P. (2007): “L’occultamento delle violenze sui minori: il caso della Sindrome da Alienazione Parentale”. Rivista di Sessuologia, 31(4):263-270).

Parrebbe così che, il problema dell’intervento psicologico nel processo e della sua non scientificità, con esiti frequenti di manipolazione, si ampli andando anche oltre il tema singolo della PAS o AP, estendendosi al tema più generale della violenza contro donne e bambini. Va infatti evidenziato che, quando la donna denuncia il partner e accede alla giustizia per definire la sua posizione di genitore protettivo versus il genitore autore di violenza (diretta/o assistita), vede la sua posizione ribaltarsi sotto i colpi di una deriva psicologica che, travalicando i limiti della scienza, interviene a sproposito su questioni di violenza con l’effetto di manipolare il campo di osservazione e alterare le prove testimoniali (Mazzeo A., Reale E., Pignotti M., “La manipolazione del processo attraverso le perizie– Trib. Cosenza, 29.7.2015 -”, in Questioni di Diritto di Famiglia, Maggioli Editore, 18.2.2016).

È auspicabile dunque che i nostri Giudici, anche di legittimità, proseguano sulla scia di un interessante provvedimento emesso dal Tribunale di Roma, ovvero il decreto del 21 settembre 2018, Rel. Dr.ssa Velletti (in Foro Italiano n.1/2019 pg. 345/35) il quale applica in via diretta, in combinato disposto con i canoni di cui agli artt- 337 ter e quater c.c., la Convenzione di Istanbul.

Nel caso di specie, il Tribunale, appurato che l’elevata conflittualità tra i genitori era dovuta a condotte aggressive e violente del padre, lungi dal disporre la CTU per stabilire le migliori modalità di affidamento, ha applicato la normativa esistente nel nostro Paese a tutela del minore, ovvero l’art.337 quater c.c. in combinato disposto con l’art.31 comma 1 della Convenzione di Istanbul, disponendo l’affido esclusivo della bambina alla madre.

Sull’argomento:
http://www.diritto24.ilsole24ore.com/art/avvocatoAffari/professioneLegale/2017-03-16/resoconto-convegno-nazionale-il-minore-conflitto-genitoriale-105825.php

http://www.consiglionazionaleforense.it/web/cnf-calendario/-/separazioni-conflittuali-e-abusi-socio-giudiziari-quali-tutele-per-i-minori-

https://www.diritto.it/resoconto-del-convegno-nazionale-su-separazioni-conflittuali-e-abusi-socio-giudiziari-quali-tutele-per-i-minori/

Image credit: Tom und Nicki Löschner da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

No PASdaran

Pubblicato in ||||

Fabio Roia
La cosiddetta “sindrome” da alienazione genitoriale o da anaffettività genitoriale (PAS) è stata ipotizzata da uno studioso americano, tale Gardner, come una ipotetica e controversa dinamica psicologica disfunzionale che si attiverebbe sui figli minori coinvolti in contesti di separazione e di divorzio conflittuali dei genitori non adeguatamente mediate.
Questa “sindrome” non ha alcun tipo di fondamento scientifico.

Libertà di non amare

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Riconoscere la violenza domestica

Pubblicato in ||||

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Il CTU: ipse dixit?

Pubblicato in ||||

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

Il muro del silenzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Per chi non vuole vedere, la soluzione è semplice; la violenza al contrario é complessa: serve maggiore competenza