La sfida complessa

La sfida complessa

di Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)

Essere magistrati, oggi come ieri, significa innanzitutto essere consapevoli della propria indipendenza, e del fatto di esercitare un “potere” che trova la sua legittimazione non nel consenso popolare, ma nella Costituzione repubblicana, il che comporta anche maggiori responsabilità in ordine alle modalità con le quali questo potere viene esercitato.

La magistratura, e il sistema giudiziario in genere, sono da tempo nell’occhio del ciclone, per varie ragioni: la difficoltà di gestire carichi di lavoro sempre più elevati, la cronica carenza di mezzi e strutture, la conflittualità col mondo politico che si ritiene leso nelle sue prerogative da iniziative giudiziarie, comportano spesso critiche e tensioni, alcune giustificate, altre ingiustificate.

In questo contesto, al magistrato vengono richieste competenze sempre maggiori, sia dal punto di vista tecnico-giuridico, sia sotto il profilo strettamente pratico. Da un lato, infatti, la complessità del sistema giuridico – caratterizzato dalla interazione tra diritto interno e diritto UE, e da un’organizzazione multilivello delle Corti nazionali e sovranazionali – impone un costante aggiornamento professionale ed una formazione permanente, resa oggi molto ricca dall’attività della Scuola Superiore della Magistratura e della Rete Europea di Formazione Giudiziaria. Dall’altro, l’introduzione del processo telematico e l’importanza dei profili organizzativi comportano la necessità di conoscere e comprendere l’informatica e le scienze dell’organizzazione, e quindi di ampliare le proprie vedute ad altri saperi e ad altri settori scientifici.

Il magistrato moderno, in realtà, non può essere considerato come un soggetto isolato dal contesto in cui opera. Il giudice oggi è sì un esperto di diritto, ma, per le materie in cui opera, dovrebbe conoscere anche l’economia, la sociologia, la storia, dovrebbe quindi essere anche culturalmente “attrezzato” per poter giudicare non soltanto meccanicamente, ma sapendo che, dietro ogni fascicolo processuale, ci sono persone e vicende umane.
Per questo è importante il confronto continuo con il Foro, l’Accademia, la stessa società civile, anche perché alla magistratura vengono spesso delegate – per l’insipienza della politica – scelte di carattere generale, che attengono alla tutela di interessi superindividuali (si pensi alle questioni ambientali, alla bioetica, alla concorrenza, ecc.)

Il rischio sempre presente, invece, è quello della “burocratizzazione”, del considerare la propria attività come un compito meramente impiegatizio, ed i fascicoli processuali come delle semplici “pratiche” da evadere il più presto possibile. Sovrastati da carichi di lavoro sempre più ingestibili e da rischi disciplinari sempre maggiori, il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso, tra tutela e “velocità”.

La sfida dei magistrati, oggi, è allora quella di riuscire a coniugare il servizio e la professionalità, custodendo e rivendicando i principi costituzionali di autonomia ed indipendenza, l’importanza della formazione e l’apertura ed il dialogo con la società. Sfida difficile e complessa, ma nello stesso tempo da raccogliere ed affrontare, e che rende il nostro lavoro, nonostante le mille difficoltà, ancora entusiasmante.

Photo credit: encrypted-tbn0.gstatic.com

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti in musica

Aldo Luchi
La condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo ingiusto nel pezzo storico di Bob Dylan

Leggi l'articolo

La voglia di capire il mondo

Luisa Torsi
Le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente

Leggi l'articolo

Ricerca ecologica di lungo termine

Alessandra Pugnetti
Lontani come siamo dal fitoplancton nella nostra struttura fisica e percezione del mondo

Leggi l'articolo

Essere ricercatrice

Ilaria Ferrando
L’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore

Leggi l'articolo

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Sara Invitto
Era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica

Leggi l'articolo

Una vita da scienziata

Patrizia Caraveo
Ho cominciato la mia carriera su un treno in corsa e, da allora, non mi sono mai fermata

Leggi l'articolo

La chimica mi ha folgorato

Angela Agostiano
L’abitudine alla disciplina e al ragionamentomi ha suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule

Leggi l'articolo

Una strada a forma di sé

Cristina Mangia
Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari

Leggi l'articolo

Un lavoro che mi piace molto

Vincenza A.M. Luprano
Studiare fisica dello stato solido mi ha entusiasmato tantissimo

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

Brandelli di giustizia

Pubblicato in

I giudici, che della giustizia ne sono i rappresentanti, non…

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono