La sfida complessa

La sfida complessa

di Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)

Essere magistrati, oggi come ieri, significa innanzitutto essere consapevoli della propria indipendenza, e del fatto di esercitare un “potere” che trova la sua legittimazione non nel consenso popolare, ma nella Costituzione repubblicana, il che comporta anche maggiori responsabilità in ordine alle modalità con le quali questo potere viene esercitato.

La magistratura, e il sistema giudiziario in genere, sono da tempo nell’occhio del ciclone, per varie ragioni: la difficoltà di gestire carichi di lavoro sempre più elevati, la cronica carenza di mezzi e strutture, la conflittualità col mondo politico che si ritiene leso nelle sue prerogative da iniziative giudiziarie, comportano spesso critiche e tensioni, alcune giustificate, altre ingiustificate.

In questo contesto, al magistrato vengono richieste competenze sempre maggiori, sia dal punto di vista tecnico-giuridico, sia sotto il profilo strettamente pratico. Da un lato, infatti, la complessità del sistema giuridico – caratterizzato dalla interazione tra diritto interno e diritto UE, e da un’organizzazione multilivello delle Corti nazionali e sovranazionali – impone un costante aggiornamento professionale ed una formazione permanente, resa oggi molto ricca dall’attività della Scuola Superiore della Magistratura e della Rete Europea di Formazione Giudiziaria. Dall’altro, l’introduzione del processo telematico e l’importanza dei profili organizzativi comportano la necessità di conoscere e comprendere l’informatica e le scienze dell’organizzazione, e quindi di ampliare le proprie vedute ad altri saperi e ad altri settori scientifici.

Il magistrato moderno, in realtà, non può essere considerato come un soggetto isolato dal contesto in cui opera. Il giudice oggi è sì un esperto di diritto, ma, per le materie in cui opera, dovrebbe conoscere anche l’economia, la sociologia, la storia, dovrebbe quindi essere anche culturalmente “attrezzato” per poter giudicare non soltanto meccanicamente, ma sapendo che, dietro ogni fascicolo processuale, ci sono persone e vicende umane.
Per questo è importante il confronto continuo con il Foro, l’Accademia, la stessa società civile, anche perché alla magistratura vengono spesso delegate – per l’insipienza della politica – scelte di carattere generale, che attengono alla tutela di interessi superindividuali (si pensi alle questioni ambientali, alla bioetica, alla concorrenza, ecc.)

Il rischio sempre presente, invece, è quello della “burocratizzazione”, del considerare la propria attività come un compito meramente impiegatizio, ed i fascicoli processuali come delle semplici “pratiche” da evadere il più presto possibile. Sovrastati da carichi di lavoro sempre più ingestibili e da rischi disciplinari sempre maggiori, il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso, tra tutela e “velocità”.

La sfida dei magistrati, oggi, è allora quella di riuscire a coniugare il servizio e la professionalità, custodendo e rivendicando i principi costituzionali di autonomia ed indipendenza, l’importanza della formazione e l’apertura ed il dialogo con la società. Sfida difficile e complessa, ma nello stesso tempo da raccogliere ed affrontare, e che rende il nostro lavoro, nonostante le mille difficoltà, ancora entusiasmante.

Photo credit: encrypted-tbn0.gstatic.com

#TOPICS: ultimi articoli

Kubrick e la pena giusta

Umberto Apice
Uno Stato repressivo, che tale voglia essere sia pure a fin di bene, sarà sempre uno Stato ingiusto

Leggi l'articolo

Sette uomini d’oro

Enzo Cianciotta
La delinquenza silenziosa dei colletti bianchi, quella che non ha bisogno di azioni sanguinarie

Leggi l'articolo

Dormire con le porte aperte

Paolo Cotza
Mai lasciare che le proprie convinzioni vengano manipolate ed usate dagli altri e rifuggire dalle verità precostituite ed imposte

Leggi l'articolo

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Occorre fare

Noi di Spoiler think tank di futuristi
Portiamo avanti il diritto di guardare al futuro con occhi pieni della speranza di trovare altri che completeranno il nostro percorso

Leggi l'articolo

Cuore ibernato

Gianfranco Terzo
L’incontro introspettivo tra le due anime, fragili e tristi, determina un cortocircuito

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

REFERENDUM

Pubblicato in

(senza Ockham) Testo del quesito: “Approvate il testo della legge…

Avvocate e discriminazioni

Pubblicato in ||||

Giovanna Barca
Ancora troppe discriminazioni in Italia anche per le donne lavoratrici, incluse le libere professioniste

A scuola con il Covid-19

Pubblicato in |||

Michela Labriola
Gli studenti hanno bisogno delle aule: quel luogo fisico che consenta loro di esprimere la libertà e la relazione tra pari

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo