La sfida complessa

La sfida complessa

di Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)

Essere magistrati, oggi come ieri, significa innanzitutto essere consapevoli della propria indipendenza, e del fatto di esercitare un “potere” che trova la sua legittimazione non nel consenso popolare, ma nella Costituzione repubblicana, il che comporta anche maggiori responsabilità in ordine alle modalità con le quali questo potere viene esercitato.

La magistratura, e il sistema giudiziario in genere, sono da tempo nell’occhio del ciclone, per varie ragioni: la difficoltà di gestire carichi di lavoro sempre più elevati, la cronica carenza di mezzi e strutture, la conflittualità col mondo politico che si ritiene leso nelle sue prerogative da iniziative giudiziarie, comportano spesso critiche e tensioni, alcune giustificate, altre ingiustificate.

In questo contesto, al magistrato vengono richieste competenze sempre maggiori, sia dal punto di vista tecnico-giuridico, sia sotto il profilo strettamente pratico. Da un lato, infatti, la complessità del sistema giuridico – caratterizzato dalla interazione tra diritto interno e diritto UE, e da un’organizzazione multilivello delle Corti nazionali e sovranazionali – impone un costante aggiornamento professionale ed una formazione permanente, resa oggi molto ricca dall’attività della Scuola Superiore della Magistratura e della Rete Europea di Formazione Giudiziaria. Dall’altro, l’introduzione del processo telematico e l’importanza dei profili organizzativi comportano la necessità di conoscere e comprendere l’informatica e le scienze dell’organizzazione, e quindi di ampliare le proprie vedute ad altri saperi e ad altri settori scientifici.

Il magistrato moderno, in realtà, non può essere considerato come un soggetto isolato dal contesto in cui opera. Il giudice oggi è sì un esperto di diritto, ma, per le materie in cui opera, dovrebbe conoscere anche l’economia, la sociologia, la storia, dovrebbe quindi essere anche culturalmente “attrezzato” per poter giudicare non soltanto meccanicamente, ma sapendo che, dietro ogni fascicolo processuale, ci sono persone e vicende umane.
Per questo è importante il confronto continuo con il Foro, l’Accademia, la stessa società civile, anche perché alla magistratura vengono spesso delegate – per l’insipienza della politica – scelte di carattere generale, che attengono alla tutela di interessi superindividuali (si pensi alle questioni ambientali, alla bioetica, alla concorrenza, ecc.)

Il rischio sempre presente, invece, è quello della “burocratizzazione”, del considerare la propria attività come un compito meramente impiegatizio, ed i fascicoli processuali come delle semplici “pratiche” da evadere il più presto possibile. Sovrastati da carichi di lavoro sempre più ingestibili e da rischi disciplinari sempre maggiori, il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso, tra tutela e “velocità”.

La sfida dei magistrati, oggi, è allora quella di riuscire a coniugare il servizio e la professionalità, custodendo e rivendicando i principi costituzionali di autonomia ed indipendenza, l’importanza della formazione e l’apertura ed il dialogo con la società. Sfida difficile e complessa, ma nello stesso tempo da raccogliere ed affrontare, e che rende il nostro lavoro, nonostante le mille difficoltà, ancora entusiasmante.

Photo credit: encrypted-tbn0.gstatic.com

#TOPICS: ultimi articoli

Un sogno realizzato

Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)
Un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità

Leggi l'articolo

E il giudice sorrise

Elisabetta Rosi (Consigliera della Corte di cassazione)
Si deve trattare con cura ogni processo, come se fosse l’unico processo da trattare, perché è unico per chi lo vive, sia esso vittima od accusato

Leggi l'articolo

Giudici e Avvocati

Anna Losurdo
L’Avvocato che esercita la sua professione con libertà e indipendenza rafforza l’indipendenza della giurisdizione

Leggi l'articolo

La letteratura dei giudici

Enzo Varricchio
I magistrati raccontano perché narrare rende liberi, la verosimiglianza del romanzo permette loro di assumere vesti e ruoli inconcepibili nella vita reale, condurre un’esistenza scapigliata e romantica

Leggi l'articolo

L’evidenza invisibile

Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma) 
Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale

Leggi l'articolo

Magistratus sum

Decidere sugli altri e per gli altri è un atto complesso che coinvolge l’intima percezione di sé, impone di superare pregiudizi, convinzioni culturali, abiti mentali

Leggi l'articolo

Privilegi o prerogative

Sergio Di Paola (Consigliere della Corte di cassazione)
La presunzione di essere depositario delle certezze giuridiche e storiche deve cedere al costante esercizio dell’arte del dubbio

Leggi l'articolo

Il diritto alla giustizia

Umberto Apice (già Avvocato Generale presso la Corte di cassazione)
Portare sul tavolo del giudice ogni malessere sociale, senza provvedere alla eliminazione delle cause, finisce per tramutare in fisiologico quello che è patologico

Leggi l'articolo

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona

Anche noi?

Pubblicato in ||||

Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)
Bullismo e molestie sessuali anche nel settore legale analizzati in un sondaggio dell’International Bar Association

Esseri linguistici

Pubblicato in |||

AnnaMaria Passaggio (business career coach in Milano)
Se la parola è azione e l’azione costruisce il nostro essere, allora possiamo modificare il nostro essere attraverso la parola