La via della salvezza

La via della salvezza

di Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)

Viviamo in tempi nichilisti e narcisisti. Ma…. la via della bellezza è la via della salvezza.

Perché ci viene spontaneo raccogliere sulla spiaggia del mare le conchiglie e i sassolini più belli?
Perché rimaniamo incantati davanti a un volto umano o a un dipinto, o avvertiamo un’inesprimibile dolcezza interiore ascoltando musica, o ci soffermiamo con gli occhi spalancati a contemplare un’alba o un tramonto e anche un piatto stellato?
Perché, in altre parole, ricerchiamo quella rivelazione, quell’epifania che definiamo bellezza?
Superando l’aspetto esteriore dei nostri corpi (che pure è essenziale, sublima i sensi ove espressione di stile e di perfezione) per approfondire il senso dell’interiorità della nostra anima fatta di armonia e fascino, eleganza e grazia, questa riflessione diventa un’avventura alla ricerca delle sorgenti della bellezza.

Strumenti preziosi per la nostra ricerca sono le emozioni innate in ciascuno per realizzare il passaggio dai sensi alla rivelazione.
Immaginiamo di vedere un uomo che ci corra incontro da una collina di fronte a noi.
Non sappiamo cosa ci sia al di là della collina.
Ma se l’uomo corre verso di noi con un’espressione di paura, probabilmente anche noi inizieremo a correre insieme a lui, allontanandoci da qualcosa che non conosciamo neanche.
Se corre verso di noi con un’espressione di rabbia, probabilmente ci prepareremo a combattere contro di lui o a fuggire da lui.
Se, invece, corre con un’espressione di gioia forse inizieremmo ad andare verso la cima della collina per scoprire cosa lo ha reso così contento.

Questo esempio illustra sia la funzione adattiva-reattiva, sia la funzione sociale delle emozioni; per questo motivo le emozioni sono un vero e proprio valore, sia per l’individuo, sia per la comunità sociale.

L’unico problema è che questo dono chiamato emozione è il frutto di una programmazione neurologica durata milioni di anni e, pertanto, essa necessita di un allenamento mentale altrettanto duraturo e continuativo, di una ricerca proattiva a sviluppare i sensi come motorino di avviamento verso tutto ciò che è bellezza giacché ci procura Gioia con le sue declinazioni nei sentimenti di appagamento, serenità, quiete: gentilezza in una sola parola.

Quando la Gioia si unisce allo Spirito, ovvero alla dimensione del Bene (F. M. Dostoevski, L’Idiota), impinge nella tela del razionale e ne muove i contorni in una sinergica relazione tra i due emisferi cerebrali: sviluppa la creatività e l’elasticità, ci rende liberi da ogni dipendenza terrena per proiettarci in una dimensione eterna e profonda.

La Bellezza è in grado di indicarci quali pratiche concrete possiamo mettere in atto per rendere quotidiano il nostro rapporto con essa: solo in questo modo infatti potremo superare ogni indifferenza e tornare, o addirittura iniziare, a gioire al cospetto di quelle opere e di quegli eventi capaci di stringerci il cuore.
Perché ricercare e custodire la bellezza è la via privilegiata per onorare il compito che attende la nostra vita.

Neuro-software emotivo:

“Praticate gentilezza a casaccio e atti di bellezza privi di senso.”
(Anne Herbert)

Image credit: InspiredImages da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora