L’immobile Gattopardo

L’immobile Gattopardo

di Giuseppe Artino Innaria (Magistrato – Tribunale di Catania)

Se c’è un’opera letteraria, che più di ogni altra si attaglia alla definizione di classico, è senz’altro “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa.
Classico, se intendiamo questo aggettivo nella accezione più prossima alla sua etimologia, “di classe”, che possiamo attribuire al suo autore in modo ambivalente, tanto per il suo essere di prim’ordine, quanto per la sua appartenenza ad un ceto aristocratico, che, malgrado la sua parabola discendente, ci tiene ancora alla sua distinzione dal resto del gruppo sociale.

Il Gattopardo ha partorito il Gattopardismo, la cui espressione più tangibile è il nipote del Principe Fabrizio di Salina, quel Tancredi, che ha affidato alla storia universale del pensiero il motto dei camaleonti di ogni epoca: “Se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi”.

Ma Tancredi, a differenza dello “zione”, è uomo d’azione, che si adopera per conservare quel che resta dei privilegi e degli appannaggi della sua casta.
Il Principe, invece, è un contemplativo, che ammira le stelle, e lassù, dal suo osservatorio astronomico, ritrova quell’armonia prestabilita e smarrita quaggiù, dove il suo mondo, quello dei nobili, va sgretolandosi inesorabilmente sotto i colpi spietati di una rampante borghesia in ascesa.

Il Gattopardo è un romanzo antirivoluzionario, in cui si addensa la convinzione che ogni rivoluzione è un ruotare intorno al proprio asse.

È il fare a salire sul banco degli imputati. Non a caso, il Principe ragguaglia in modo illuminante Chevalley, l’emissario del nuovo Governo piemontese: “In Sicilia non importa far male o far bene: il peccato che noi siciliani non perdoniamo mai è semplicemente quello di ‘fare’… Il sonno, caro Chevalley, il sonno è ciò che i Siciliani vogliono, ed essi odieranno sempre chi li vorrà svegliare…”.

La Sicilia è questo.

Un eterno movimento parente dell’immobilismo. Moviti fermu, si dice da queste parti, quando si intima ad un bambino di non fare un passo.
La Sicilia è la terra, dove sbrigarsi è “annacarsi”, cioè dondolarsi nella culla, la “naca”, rendendo plastica l’idea di come il massimo dell’attivismo qui sia oscillare senza allontanarsi dallo stesso posto.
La Sicilia è il non luogo della storia, l’altrove in cui il sole, “l’autentico sovrano della Sicilia”, “il sole violento e sfacciato”, “il sole narcotizzante”, annulla le volontà singole e mantiene ogni cosa in una immobilità servile.

Il Gattopardo ogni siciliano se lo porta dentro, come l’acuto melanconico di un male incurabile, che condanna alla disillusa inazione.
Ed io, da buon siciliano, Il Gattopardo l’ho amato da giovane, quando avrei dovuto odiarlo, perché strideva con la mia fede di cambiare il mondo, e l’odio adesso, che lo dovrei amare, in quella età che dovrebbe essere la mia maturità, perché è il simbolo dell’indolente pigrizia della mia generazione, della sua invitta vocazione allo star fermo sdegnoso, alla finestra, a contemplare l’universo umano, che muta nelle sue apparenze per restare sempre tale e quale nella sua sostanza ingiusta.

Il Gattopardo, la lumaca dentro il guscio di una spirale, lo spirito perso nel labirinto di un lento ed inane spostamento in avanti per ritornare sempre allo stesso punto di partenza.
Il Principe di Salina avrà il suo epigono letterario nel Barone Mandralisca di Cefalù, che – nel “Sorriso di un ignoto marinaio”, opera di un altro grande siciliano, Vincenzo Consolo -, leggerà nella “chiocciola” i segni della “storia che vorticando dal profondo viene“.

di Giuseppe Artino Innaria, su Ora Legale NEWS

Image credit: Rupert Kittinger-Sereinig da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti in musica

Aldo Luchi
La condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo ingiusto nel pezzo storico di Bob Dylan

Leggi l'articolo

La voglia di capire il mondo

Luisa Torsi
Le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente

Leggi l'articolo

Ricerca ecologica di lungo termine

Alessandra Pugnetti
Lontani come siamo dal fitoplancton nella nostra struttura fisica e percezione del mondo

Leggi l'articolo

Essere ricercatrice

Ilaria Ferrando
L’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore

Leggi l'articolo

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Sara Invitto
Era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica

Leggi l'articolo

Una vita da scienziata

Patrizia Caraveo
Ho cominciato la mia carriera su un treno in corsa e, da allora, non mi sono mai fermata

Leggi l'articolo

La chimica mi ha folgorato

Angela Agostiano
L’abitudine alla disciplina e al ragionamentomi ha suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule

Leggi l'articolo

Una strada a forma di sé

Cristina Mangia
Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari

Leggi l'articolo

Un lavoro che mi piace molto

Vincenza A.M. Luprano
Studiare fisica dello stato solido mi ha entusiasmato tantissimo

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

Brandelli di giustizia

Pubblicato in

I giudici, che della giustizia ne sono i rappresentanti, non…

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono