L’immobile Gattopardo

L’immobile Gattopardo

di Giuseppe Artino Innaria (Magistrato – Tribunale di Catania)

Se c’è un’opera letteraria, che più di ogni altra si attaglia alla definizione di classico, è senz’altro “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa.
Classico, se intendiamo questo aggettivo nella accezione più prossima alla sua etimologia, “di classe”, che possiamo attribuire al suo autore in modo ambivalente, tanto per il suo essere di prim’ordine, quanto per la sua appartenenza ad un ceto aristocratico, che, malgrado la sua parabola discendente, ci tiene ancora alla sua distinzione dal resto del gruppo sociale.

Il Gattopardo ha partorito il Gattopardismo, la cui espressione più tangibile è il nipote del Principe Fabrizio di Salina, quel Tancredi, che ha affidato alla storia universale del pensiero il motto dei camaleonti di ogni epoca: “Se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi”.

Ma Tancredi, a differenza dello “zione”, è uomo d’azione, che si adopera per conservare quel che resta dei privilegi e degli appannaggi della sua casta.
Il Principe, invece, è un contemplativo, che ammira le stelle, e lassù, dal suo osservatorio astronomico, ritrova quell’armonia prestabilita e smarrita quaggiù, dove il suo mondo, quello dei nobili, va sgretolandosi inesorabilmente sotto i colpi spietati di una rampante borghesia in ascesa.

Il Gattopardo è un romanzo antirivoluzionario, in cui si addensa la convinzione che ogni rivoluzione è un ruotare intorno al proprio asse.

È il fare a salire sul banco degli imputati. Non a caso, il Principe ragguaglia in modo illuminante Chevalley, l’emissario del nuovo Governo piemontese: “In Sicilia non importa far male o far bene: il peccato che noi siciliani non perdoniamo mai è semplicemente quello di ‘fare’… Il sonno, caro Chevalley, il sonno è ciò che i Siciliani vogliono, ed essi odieranno sempre chi li vorrà svegliare…”.

La Sicilia è questo.

Un eterno movimento parente dell’immobilismo. Moviti fermu, si dice da queste parti, quando si intima ad un bambino di non fare un passo.
La Sicilia è la terra, dove sbrigarsi è “annacarsi”, cioè dondolarsi nella culla, la “naca”, rendendo plastica l’idea di come il massimo dell’attivismo qui sia oscillare senza allontanarsi dallo stesso posto.
La Sicilia è il non luogo della storia, l’altrove in cui il sole, “l’autentico sovrano della Sicilia”, “il sole violento e sfacciato”, “il sole narcotizzante”, annulla le volontà singole e mantiene ogni cosa in una immobilità servile.

Il Gattopardo ogni siciliano se lo porta dentro, come l’acuto melanconico di un male incurabile, che condanna alla disillusa inazione.
Ed io, da buon siciliano, Il Gattopardo l’ho amato da giovane, quando avrei dovuto odiarlo, perché strideva con la mia fede di cambiare il mondo, e l’odio adesso, che lo dovrei amare, in quella età che dovrebbe essere la mia maturità, perché è il simbolo dell’indolente pigrizia della mia generazione, della sua invitta vocazione allo star fermo sdegnoso, alla finestra, a contemplare l’universo umano, che muta nelle sue apparenze per restare sempre tale e quale nella sua sostanza ingiusta.

Il Gattopardo, la lumaca dentro il guscio di una spirale, lo spirito perso nel labirinto di un lento ed inane spostamento in avanti per ritornare sempre allo stesso punto di partenza.
Il Principe di Salina avrà il suo epigono letterario nel Barone Mandralisca di Cefalù, che – nel “Sorriso di un ignoto marinaio”, opera di un altro grande siciliano, Vincenzo Consolo -, leggerà nella “chiocciola” i segni della “storia che vorticando dal profondo viene“.

di Giuseppe Artino Innaria, su Ora Legale NEWS

Image credit: Rupert Kittinger-Sereinig da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Giustizia con la “R”

Stefania Amato
Giustizia riparativa perché non persegue una risposta meramente punitiva al reato

Leggi l'articolo

Chi ha paura dell’I.A.

Anna Losurdo
La crescente complessità della vita sociale sembra invece ampliare gli ambiti di operatività degli avvocati

Leggi l'articolo

Flatus vocis

Sergio D’Angelo

Leggi l'articolo

Diritto inviolabile

Maurizia Borea
Il diritto di difesa passa anche attraverso l’informazione

Leggi l'articolo

Parlare? A che pro?

Tania Rizzo e Lucia Randazzo
Una regola aurea: parlare poco, scrivere bene, ragionare sempre

Leggi l'articolo

La nuova retorica

Aldo Luchi
Il fine della persuasione del giudice passa per strade diverse da quelle classiche

Leggi l'articolo

Suicidio annunciato

Antonella Calcaterra
I tempi della giustizia e della sanità non coincidono quasi mai con i bisogni di cura delle persone

Leggi l'articolo

Arringa sapiente

Andrea Casto
L’arringa contiene la seduzione della immediatezza, capace delle più varie sfumature

Leggi l'articolo

Pensieri, parole, opere e omissioni

Michele Passione
Non restare acquiescenti resta la base di tutto

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Magia delle parole della legalità

Pubblicato in |||

Angela Mazzia e Alessandra Tilli
Le parole della legalità brillano nell’incanto della narrazione fiabesca

Vergogna

Pubblicato in |||

Aldo Luchi
La parola che più di ogni altra ha perso la capacità di indicare con precisione cose e idee

Quando una morte fa rumore

Pubblicato in |||

Valeria Tocchio
Occorre una rete formativa e informativa strutturata e coordinata

Percorsi di recupero?

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Uno dei punti critici e controversi riguarda l’esistenza di luoghi di cura per l’uomo violento e maltrattante

“Family act”: novità per famiglie e lavoro

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Gli ambiti di intervento della legge delineano il futuro Welfare per le aziende e per le famiglie

Rinascita

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Il riscatto da un destino che sembrava segnato per sempre

Ignoranze

Pubblicato in |||

Nicky Persico
L’ignoranza è una colpevole forma di ottusità autoindotta

Nuove norme nei procedimenti in materia di diritti delle persone e delle famiglie

Pubblicato in |

Anna Losurdo
L’art. 1 della Legge 26.11.2021 n. 206 contiene disposizioni di diretta applicazione entrate in vigore il 22 giugno 2022

Diritto e magia

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
Evitare il rischio di confondere autorevolezza e autorità usando un linguaggio comprensibile

Le parole per dire che è finita

Pubblicato in |||

Giovanna Fava
Viviamo la decisione come un lutto da elaborare senza avere alcuna difesa

Dal sovraindebitamento alla composizione negoziata

Pubblicato in ||

A cura della redazione
L’Associazione Italiana Avvocati e Gestori
della crisi da sovraindebitamento e d’impresa organizza un evento formativo a
ROMA, HOTEL OCCIDENTAL ARAN PARK, 16 e 17 Giugno 2022

La strategia UE sui diritti dei minori

Pubblicato in |

Anna Losurdo
I diritti delle persone di minore età sono diritti umani