L'opinione non ci salverà

L’opinione non ci salverà

Il mistero dell’anima della giustizia non riesce più a trovare il suo archetipo. È probabile che taluni suoi sacerdoti, o per lo meno quelli più inclini a vestire i panni dei portatori insani del dogma, un qualunque dogma, possiedano un’anima sporca.

Le cronache degli ultimi tempi non sono incoraggianti e, a voler essere ottimisti, si assiste ad un progressivo sgretolamento dei gangli più importanti della nostra società. Gli snodi del sistema conservano un unico modo per autotutelarsi: offrire un dogma dietro al quale potersi rifugiare.

Ma il dogma, oltre che misterioso, finisce con l’alimentare inevitabili pregiudizi e, con i pregiudizi, si giunge alla validazione di qualunque opinione. Quindi, come sosteneva Epitteto, potremmo anche dire che

ciò che turba gli uomini non sono le cose ma le opinioni che essi hanno delle cose”.

Dunque è assolutamente vero che l’opinione è l’anticamera di qualunque pregiudizio. Assai verosimilmente, ogni pregiudizio è figlio della negazione assoluta della esistenza -indefinita- di “molti teoremi di geometria morale” e, per continuare con John Rawls (“Una Teoria della giustizia”),

“...sebbene la società sia un’impresa cooperativa per il reciproco vantaggio, essa è tipicamente caratterizzata sia da un’identità sia da un conflitto di interessi…vi è identità di interessi poichè la cooperazione sociale rende possibile per tutti una vita migliore… c’è un conflitto di interessi per il fatto che gli uomini non sono indifferenti al modo in cui vengono ripartiti i maggiori benefici prodotti dalla loro collaborazione…è perciò necessario avere dei principi per scegliere tra i vari assetti sociali…questi requisiti definiscono il ruolo della giustizia...”.

Conciliare questo con la diffusa mistica del diritto e con la sacerdotale propensione al dogma, resta un mistero (per l’appunto!). In questo alveo non può che farsi strada la facile opinione.

A pensarci bene, siamo immersi in un pantano mediatico di opinionisti che, attraverso mirabolanti e assurde prospettazioni di verità assolute, altro non fanno che prodursi in piatte affermazioni del nulla. D’altronde, come non scordare gli sciamani del QAnon, i terrapiattisti, i rettiliani, i complottisti e gli opinionisti per ogni stagione e, infine, ultimi ma non ultimi, i no vax.

Il fenomeno è di una attualità sconvolgente e, a ben vedere, non possiede se non un solo fine: asserire qualcosa per poi smentirla subito dopo. In questo contesto, ovviamente, non occorre svolgere alcun ragionamento rigoroso e/o minimamente logico. Antinomie a profusione che creano inesorabilmente il proprio doppio. E lo scenario che si apre è disorientante per i più.

Vivere passabilmente”, per dirla con Schopenhauer, che cita per l’appunto Epitteto in “l’arte di essere felici”, è l’unico rimedio possibile per andare avanti.

D’altronde anche io, abituato a torturarmi di continuo nella mia personalissima autocritica, appaio a me stesso, ad un tempo, come vittima e carnefice in quanto creatore di pregiudizi, rifugiandomi nel dogma misterioso della critica feroce di qualunque alterità e senza minimamente preoccuparmi di aver, contemporaneamente, detto e disdetto qualunque cosa. Un mettere e un dismettere continuo, vittima più o meno inconsapevole, del contesto in cui vivo.

Vivere passabilmente è ciò che resta.

In questo dibattito bisognerebbe aggiungere il ruolo dei social network. La nuova colossale fuga di documenti interni di Facebook, cominciata con le rivelazioni di un’ex dipendente, Frances Haugen, conferma le responsabilità dei dirigenti di quest’azienda nel contribuire a diffondere in modo incontrollato notizie false e polarizzanti, e anzi a favorirne la circolazione per ricavare un vantaggio economico. È così che Facebook ha costruito la sua fortuna.” (tratto da “Realtà” di Giovanni De Mauro – numero 1433 di Internazionale, 29 ottobre /4 novembre 2021 “Basta scuse”).

Vivere passabilmente è il motto rimediale salvifico cui ispirarsi per vivere sia pure nel mistero pregiudizievole di ogni suo doppio.

Picture: Bascula in Blu, Massimo Corrado Di Florio, gennaio 2021

Di Massimo Corrado Di Florio, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

Un orizzonte chiuso

Camilla Corradi
Il pregiudizio più importante sul futuro è quello di non poterlo cambiare

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

La forza dei fatti

Alessandra Pisu
I pregiudizi atrofizzano le idee finché non vengono messi alla prova dei fatti

Leggi l'articolo

Una società pregiudicata

Tania Rizzo
Pregiudizi che alimentano altri pregiudizi fin tanto che è l’altro a essere sotto i riflettori

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Salvare i più sfortunati

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Apprendimento ed esperienza

Pubblicato in |||

Giulia Massa
L’errore, inteso come rivalutazione, incarna una componente dell’apprendimento

I diritti personali e relazionali dei minori e i diritti genitoriali degli adulti

Pubblicato in |

Elvira Reale
Il diritto a mantenere relazioni con i due genitori è un diritto relativo, disponibile e rinunciabile

I percorsi di recupero (art. 165 c.p.)

Pubblicato in |||

Lucio Barbato
La novità sul piano giudiziario è data dalla inclusione nel processo decisionale di merito di altre figure professionali

Come ti depotenzio la riforma

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
I disturbi della personalità non compaiono improvvisamente quando una donna si separa e ifigli rifiutano la relazione con l’altro genitore

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Una questione di dignità

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Occorre cambaire tutti il punto di vista, professionisti e clienti

Il ruolo dell’OCC

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
L’OCC non potrà essere considerato in alcun modo litisconsorte necessario

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno