Potere che guarisce

Potere che guarisce

di Paola Perchinunno (Avvocata in Bari e counselor)

Le tue convinzioni diventano i tuoi pensieri.
I tuoi pensieri diventano le tue parole.
Le tue parole diventano le tue azioni.
Le tue azioni diventano le tue abitudini.
Le tue abitudini diventano i tuoi valori. 
I tuoi valori diventano il tuo destino.

Mahatma Ghandi

Il sistema delle convinzioni che una persona porta con sé è la prima di molte porte da aprire e attraversare.
Sia che ne siamo consapevoli sia che non lo siamo, noi creiamo le nostre vite sulla base dei nostri pensieri e dei nostri sentimenti. E spesso non sembra esserci una via d’uscita, perché più attraversiamo esperienze che giudichiamo negative e che sembrano ripetersi puntualmente, più i nostri pensieri si consolidano e ci convincono che dovrà andare sempre allo stesso modo perché “va sempre a finire così“.

Quasi sempre siamo inconsapevoli dell’enorme potere dei nostri pensieri e soprattutto di ciò che in qualche modo riteniamo vero a livello subconscio, e che spesso è in conflitto con ciò che crediamo a livello conscio.

Chi vorrebbe consapevolmente soffrire, avere relazioni insoddisfacenti, essere povero o ammalarsi?

Le credenze sono il frutto di generalizzazioni che nel corso dell’esperienza il nostro cervello ha operato per comprendere la realtà e crearsene una mappa. Ma come recita un famoso motto, la mappa non è il territorio.
Le credenze, dunque, siano esse positive o negative, sono sempre un’interpretazione soggettiva della realtà.

Lo sapeva già Jung, quando parlava della “proiezione” come in fondo dell’unico modo che ci è dato di conoscere. In ogni istante, quando conosciamo qualcosa o qualcuno, il dato sensibile viene processato dalle nostre strutture cerebrali e dunque da noi stessi filtrato. Ciò che giunge alla nostra consapevolezza è in realtà ciò che di noi stessi stiamo proiettando.

Poiché le credenze sono imprescindibili per la nostra esistenza, informano ogni ambito della nostra vita, esse possono creare o distruggere la nostra realtà.
Il sistema delle credenze è direttamente collegato al nostro sistema nervoso attraverso il sistema delle reti neurali, ergo il nostro sistema di credenze ha la capacità di farci ammalare o guarire in un istante.

Potere e salute sono un tutt’uno.

Ci sentiamo imbarazzati all’idea di avere potere?
Di solito le persone, in fondo in fondo, nel sistema delle credenze più pervicaci che chiamiamo appunto “convinzioni”, non hanno una buona idea del potere.
Il potere è affare per persone avide, egoiste, ambiziose. Persone che vogliono affermarsi, dominare…

In realtà, l’intera esistenza è legata a quanto potere diamo a noi stessi.

Potere di meritare ciò che desideriamo, potere di farci rispettare, potere di dire di no, ma anche potere di scegliere come alimentarsi o come curarsi.
Il potere è un concetto di fondamentale importanza per quanto riguarda la guarigione e la salute.
Gli atteggiamenti che generano un senso di impotenza non solo determinano scarsa autostima, ma tolgono energia al corpo, compromettendo la salute complessiva (Caroline Myss, Anatomia dello spirito).

Essere nelle condizioni di prendere una decisione e saperlo fare, avere interiorizzato la capacità di generare energia interiore e risorse emotive, essere confidenti nella propria autosufficienza e in grado di automotivarsi, comprendere profondamente che la cura di sé è una priorità e che i propri sistemi energetici sono collegati alla consapevolezza e all’equilibrio emotivo, questo è il genere di potere che guarisce e rende forti oltre misura.

Questo è il potere che sposta dalla posizione in cui si fa dipendere il controllo della propria vita da qualcosa di esterno e siamo passivi e condizionati, alla posizione nella quale prendiamo coscienza di noi stessi, dei nostri bisogni emotivi, dei nostri complessi irrisolti e del ruolo che vogliamo giocare nel dirigere la nostra vita e il modo di affrontarla.

Promuovere l’assunzione di una posizione attiva genera equilibrio emotivo, dunque benessere.

Il Natale è, per esempio, un tempo del tutto spirituale, è la festa cattolica da cui tutto nasce. Tuttavia, il consumismo ha trsformato una dimensione spirituale in un caos di cibo e riunioni, in una corsa all’organizzazione stressante sia per chi la attua, sia per chi la subisce.
Il sistema culturale ha generato molteplici convinzioni così radicate nel materialismo da generare tristezza e dolore in coloro che non possono permettersi di conformarsi.
Ciò porta alla riflessione finale che invita ad osservare che il benessere nasce interiormente: ciò che è esterno lo può solo turbare.

Quando la mente dell’uomo aderisce a una nuova idea, non ritorna mai alla dimensione originaria
Oliver Wendell Holmes

Credits: Евгений Чикурин da Pixabay

Di Paola Perchinunno, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti bruciati

Silvia Camisasca
Svuotare altri esseri umani di ogni diritto e della dignità porterà a una catastrofe umanitaria

Leggi l'articolo

La grande svolta

Carla Broccardo
L’incertezza che caratterizza la nostra epoca non può diventare un alibi

Leggi l'articolo

Guardando (oltre) le nuvole

Annapaola Pozzi
La salvaguardia del pianeta terra dipende anche da noi e dai nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Un nuovo modo di fare ricerca

Rita Giuffredi
Un nuovo approccio alla risoluzione di problemi socio-ecologici complessi

Leggi l'articolo

Versi ambientali

Amelia De Lazzari
Due poesie per Terra

Leggi l'articolo

Le Reti LTER

Caterina Bergami
Le Reti di Ricerca Ecologica di Lungo Termine per lo studio degli ecosistemi a scala globale

Leggi l'articolo

La Rete Natura 2000 dell’UE

Bruno Petriccione
Roccaforte della conservazione della Natura in Europa e in Italia

Leggi l'articolo

Comunicare l’ecologia

Alessandra Pugnetti
La conoscenza scientifica e lo sviluppo tecnologico da soli non possono risolvere la crisi ecologica globale

Leggi l'articolo

La co-scienza dell’equilibrio

Sabrina Presto
Scienza multidisciplinare e coscienza della complessità del problema

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Su una strada rassicurante

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Che si guardi il cielo e ci si possa naufragare

Una quota per gli incarichi

Pubblicato in ||||

Fabio Cesare
Le nomine degli avvocati a curatore e amministratore giudiziario sono presidi di legalità voluti dal legislatore

I C.P.O. dieci anni dopo

Pubblicato in ||||

Pina Rifiorati
I temi congressuali richiamano il ruolo dei Comitati protagonisti del cambiamento nella nostra professione

Un progetto virtuoso

Pubblicato in ||||

Tatiana Biagioni
A tutela delle professioniste, delle giovani e dei giovani, delle disabili e dei disabili per contrastare tutte le discriminazioni

Piccoli sassi senza importanza

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Massi, ma anche polvere, piccole pietre.
Esattamente come certe cose della vita

Essere un po’ più felici

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Siamo spettatori, della nostra vita: e solo fino a quando possiamo pagare il biglietto

Ladri di avvenire

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

In carcere manca tutto

Pubblicato in |||

Maria Brucale
Il carcere è un mondo difficile, di straordinaria complessità

Oltre il rammarico

Pubblicato in ||||

Anna Losurdo
Ogni percorso comune, in fondo, ha un prima che non lo è stato

Diario segreto di un politico scoperto per caso

Pubblicato in

La verità, in fin dei conti, si scrive in poche righe

Uscire dal tunnel

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Il tunnel rappresentava la loro nuova casa, la protezione, la sicurezza

Ogni pietra parla d’amore

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Michele fu strappato prematuramente alla vita nel 2011 da un proiettile vagante