Pranzi separati

Pranzi separati

di Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)

È come se tutti i miei Natali fossero arrivati in una volta sola”, dicono gli inglesi per descrivere una grande gioia inaspettata.
Personalmente dubito, invece, che festeggiare più di un Natale alla volta sia umanamente sostenibile, emotivamente e fisicamente. Se però sei figlio di genitori separati e sei abbastanza grande da rendertene conto, ti toccano almeno due Natali alla volta.

Infatti ogni genitore, con relativi famigliari, si sente in dovere di organizzare memorabili celebrazioni per compensare la perdita della mattina di Natale, quando i bambini condividono con entrambi i genitori la gioia di sapersi amati.

Per quanto mi risulta, dopo più di trent’anni di Natali da avvocato familiarista, la questione rimane irrisolta.
Le feste di Natale, ed in particolare la notte ed il giorno di Natale, restano al centro di minuziose negoziazioni che hanno tutte lo scopo di garantire ai genitori, ed ai loro svariati parenti, la possibilità di godersi lo sguardo dei figli mentre aprono i regali, che una Magica Entità ubiquitaria inspiegabilmente porta sia nella casa dove vivono di più, sia in quella dove vivono di meno.
Per fortuna su questo tema i figli fanno poche domande, o almeno non le fanno ad alta voce.

È singolare che nessun adulto voglia rendersi conto del fatto che i giorni speciali dell’anno sono tali perché sono unici, e non replicabili fino all’anno successivo, pena la perdita proprio di quel senso di magica aspettativa che li rende tali.
Forse fra qualche anno un sociologo studierà il fenomeno e ci rivelerà come sia cambiata la percezione del Natale nella società che non crede più alla famiglia tradizionale, ma insiste per mantenerne intatti i riti della più tradizionale delle celebrazioni.

Per ora dobbiamo continuare ad assistere al Natale separato incentrato sulle aspettative dei due genitori.

Anche dal punto di vista fisico, d’altra parte, il doppio Natale dei figli di genitori separati è impegnativo.
A parte, infatti, l’andirivieni da una casa all’altra, proprio nel momento in cui vorresti restare a goderti i regali che hai ricevuto, c’è il problema della duplicazione dei tacchini, delle lasagne e dei relativi contorni e dolci.
Chissà, viene da chiedersi, se l’aumento di peso dell’infanzia denunciato da anni dai pediatri si debba anche a questo fenomeno.

D’altra parte è comprensibile che ciascun genitore, con relativi nonni e zii di competenza, potendo condividere con i figli soltanto un paio dei numerosi pasti delle feste di Natale e Capodanno, si impegni per mettere in tavola ciò che a loro piace di più. Naturalmente altrettanto farà l’altra famiglia, con conseguenze immaginabili sui festeggiati, chiamati anche a fare da giudici delle domestiche sessioni di Masterchef.
Ma per fortuna Natale viene solo un paio di volte all’anno e poi anche i figli di genitori separati possono tornare ad una normalità meno scintillante ma più sostenibile.

Credits: Alexander Fox | PlaNet Fox da Pixabay

Di Aleesandra Capuano Branca, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti bruciati

Silvia Camisasca
Svuotare altri esseri umani di ogni diritto e della dignità porterà a una catastrofe umanitaria

Leggi l'articolo

La grande svolta

Carla Broccardo
L’incertezza che caratterizza la nostra epoca non può diventare un alibi

Leggi l'articolo

Guardando (oltre) le nuvole

Annapaola Pozzi
La salvaguardia del pianeta terra dipende anche da noi e dai nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Un nuovo modo di fare ricerca

Rita Giuffredi
Un nuovo approccio alla risoluzione di problemi socio-ecologici complessi

Leggi l'articolo

Versi ambientali

Amelia De Lazzari
Due poesie per Terra

Leggi l'articolo

Le Reti LTER

Caterina Bergami
Le Reti di Ricerca Ecologica di Lungo Termine per lo studio degli ecosistemi a scala globale

Leggi l'articolo

La Rete Natura 2000 dell’UE

Bruno Petriccione
Roccaforte della conservazione della Natura in Europa e in Italia

Leggi l'articolo

Comunicare l’ecologia

Alessandra Pugnetti
La conoscenza scientifica e lo sviluppo tecnologico da soli non possono risolvere la crisi ecologica globale

Leggi l'articolo

La co-scienza dell’equilibrio

Sabrina Presto
Scienza multidisciplinare e coscienza della complessità del problema

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Su una strada rassicurante

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Che si guardi il cielo e ci si possa naufragare

Una quota per gli incarichi

Pubblicato in ||||

Fabio Cesare
Le nomine degli avvocati a curatore e amministratore giudiziario sono presidi di legalità voluti dal legislatore

I C.P.O. dieci anni dopo

Pubblicato in ||||

Pina Rifiorati
I temi congressuali richiamano il ruolo dei Comitati protagonisti del cambiamento nella nostra professione

Un progetto virtuoso

Pubblicato in ||||

Tatiana Biagioni
A tutela delle professioniste, delle giovani e dei giovani, delle disabili e dei disabili per contrastare tutte le discriminazioni

Piccoli sassi senza importanza

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Massi, ma anche polvere, piccole pietre.
Esattamente come certe cose della vita

Essere un po’ più felici

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Siamo spettatori, della nostra vita: e solo fino a quando possiamo pagare il biglietto

Ladri di avvenire

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

In carcere manca tutto

Pubblicato in |||

Maria Brucale
Il carcere è un mondo difficile, di straordinaria complessità

Oltre il rammarico

Pubblicato in ||||

Anna Losurdo
Ogni percorso comune, in fondo, ha un prima che non lo è stato

Diario segreto di un politico scoperto per caso

Pubblicato in

La verità, in fin dei conti, si scrive in poche righe

Uscire dal tunnel

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Il tunnel rappresentava la loro nuova casa, la protezione, la sicurezza

Ogni pietra parla d’amore

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Michele fu strappato prematuramente alla vita nel 2011 da un proiettile vagante