Privilegi o prerogative

Privilegi o prerogative

di Sergio Di Paola (Consigliere della Corte di cassazione)

Nell’opinione comune essere magistrato è un privilegio che deriva dalla funzione attribuita dalla società a chi amministra la giustizia; è fonte di vantaggi e prerogative, in termini economici e di considerazione collettiva, che lo pongono nella scala sociale ad un livello elevato; si identifica con l’esercizio di un potere spesso difficilmente comprensibile agli occhi della gente, sino ad apparire, non di rado, arbitrario.
Questa rappresentazione, per certi aspetti purtroppo reale, non mi appartiene.

L’esperienza di vita, da magistrato, mi ha consegnato una figura diversa dal giudice, che provo a descrivere mettendo in rilievo alcun tratti che, a mio avviso, sono quelli più qualificanti della figura del magistrato.
Il giudice è un “tecnico” del diritto: maneggia codici, leggi, sentenze per trovare la soluzione del caso concreto. In quest’attività, però, non può accontentarsi di “giocare” con norme e interpretazioni. Deve calare il senso della decisione nella realtà quotidiana. Per far questo deve saper osservare e comprendere le persone, i loro bisogni e i loro interessi, deve scrutare nelle pieghe dei rapporti sociali ed economici, studiare la realtà del territorio che lo circonda. Del resto, il diritto regola i rapporti tra i cittadini e, per essere accettabile e comprensibile, deve dare risposte adeguate e coerenti non con un mondo astratto e virtuale, ma con il tempo e la società in cui il giudice opera.

Il giudice deve saper parlare alle parti del processo e alla comunità che gli ha affidato il compito di esercitare la giurisdizione.
Può apparire una banalità; ma il giudice ha il dovere di utilizzare nelle decisioni un modello comunicativo che sia certo rispettoso del linguaggio giuridico, senza però far ricorso a forme accademiche, né tantomeno a stili ampollosi e ricercati, quasi che la sentenza costituisca un’esibizione o uno sfoggio di (presunte) capacità letterarie.

Deve garantire alle parti che attendono l’esito del giudizio, e ai cittadini che intendano conoscere il contenuto della decisione, la possibilità di comprendere perché un determinato diritto spetta ad una parte, e non all’altra, perché lo Stato impone il sacrifico della libertà a chi ha violato la legge.

Il giudice non deve sentirsi al di sopra delle parti processuali e dei loro difensori e rappresentanti, privati e pubblici. La presunzione di essere depositario delle certezze giuridiche e storiche deve cedere al costante esercizio dell’arte del dubbio, coniugata all’ascolto delle opinioni delle parti.

Così facendo, il magistrato deve guidare -assicurando i diritti di ogni attore del processo- il cammino del giudizio, con l’unico obiettivo di garantire il rispetto delle regole del gioco. E per far questo deve essere e apparire indipendente da ogni condizionamento, interno o esterno al processo. Qualità che si conquista e si consolida solo attraverso atteggiamenti e comportamenti che impongono riservatezza, discrezione, selezione di rapporti personali e sociali; e che si testimonia attraverso la qualità del lavoro e delle decisioni.

Esser magistrato non comporta sempre la condizione di esser al centro dell’attenzione pubblica in termini positivi.
Premesso che la tendenza a piegare la propria professione alla ricerca, narcisistica e dannosa, del modo per apparire come una figura sociale di “successo” è in totale antitesi con lo stile che deve contraddistinguere il magistrato, il giudice deve essere consapevole che ogni decisione lascerà una delle parti del processo insoddisfatta e potrà essere non condivisa, se non criticata, dalla pubblica opinione. E deve saper trarre dalle critiche e dal giudizio altrui lo spunto per riconoscere gli errori commessi e migliorare la qualità del proprio lavoro.

Il giudice, dunque, ha il compito di rendere un servizio da assolvere nell’interesse della collettività mettendo a disposizione le proprie capacità, intellettuali e morali, al fine di assicurare il riconoscimento dei diritti individuali e collettivi tutelati dall’ordinamento. Questo, sì, che è un privilegio; e al tempo stesso è una servizio faticoso, sovente prestato a prezzo di pesanti sacrifici, a volte insoddisfacente per le parti e – inevitabilmente – per il giudice.

Photo credit: Vessel – NYC gazzettadiparma.it

#TOPICS: ultimi articoli

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Un sogno realizzato

Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)
Un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità

Leggi l'articolo

E il giudice sorrise

Elisabetta Rosi (Consigliera della Corte di cassazione)
Si deve trattare con cura ogni processo, come se fosse l’unico processo da trattare, perché è unico per chi lo vive, sia esso vittima od accusato

Leggi l'articolo

Giudici e Avvocati

Anna Losurdo
L’Avvocato che esercita la sua professione con libertà e indipendenza rafforza l’indipendenza della giurisdizione

Leggi l'articolo

La letteratura dei giudici

Enzo Varricchio
I magistrati raccontano perché narrare rende liberi, la verosimiglianza del romanzo permette loro di assumere vesti e ruoli inconcepibili nella vita reale, condurre un’esistenza scapigliata e romantica

Leggi l'articolo

L’evidenza invisibile

Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma) 
Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale

Leggi l'articolo

Magistratus sum

Decidere sugli altri e per gli altri è un atto complesso che coinvolge l’intima percezione di sé, impone di superare pregiudizi, convinzioni culturali, abiti mentali

Leggi l'articolo

Il diritto alla giustizia

Umberto Apice (già Avvocato Generale presso la Corte di cassazione)
Portare sul tavolo del giudice ogni malessere sociale, senza provvedere alla eliminazione delle cause, finisce per tramutare in fisiologico quello che è patologico

Leggi l'articolo

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona

Anche noi?

Pubblicato in ||||

Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)
Bullismo e molestie sessuali anche nel settore legale analizzati in un sondaggio dell’International Bar Association

Esseri linguistici

Pubblicato in |||

AnnaMaria Passaggio (business career coach in Milano)
Se la parola è azione e l’azione costruisce il nostro essere, allora possiamo modificare il nostro essere attraverso la parola