Saturday for Christmas

Saturday for Christmas

di Lorenzo Trigiani – (Futurista – Noi di spoiler)

Saturday for Christmas, si chiama così il movimento che si batte per la parità di genere e invoca a gran voce l’istituzione di Mamma Natale accanto a quella del Babbo.

Via dunque la barba, il sacco e la slitta e sotto con monopattino, gonna e shopping bag. Spira forte il vento del cambiamento, via anche il rosso, troppo acceso e “di parte” e largo ai colori arcobaleno. Il Natale, come la legge, è uguale per tutti (e tutte), valido erga omnes.

Anche i regali non fanno eccezione, depennati e messi all’indice tutti i cadeau maschilisti, dalla sauna finlandese al dopobarba troppo acre. Una app si è premurata di stilare una black list di tutti gli oggetti in odore di scomunica.

In auge i gift al femminile, fluidi, best seller come le lenti a contatto colorate, i poster a led di Ursula Andress. Retrò e vintage la fanno da padrona, sembrano soppiantare la contemporaneità, la depositano in cantina.

Le renne sono state proclamate specie protetta e, pertanto, sgravate dalla fatica di tirare “la carretta”. Una sorta di celebrities passate dall’altra parte della barricata, felici del loro nuovo status.

Babbo Natale, dicevamo, si è calato un po’ a fatica nei nuovi panni, colori pastello, zainetto in spalla, bici a pedalata elettrica, un filo di barba al posto di quella hipster, old style. Sguardo spaurito di chi ha perso le sue certezze e cerca un nuovo Nord.

La lista dei desideri è l’unica ad esser rimasta uguale a se stessa, accorato il tono dei mittenti che, dietro lo schermo dei loro smartphone digitano e compulsano ogni sorta di richiesta. Viaggi, auricolari, botulino (in grande ascesa), sciarpe, occhiali, pochi libri, tatuaggi. La mappa del tesoro disegna meglio di chiunque altro la genealogia del presente, la sua voglia di fuga.

Mamma Natale strizza l’occhio ad un pubblico più eterogeneo, LGBTQ+, dai contorni più sfumati, ma anche più consapevole dello spazio che ha occupato. Diverso anche il packaging, più rotondo.

Sulla data è stato trovato un accordo, un compromesso. Non più il 25, simbolo della ortodossia ma il 26 cui è affidato il compito di ripensare il Natale in un’ottica più green. Niente più alberi ma opere di bene.

Credits: Gerhard da Pixabay

Di Lorenzo Trigiani, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti bruciati

Silvia Camisasca
Svuotare altri esseri umani di ogni diritto e della dignità porterà a una catastrofe umanitaria

Leggi l'articolo

La grande svolta

Carla Broccardo
L’incertezza che caratterizza la nostra epoca non può diventare un alibi

Leggi l'articolo

Guardando (oltre) le nuvole

Annapaola Pozzi
La salvaguardia del pianeta terra dipende anche da noi e dai nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Un nuovo modo di fare ricerca

Rita Giuffredi
Un nuovo approccio alla risoluzione di problemi socio-ecologici complessi

Leggi l'articolo

Versi ambientali

Amelia De Lazzari
Due poesie per Terra

Leggi l'articolo

Le Reti LTER

Caterina Bergami
Le Reti di Ricerca Ecologica di Lungo Termine per lo studio degli ecosistemi a scala globale

Leggi l'articolo

La Rete Natura 2000 dell’UE

Bruno Petriccione
Roccaforte della conservazione della Natura in Europa e in Italia

Leggi l'articolo

Comunicare l’ecologia

Alessandra Pugnetti
La conoscenza scientifica e lo sviluppo tecnologico da soli non possono risolvere la crisi ecologica globale

Leggi l'articolo

La co-scienza dell’equilibrio

Sabrina Presto
Scienza multidisciplinare e coscienza della complessità del problema

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Su una strada rassicurante

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Che si guardi il cielo e ci si possa naufragare

Una quota per gli incarichi

Pubblicato in ||||

Fabio Cesare
Le nomine degli avvocati a curatore e amministratore giudiziario sono presidi di legalità voluti dal legislatore

I C.P.O. dieci anni dopo

Pubblicato in ||||

Pina Rifiorati
I temi congressuali richiamano il ruolo dei Comitati protagonisti del cambiamento nella nostra professione

Un progetto virtuoso

Pubblicato in ||||

Tatiana Biagioni
A tutela delle professioniste, delle giovani e dei giovani, delle disabili e dei disabili per contrastare tutte le discriminazioni

Piccoli sassi senza importanza

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Massi, ma anche polvere, piccole pietre.
Esattamente come certe cose della vita

Essere un po’ più felici

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Siamo spettatori, della nostra vita: e solo fino a quando possiamo pagare il biglietto

Ladri di avvenire

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

In carcere manca tutto

Pubblicato in |||

Maria Brucale
Il carcere è un mondo difficile, di straordinaria complessità

Oltre il rammarico

Pubblicato in ||||

Anna Losurdo
Ogni percorso comune, in fondo, ha un prima che non lo è stato

Diario segreto di un politico scoperto per caso

Pubblicato in

La verità, in fin dei conti, si scrive in poche righe

Uscire dal tunnel

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Il tunnel rappresentava la loro nuova casa, la protezione, la sicurezza

Ogni pietra parla d’amore

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Michele fu strappato prematuramente alla vita nel 2011 da un proiettile vagante