people-1149873_640

Un monito non basta

di Alexander Schuster (Avvocato in Trento)

E’ un momento molto triste per Valentina.
Ma non solo per lei.
Non vi è chi non condividesse il dramma di una donna che, dopo sei anni e mezzo durante i quali le due gemelle l’avevano chiamata «mamma Vale» è stata messa alla porta il 18 ottobre 2018 via Whatsapp: «Ti ho revocato tutte le deleghe. Non vedrai più le bambine».
Poche parole per un dramma molto chiaro.

Nell’aprile 2019 il Tribunale per i minorenni aveva ordinato che i contatti fossero subito ripresi.
Come fin troppo spesso accade con la giustizia minorile italiana, quel diritto è rimasto sulla carta, perché la madre si oppone e nessuno è intervenuto per far rispettare quella decisione.
Di delega in delega, di relazione in relazione il tempo è passato.

Ci siamo presentati alla Corte a fine luglio 2020 dicendo che non aveva ancora né visto né sentito le bambine: nemmeno una volta, nemmeno al telefono. Non sorprende che ancora lo scorso 14 gennaio la Corte europea abbia condannato l’Italia perché ha un «problema sistemico»: enunciare diritti su carta, senza garantirne l’effettività.

Ma evidentemente quella di Valentina per la Consulta non è una ingiustizia, non c’è un dramma per lei e per due bambine alla mercé dell’altra madre. Non è un dramma per il diritto, non è un dramma sul quale la Corte costituzionale ha ritenuto di intervenire, come pur le è stato chiesto dal Tribunale di Padova.

Quantomeno non oggi.

Per la Consulta la nostra Costituzione «allo stato» non può incidere su questa situazione. “Farà il Parlamento”: come se non sapessimo che il Parlamento è cronicamente sordo ai moniti della Corte e alla tutela delle persone più vulnerabili.

Intanto i drammi non mancheranno.
Forse una madre che busserà alle porte della Corte costituzionale fra nove anni sarà più fortunata. Forse oggi la Corte ha fatto un passo avanti importante.
Ce lo diranno le motivazioni. Forse capiremo che ha gettato un seme, quello del «monito», che, però, di solito sboccia dopo dieci e più anni.
Forse allora si riconoscerà che i minori vanno tutelati nei loro legami, senza dare peso al genere o all’orientamento sessuale di chi li ama.
Forse anche in Italia si dirà quanto da decenni si dice in altri Stati occidentali: che è meglio avere due madri che una sola madre con esclusione dell’altra.
Forse si avrà anche il coraggio di dire che è discriminatorio rendere padre l’uomo che dà il proprio consenso alla fecondazione eterologa della compagna, ma negare ad una donna di essere madre quando dà lo stesso medesimo consenso.

Quindi sì, forse la sentenza che verrà segna un passo avanti.

Lo segnerà, però, a vantaggio di chi porterà nuovamente all’attenzione della Corte i drammi di un diritto che nega l’amore, di una Costituzione che appare nemica non solo delle famiglie arcobaleno, ma anche di tutte quelle famiglie che non rispecchiano il «modello naturale».

Ma questo monito oggi rischia di non portare gran conforto a Valentina, nemmeno a quelle stupende gemelle che porta nel cuore da ancor prima che nascessero. Fu infatti lei, per prima, a cercare di dare loro la vita, quella vita che, assieme alla sua ex compagna, celebrò in occasione del battesimo cattolico. Ma la foto di quella famiglia, riconosciuta nel suo amore e nella sua unità dalla comunità dei fedeli e agli occhi di Dio, quella foto che era agli atti della Corte, evidentemente è un ricordo. E tale dovrà rimanere.

Valentina ha creduto nella giustizia tramite il Giudice delle leggi.
Ora dovrà confidare nei giudici di Strasburgo, dove già pende un ricorso dal 2019.
Certo non crede in un Parlamento che da anni si occupa di tutto, tranne che di diritto e di diritti. Il monito che annuncia la Corte è un compromesso. Ma per molti, i diritti dei bambini, i diritti di una madre messa alla porta con un Whatsapp, non possono diventare oggetto di compromessi.

Image credit: Free-Photos da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Salvare i più sfortunati

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Leggi l'articolo

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

Leggi l'articolo

La sorte della cessione del “quinto”

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Leggi l'articolo

Classi di ferro

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Leggi l'articolo

Il dialogo tra debito e potere

Fabio Cesare
I principi di diritto positivo vanno dunque contestualizzati in modo dinamico alla luce di valori di coesione sociale

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno

Il salto culturale

Pubblicato in |||

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Salvare i più sfortunati

Pubblicato in |||

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

La sorte della cessione del “quinto”

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Classi di ferro

Pubblicato in |||

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Quale avvocato per la crisi famigliare

Pubblicato in |||

Isabella De Bellis Sciarra
Un approccio che tenga conto solo delle aspettative del cliente rischia di portare a scelte operative controproducenti