Un protocollo per le CTU

Un protocollo per le CTU

di Elvira Reale (Psicologa in Napoli)

Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli a seguito di separazione dei genitori, nella cornice della Convenzione di Istanbul (CdI)
È un protocollo tecnico-scientifico, elaborato da 5 psicologhe (Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli dirigenti delle strutture pubbliche sanitarie ed universitarie impegnate da molti anni sui temi della salute delle donne e della violenza maschile contro di loro) deliberato a settembre 2019 dall’Ordine degli psicologi della Campania (che consta più di 7000 psicologi) e sottoscritto anche dall’Ordine nazionale(https://www.psicamp.it/index.asp?page=protocollo-napoli)

Il Protocollo, suddiviso in due parti oltre la premessa, concentra la sua attenzione sulla Consulenza psicologica e intende attirare l’attenzione dei tecnici sul tema della violenza domestica nell’ambito di procedimenti giudiziari per l’affido dei figli in caso di separazione, soffermandosi sia sui singoli argomenti sia sulla loro interconnessione.

  • La premessa definisce il modello teorico della violenza domestica e quello relativo alla violenza assistita, riferito ai minori che in famiglia subiscono traumi per la violenza cui sono sottoposte le madri.
  • La prima parte descrive il “Protocollo Napoli” e costituisce una proposta di lavoro adeguata alla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul).
  • La seconda parte contiene una guida metodologica che va dagli obiettivi della valutazione psicologica alla stesura del rapporto conclusivo della consulenza tecnica; inoltre contiene le indicazioni e i suggerimenti che consideriamo utili per la scelta degli strumenti tecnici e dei test, desunti dalla più recente letteratura scientifica internazionale.

Il protocollo ruota intorno a sette principi fondamentali dal punto di vista tecnico e scientifico
1) Valutare la presenza di violenza domestica nei confronti della madre, al fine di superare l’approccio pregiudiziale che valuta ogni dinamica relazionale come conflitto e non come disparità di potere quando vi siano azioni improntate a violenza e controllo.

2) Sollecitare gli esperti a un sempre maggiore approfondimento della specificità del PTSD (Disturbo da stress post-traumatico), al fine di superare e accantonare una diagnostica sulla personalità, che tende a confondere le condizioni riferibili a uno stato situazionale (come la violenza domestica) con inadeguatezze e fragilità strutturali della persona.

3) Promuovere la distinzione tra intervento psicologico valutativo e trattamento, al fine di evitare il doppio ruolo del consulente, non previsto né dal codice deontologico né dalle prassi giudiziarie che possono richiedere solo una valutazione a partire dallo status quo e da come si è formato in una prospettiva storica.

4) Promuovere l’ascolto del minore, partendo dal diritto alla “Safety First”, al fine di evitare che siano fatte sul minore pressioni indebite e traumatiche.
Il rifiuto del minore va approfondito e valutato a partire dalle sue motivazioni, dalle sue paure e dalle sue angosce, sempre nel rispetto del suo sentire e della sua volontà. Quest’ultima, comunque, non può essere “forzata” per imporre al minore incontri costrittivi con il genitore rifiutato, come recentemente affermato dalla sentenza n. 30826 del 2018 della I sez. Civile della Corte di Cassazione.

5) Promuovere il Dovere-Diritto alla genitorialità (Art. 30 della Costituzione), al fine di evitare criteri di buona genitorialità che non mettano al primo posto il dovere dei genitori alla cura del minore, da cui scaturisce anche il loro diritto al rapporto con il figlio.
La violenza contro la madre è una discuria verso il minore e come tale è una condizione di privazione di questo diritto in capo al padre.
In caso di violenza inoltre va ovviamente escluso, tra le competenze genitoriali, il friendly parenting, l’atteggiamento amichevole verso l’altro, che considera buon genitore colui/colei che promuove l’accesso all’altro (in genere il collocatario che promuove la relazione con il genitore non collocatario).

6) Promuovere l’adesione solo ai costrutti scientifici validati da organismi internazionali, al fine di evitare la proliferazione di costrutti non validati ed inseriti abusivamente nelle aule giudiziarie in grado di alterare il diritto ad un giusto processo.
In particolare, si segnala la PAS (Parental Alienation Syndrome) rigettata come costrutto ascientifico dall‘APA, (Associazione degli Psicologi Americani: “Statement on Parental Alienation Syndrome”), più volte rifiutata dalla comunità scientifica internazionale (OMS) e anche nazionale (Ministero della salute) .

7) Promuovere modalità di affido che non alterino le abitudini di vita del minore e non ricorrano a strumenti di costrizione, al fine di evitare ricorsi abusivi a TSO (trattamenti sanitari obbligatori) striscianti, quando si attuano prelievi forzosi del minore dal suo habitat.
Questi si configurano come un trauma attuale e certo in confronto a ventilati e non dimostrati danni futuri, relativi sempre ad un male inteso diritto alla bigenitorialità considerato, in contrasto con leggi e convenzioni, come diritto primario, superiore al diritto (questo sì primario) del minore alla salute.

https://www.oralegalenews.it/wp-content/uploads/2020/10/lettera-aperta-agli-ordini-professionali.pdf

Image credit: Paolo Chieselli da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Il CTU: ipse dixit?

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

No PASdaran

Pubblicato in ||||

Fabio Roia
La cosiddetta “sindrome” da alienazione genitoriale o da anaffettività genitoriale (PAS) è stata ipotizzata da uno studioso americano, tale Gardner, come una ipotetica e controversa dinamica psicologica disfunzionale che si attiverebbe sui figli minori coinvolti in contesti di separazione e di divorzio conflittuali dei genitori non adeguatamente mediate.
Questa “sindrome” non ha alcun tipo di fondamento scientifico.

Libertà di non amare

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Riconoscere la violenza domestica

Pubblicato in ||||

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Il CTU: ipse dixit?

Pubblicato in ||||

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

La negazione dell’abuso

Pubblicato in ||||

Ida Grimaldi
Nelle nostre aule giudiziarie la violenza viene spesso confusa con il conflitto

Il muro del silenzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Per chi non vuole vedere, la soluzione è semplice; la violenza al contrario é complessa: serve maggiore competenza