Una occasione perduta

Una occasione perduta

di Luigi Amendola (Avvocato in Salerno)

Da tempo, oramai, si legge che l’Italia ha troppe leggi, molte delle quali scritte male.

Il dott. Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione in una recente intervista è arrivato a dire che “In Italia aggiungiamo alla iper regolamentazione anche una cattiva regolamentazione.  Abbiamo troppe regole e troppe regole scritte male, spesso incomprensibili o in contraddizione”.
Lo stesso Presidente Cantone suggeriva, convinto, che la più grande riforma anticorruzione sarebbe la “creazione di una commissione di saggi per la semplificazione delle norme”.
Semplicemente. E’ proprio vero. Basterebbe poco a far funzionare il sistema. Ma forse non si vuole. E’ come se qualcuno ne volesse approfittare. E per vero, lo stesso Cantone afferma che “norme poco comprensibili facilitano la corruzione”. Perché rendono aperta la loro interpretazione.
Il problema è che, a volte, è come se si volesse creare davvero il problema innescando meccanismi inflattivi della Giurisdizione quando invece basterebbe coordinare norme esistenti  per risolvere il problema a monte.

Emblematico, in tema, è il mancato coordinamento tra l’art. 182 ter l. fall. post novellam e l’art. 7 primo comma terzo periodo della legge 3/2012 al fine di ottenere una espressa previsione della falcidiabilità dell’IVA e delle ritenute operate e non versate.

Il nuovo Codice della Crisi di Impresa non l’ha risolto.

Come noto, invero, la disparità di trattamento tra le due discipline è stata rilevata dalla Giurisprudenza di merito che ha sostenuto che essa violi gli articoli 3 e 97 della Costituzione.
Il Tribunale di Udine, con la nota ordinanza del 14 maggio 2018, ha ritenuto di non procedere con la disapplicazione della norma, come fatto dalla maggioranza dei Tribunali, sollevando la questione di legittimità costituzionale dell’art. 7, primo comma, terzo periodo della legge. n. 3/2012, in riferimento agli artt. 3 e 97 Cost., ovvero al parametro costituzionale del buon andamento della pubblica amministrazione.

E’ di tutta evidenza che non vi è motivo per il quale l’imprenditore sottosoglia rispetto ai parametri di cui all’art. 1 l. fall. o l’imprenditore agricolo o il professionista non possono accedere al pagamento falcidiato dell’I.V.A., quando tale possibilità è invece concessa all’imprenditore fallibile.
Ebbene, il Legislatore del C.C.I. non ha ripetuto il dettato dell’art. 7 della legge 3/2012, ma nemmeno ha previsto espressamente la possibilità di falcidiare l’I.V.A. e le ritenute non versate.

Invero, gli articoli 67 quarto comma C.C.I. “ristrutturazione dei debiti” (già piano del consumatore) e l’art. 75 secondo comma C.I.C. “concordato minore” (già accordo di ristrutturazione) prevedono la generale possibilità di falcidia del credito privilegiato per cui “è possibile prevedere che i crediti muniti di privilegio, pegno o ipoteca possano essere soddisfatti non integralmente, allorché ne sia assicurato il pagamento in misura non inferiore a quella realizzabile, in ragione della collocazione preferenziale sul ricavato in caso di liquidazione, avuto riguardo al valore di mercato attribuibile ai beni o ai diritti oggetto della causa di prelazione, come attestato dagli organismi di composizione della crisi”.
Non vi è più una deroga per il trattamento dell’IVA e delle ritenute operate e non versate ma nemmeno vi è una espressa previsione della loro falcidiabilità

Alla luce dell’attuale panorama giurisprudenziale, non fare definitiva chiarezza sarebbe un’occasione persa con gravi riflessi sull’operatività della novella.

PH:Heather Plew da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Diavolo di avvocato

Enzo Varricchio
Spesso nell’immaginario collettivo italiano l’avvocato è l’ideal tipo negativo del professionista che sfrutta le zone grigie della legge

Leggi l'articolo

Anestesia cognitiva

Massimo Corrado Di Florio
Gli avvocati che non sono vittime della dittatura dell’opinione mostrano una reale avversione nei riguardi del sempre più diffuso astio verso la complessità

Leggi l'articolo

Jus sputtanandi

Marco Scarpati (Avvocato in Reggio Emilia)
È l’apoteosi della inutilità del processo penale, che quando arriva serve solo a giustificare i fatti narrati in precedenza

Leggi l'articolo

Sicuri per legge

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

Leggi l'articolo

Avvocati in pericolo

Roberto Giovene di Girasole (Avvocato in Napoli)
La drammatica situazione riguarda circa 600 avvocati turchi in carcere, dei quali 321 condannati a complessivi 2021 anni di reclusione

Leggi l'articolo

Difendere in famiglia

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Leggi l'articolo

Sul ponte delle spie

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Essere avvocati, allora, è talvolta gestire le dighe che rompono gli argini, e conservarsi impassibili: affidabili

Leggi l'articolo

Il linguaggio dell’Avvocato

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione

Leggi l'articolo

Ci sei o ci fai?

Andrea Casto (Avvocato in Bari)
Che differenza c’è tra “fare” ed “essere” avvocato? Un conto è essere qualcuno o qualcosa, un conto è limitarsi a recitare un ruolo

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione

La data è indelebile

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Quando, dopo un tempo che mi è parso interminabile, la gragnuola di spari è cessata, per terra c’erano tre corpi