Vecchie mappe e nuovi scenari

Vecchie mappe e nuovi scenari

di Maurizio Pacchiani (Archivista storico in Bolzano)

Che il passato sia la chiave del futuro è un concetto spesso riproposto, formulato in vari modi.

Le scelte del passato ci hanno portato al presente e le condizioni attuali sono chiaramente le basi da cui ci muoviamo verso gli scenari futuri, quindi c’è del vero. Ma in che modo, concretamente, la conoscenza del passato può servire a immaginare e quindi a progettare questi scenari?

La conoscenza storica sembra a molti fine a se stessa, un’elevazione culturale, un modo di comprendere il passato, ma accademico, nel senso di privo di applicazioni concrete immediate ed evidenti.

Eppure, il padre dell’attuale impostazione della geografia storica, Alan R. H. Baker, già nell’ormai lontano 1972, scriveva che «it is, paradoxically, the future that matters most in historical geography»: paradossalmente ciò che più conta nello studio della geografia storica è il futuro. Questa disciplina studia i processi che hanno portato un determinato territorio, attraverso la dimensione temporale, cioè storica, allo stato che possiamo vedere oggi, analizzandone le strutture caratterizzanti, materiali, sociali, economiche.

Decisioni del passato, soluzioni adottate o scartate, congiunture economiche e sociali che hanno determinato scelte vanno analizzate e conosciute per capire l’esito attuale di una zona, di un territorio dove l’uomo ha vissuto. Questa analisi può portare a riconoscere le caratteristiche peculiari del luogo, anzi il suo “carattere”, quello che si può indicare come il genius loci.

Questo portato storico deve condurre ad un utilizzo e valorizzazione futura che sia rispettosa dello spirito del luogo oltre che sostenibile, cioè tenga conto dell’eredità paesaggistica e culturale da trasmettere alle nuove generazioni. Così un fiume che aveva dato negli ultimi secoli problemi di esondazione, mediante un attento studio del passato – oltre ovviamente a quello dello stato attuale – ha trovato soluzioni che hanno permesso, inoltre, la valorizzazione paesaggistica e turistica di alcuni tratti del corso particolarmente significativi.

Uno dei punti focali della disciplina nella sua applicazione prospettica è la collaborazione tra professionisti diversi, che vanno necessariamente coinvolti nella fase di pianificazione dai competenti organi di rappresentanza politica.

Quindi oltre al geografo storico, che si potrà avvalere di cartografie d’epoca per ricostruire le “biografie” dei territori analizzati e che potrebbe utilmente fungere da supervisore, di volta in volta e a seconda delle tematiche evidenziate dal territorio, geologi, sociologi, urbanisti, esperti forestali, economisti, legali e ovviamente futuristi.
Questo chiaramente ove vi sia lungimiranza – saper guardare lontano, capacità “futurista” non comune nella classe politica odierna – e un investimento adeguato nello sviluppo di un territorio.

In Italia si ritiene che vi siano molte zone che potrebbero essere tema di simili analisi progettuali e bisogna avere il coraggio di investire in questo. Ma anche per le iniziative di piccole comunità, e riconoscendo lo sviluppo turistico non di massa come uno sviluppo virtuoso e capace di produrre reddito, la semplice analisi delle vecchie mappe dei dintorni di un piccolo villaggio appenninico, dove esiste da poco un agriturismo, ha permesso di riscoprire e riattivare antichi sentieri rurali che compongono una rete di vie alternative che consentono la scoperta di paesaggi inaspettati, contribuendo al restauro dei percorsi, al mantenimento della memoria e dei microtoponimi, al controllo del territorio e in definitiva alla creazione di reddito che contribuisce a contrastare lo spopolamento della montagna.

Pensare in “modalità futuro” non ha una scala, è innanzitutto una forma mentis prima ancora che una metodologia scientifica.

Image credit: Orologio del tempo lungo – (I Silos Granari illuminati diventano un Orologio che scandisce lo scorrere del tempo dal tramonto all’alba del giorno seguente, attraverso quattro rintocchi di luce che segnano, con il rosso, il tramonto, con il verde le ventuno, con il blu la mezzanotte e con il magenta le tre del mattino)
i1.wp.com/www.ruvochannel.com

#TOPICS: ultimi articoli

L’anno nuovo della giustizia

Franco Cassano (Presidente della Corte d’Appello di Bari)
Non rimanere nella solitudine rassicurante di se stessi, ma rischiare l’avventura, aprendosi con fiducia agli altri

Leggi l'articolo

Il ruolo politico del giudice

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
La Costituzione è il canale attraverso il quale la giustizia è penetrata nell’ordinamento giuridico ed è stata realizzata quella saldatura fra giustizia e diritto che ha cambiato il volto della legalità

Leggi l'articolo

Questione di genere in magistratura

Carla Marina Lendaro (Consigliera della Corte Appello di Trieste e presidente dell’A.D.M.I.)
Imparare a “riconoscere la differenza” è un’esigenza che risponde ai bisogni della Giustizia, un fattore di funzionamento ed una risorsa del sistema

Leggi l'articolo

C’è un grande passato, davanti a noi

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Il pianeta giustizia appare in fiamme: e in fiamme sono le coscienze, brucianti le domande

Leggi l'articolo

Si chiamerà Pace

Paola Furini (Avvocata in Milano – Fronteverso network)
Come Lucio Dalla, molti altri artisti, attraverso le loro opere hanno veicolato messaggi di amore e concordia contro tutti i muri

Leggi l'articolo

Il cambiamento che fa paura

Fabio Millevoi (Noi di Spoiler)
Contrastare il cambiamento non ci fa recuperare il passato ma perdere il futuro

Leggi l'articolo

Basta immaginare

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Per creare il futuro è necessario prima saperlo immaginare. Gli “studi di futuro” intersecano ogni aspetto del vivere sociale

Leggi l'articolo

La ruota dei futuri

Radman Khorshidian (Futurista in Teheran- Noi di Spoiler)
la Ruota dei Futuri fa emergere conseguenze, interazioni e relazioni complesse; aiuta a pensare in modo creativo e divergente

Leggi l'articolo

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Infezioni

Pubblicato in

Cerco di farla breve. Durante la lunga guerra di Troia…

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

Zen attitude

Pubblicato in ||||

Cecilia Manganelli e Daniele Valeri (Avvocato in Ancona – A.S.G.I.)
Mi chiedo se avessimo visto i campi di sterminio cosa avremmo fatto, perchè ora che li vediamo e li sappiamo,ora che facciamo?

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona