Vecchie mappe e nuovi scenari

Vecchie mappe e nuovi scenari

di Maurizio Pacchiani (Archivista storico in Bolzano)

Che il passato sia la chiave del futuro è un concetto spesso riproposto, formulato in vari modi.

Le scelte del passato ci hanno portato al presente e le condizioni attuali sono chiaramente le basi da cui ci muoviamo verso gli scenari futuri, quindi c’è del vero. Ma in che modo, concretamente, la conoscenza del passato può servire a immaginare e quindi a progettare questi scenari?

La conoscenza storica sembra a molti fine a se stessa, un’elevazione culturale, un modo di comprendere il passato, ma accademico, nel senso di privo di applicazioni concrete immediate ed evidenti.

Eppure, il padre dell’attuale impostazione della geografia storica, Alan R. H. Baker, già nell’ormai lontano 1972, scriveva che «it is, paradoxically, the future that matters most in historical geography»: paradossalmente ciò che più conta nello studio della geografia storica è il futuro. Questa disciplina studia i processi che hanno portato un determinato territorio, attraverso la dimensione temporale, cioè storica, allo stato che possiamo vedere oggi, analizzandone le strutture caratterizzanti, materiali, sociali, economiche.

Decisioni del passato, soluzioni adottate o scartate, congiunture economiche e sociali che hanno determinato scelte vanno analizzate e conosciute per capire l’esito attuale di una zona, di un territorio dove l’uomo ha vissuto. Questa analisi può portare a riconoscere le caratteristiche peculiari del luogo, anzi il suo “carattere”, quello che si può indicare come il genius loci.

Questo portato storico deve condurre ad un utilizzo e valorizzazione futura che sia rispettosa dello spirito del luogo oltre che sostenibile, cioè tenga conto dell’eredità paesaggistica e culturale da trasmettere alle nuove generazioni. Così un fiume che aveva dato negli ultimi secoli problemi di esondazione, mediante un attento studio del passato – oltre ovviamente a quello dello stato attuale – ha trovato soluzioni che hanno permesso, inoltre, la valorizzazione paesaggistica e turistica di alcuni tratti del corso particolarmente significativi.

Uno dei punti focali della disciplina nella sua applicazione prospettica è la collaborazione tra professionisti diversi, che vanno necessariamente coinvolti nella fase di pianificazione dai competenti organi di rappresentanza politica.

Quindi oltre al geografo storico, che si potrà avvalere di cartografie d’epoca per ricostruire le “biografie” dei territori analizzati e che potrebbe utilmente fungere da supervisore, di volta in volta e a seconda delle tematiche evidenziate dal territorio, geologi, sociologi, urbanisti, esperti forestali, economisti, legali e ovviamente futuristi.
Questo chiaramente ove vi sia lungimiranza – saper guardare lontano, capacità “futurista” non comune nella classe politica odierna – e un investimento adeguato nello sviluppo di un territorio.

In Italia si ritiene che vi siano molte zone che potrebbero essere tema di simili analisi progettuali e bisogna avere il coraggio di investire in questo. Ma anche per le iniziative di piccole comunità, e riconoscendo lo sviluppo turistico non di massa come uno sviluppo virtuoso e capace di produrre reddito, la semplice analisi delle vecchie mappe dei dintorni di un piccolo villaggio appenninico, dove esiste da poco un agriturismo, ha permesso di riscoprire e riattivare antichi sentieri rurali che compongono una rete di vie alternative che consentono la scoperta di paesaggi inaspettati, contribuendo al restauro dei percorsi, al mantenimento della memoria e dei microtoponimi, al controllo del territorio e in definitiva alla creazione di reddito che contribuisce a contrastare lo spopolamento della montagna.

Pensare in “modalità futuro” non ha una scala, è innanzitutto una forma mentis prima ancora che una metodologia scientifica.

Image credit: Orologio del tempo lungo – (I Silos Granari illuminati diventano un Orologio che scandisce lo scorrere del tempo dal tramonto all’alba del giorno seguente, attraverso quattro rintocchi di luce che segnano, con il rosso, il tramonto, con il verde le ventuno, con il blu la mezzanotte e con il magenta le tre del mattino)
i1.wp.com/www.ruvochannel.com

#TOPICS: ultimi articoli

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

Instituere – il Patto

Massimo Corrado di Florio
Un potere dello Stato mostra di sé la peggior faccia possibile. Ciò che resta è una melodia amara che svolazza stanca tra le pieghe del nostro tricolore

Leggi l'articolo

Diritti sociali

Fernanda D’Ambrogio (Avvocata in Caserta)
Occorre riscrivere le regole dell’organizzazione pubblica attribuendo finalmente i giusti spazi di azione alla competenza e alla professionalità

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in ||||

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Phishing economy: il gioco d’azzardo

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Dietro la diffusione del gioco d’azzardo c’è una strategia industriale accuratissima delle aziende preposte alla produzione di giochi e scommesse