essere avvocati #12

Essere Avvocati #12

di Anna Losurdo

“Consapevole della dignità della professione forense e della sua funzione sociale, mi impegno ad osservare con lealtà, onore e diligenza i doveri della professione di avvocato per i fini della giustizia ed a tutela dell’assistito nelle forme e secondo i principi del nostro ordinamento

Con questo impegno solenne, si entra ufficialmente in Avvocatura.
Espressione che indica sia la libera professione dell’avvocato, sia la funzione da questi svolta, sia l’organizzazione degli avvocati in istituzioni.
Gli iscritti negli albi degli avvocati, quindi, costituiscono l’ordine forense, che si articola negli ordini circondariali e nel CNF (art 24 L. 247/2012).
Basta per “essere avvocati“?

Provo a tratteggiare alcune riflessioni, cercando di non indulgere in aspetti retorici, ai quali può essere facile ricorrere tra funzione sociale dell’Avvocato e alto ruolo della difesa (e del diritto di difesa) riconosciuto dalla Costituzione. Aspetti che qui do per scontati, perché costituiscono (o almeno, dovrebbero) il background culturale di ogni Avvocata/o.
E senza alcuna pretesa di poter qui esaurire l’argomento.

Quanto ci ricordiamo di quel doppio impegno, durante le nostre faticose e affannate giornate, tra studio e palazzi di giustizia?
Quanto sono presenti i fini della giustizia e la tutela dell’assistito nella nostra frequentazione quotidiana con i clienti e nella interlocuzione con i Colleghi e i Magistrati?
E infine, cosa resta di quegli ideali così alti nel dialogo sempre complesso con la politica e con i politici, ai quali incessantemente forniamo richieste per il migliore funzionamento dei processi, per la tutela di vecchi e nuovi diritti e per il rispetto e la tutela (della dignità anche economica) del nostro lavoro?

Certo non è facile averli in mente e declinarli incessantemente, mentre si lavora in condizioni che sempre più spesso nulla hanno di alto.
Ed è altrettanto immane lo sforzo nel dialogo con rappresentanti politici che, nel susseguirsi di governi di tutti i colori, sembrano costringerci in quelle che ai cittadini e alle cittadine appaiono come mere rivendicazioni di categoria, dettate dal perseguimento di meri interessi di “casta”.
Una politica che spesso sembra ignorare del tutto il nostro ruolo e la nostra funzione; ovvero che ne è tanto consapevole dal volerli annientare. E che spesso dimentica che anche il lavoro degli Avvocati (come quello di tutti i liberi professionisti) è tutelato dalla Costituzione e deve essere remunerato in misura equa e dignitosa.

E anche noi ci mettiamo del nostro, se vogliamo dirla tutta ed essere onesti prima di tutto con noi stessi.
Nessun’altra categoria professionale ha un tasso di conflittualità interno lontanamente paragonabile al nostro.
Certo, la primazia della nostra professione e il nostro essere compartecipi della giurisdizione giocano un ruolo fondamentale.

Ormai da oltre un lustro ci arrovelliamo alla ricerca di una unicità di voci, di intenti, di interessi, che è un ossimoro. Ci affanniamo nel circoscrivere ambiti di operatività delle nostre istituzioni, spesso commettendo gli stessi errori che vengono perpetuati in ambito politico. Ci siamo inventati anche un ambito, definito politica forense, che vede un certo numero di noi impegnati in qualcosa che non si comprende bene cosa sia: forse un sottoinsieme della politica?

Siamo un corpo sociale, è vero, ma nessuna professione è composta da persone più individualiste di noi. E le profonde differenze di organizzazione e di dimensione dei nostri studi, di reddito e di formazione impattano in maniera determinante sulle rivendicazioni e sulle priorità.
La crisi economica e le terapie governative che hanno massacrato il ceto medio hanno intaccato inesorabilmente il sentimento di “appartenenza” e molti di noi non si riconoscono più.
La nostra è la più libera delle professioni e invece spesso ci facciamo ingabbiare in un gioco al ribasso che dovremmo saper rifiutare a priori.

Nel frattempo, Avvocate e Avvocati vengono sempre più spesso aggrediti da persone vittime del processo di identificazione con il loro nemico (la controparte) o che patiscono il senso di inadeguatezza della riposta di giustizia attesa.
Aumentano le dichiarazioni di esponenti politici che vedono negli Avvocati una inutile complicazione nei processi, dei quali dimostrano di avere una idea a dir poco distorta.
E anche alcuni esponenti della magistratura non fanno mancare di tanto in tanto interventi poco edificanti.
Tutti costoro, in fondo, fanno pagare a noi avvocati il prezzo del fallimento dello Stato nel gestire il sistema giustizia.

In questo contesto non è certo facile né semplice spiegare ai nostri concittadini cosa significhi essere Avvocati e in cosa consista fare gli Avvocati: maneggiare diritti e delitti, verità processuale e verità storica, drammi personali e vite delle persone.
Ma solo ripartendo dalla fedeltà a quel patto che abbiamo sottoscritto al nostro ingresso usciremo dall’angusto ambito di rivendicazioni nel quale la cattiva politica ci ha sospinti.

Cominciamo a imporre le nostre regole alla comunicazione mass mediatica e a sottrarci al confronto quando quelle regole non sono rispettate.
In tal modo riusciremo anche ad evitare le trappole nelle quali anche taluni di noi talvolta inciampano.
È solo cosi che riguadagneremo l’autorevolezza del nostro ruolo (quello sì) sociale.

In questo numero sono presenti preziose testimonianze di Colleghe e Colleghi. Molti spunti di riflessione costituiscono un contributo importante alla riflessione collettiva e offrono a tutti, avvocati e non, prospettive per recuperare il senso di ciò che siamo e di ciò che facciamo.

Photo credit: BlurringBoundaries

delle stessa Autrice, su Ora Legale News:
www.oralegalenews.it/etica-pubblica-e-avvocatura

#TOPICS: ultimi articoli

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

La zavorra del Mezzogiorno

Canio Trione (Economista in Bari)
Qui non si tratta di “aiutare” qualcuno, ma di sapere e perseguire l’interesse della nostra comunità

Leggi l'articolo

I punti cardinali della ripartenza

Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Nell’affrontare quella economica non possiamo dimenticare il senso comune dello stare insieme

Leggi l'articolo

Ripartiamo dai sostantivi femminili

Serenella Molendini (Consigliera nazionale di parità supplente)
Tutte le epidemie precedenti hanno dimostrato che “nel dopo” aumentano le disuguaglianze in particolare di genere

Leggi l'articolo

La guerra dei dati al tempo del COVID-19

Corrado Crocetta (Docente di Statistica Università di Foggia)
In questi giorni, è importante che l’opinione pubblica sia consapevole dei rischi legati alla riduzione del distanziamento sociale

Leggi l'articolo

Le radici del male

Nicky Persico (Avvocato e scrittore)
E’ una storia vera: una di quelle notizie di cui si parla per un po’, e poi spariscono nel vuoto che le inghiotte: nel silenzio

Leggi l'articolo

Affrontare la ripresa

Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Bisognerebbe riferirsi all’“intelligenza” di fare le scelte migliori, ogni giorno, per ciascuno di noi, ma avendo presente l’intera Nazione e il suo futuro

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Emergenza occasione per cambiare

Pubblicato in |||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e l’adolescenza)
Sì a riaperture diversificate; è importante dare ai ragazzi certezze sia sull’inizio dell’anno scolastico sia sulle modalità di svolgimento degli esami di stato

TEMPERATURE IN RIALZO

Pubblicato in

ovvero, ciò che nessun DPCM può annientare Al di là…

CONTE-STATO

Pubblicato in

ANNICHILIMENTO DI GREGGE un’opera al grigio Pillola assai breve. Si…

UN ETERNO PRESENTE

Pubblicato in

Il fine pena mai è tra noi. Validato da una…

MILITES

Pubblicato in

C’è un soldato, tale Pirgopolinice, spaccone e credulone che, per…

Provvedimenti

Pubblicato in

(ai tempi del virus) Leggo l’ordinanza nr. 35 del 19/4/2020,…

Bulimici normativi

Pubblicato in

In poco tempo è stata prodotta una congerie di norme…

KAOS-19

Pubblicato in

Kaos-19. Confinati senza un domani. In lockdown, se vi piace. Maledetto Covid-19.

Il ratto di Europa

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Vediamo se si riesce a trarre qualche insegnamento dal mito di Europa. In realtà, una storia (una delle tante) piuttosto breve.

Curare le relazioni per garantire i diritti

Pubblicato in ||||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e per l’adolescenza)
Tracciato il bilancio di quattro anni di incarico: chiesti per l’Agia pareri obbligatori sulle leggi, poteri di ispezione, possibilità di intervento in giudizio e una struttura del personale stabile

IL TOTALMENTE ALTRO

Pubblicato in

(il Diritto al rovescio) Qui si parla della negazione di…