Sapere Social Gennaio 2019

SAPERE SOCIAL #03

di Enzo Varricchio

“Esiste un solo bene, la conoscenza, e un solo male, l’ignoranza”.
Socrate

La conoscenza non è più quella di una volta.
Platone diceva che “con la scienza l’uomo s’india”, cioè si fa divino.
In quasi tutte le culture antiche la conoscenza era impersonata da una divinità: Quetzalcoatl (Aztechi), Thoth (Egizi), Atena (Greci), Minerva (Romani), Sarasvati (Indù), etc. E questa divinità poteva coincidere o meno con quella della saggezza. Perché non sempre l’erudizione coincide con il sapere e non sempre il potere della conoscenza è amministrato con la giusta consapevolezza e oculatezza. La cultura greca creò la filosofia proprio per unire cultura e saggezza, e furono la democrazia, il Partenone, la nascita del metodo sperimentale.
Nel Medioevo (occidentale), salvo importantissime eccezioni, il sapere era concentrato sulle sacre scritture e sulla loro esegesi approfondita. Dopo la scoperta dell’America si spostò sulla esplorazione geografica, il Rinascimento lo svincolò dalla religione e l’Illuminismo aperse le porte a un’altra dea, la Ragione, lo strumento umano per giungere alla verità. E così furono le “sorti magnifiche e progressive dell’umanità” su cui polemizzava il Leopardi di La Ginestra. Eppure già Kant avvertiva che la conoscenza nasce dall’incontro tra le strutture trascendentali della mente umana e l’esperienza fenomenica per cui non è possibile assicurarne l’assoluta verità ed oggettività se non nei limiti degli strumenti conoscitivi a disposizione dell’essere umano.
Nel primo Ottocento le speculazioni filosofiche celebrarono grandi ideali come lo Spirito, il Sentimento, l’Arte, la Storia, elaborando un’idea di conoscenza che poco o punto aveva a che fare con quella che praticavano gli uomini di scienza che inventarono nuove macchine, edifici di metallo e di cristallo, gas ed elettricità, navi corazzate e aerostati, scoprendo nuove leggi del mondo fisico.
Il “secol breve” ci regalò la teoria di Karl Popper secondo cui la vera scienza deve essere falsificabile, formulata cioè in modo tale che la sua sottomissione a un esperimento possa eventualmente attestarne la falsità. Il contrario del dogma e dei sistemi chiusi di verità come la religione, il marxismo e la psicoanalisi freudiana.
Tutte le evoluzioni della gnoseologia e dell’epistemologia si sono sempre basate sulla centralità del soggetto conoscente, di colui che mette insieme (dal verbo latino cognoscere, da cum-gnoscere, mettere insieme ciò che si apprende, collegare) e organizza le informazioni, in ultima istanza sa, cioè utilizza la conoscenza accumulata in un’azione pratica e utile (ecco il senso etimologico dal latino sapĕre ossia “aver sapore, esser saggio, capire”). Il sapere era in ultima istanza strettamente individuale e anche il libro che lo raccoglieva restava una cosa da cercare e studiare personalmente, con fatica e profondità, possibilità concessa a pochi anche per i costi del mezzo.
Internet ha sconvolto questo assioma.


Ora il soggetto che apprende, nel senso di colui che collega le informazioni e connette gli utenti, è il World Wide Web, l’essere umano diventa solo l’utilizzatore finale dell’apprendimento del sistema.
Oggi il sapere è collettivo, socializzato da Facebook, addirittura “cooperativo” nel caso di Wikipedia: tutti possono sapere tutto con un semplice clic. Se vogliamo, l’era dell’ignoranza è finita.

E allora, come mai l’analfabetismo ritorna, la cultura s’imbarbarisce, eserciti di imbecilli popolano i social? Perché troppa informazione uguale nessuna informazione, ipervelocità uguale superficialità, nessuna fatica uguale nessun vero risultato.

Nei social network si tende a formare delle stanze chiuse (Echo Chambers) in cui si tende ad acquisire informazioni coerenti con la propria visione del mondo e interpretazioni divergenti finiscono per non trovare più considerazione. L’effetto è di isolare nella sua bolla l’utente da informazioni che sono in contrasto con il suo punto di vista culturale o ideologico (es.: ricerca personalizzata di Google e notizie personalizzate di Facebook), quindi a lasciarlo nella sua falsa conoscenza perché la cultura è per definizione confronto tra idee diverse.

https://www.oralegalenews.it/magazine/demenza-artificiale-new-media-ed-etica-pubblica/2445/2019/
La conoscenza torna a separarsi dalla saggezza e il vero “sapere” tramonta.
Il problema più grave è che, a lungo andare, il web saprà tutto e l’uomo, impigrito dalla pseudoconoscenza del clic, non saprà più niente ma non se ne renderà nemmeno conto, stordito dall’effetto “Dunning-Kruger”. Di che cosa si tratta? Quando le persone sono incompetenti non solo giungono a conclusioni errate e compiono scelte sbagliate, ma la loro stessa incompetenza gli impedisce di rendersene conto, anzi, hanno l’impressione di cavarsela egregiamente. Insomma, gli ignoranti non sanno di essere ignoranti, finendo per somigliare a delle macchine inconsapevoli dei loro limiti. Sarebbe il trionfo assoluto dell’ignoranza globale.
Forse fu questa la causa della fine di Atlantide.
Di contro, mai come in un epoca come quella odierna, in cui la tecnologia monopolizza l’informazione, l’energia, la medicina, la robotcibernetica, in cui ci si appresta a varcare la soglia della clonazione umana, è necessario rendere pubblici e condivisi i risultati delle ricerche scientifiche per non veder presto prevalere quelle clandestine o segrete, consegnando definitivamente il potere assoluto a un manipolo di supersapienti e superpotenti.
Esiste un sacrosanto diritto al sapere di tutti i cittadini, un diritto alla cultura e alla conoscenza sancito anche dai dettami della Costituzione italiana agli artt. 3, 9 e 33.

In che argomento complicato ci siamo ficcati stavolta.
E’ un nostro vizio, cercare di capire la complessità. Il diritto è una forma alta di conoscenza perché indica ciò che è giusto e ingiusto nella prospettiva della conservazione dell’ordine e della pace, ma soprattutto perché il processo, che è la sua traduzione concreta, nient’altro è che ricerca della verità.
Ecco perché da giuristi ci sentiamo le avanguardie di questa guerra per il sapere.

Dello stesso autore:
https://www.oralegalenews.it/copertina/iustitia-delenda-magazine-numero-01/678/2018/

Prometheus – il dono della conoscenza – Ridley Scott, (2012) Official trailer:
https://www.youtube.com/watch?v=2LTQQIiPiuw

#TOPICS: ultimi articoli

Il valore prezioso della differenza

di Maria Masi (Avvocata in Nola e componente del CNF)
Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio – Chi vedo quando chiudo gli occhi – Come vengo sospinta quando vengo sospinta – Cosa cerco quando lascio libere le mani
Nessuno sa…

Leggi l'articolo

Un futuro senza quote

di Cinzia Gaeta (General counsel Sud Europa Procter & Gamble)
Le quote non servono a facilitare la carriera delle donne ma ad imporre alle aziende di guardare all’universo femminile come ad una risorsa, ad aiutare a rompere schemi e stereotipi.

Leggi l'articolo

L’oltre dell’altro

di Massimo Corrado Di Florio
“Io potrei magari fabbricare figure che abbiano cuore, coscienza, passioni, sentimenti, moralità. Ma nessuno al mondo ne vuol sapere. Quello che vogliono a questo mondo sono soltanto le curiosità, i mostri. Ecco quello che vogliono, i mostri”

Leggi l'articolo

Cariche elettive e parità di genere in Costituzione

di Michele Belletti (Professore Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico – Uni Bologna)
La forma della proclamazione del principio diviene sempre più sostanza dell’effettività della parità di genere.

Leggi l'articolo

Dress for success

di Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano)
Tecniche di empowerment per migliorare le performance favorendo l’inserimento delle donne nel mondo del lavoro.

Leggi l'articolo

Né puttane né madonne

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Il primo, apparentemente semplice passo per combattere la violenza contro le donne è accettare il fatto che esiste e accettare di posarvi sopra il nostro sguardo.

Leggi l'articolo

Il Ddl Pillon dà i numeri

di Linda Laura Sabbadini (Statistica sociale)
Pubblichiamo il testo integrale delle osservazioni al DdL Pillon in occasione della audizione alla Commisione Giustizia del Senato della Repubblica del 14 febbraio 2019.

Leggi l'articolo

Coltivare parole

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
L’uso di una lingua adeguata al genere contribuisce a costruire una cultura che tenga conto delle differenze, e che allo stesso tempo rappresenti tutti/e coloro che partecipano alla vita sociale, economica e politica.

Leggi l'articolo

Siamo tutti femministi

di Enzo Varricchio
Dietro l’apparentemente spessa coltre di egalitarismo che impregna la nostra società ipocrita, si annida il virus micidiale del pregiudizio, del discrimine sessista, duro a morire perché ben nascosto nella pancia della gente.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

C – CAPO CUOCO

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Ormai in moltissime emittenti…

S – Scandalo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Questa parola ha origine…

S – Scrupolo

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La parola, come nella…

V – Vanvera

Pubblicato in

di Flaviano ragnini (Avvocato in Bari) L’etimologia della parola vanvera…

R – Rimanere al verde

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) Tale locuzione, riferita a…

A – Azz

Pubblicato in

di Flaviano Ragnini (Avvocato in Bari) La maggior parte di…

Fine vita tra etica e diritto

Pubblicato in ||

di Isabella de Bellis Sciarra (Avvocata in Perugia)
Rispetto e attenzione declinano il concetto di dignità, come valore intrinseco e inestimabile di ogni essere umano…

Ddl Pillon contro codice rosso

Pubblicato in ||

di Krizia Colaianni (Avvocata in Bari)
Le quattro novità principali del disegno di legge “Pillon”.

(IN)COMPRENSIONI

Pubblicato in |

di Massimo Corrado Di Florio
Comprendo le tue ragioni, le ho talmente fatte mie che sono convinto che hai davvero ragione. Tuttavia, proprio adesso che le ho così ben comprese, ti dico che hai torto.

Molestie sul lavoro. Risarcimento danni record

Pubblicato in ||

Antonio Pascucci e Sabrina Pisani (Avvocati in Milano)
Il Tribunale di Como ha affermato il principio della tolleranza zero verso le molestie verbali.

Una storia blu

Pubblicato in ||

di Pietro Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta)
Il cane della prepotenza, vessazione, bullismo e cyberbullismo; il cane della violenza…

Dichiarazione universale diritti: le parole giuste

Pubblicato in ||

di Ileana Alesso e Maurizia Borea (Avvocate in Milano)
La Dichiarazione universale dei diritti umani si fa leggere con speditezza, linearità e piacere.
È un’amica ritrovata, che è sempre bello rivedere, tra le fotografie del 1948, insieme alla Costituzione italiana.