Avvocati del futuro o del passato?

Avvocati del futuro o del passato?

di Vinicio Nardo (Avvocato in Milano)

Il problema è che i millenni vengono solo una volta ogni mille anni, altrimenti forse avremmo più occasioni di guardare con maggior profondità e distacco all’evoluzione dei fatti e di intuire le future tendenze.

Chi riflette sull’intelligenza artificiale disegna scenari che sembrano fantascientifici eppure sono praticamente realtà.
I sistemi attuali di profilazione sono ben più sofisticati della semplice lettura di cosa scriviamo su Facebook (metodo ancora post-analogico, tuttavia di qualche efficacia).

Gli algoritmi oramai imparano da soli come riconoscere il tuo volto e quali immagini proporti di prodotti che hai cercato su internet. Così come i rilevatori biometrici possono cogliere ogni minima emozione e sono quindi in grado di rivelare i nostri pensieri, pure quelli inconsapevoli o inconfessabili.

Minority Report per noi penalisti è stato il film sulla “giustizia predittiva”, quella che porta all’arresto del colpevole ancor prima che abbia commeso il delitto.

L’abbiamo ritenuta irrealizzabile: una giustizia da fumetto.

Ci sfugge che era anche il film dei cartelloni pubblicitari che al passaggio di Tom Cruise trasmettevano suadenti messaggi pubblicitari individualizzati: e questo invece è praticamente realtà.

Blade Runner era il film degli interrogatori aiutati da tecniche e marchingegni che stanavano l’alieno.
Beh, scordiamoci i mille cavi e le ventose delle macchine della verità: a breve un chip sotto pelle svelerà persino i sussulti invisibili e le sudorazioni asciutte del soggetto attenzionato.
E non solo in quell’attimo, dopo quella precisa domanda, ma in un ampio arco di tempo e di fronte a immagini e conversazioni casuali.
Non è 1984 di Orwell: è molto peggio.

Ed allora, se invece che a fine 2018 fossimo all’alba del 2000, la riflessione sugli scenari del nuovo millennio ci renderebbe forse più consapevoli della necessità di rafforzare le garanzie ed il processo penale, che sono il naturale presupposto delle nostre libertà individuali.

Forse capiremmo che l’evoluzione tecnologica, così come sta erodendo il primato del sistema democratico (già etichettato da Churchill come il meno peggio), allo stesso modo sta mandando in crisi lo strumento democratico per eccellenza di accertamento dei fatti, ossia il processo accusatorio.

Il mito tecnologico non è altro che l’ultimo veicolo dell’autoritarismo giudiziario.
Da Salomone al DNA, passando per lo sciamano o il capo religioso o finanche la folla inferocita, sempre forte è la tentazione di sottrarre il giudizio ad un sistema di regole predefinite e di delegarlo all’arbitrio di qualcuno o, adesso, qualcosa.

Difendere il ruolo sociale dell’avvocato vuol dire anche comprendere questo fenomeno e contrastarlo.
Insomma, siamo tutti, ed in ogni momento, avvocati di inizio millennio. Oppure di fine millennio: questo dipende da noi.

Pics Massimo Corrado Di Florio, 2018

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora