Fake news e rilevanza penale

Fake news e rilevanza penale

di Nadia Germanà Tascona (Avvocata in Milano – Fronteverso Network)

La parola è un’opera pubblica”, questo l’affascinante titolo del convegno del 14 dicembre 2018, nella bellissima Sala del Grechetto, promosso da FronteVerso, A.D.G.I. Milano, Eticrea con Media Partner ORA LEGALE, Diritti e dintorni.
Il tema è stato trattato, sotto diverse angolazioni, da professionisti di diverse discipline e con interesse al valore della parola e alla sua capacità costruttiva o distruttiva.

In particolare, sotto questo profilo, si è parlato delle fake news.

La forza distruttiva della parola è ancora più evidente quando la comunicazione avviene attraverso la rete e i social dove la diffusione è potenzialmente illimitata.

Mentre Facebook annuncia, almeno all’estero, che introdurrà dei filtri “antibufale” e gli informatici studiano le possibili soluzioni tecniche per arginare il fenomeno, nel mondo del diritto si pone il problema della tutela penale.

Si può osservare la questione almeno da due prospettive.
Da una parte, quella della collettività che richiede una tutela penale condizionata dalla percezione della propria insicurezza spesso determinata da fake news, che non sono solo le notizie false, ma anche quelle allusive, tendenziose o esagerate.
Dall’altra, quella del singolo che viene ad essere leso nei propri diritti o interessi dalla notizia falsa e richiede un intervento della giustizia penale.

Prospettive entrambe interessantissime e che richiederebbero pagine e pagine di analisi.

Ci si può limitare qui ad osservare che, da un punto di vista generale, è evidente come le informazioni siano in grado di condizionare l’opinione pubblica.
Questa, sotto la pioggia di notizie su specifici temi, sviluppa un senso di insicurezza o pericolo e richiede un intervento normativo.

E così, vi sono periodi storici in cui pare che vi siano solo incidenti stradali causati da persone sotto l’effetto di alcool, altri solo rapine o furti in abitazione.
I dati offerti non rappresentano una situazione oggettiva e statisticamente accertata di generale allarme, ma nella collettività si ha una percezione di pericolo imminente, al quale si chiede di far fronte con nuove norme.

Ovviamente la questione è più delicata quando l’informazione è volutamente destabilizzante e ha come obiettivo quello di sostenere una modifica normativa o un una proposta di legge già elaborata.

La capacità dell’informazione e della disinformazione di condizionare le scelte di politica criminale, o meglio di condizionare la percezione dell’esigenza di rafforzamento della tutela penale, ha come conseguenza la proliferazione di nuove fattispecie di reato e l’aumento delle pene edittali non utile, che offre una soddisfazione apparente, ma non aiuta il sistema.

Da più parti si tende ad affermare che la tutela offerta dal sistema penale all’individuo vittima di fake news sia insufficiente.

Diversi giuristi lamentano la mancanza di norme idonee anche se, in realtà, la diffusione di fake news, ossia delle falsità, può potenzialmente determinare la commissione di diverse tipologie di reato, in considerazione del bene offeso.

A seconda che vengano lesi valori ordinamentali collettivi o diritti dei singoli, la libertà degli affari economici o la libertà individuale o la reputazione, potranno configurarsi i reati di distorsione del mercato, di concorrenza sleale, di procurato allarme, propagande razzista ed apologia di reato, minacce e diffamazione.
E queste sono solo alcune ipotesi, senza alcuna pretesa di esaustività.

Nell’ambito di processi per diffamazione a mezzo web, i giudici hanno recentemente recepito nelle loro sentenze il termine fake news, definite come “notizie false (o altrimenti dette in linguaggio corrente “bufale”).
E hanno affermato che i limiti tracciati da tempo dalla giurisprudenza in tema di diffamazione a mezzo stampa devono essere seguiti anche dalla “persuasiva forma di diffusione di notizie costituita dalla pubblicazione di testi o immagini sul web

Le fattispecie penali esistono, ma vi è un problema di efficacia degli strumenti, soprattutto di fronte a un sistema virtuale illimitato.

E allora bisogna forse ragionare sulla considerazione ovvia, ma spesso trascurata, che la soluzione non parte da, o arriva con, la giustizia penale, ma si deve fondare sulla riaffermazione del rispetto degli altri, anche nei modi comunicativi.
Perché “le parole sono un’opera pubblica”: vanno tutelate e maneggiate con cura.

Ph.: fonte – http://psicologacantucomo.weebly.com

#TOPICS: ultimi articoli

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Un sogno realizzato

Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)
Un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità

Leggi l'articolo

E il giudice sorrise

Elisabetta Rosi (Consigliera della Corte di cassazione)
Si deve trattare con cura ogni processo, come se fosse l’unico processo da trattare, perché è unico per chi lo vive, sia esso vittima od accusato

Leggi l'articolo

Giudici e Avvocati

Anna Losurdo
L’Avvocato che esercita la sua professione con libertà e indipendenza rafforza l’indipendenza della giurisdizione

Leggi l'articolo

La letteratura dei giudici

Enzo Varricchio
I magistrati raccontano perché narrare rende liberi, la verosimiglianza del romanzo permette loro di assumere vesti e ruoli inconcepibili nella vita reale, condurre un’esistenza scapigliata e romantica

Leggi l'articolo

L’evidenza invisibile

Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma) 
Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale

Leggi l'articolo

Magistratus sum

Decidere sugli altri e per gli altri è un atto complesso che coinvolge l’intima percezione di sé, impone di superare pregiudizi, convinzioni culturali, abiti mentali

Leggi l'articolo

Privilegi o prerogative

Sergio Di Paola (Consigliere della Corte di cassazione)
La presunzione di essere depositario delle certezze giuridiche e storiche deve cedere al costante esercizio dell’arte del dubbio

Leggi l'articolo

Il diritto alla giustizia

Umberto Apice (già Avvocato Generale presso la Corte di cassazione)
Portare sul tavolo del giudice ogni malessere sociale, senza provvedere alla eliminazione delle cause, finisce per tramutare in fisiologico quello che è patologico

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona

Anche noi?

Pubblicato in ||||

Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)
Bullismo e molestie sessuali anche nel settore legale analizzati in un sondaggio dell’International Bar Association

Esseri linguistici

Pubblicato in |||

AnnaMaria Passaggio (business career coach in Milano)
Se la parola è azione e l’azione costruisce il nostro essere, allora possiamo modificare il nostro essere attraverso la parola