L’ultimo miglio della legge professionale forense

L’ultimo miglio della legge professionale forense

di Armida Dal Bo (Avvocata in Treviso)

È da poco iniziato il nuovo anno, ma nell’Avvocatura si sente sempre più forte l’esigenza di riacquistare unità ed autorevolezza.
La strada è sicuramente in salita, ma uno dei mezzi è riappropriarsi di quelle competenze che l’Avvocatura ha abbandonato, timida nell’affermare la propria specificità ed il proprio ruolo, lasciando cedere il passo ai più svariati principi.

Negli ultimi anni, il processo di liberalizzazione nelle prestazioni di servizi legali ha consentito a molteplici operatori di fare della consulenza legale un vero e proprio business.

Sottratti a qualsiasi controllo ordinistico, obbligo deontologico o di formazione, e men che meno assicurativo, costoro hanno fornito prestazioni di consulenza legale nei più svariati settori, investito capitali in operazioni di marketing strutturate e, soprattutto, mirato a target costituiti da soggetti fragili, piccole e medie aziende in crisi e consumatori sovraindebitati.

Il tutto sotto la protezione del principio di libertà di prestazione di servizi e grazie al vuoto creato dall’assenza di una totale riserva dell’attività di consulenza alle professioni ordinistiche, e della consulenza legale in particolare.

Gli investimenti nel marketing di tali liberi operatori nel mercato della liberissima concorrenza sono stati proporzionali ai fatturati ed utili attesi.

Nella logica del profitto, i nuovi “prestatori di servizi legali” hanno creato artificialmente il “bisogno” di contenziosi bancari, anche laddove non c’erano i presupposti, illuso sovraindebitati di potersi esdebitare a costo ed impegno zero, promesso a giovani avvocati azioni giudiziali per contenziosi massivi per ridurne i compensi.

I risultati per i destinatari dei “servizi” sono sotto gli occhi di tutti: un aumento esponenziale del contenzioso bancario con l’avvio di contenziosi anche laddove non vi erano i presupposti, procedure di sovraindebitamento mai attivate, aziende fallite, perché illuse di poter risolvere la propria insolvenza solo facendo causa alle banche.

Il labile discrimen oggi consentito dall’art. 2 della Legge Professionale in vigore, tra attività di consulenza legale e assistenza legale stragiudiziale connessa all’attività giurisdizionale e quella che ad essa potrebbe non ritenersi connessa, ha lasciato spazio alle più fantasiose formule lucrative di players scevri da ogni preoccupazione (e men che meno obbligo) di tutela degli interessi dei clienti.

Una visione lungimirante del futuro della professione di Avvocato non potrà prescindere da una, certo non facile, modifica legislativa dell’art.2 LP solo apparentemente impopolare e retrograda.

Sarà necessario ritornare al testo del disegno di Legge Professionale, che all’art. 2 comma 6 prevedeva semplicemente la riserva piena di legge per la consulenza e assistenza legale stragiudiziale, da integrare semmai con l’apporto delle specifiche competenze di altre professioni ordinistiche.

Non per la bieca finalità di coltivare il proprio giardino, ma al contrario proprio per evitare che la selvaggia prestazione di servizi legali da parte di chiunque e con finalità esclusivamente di lucro si traduca in una lenta ma irreversibile dismissione di diritti fondamentali dei cittadini.

I diritti non si tutelano solo davanti agli organi di giustizia, ma anche prima e fuori dalle aule dei Tribunali.
La funzione di tutela preventiva della violazione dei diritti fondamentali non ha minore importanza della loro tutela in sede giurisdizionale.

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora