admin-ajax 1

Siamo tutti femministi

di Enzo Varricchio

“Le donne che hanno cambiato il mondo non hanno mai avuto bisogno di mostrare nulla se non la loro intelligenza”.
(Rita Levi Montalcini)

Siamo tutti femministi, paritàdigeneristi, inorriditi dalla barbarie femminicida, ma – e in questo “ma” c’è qualcosa di troppo – siamo anche capaci di tirar fuori amenità fraseologiche del tipo: “Ho paura delle donne al comando, non sai mai come la vedono?”. “L’assessora ha fatto una scelta uterina”, “Preferisco un giudice maschio, più prevedibile”, “Le presidi donna sono le peggiori, soprattutto dal lato umano”, “Quella va sempre in giro con la scusa del lavoro anziché pensare ai figli”, “Le donne litigano sempre tra loro”, “Le femministe hanno rovinato l’umanità”, “Gli uomini sono più tolleranti”, “Si vede che il capo è un uomo, regna l’armonia”.
Potrei andare avanti a lungo su questa falsariga ma ci siamo capiti. E queste affermazioni provengono indifferentemente da uomini e donne di diverse estrazioni sociali.

Dietro l’apparentemente spessa coltre di egalitarismo che impregna la nostra società ipocrita, si annida il virus micidiale del pregiudizio, del discrimine sessista, duro a morire perché ben nascosto nella pancia della gente.

Cerchiamo di essere il più possibile lucidi e obiettivi. Innanzitutto, chi vi dice che chi scrive non sia un falso egalitarista, un maschilista pervicace e ottuso che si schiera dalla parte delle donne solo perché sarebbe impossibile fare il contrario senza essere scorticati dalla folla? Potreste scoprirlo solo conoscendomi di persona, nel mio privato, laddove si dimostra ogni giorno se nei fatti rispetto allo stesso modo le persone di tutti i generi, e anche dei transgeneri.

Il politically correct è il mezzo più diffuso per mentire, per non arrivare mai al nocciolo delle questioni, per mimetizzarsi tra la folla generalista. E’ nel privato, dietro l’uscio chiuso del menage familiare e amicale, che si materializza il volto oscuro del male.

A volte poi, le femministe sono ipocrite anche loro. Si è da poco sopita la polemica scatenata dalla pubblicità di Philippe Plein in cui una sorta di serial killer mascherato, ribattezzato ‘price killer’, sgozza una donna nel black Friday. Un’immagine di denunzia, sia pure finalizzata al marketing, che tuttavia ha sollevato schiere di indignate contro lo stilista per l’abuso del corpo femminile. Come se i cartelloni pubblicitari di tutte le città non fossero zeppi di immagini di corpi, corpi sia di uomini che di donne più o meno indegnamente mercificati.

La pubblicità di Philippe Plein

E allora, siamo tutti femministi equivale a nessuno è femminista?
Il femminismo, quello originario e profondo, ha probabilmente raggiunto il suo scopo: cambiare la percezione della donna nel linguaggio e nell’immaginario collettivo, rendere possibile alle donne l’assumere tutti i ruoli una volta riservati all’altro sesso. Anche a costo di fomentare l’ostilità verso gli “antagonisti maschi” e imporre per legge le “quote rosa”, una specie di male necessario in un mondo di presunti minorati, quando in un sistema democratico è evidente che se le donne non vengono elette è perché le donne non le votano.

Oggi, se vogliamo uscire dalla contraddizione tra perbenismo pubblico e violenza privata, più che di femminismo abbiamo bisogno di educazione familiare e cultura del rispetto degli altri, del diverso da sé; di pedagogia delle parole e dei sentimenti, di condivisione dei ruoli e distribuzione dei pesi e delle responsabilità.

Perché, come ha correttamente sostenuto Umberto Galimberti, i sentimenti non sono innati, si apprendono a casa, a scuola, sul lavoro, nelle relazioni tra le persone. Quando i sentimenti non vengono espressi ci si rinchiude in un io ignorante, solitario e aggressivo. L’insicurezza, la paura dell’altro, la scarsa pratica dei sentimenti e una diffusa ignoranza delle parole e dei gesti sono le vere cause di ogni amore criminale.

Le donne di oggi non hanno cambiato il mondo perché si sentono ancora sotto osservazione, sotto giudizio, e ne hanno – sia pure inconsapevole – paura; vogliono ancora dimostrare di essere le migliori per sentirsi accettate nei ruoli chiave e in famiglia; hanno timore del futuro, dei ritardi e delle scadenze, del tempo che passa sui loro corpi e che segna le loro anime.
Hanno bisogno di trovare la forza per gridare: “Io non ho paura”, come il bambino segregato in un fosso dell’omonimo romanzo di Niccolò Ammaniti.
Se riusciranno a farlo, le fearless girls si approprieranno finalmente delle loro vite, liberandole da tutte le ansie da prestazione; e potranno insegnarlo anche ai loro figli, figlie, mariti, amiche, amici.

PIC: Il murale di Banksy e Borf dedicato alla giornalista ed artista curda Zehra Doğan, all’angolo tra la Houston Street e Bowery (Manatthan, NY).

#TOPICS: ultimi articoli

Italian haters

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Leggi l'articolo

Gioventù bruciata

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

Leggi l'articolo

Narcisisti e violenti ma molto social

Anna Losurdo
Con la violenza verbale possiamo sbandierare ai quattro venti la nostra non violenza

Leggi l'articolo

Art against violence

Enzo Varricchio
L’arte è un potente antidoto contro la guerra e la violenza di ogni tipo. Gli artisti visivi contemporanei come Banksi o Toscani contribuiscono a cambiare la mentalità della gente

Leggi l'articolo

Piccoli schiavi invisibili

Roberta Aria (Avvocata in Napoli)
A trent’anni dalla Convenzione di Ginevra sui diritti dell’infazia e dell’adolescenza

Leggi l'articolo

Vis fatale cui resisti non potest

Massimo Corrado Di Florio
Le infinite declinazioni della violenza non risparmiano nessuno. Nessun umano affare ne va esente

Leggi l'articolo

Occhio ai titoli

Antonio Longo (Avvocato in Bari)
La pratica antica, ma non per questo meno grave, di dipingere con aggettivi e caratterizzazioni bonarie l’assassino o il violentatore di turno

Leggi l'articolo

La forza mite della giustizia

Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Declinate al plurale, le violenze riempiono uno spazio senza contorni, difficilmente delimitabile

Leggi l'articolo

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Rugginosi

Pubblicato in

Inutile. Proprio non ce la si fa. Anche le interminabili…

Italian haters

Pubblicato in |||

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Gioventù bruciata

Pubblicato in |||

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

OBLIQUI BULIMICI DELLO ZERO ASSOLUTO

Pubblicato in

Anche quando nessuno domanda più nulla, ecco che si dànno…

L’indomito scorpione e l’allocca rana (corsi e ricorsi)

Pubblicato in

Assistiamo, oggi, al susseguirsi di eventi tutti già scritti. Becere…

Pochi grammi di coraggio

Pubblicato in |||

Nicola Laforgia (Direttore Neonatologia e TIN Universitaria Policlinico di Bari)
Il supporto psicologico in terapia intensiva neonatale è fondamentale

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Ricorda di volerti bene

Pubblicato in |||

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Ricorda di volerti bene
E che c’è una linea
Che nessuno dovrà mai varcare