accoglienza vs criminalizzazione

Accoglienza o criminalizzazione

di Piero Rossi (Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale)

Corrono sul filo della comunicazione para istituzionale (per lo più si tratta di account social di esponenti delle Istituzioni che però continuano ad esprimersi a titolo personale come se di quelle articolazioni dello Stato non fossero i rappresentanti legali) dichiarazioni improvvide che restituiscono l’immagine di un Paese che ha buone ragioni per sentirsi invaso, minacciato, in pericolo per l’arrivo di qualche centinaio di poveracci da oltre frontiera.

Il limes in questo caso non è quello di casa nostra in senso stretto ma è quello dell’Europa.

Costoro poi, con la sostanziale demolizione di un presidio sociale efficace e ben collaudato come la cosiddetta accoglienza di secondo livello (quello erogato dagli Sprar, per intenderci) incidono negativamente sulla percezione di (in) sicurezza, proprio perchè, dopo l’accertamento dello status di asilante, vengono messi nelle condizioni di allontanarsi dal solco della legalità, per bisogno e disperazione.

Non serve più commettere un reato, per rimanerne estromesso: d’ora innanzi basterà l’assenza della soluzione abitativa e la vuotezza del tempo da trascorrere.
Tutto contenuto in quel colpo di genio che si è reificato nel Decreto Salvini. Accompagnate dalle declaratorie della fine della pacchia e dell’accelerazione (irrealizzabile ope legis) delle procedure di rimpatrio forzato.

Tutto questo da un lato. Dall’altro, la consapevolezza dell’utilità di un processo in direzione ostinata e contraria.

Della mancanza della cui efficacia, francamente, affrontiamo volentieri il rischio.
Perchè, vedete, un cittadino straniero, in assenza di permesso, viene considerato un delinquente, così, per determinazione giuridica positiva, non per diritto naturale come avverrebbe se commettesse un reato contro la persona o contro il patrimonio.
Poi, soltanto dopo, quando la frittata è fatta, potrà darsi il caso che diventi un criminale per davvero, per forza di cose.
Come dicevo prima.
Una formulazione perfettamente legale dei presupposti per l’insorgenza di condotte criminali.

Il progetto ZIP, pensato insieme all’ARCI di Bari e alla Casa Circondariale di Bari, ha provato a fornire elementi di speranza, malgrado tutto, persino malgrado la commissione di un reato, conseguenza di quell’innesco perverso di cui sopra.

Un detenuto straniero che entra nel viluppo dell’espiazione della pena e questo luogo (si, proprio il Carcere, involontario approdo aperto, di quelli che invece chiunque si augurerebbe chiuso) conferisce un tetto e un pasto e poi, attraverso la mediazione culturale, l’alfabetizzazione della lingua “ospite” e l’accesso a informazioni salienti per la sopravvivenza quotidiana in un luogo straniero, scontato il debito con la Giustizia, una rete di protezione per ancora molti giorni sotto un tetto e con dei pasti e magari un lento reinserimento sociale, prima dell’espulsione o invece di quella.

Il progetto continua e ne abbiamo parlato il 15 maggio, all’interno di una bella cornice, quella della mostra Spazi Liberi, sui cui contenuti, oltre a informazioni in presentazioni precise e suggestive, rimando al sito
http://garantedetenuti.consiglio.puglia.it/dettaglio/contenuto/67546/Evento–seminario—L-accoglienza-malgrado-tutto– .

Non possiamo, non vogliamo, non dobbiamo fermarci, come enunciò un pontefice altrettanto volitivo, ancorchè meno ispirato di quello che ai giorni nostri abbiamo tutti il privilegio di ascoltare ma poi in molti quello di seguire, almeno provandoci.

PIC.: Gabriel Bero da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Il fondo di garanzia INPS

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Leggi l'articolo

Una storia dei debiti

di Enzo Varricchio
Per chi non riesce a pagare i debiti si è troppo spesso profilato il baratro del suicidio o comunque della rovina personale e familiare

Leggi l'articolo

Gli Avvocati e il codice della crisi

di Carlo Orlando (Consigliere Nazionale Forense)
È essenziale che le prestazioni intellettuali rese in ambito concorsuale e pre-concorsuale godano della prededuzione e che i compensi siano proporzionati alla complessità dell’incarico

Leggi l'articolo

Autonomia negoziale e comunicazione

di Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Nella gestione dei rapporti patologici tra creditore e debitore si è ampliata la sfera di intervento dell’autonomia privata su base negoziale

Leggi l'articolo

Nuova esdebitazione

di Alvise Cecchinato (Avvocato in Pordenone)
Le modifiche alla liquidazione e la possibilità di esdebitazione senza patrimonio e liquidazione forse daranno davvero la possibilità della seconda chance

Leggi l'articolo

Una occasione perduta

di Luigi Amendola (Avvocato in Salerno)
Il nuovo Codice della crisi non ha risolto il mancato coordinamento tra le disposizioni preesistenti e la legge 3/2012 in tema di falcidiabilità dell’IVA e delle ritenute operate e non versate

Leggi l'articolo

La liquidazione controllata

di Francesco Angeli (Commercialista in Terni)
La nuova disciplina della liquidazione controllata ha risolto i problemi procedurali della liquidazione dei beni nella L. 3/2012 e consente maggiore celerità e migliore soddisfacimento dei creditori

Leggi l'articolo

La direttiva UE 2019/1023

di Stefania Pacchi (Diritto commerciale – Università di Siena)
La Direttiva non presenta né un progetto globale di diritto delle imprese in crisi nè un progetto analitico e completo di disciplina delle ristrutturazioni ma soltanto indirizzi su alcuni punti fondamentali

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Torri

Pubblicato in

“Il giorno seguente non morì nessuno…” mi sarebbe piaciuto scrivere…

La fiducia. Una spirale ci annoierà

Pubblicato in

C’è chi la chiede e chi la dà. C’è anche…

Come si diceva? C’è voluto poco

Pubblicato in

Tutto era già scritto. Tutto era già programmato. Con largo…

Un altro mondo è possibile

Pubblicato in |||

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Il fondo di garanzia INPS

Pubblicato in |||

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Una storia dei debiti

Pubblicato in |||

di Enzo Varricchio
Per chi non riesce a pagare i debiti si è troppo spesso profilato il baratro del suicidio o comunque della rovina personale e familiare

QUASI AMICI

Pubblicato in

L. e N., quasi amici. La misura del quasi è…

Ciarlatano mio Ciarlatano. il Don Chisciotte de noantri

Pubblicato in

Un po’ di ragione vorrei attribuirmela. Lo so, è inelegante…

RIPOSIZIONAMENTI

Pubblicato in

Eravamo alla frutta. Occorreva uno scossone serio. Non so bene…