accoglienza vs criminalizzazione

Accoglienza o criminalizzazione

di Piero Rossi (Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale)

Corrono sul filo della comunicazione para istituzionale (per lo più si tratta di account social di esponenti delle Istituzioni che però continuano ad esprimersi a titolo personale come se di quelle articolazioni dello Stato non fossero i rappresentanti legali) dichiarazioni improvvide che restituiscono l’immagine di un Paese che ha buone ragioni per sentirsi invaso, minacciato, in pericolo per l’arrivo di qualche centinaio di poveracci da oltre frontiera.

Il limes in questo caso non è quello di casa nostra in senso stretto ma è quello dell’Europa.
Costoro poi, con la sostanziale demolizione di un presidio sociale efficace e ben collaudato come la cosiddetta accoglienza di secondo livello (quello erogato dagli Sprar, per intenderci) incidono negativamente sulla percezione di (in) sicurezza, proprio perchè, dopo l’accertamento dello status di asilante, vengono messi nelle condizioni di allontanarsi dal solco della legalità, per bisogno e disperazione.

Non serve più commettere un reato, per rimanerne estromesso: d’ora innanzi basterà l’assenza della soluzione abitativa e la vuotezza del tempo da trascorrere.
Tutto contenuto in quel colpo di genio che si è reificato nel Decreto Salvini. Accompagnate dalle declaratorie della fine della pacchia e dell’accelerazione (irrealizzabile ope legis) delle procedure di rimpatrio forzato.

Tutto questo da un lato. Dall’altro, la consapevolezza dell’utilità di un processo in direzione ostinata e contraria. Della mancanza della cui efficacia, francamente, affrontiamo volentieri il rischio. Perchè, vedete, un cittadino straniero, in assenza di permesso, viene considerato un delinquente, così, per determinazione giuridica positiva, non per diritto naturale come avverrebbe se commettesse un reato contro la persona o contro il patrimonio.
Poi, soltanto dopo, quando la frittata è fatta, potrà darsi il caso che diventi un criminale per davvero, per forza di cose.
Come dicevo prima.
Una formulazione perfettamente legale dei presupposti per l’insorgenza di condotte criminali.

Il progetto ZIP, pensato insieme all’ARCI di Bari e alla Casa Circondariale di Bari, ha provato a fornire elementi di speranza, malgrado tutto, persino malgrado la commissione di un reato, conseguenza di quell’innesco perverso di cui sopra.
Un detenuto straniero che entra nel viluppo dell’espiazione della pena e questo luogo (si, proprio il Carcere, involontario approdo aperto, di quelli che invece chiunque si augurerebbe chiuso) conferisce un tetto e un pasto e poi, attraverso la mediazione culturale, l’alfabetizzazione della lingua “ospite” e l’accesso a informazioni salienti per la sopravvivenza quotidiana in un luogo straniero, scontato il debito con la Giustizia, una rete di protezione per ancora molti giorni sotto un tetto e con dei pasti e magari un lento reinserimento sociale, prima dell’espulsione o invece di quella.

Il progetto continua e ne abbiamo parlato il 15 maggio, all’interno di una bella cornice, quella della mostra Spazi Liberi, sui cui contenuti, oltre a informazioni in presentazioni precise e suggestive, rimando al sito
http://garantedetenuti.consiglio.puglia.it/dettaglio/contenuto/67546/Evento–seminario—L-accoglienza-malgrado-tutto– .
Non possiamo, non vogliamo, non dobbiamo fermarci, come enunciò un pontefice altrettanto volitivo, ancorchè meno ispirato di quello che ai giorni nostri abbiamo tutti il privilegio di ascoltare ma poi in molti quello di seguire, almeno provandoci.

PIC.: Gabriel Bero da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Mondo di m…

di Enzo Varricchio
L’ieri era meglio dell’oggi? Almeno nei Cinquanta/Duemila c’erano i sogni. Ora sono rimasti solo gli incubi.

Leggi l'articolo

Luca e Alba: una famiglia

di Luca Trapanese (Presidente di A ruota libera onlus – Napoli)
Mi sono sempre chiesto se nasca prima la disabilità o la barriera architettonica? Prima la vergogna o l’emarginazione? Prima la povertà o l’egoismo?

Leggi l'articolo

Fuggire dal liberismo

di Sergio D’Angelo (Sociologo del lavoro – Presidente di AIF – Puglia)
Gli uomini, non avendo potuto guarire la morte, la miseria, l’ignoranza, hanno risolto per vivere felici di non pensarci (Blaise Pascal).

Leggi l'articolo

Troppo poveri per essere difesi

di Anna Losurdo
La tutela dei non abbienti è un istituto di primaria importanza per valutare il grado di civiltà giuridica di ogni ordinamento.

Leggi l'articolo

Povera opinione pubblica

di Fabio Cavalera (Consigliere Ordine Giornalisti Lombardia e Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
“Il nostro dovere è studiare e capire, solo così possiamo spiegare con onestà e competenza ciò di cui siamo testimoni”.

Leggi l'articolo

Le best practices nel sistema giudiziario

di Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Particolarmente in Italia, il sistema giudiziario è stato investito con forza dal bisogno di prassi efficaci.

Leggi l'articolo

Etica pubblica e Avvocatura

di Anna Losurdo
L’Avvocatura ha un ruolo attivo nella trasformazione della società e gli avvocati sono protagonisti sia come singoli sia come corpus sociale alla costruzione dell’etica pubblica.

Leggi l'articolo

Etica hacker e diritto alla conoscenza

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
L’arresto di Julian Assange porta nuovamente alla ribalta il tema del diritto alla conoscenza, declinato nell’era digitale.

Leggi l'articolo

ANTI-STIGMA

di Massimo Corrado Di Florio
Persino una foglia che cade può graffiare l’aria prima di posarsi a terra. Anche una cosa così impalpabile può trasformarsi in un cacofonico stridore.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il “genere” diventa indicatore di valutazione del servizio sanitario nazionale

Pubblicato in |

A cura della Redazione
A BARI SI TERRÀ IL 21-22 GIUGNO IL CONVEGNO NAZIONALE SULLA MEDICINA DI GENERE.

Seminario informativo a Cagliari

Pubblicato in |

A cura della Redazione
Crisi d’impresa, misure di allerta per prevenirla ed esdebitazione per contrastarla; seminario organizzato da Confcommercio – Sud Sardegna a Cagliari, 24 maggio 2019.

I maltrattamenti sui minori in Puglia

Pubblicato in |

a cura della Redazione
CESVI, maltrattamento all’infanzia: Puglia regione “a elevata criticità”: è quartultima in Italia.

Avvocato, disponiamo una CTU?

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Nei Tribunali ordinari si registra il sempre più frequente ricorso alle CTU per disciplinare l’affidamento dei minori.

“Io e te una sola cosa…”

Pubblicato in ||||

di Lucia Legati
Le relazioni interpersonali costituiscono un aspetto fondamentale nella nostra vita quotidiana…

Storie da maneggiare con cura

Pubblicato in ||||

di Vinicio Nardo (Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Milano)
Il processo penale è da tempo diventato nella coscienza sociale una vera e propria discarica mentale.

L’amore che manca

Pubblicato in |||||

di Paola Perchinunno (Avvocata in Bari e counselor)
La società patriarcale, non solo ha discriminato e spogliato i popoli che ha giudicato meno civilizzati.

Uomini maltrattanti: finta ira e pura violenza

Pubblicato in |||||

di Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
Il maltrattante non è violento perché arrabbiato, ma arrabbiato in quanto violento.

Cassazione e parolacce

Pubblicato in ||||

di Antonio Pascucci (Avvocato in Milano) e Sabrina Pisani (Dottoressa in Giurisprudenza in Milano)
La loro accettazione sociale è aumentata fino all’utilizzo indiscriminato che negli ultimi anni caratterizza non solo le conversazioni private ma anche quelle “pubbliche”.

Il funzionario pubblico infedele tra concussione e induzione alla corruzione

Pubblicato in |||||

di Roberto Oliveri Del Castillo (Consigliere della Corte di Appello penale di Bari)
Dei reati contro la Pubblica Amministrazione tra le ipotesi di delitto più odiose e allarmanti per la collettività vi sono quelle caratterizzate da abuso della funzione.

Il Giudice contabile e il difficile contrasto della mala gestio nella P.A.

Pubblicato in ||||

di Carmela De Gennaro (Procuratore regionale della Corte dei conti per la Regione Puglia)
Legalità, etica ed efficienza rappresentano, infatti, principi fondamentali,
a cui deve conformarsi l’azione della pubblica amministrazione.

Corte dei conti e Ragioneria Generale dello Stato, una collaborazione storica

Pubblicato in ||||

di Aurelio Laino (Consigliere della Corte dei conti)
Alcuni cenni storico-comparativistici tra due fondamentali pilastri del controllo finanziario in Italia: la Corte dei conti e la Ragioneria generale dello Stato.