fuggire dal liberismo

Fuggire dal liberismo

di Sergio D’Angelo (Sociologo del lavoro – Presidente di AIF- Associazione Italiana Formatori – Puglia)

Gli uomini, non avendo potuto guarire la morte, la miseria, l’ignoranza, hanno risolto per vivere felici di non pensarci (Blaise Pascal).

La nostra è considerata la società del progresso.
Qualche indesiderato effetto collaterale, ancorché ritenuto trascurabile, è giustificato dalla crescita dell’economia.
Siamo convinti, in fondo, che non sia possibile realizzare una società migliore di quella in cui viviamo.
Annunciamo, compiaciuti, che le ideologie sono morte.
Anzi, proclamiamo che a questo stato di cose non esistono alternative: inutile e dannoso sarebbe cercarle.

Tuttavia, costruiamo le nostre esistenze in condizioni d’incertezza schiacciante.
Competizione, ricerca affannosa di business, individualismo sono i fondamenti di queste improbabili costruzioni.
E il denaro. Soprattutto il denaro, unico strumento che ci fa sentire liberi nella società dei consumi.
Gli esclusi dal gioco, ovviamente per la loro indolenza e infingardaggine, sono un inutile peso.
Non producono, non sono necessari come lavoratori.
Peggio: non consumano. Insomma dei paria.

Nella prospera Europa i senza tetto sono più di 4 milioni (media annua), i disoccupati diciassette milioni e centododici milioni vivono al di sotto della soglia di povertà. In Italia i senza lavoro sono tre milioni, i poveri (povertà relativa) nove milioni, altrettanti sono i lavoratori flessibili, cioè precari.
Trecentocinquantotto individui miliardari possiedono il 45 per cento della ricchezza mondiale, equivalente al reddito complessivo di due miliardi e trecento milioni di persone più povere.

Si potrebbe ritenere che progresso e sviluppo economico degli ultimi due secoli abbiano ridotto il divario delle disuguaglianze globali e nazionali. Assolutamente falso.
Nel Settecento il reddito dell’Occidente europeo era solo il 30 per cento in più di quello di India, Africa, e Cina.
Alla fine dell’Ottocento la differenza aumentava del 110 per cento.
Negli ultimi venti anni del Novecento le disuguaglianze di reddito sono cresciute con un’accelerazione senza precedenti: nel 1960 il quinto più ricco della popolazione mondiale si divideva il 70,2 per cento della ricchezza, al quinto più povero toccava il 2,3 per cento.
Nel 2000 il quinto dei più ricchi si appropriava dell’86 per cento del reddito, al quinto più povero rimaneva l’1 per cento.
Per fame oggi nel mondo muore un bambino ogni tre secondi.

Questi dati non sono una novità, vengono regolarmente pubblicati dai maggiori istituti di ricerca.
Forse la novità è che abbiamo cessato di mettere in discussione questa società.
Volgiamo lo sguardo altrove, la paura della povertà disciplina le nostre coscienze.
Abbiamo cancellato dai nostri orizzonti la possibilità d’una qualsiasi alternativa.
Nonostante che, perfino un’analisi di poche cifre, ci riveli l’infondatezza dei postulati su cui si regge l’ideologia neoliberale, siamo incapaci di costruire un pensiero critico.

Afferma Pierre Bourdieu che per progettare il futuro occorre far presa sul presente.
E noi, cittadini della ricca Europa, viviamo il nostro presente in condizioni di estrema incertezza.
E’ arduo progettare il futuro, costruire alternative o soltanto trasformare le sofferenze private in azioni collettive, quando dominano le incertezze del lavoro, del salario, dei diritti, dei legami sentimentali, delle identità.
Ci sentiamo soli, incapaci di controllare il nostro destino.
Rinunciamo a trasformare il presente collettivamente.
Allora, tentiamo soluzioni individuali, che però s’infrangono miseramente contro il muro delle contraddizioni sociali.

Occorre imboccare vie di fuga. Soprattutto collettive.
Lo spazio pubblico è sempre più desolatamente vuoto.
Eppure, tracce di resistenza s’intravedono.
Frammenti, spezzoni di società, sarebbe meglio dire di soggetti che con ragione e passione vogliono praticare, qui e ora, rapporti sociali solidali e cooperativi.
E’ un esordio, forse un punto di rottura nella fitta rete del neoliberalismo dominante.

PIC.: lannyboy89 da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Mondo di m…

di Enzo Varricchio
L’ieri era meglio dell’oggi? Almeno nei Cinquanta/Duemila c’erano i sogni. Ora sono rimasti solo gli incubi.

Leggi l'articolo

Luca e Alba: una famiglia

di Luca Trapanese (Presidente di A ruota libera onlus – Napoli)
Mi sono sempre chiesto se nasca prima la disabilità o la barriera architettonica? Prima la vergogna o l’emarginazione? Prima la povertà o l’egoismo?

Leggi l'articolo

Accoglienza o criminalizzazione

di Piero Rossi (Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale)
Non serve più commettere un reato, per rimanerne estromesso: d’ora innanzi basterà l’assenza della soluzione abitativa e la vuotezza del tempo da trascorrere.

Leggi l'articolo

Troppo poveri per essere difesi

di Anna Losurdo
La tutela dei non abbienti è un istituto di primaria importanza per valutare il grado di civiltà giuridica di ogni ordinamento.

Leggi l'articolo

Povera opinione pubblica

di Fabio Cavalera (Consigliere Ordine Giornalisti Lombardia e Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
“Il nostro dovere è studiare e capire, solo così possiamo spiegare con onestà e competenza ciò di cui siamo testimoni”.

Leggi l'articolo

Le best practices nel sistema giudiziario

di Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Particolarmente in Italia, il sistema giudiziario è stato investito con forza dal bisogno di prassi efficaci.

Leggi l'articolo

Etica pubblica e Avvocatura

di Anna Losurdo
L’Avvocatura ha un ruolo attivo nella trasformazione della società e gli avvocati sono protagonisti sia come singoli sia come corpus sociale alla costruzione dell’etica pubblica.

Leggi l'articolo

Etica hacker e diritto alla conoscenza

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
L’arresto di Julian Assange porta nuovamente alla ribalta il tema del diritto alla conoscenza, declinato nell’era digitale.

Leggi l'articolo

ANTI-STIGMA

di Massimo Corrado Di Florio
Persino una foglia che cade può graffiare l’aria prima di posarsi a terra. Anche una cosa così impalpabile può trasformarsi in un cacofonico stridore.

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il “genere” diventa indicatore di valutazione del servizio sanitario nazionale

Pubblicato in |

A cura della Redazione
A BARI SI TERRÀ IL 21-22 GIUGNO IL CONVEGNO NAZIONALE SULLA MEDICINA DI GENERE.

Seminario informativo a Cagliari

Pubblicato in |

A cura della Redazione
Crisi d’impresa, misure di allerta per prevenirla ed esdebitazione per contrastarla; seminario organizzato da Confcommercio – Sud Sardegna a Cagliari, 24 maggio 2019.

I maltrattamenti sui minori in Puglia

Pubblicato in |

a cura della Redazione
CESVI, maltrattamento all’infanzia: Puglia regione “a elevata criticità”: è quartultima in Italia.

Avvocato, disponiamo una CTU?

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Nei Tribunali ordinari si registra il sempre più frequente ricorso alle CTU per disciplinare l’affidamento dei minori.

“Io e te una sola cosa…”

Pubblicato in ||||

di Lucia Legati
Le relazioni interpersonali costituiscono un aspetto fondamentale nella nostra vita quotidiana…

Storie da maneggiare con cura

Pubblicato in ||||

di Vinicio Nardo (Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Milano)
Il processo penale è da tempo diventato nella coscienza sociale una vera e propria discarica mentale.

L’amore che manca

Pubblicato in |||||

di Paola Perchinunno (Avvocata in Bari e counselor)
La società patriarcale, non solo ha discriminato e spogliato i popoli che ha giudicato meno civilizzati.

Uomini maltrattanti: finta ira e pura violenza

Pubblicato in |||||

di Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
Il maltrattante non è violento perché arrabbiato, ma arrabbiato in quanto violento.

Cassazione e parolacce

Pubblicato in ||||

di Antonio Pascucci (Avvocato in Milano) e Sabrina Pisani (Dottoressa in Giurisprudenza in Milano)
La loro accettazione sociale è aumentata fino all’utilizzo indiscriminato che negli ultimi anni caratterizza non solo le conversazioni private ma anche quelle “pubbliche”.

Il funzionario pubblico infedele tra concussione e induzione alla corruzione

Pubblicato in |||||

di Roberto Oliveri Del Castillo (Consigliere della Corte di Appello penale di Bari)
Dei reati contro la Pubblica Amministrazione tra le ipotesi di delitto più odiose e allarmanti per la collettività vi sono quelle caratterizzate da abuso della funzione.

Il Giudice contabile e il difficile contrasto della mala gestio nella P.A.

Pubblicato in ||||

di Carmela De Gennaro (Procuratore regionale della Corte dei conti per la Regione Puglia)
Legalità, etica ed efficienza rappresentano, infatti, principi fondamentali,
a cui deve conformarsi l’azione della pubblica amministrazione.

Corte dei conti e Ragioneria Generale dello Stato, una collaborazione storica

Pubblicato in ||||

di Aurelio Laino (Consigliere della Corte dei conti)
Alcuni cenni storico-comparativistici tra due fondamentali pilastri del controllo finanziario in Italia: la Corte dei conti e la Ragioneria generale dello Stato.