piccoli schiavi invisibili

Piccoli schiavi invisibili

di Roberta Aria (Avvocata in Napoli)

Il minore non avente la cittadinanza italiana o dell’Unione europea che si trova per qualsiasi causa nel territorio dello Stato o che è altrimenti sottoposto alla giurisdizione italiana, privo di assistenza e di rappresentanza da parte dei genitori o di altri adulti per lui legalmente responsabili in base alle leggi vigenti nell’ordinamento italiano.

Questa è la definizione di minore straniero non accompagnato che troviamo nella Legge n.47/2017, Disposizioni in materia di misure di protezione dei minori stranieri non accompagnati. Meglio conosciuta come Legge Zampa, è la prima legge in favore dei minori stranieri, nata con lo scopo di disciplinare aspetti importanti del loro percorso in Italia: per citarne solo alcuni, l’accoglienza e le metodologie da applicare per l’accertamento dell’età.

La presenza di tale legge organica non deve però indurre a pensare ad una diversità tra i minori stranieri e quelli italiani. Lo stesso legislatore, nel definire l’ambito di applicazione della legge, precisa che i minori stranieri, a parità di trattamento con i minori di cittadinanza italiana o dell’Unione Europea, sono titolari dei diritti in materia di protezione dei minori.
L’applicabilità di tali disposizioni si ricollega alla condizione di maggiore vulnerabilità dei minori stranieri non accompagnati.

Aldilà del rigido dato normativo questi minori, al pari degli altri, sono bambini e/o adolescenti, ognuno portatore di un proprio bagaglio di esperienze, esigenze e aspettative che andrebbero ascoltate, al fine di costruire e delineare al meglio un percorso di inserimento nel nostro paese o in altro, qualora vengano individuati altri familiari in un paese terzo.

Il concetto di ascolto del minore è uno dei quattro pilastri della Convenzione sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza approvata il 20 Novembre 1989, ribadito nella Legge Zampa, che sancisce il diritto dei bambini ad essere ascoltati in tutti i processi decisionali che li riguardano e il dovere degli adulti di tenere in considerazione tali opinioni.
La necessità e l’importanza dell’ascolto rientra tra le misure fondamentali per creare un rapporto di fiducia tra gli operatori e il minore, anche al fine di proteggerlo in presenza di gravi fenomeni di sfruttamento.

Come emerge infatti dal IX° Rapporto sui minori vittime di tratta e sfruttamento, curato da Save The Children, dal titolo “Piccoli schiavi invisibili 2019”, la tratta e il grave sfruttamento di esseri umani, compresi i minori resta un fenomeno molto diffuso nel nostro Paese e con ancora diverse criticità da risolvere.
Lo sfruttamento sessuale resta la principale forma di sfruttamento sia adulta che minorile con una percentuale dell’89,36%, secondo i dati del Dipartimento per le Pari Opportunità.
A livello europeo, la Commissione, per il biennio 2015-2016, stima che le vittime di tratta identificate e/o presunte in Europa siano state 20.532, per il 23% minori, per il 68% donne e ragazze e per il 56% vittime di sfruttamento sessuale.

Da tali numeri emerge che in Europa circa una vittima di tratta su 4 è un minore.
La tratta e il grave sfruttamento sessuale colpiscono in particolare le donne provenienti dalla Nigeria, dai Balcani e dai Paesi dell’Europa dell’Est.
Dalla lettura di tale report e in particolare dalle esperienze raccontate dagli operatori che da anni, in diverse parti del territorio, si occupano della messa in protezione delle vittime di tratta e del loro percorso di fuoriuscita, emergono diverse criticità che non favoriscono la tutela delle vittime di sfruttamento.
In alcuni territori, si registra una riconversione della modalità di sfruttamento, in particolare dei luoghi di sfruttamento: dalle strade la prostituzione si sta spostando all’interno delle case, dall’outdoor all’indoor, rendendo difficile per gli operatori di strada entrare in contatto con le vittime.

Si continua a registrare inoltre, in merito al rilascio del permesso per protezione ex art 18 D.lgs 286/98 previsto in favore delle vittime di sfruttamento sessuale, la prassi di diverse Questure di procedere al rilascio di tale permesso, solo in presenza della denuncia alla competente autorità giudiziaria, nonostante la norma preveda la facoltà per gli enti anti-tratta che prendono in carico la vittima di richiedere direttamente alla Questura il permesso di soggiorno.
Tali prassi oltre ad essere illegittime, rischiano di compromettere la fuoriuscita dal percorso di sfruttamento: non è infatti facile convincere le donne vittime di sfruttamento sessuale a denunciare i propri sfruttatori per l’inevitabile paura di ripercussioni in particolar modo nei confronti della famiglia di origine e dei propri figli.

Il report analizza inoltre le gravi ripercussioni che il “Decreto Salvini” e in particolar modo l’eliminazione della protezione umanitaria dal nostro ordinamento, stanno avendo anche nei confronti delle donne vittime di tratta e sfruttamento.
Molte delle donne nigeriane vittime di tratta e richiedenti asilo, a cui la Commissione non riconosce lo Status o la protezione sussidiaria, avrebbero infatti potuto ottenere anche tale tipo di protezione.
La protezione umanitaria consentiva di ottenere un permesso di soggiorno di due anni, rinnovabile alla scadenza: le donne vittime di grave sfruttamento potevano, cosi, intraprendere con tranquillità un percorso di integrazione e inclusione (spesso passano anche diversi anni prima che la beneficiaria possa ottenere un contratto di lavoro).

A limitare gli effetti gravemente lesivi di tale Decreto è intervenuta la sentenza della Corte di Cassazione n. 4890 del 23.01.2019, la quale ha statuito come tale disposizione del Decreto Legge n.113/2018 non vada applicata alle domande d’asilo presentate prima dell’entrata in vigore del detto Decreto, né ai procedimenti non ancora definiti per la pendenza dell’impugnativa giudiziale avverso il diniego e/o per la pendenza del termine di impugnazione dinanzi al Tribunale.
Per effetto di tale importante pronuncia, per le donne vittime di tratta che hanno presentato domanda d’asilo prima del 04.10.2018, le Commissioni Territoriali o i Tribunali competenti dovranno esaminare anche la sussistenza dei requisiti per il riconoscimento della protezione umanitaria.

Il report di Save the Children analizza inoltre lo sfruttamento lavorativo, la seconda forma di sfruttamento che tende a colpire i minori stranieri non accompagnati.
Secondo i dati delll’Ispettorato Nazionale del Lavoro, nel 2018 sono stati registrati 263 illeciti riguardanti l’occupazione irregolare di bambini e adolescenti, sia italiani che stranieri, e il 76% delle violazioni riguarda il settore terziario.

Il 20 novembre di quest’anno saranno celebrati i 30 anni dalla Convenzione sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.
Forse dovremmo riflettere con un po’ più attenzione su quella promessa fatta ai bambini di proteggerli, di tutelare i loro diritti, aiutandoli a crescere in maniera sana al fine di esprimere liberamente la propria personalità e le proprie potenzialità.

https://www.asgi.it/

Photo credit: i manichini di cattelan

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti in musica

Aldo Luchi
La condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo ingiusto nel pezzo storico di Bob Dylan

Leggi l'articolo

La voglia di capire il mondo

Luisa Torsi
Le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente

Leggi l'articolo

Ricerca ecologica di lungo termine

Alessandra Pugnetti
Lontani come siamo dal fitoplancton nella nostra struttura fisica e percezione del mondo

Leggi l'articolo

Essere ricercatrice

Ilaria Ferrando
L’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore

Leggi l'articolo

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Sara Invitto
Era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica

Leggi l'articolo

Una vita da scienziata

Patrizia Caraveo
Ho cominciato la mia carriera su un treno in corsa e, da allora, non mi sono mai fermata

Leggi l'articolo

La chimica mi ha folgorato

Angela Agostiano
L’abitudine alla disciplina e al ragionamentomi ha suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule

Leggi l'articolo

Una strada a forma di sé

Cristina Mangia
Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari

Leggi l'articolo

Un lavoro che mi piace molto

Vincenza A.M. Luprano
Studiare fisica dello stato solido mi ha entusiasmato tantissimo

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

Brandelli di giustizia

Pubblicato in

I giudici, che della giustizia ne sono i rappresentanti, non…

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono