violenze #11

violenze #11

di Carmela Formicola (Giornalista)

Come “il bambino che morde il cane” la notizia di Nancy Lucente, 29 anni, che uccide suo marito Francesco Armigero con un’unica coltellata, ha fatto clamore per il rovesciamento (apparente) dei ruoli.
Non solo femminicidi“, hanno commentato (entusiasti) certi osservatori poco inclini ad accettare che viceversa gli omicidi delle donne SONO un fenomeno. Un fenomeno drammatico che cresce a dismisura.

Ma torniamo ad Acquaviva delle Fonti, a quella palazzina orrida di intonaci scrostati e balconi abusivi in una periferia urbana e sociale che cova violenza. Qui Nancy avrebbe sì inferto una coltellata fatale al proprio marito, presumibilmente dinanzi agli occhi di uno dei loro bambini, ma va indagato e compreso il contesto nel quale l’omicidio dell’uomo si è consumato.
Sotto lo stesso tetto abitavano l’uomo, la moglie, i loro due figli piccoli e l’amante di lui. Situazione grottesca, se vista dall’esterno, una di quelle scene cinematografiche da bruttisporchiecattivi che ipotizziamo possa essere “normale” e codificata a certe latitudini sociali.

Ma è ben chiaro, piuttosto, che in questa sconnessa rete di relazioni pseudoaffettive, i ruoli siano ancora evidenti tra chi predomina e chi subisce. La violenza divampa in maniera molteplice: quella fisica, quella economica, quella psicologica.
La vicenda di Acquaviva delle Fonti testimonia il persistere del gioco dei ruoli: una figura maschile egemone, due figure femminili subalterne. E’ lui ad infliggere, all’una e all’altra, una convivenza forzata e l’inevitabile aria irrespirabile della lacerazione e della tragedia annunciata. Inevitabile, forse.

O forse no, perché il tema sullo sfondo è la totale assenza di aiuto e di prevenzione, ad ogni latitudine sociale e geografica.
La latitanza dei servizi sociali, certo scetticismo da parte delle forze dell’ordine, agenzie educative inadeguate.
“Insegniamo alle donne a difendersi dagli stupri, non agli uomini a non stuprare”, l’osservazione di fondo che, per estensione, ci rimanda a una società che non ha alcuna volontà di affrontare il tema CULTURALE della violenza di genere.

Va affrontata, in quest’ottica, anche certa sterile retorica. Un esempio? A breve faremo i conti con convegni, dibattiti e simposi del 25 novembre, la fatidica Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Un nuovo “ottomarzo” sotto forma di impegno ma con l’identica matrice narcisista di alcuni organismi femminili.
Cambiamo linguaggio, forma e sostanza, cambiamo la nostra rabbia e la nostra forza. Altrimenti, oltre alle parole, ancora una volta conteremo i lutti.

photo credit: anankenews.it

#TOPICS: ultimi articoli

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Un tesoro da salvare

Fabio Cavalera (Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
La parola è uno degli strumenti più esclusivi e appassionanti che abbiamo per opporre al nuovo e algido potere dell’algoritmo il contropotere caldo della ragione

Leggi l'articolo

Parole perdute

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Devo solo cercarle
Le parole che ho perso
Te le ricordi, erano qui
Tra le cose di sempre
Tra i vestiti da smettere
Qualche avanzo di tempo
Bottiglie e scatole
Vuote.

Leggi l'articolo

Siamo le parole che usiamo

Enzo Varricchio
La scrittura, apparsa intorno al quarto millennio a.C. dopo il disegno e il pittogramma, fu un atto fondativo dell’homo sapiens. La parola scritta ha avuto il compito di tramandare memoria delle umane vicende

Leggi l'articolo

Parlare è un’opera pubblica

Massimo Corrado di Florio
Millanteria intellettuale, esaltazione della mera opinione e affermazione della sintesi come mero sistema di diffusione della parola, finiscono col mortificare e deprimere la parola stessa

Leggi l'articolo

La comunicazione al centro

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
Una comunicazione non adeguata, che sia scritta, orale o trasmessa, non solo non raggiunge i propri obiettivi, ma modifica la relazione comunicativa fra le persone

Leggi l'articolo

Hate speech, hate thinking

Aldo Luchi (Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cagliari)
Le parole che usiamo ci qualificano. Connotano i nostri pensieri, le nostre radici culturali, la nostra appartenenza a determinate categorie

Leggi l'articolo

La lingua che crea

Gianni Clocchiatti (Consulente aziendale in Milano)
Il linguaggio è una rappresentazione della realtà ma al contempo è anche un software che fa funzionare il pensiero il quale a sua volta genera i comportamenti

Leggi l'articolo

Consenso mostruoso

Anna Losurdo
L’interdipendenza tra linguaggio, consenso e potere rende evidente la grande responsabilità, per le parole che usiamo e che definiscono i nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione

La data è indelebile

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Quando, dopo un tempo che mi è parso interminabile, la gragnuola di spari è cessata, per terra c’erano tre corpi