violenze #11

violenze #11

di Carmela Formicola (Giornalista)

Come “il bambino che morde il cane” la notizia di Nancy Lucente, 29 anni, che uccide suo marito Francesco Armigero con un’unica coltellata, ha fatto clamore per il rovesciamento (apparente) dei ruoli.
Non solo femminicidi“, hanno commentato (entusiasti) certi osservatori poco inclini ad accettare che viceversa gli omicidi delle donne SONO un fenomeno. Un fenomeno drammatico che cresce a dismisura.

Ma torniamo ad Acquaviva delle Fonti, a quella palazzina orrida di intonaci scrostati e balconi abusivi in una periferia urbana e sociale che cova violenza. Qui Nancy avrebbe sì inferto una coltellata fatale al proprio marito, presumibilmente dinanzi agli occhi di uno dei loro bambini, ma va indagato e compreso il contesto nel quale l’omicidio dell’uomo si è consumato.
Sotto lo stesso tetto abitavano l’uomo, la moglie, i loro due figli piccoli e l’amante di lui. Situazione grottesca, se vista dall’esterno, una di quelle scene cinematografiche da bruttisporchiecattivi che ipotizziamo possa essere “normale” e codificata a certe latitudini sociali.

Ma è ben chiaro, piuttosto, che in questa sconnessa rete di relazioni pseudoaffettive, i ruoli siano ancora evidenti tra chi predomina e chi subisce. La violenza divampa in maniera molteplice: quella fisica, quella economica, quella psicologica.
La vicenda di Acquaviva delle Fonti testimonia il persistere del gioco dei ruoli: una figura maschile egemone, due figure femminili subalterne. E’ lui ad infliggere, all’una e all’altra, una convivenza forzata e l’inevitabile aria irrespirabile della lacerazione e della tragedia annunciata. Inevitabile, forse.

O forse no, perché il tema sullo sfondo è la totale assenza di aiuto e di prevenzione, ad ogni latitudine sociale e geografica.
La latitanza dei servizi sociali, certo scetticismo da parte delle forze dell’ordine, agenzie educative inadeguate.
“Insegniamo alle donne a difendersi dagli stupri, non agli uomini a non stuprare”, l’osservazione di fondo che, per estensione, ci rimanda a una società che non ha alcuna volontà di affrontare il tema CULTURALE della violenza di genere.

Va affrontata, in quest’ottica, anche certa sterile retorica. Un esempio? A breve faremo i conti con convegni, dibattiti e simposi del 25 novembre, la fatidica Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Un nuovo “ottomarzo” sotto forma di impegno ma con l’identica matrice narcisista di alcuni organismi femminili.
Cambiamo linguaggio, forma e sostanza, cambiamo la nostra rabbia e la nostra forza. Altrimenti, oltre alle parole, ancora una volta conteremo i lutti.

photo credit: anankenews.it

#TOPICS: ultimi articoli

Italian haters

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Leggi l'articolo

Gioventù bruciata

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

Leggi l'articolo

Narcisisti e violenti ma molto social

Anna Losurdo
Con la violenza verbale possiamo sbandierare ai quattro venti la nostra non violenza

Leggi l'articolo

Art against violence

Enzo Varricchio
L’arte è un potente antidoto contro la guerra e la violenza di ogni tipo. Gli artisti visivi contemporanei come Banksi o Toscani contribuiscono a cambiare la mentalità della gente

Leggi l'articolo

Piccoli schiavi invisibili

Roberta Aria (Avvocata in Napoli)
A trent’anni dalla Convenzione di Ginevra sui diritti dell’infazia e dell’adolescenza

Leggi l'articolo

Vis fatale cui resisti non potest

Massimo Corrado Di Florio
Le infinite declinazioni della violenza non risparmiano nessuno. Nessun umano affare ne va esente

Leggi l'articolo

Occhio ai titoli

Antonio Longo (Avvocato in Bari)
La pratica antica, ma non per questo meno grave, di dipingere con aggettivi e caratterizzazioni bonarie l’assassino o il violentatore di turno

Leggi l'articolo

La forza mite della giustizia

Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Declinate al plurale, le violenze riempiono uno spazio senza contorni, difficilmente delimitabile

Leggi l'articolo

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Rugginosi

Pubblicato in

Inutile. Proprio non ce la si fa. Anche le interminabili…

Italian haters

Pubblicato in |||

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Gioventù bruciata

Pubblicato in |||

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

OBLIQUI BULIMICI DELLO ZERO ASSOLUTO

Pubblicato in

Anche quando nessuno domanda più nulla, ecco che si dànno…

L’indomito scorpione e l’allocca rana (corsi e ricorsi)

Pubblicato in

Assistiamo, oggi, al susseguirsi di eventi tutti già scritti. Becere…

Pochi grammi di coraggio

Pubblicato in |||

Nicola Laforgia (Direttore Neonatologia e TIN Universitaria Policlinico di Bari)
Il supporto psicologico in terapia intensiva neonatale è fondamentale

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Ricorda di volerti bene

Pubblicato in |||

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Ricorda di volerti bene
E che c’è una linea
Che nessuno dovrà mai varcare