violenze #11

violenze #11

di Carmela Formicola (Giornalista)

Come “il bambino che morde il cane” la notizia di Nancy Lucente, 29 anni, che uccide suo marito Francesco Armigero con un’unica coltellata, ha fatto clamore per il rovesciamento (apparente) dei ruoli.
Non solo femminicidi“, hanno commentato (entusiasti) certi osservatori poco inclini ad accettare che viceversa gli omicidi delle donne SONO un fenomeno. Un fenomeno drammatico che cresce a dismisura.

Ma torniamo ad Acquaviva delle Fonti, a quella palazzina orrida di intonaci scrostati e balconi abusivi in una periferia urbana e sociale che cova violenza. Qui Nancy avrebbe sì inferto una coltellata fatale al proprio marito, presumibilmente dinanzi agli occhi di uno dei loro bambini, ma va indagato e compreso il contesto nel quale l’omicidio dell’uomo si è consumato.
Sotto lo stesso tetto abitavano l’uomo, la moglie, i loro due figli piccoli e l’amante di lui. Situazione grottesca, se vista dall’esterno, una di quelle scene cinematografiche da bruttisporchiecattivi che ipotizziamo possa essere “normale” e codificata a certe latitudini sociali.

Ma è ben chiaro, piuttosto, che in questa sconnessa rete di relazioni pseudoaffettive, i ruoli siano ancora evidenti tra chi predomina e chi subisce. La violenza divampa in maniera molteplice: quella fisica, quella economica, quella psicologica.
La vicenda di Acquaviva delle Fonti testimonia il persistere del gioco dei ruoli: una figura maschile egemone, due figure femminili subalterne. E’ lui ad infliggere, all’una e all’altra, una convivenza forzata e l’inevitabile aria irrespirabile della lacerazione e della tragedia annunciata. Inevitabile, forse.

O forse no, perché il tema sullo sfondo è la totale assenza di aiuto e di prevenzione, ad ogni latitudine sociale e geografica.
La latitanza dei servizi sociali, certo scetticismo da parte delle forze dell’ordine, agenzie educative inadeguate.
“Insegniamo alle donne a difendersi dagli stupri, non agli uomini a non stuprare”, l’osservazione di fondo che, per estensione, ci rimanda a una società che non ha alcuna volontà di affrontare il tema CULTURALE della violenza di genere.

Va affrontata, in quest’ottica, anche certa sterile retorica. Un esempio? A breve faremo i conti con convegni, dibattiti e simposi del 25 novembre, la fatidica Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Un nuovo “ottomarzo” sotto forma di impegno ma con l’identica matrice narcisista di alcuni organismi femminili.
Cambiamo linguaggio, forma e sostanza, cambiamo la nostra rabbia e la nostra forza. Altrimenti, oltre alle parole, ancora una volta conteremo i lutti.

photo credit: anankenews.it

#TOPICS: ultimi articoli

Kubrick e la pena giusta

Umberto Apice
Uno Stato repressivo, che tale voglia essere sia pure a fin di bene, sarà sempre uno Stato ingiusto

Leggi l'articolo

Sette uomini d’oro

Enzo Cianciotta
La delinquenza silenziosa dei colletti bianchi, quella che non ha bisogno di azioni sanguinarie

Leggi l'articolo

Dormire con le porte aperte

Paolo Cotza
Mai lasciare che le proprie convinzioni vengano manipolate ed usate dagli altri e rifuggire dalle verità precostituite ed imposte

Leggi l'articolo

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Occorre fare

Noi di Spoiler think tank di futuristi
Portiamo avanti il diritto di guardare al futuro con occhi pieni della speranza di trovare altri che completeranno il nostro percorso

Leggi l'articolo

Cuore ibernato

Gianfranco Terzo
L’incontro introspettivo tra le due anime, fragili e tristi, determina un cortocircuito

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

REFERENDUM

Pubblicato in

(senza Ockham) Testo del quesito: “Approvate il testo della legge…

Avvocate e discriminazioni

Pubblicato in ||||

Giovanna Barca
Ancora troppe discriminazioni in Italia anche per le donne lavoratrici, incluse le libere professioniste

A scuola con il Covid-19

Pubblicato in |||

Michela Labriola
Gli studenti hanno bisogno delle aule: quel luogo fisico che consenta loro di esprimere la libertà e la relazione tra pari

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo