Il linguaggio dell'Avvocato

Il linguaggio dell’Avvocato

di Paola Cerullo (Avvocata in Milano – Fronteverso Network)

Il linguaggio dell’Avvocato: equilibrismo tra tradizione e innovazione – argomentare e persuadere nel tempo dei social

L’avvocato è il “professionista della parola”, il “giocoliere dei mezzi espressivi”, colui che “fa cose con le parole”, poiché esercita il mestiere usando, oralmente e per iscritto, parole.
Citazioni tratte da “Mille e una toga: il penalista tra cronaca e favola” di Ennio Amodio.

Ma il peculiare codice linguistico degli avvocati – c.d. “legalese” -, si evolve e cambia con il mutare della società, perché l’avvocato vive nel mondo, è coinvolto e calato nella realtà della sua epoca, ed il suo imperativo è farsi capire, presupposto indispensabile per poter argomentare e convincere.

Le nuove tecnologie, l’informatizzazione e la globalizzazione hanno inciso profondamente nell’organizzazione sociale e nelle modalità di comunicazione: la parola non è più privilegio di pochi, e circola velocemente. Il sapere deve essere condiviso ed accessibile, tramite la comunicazione responsabile e la comprensibilità del linguaggio anche specialistico, requisiti indispensabili per ottenere visibilità, seguito e successo.

Da qui la necessità per l’avvocato di acquisire nuove competenze ed elaborare diverse strategie di comunicazione a seconda del contesto: occorre saper scrivere propriamente un atto giudiziario riservato agli addetti del settore, ma anche articoli, pareri, relazioni, destinati a un vasto pubblico.

Oggi ancor più che in passato, pertanto, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio – non sempre facile – tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione.
In un mondo sempre più veloce e globalizzato, in cui le nuove tecnologie, il web e i social media fanno da padroni, anche quali strumenti d’informazione e aggiornamento professionale (riviste, articoli, sentenze, atti viaggiano online, il cartaceo è ormai obsoleto); in cui nel quotidiano abbondano termini anglosassoni (non si telefona, ma si organizza una call, anzi, una conference call; non si invia una segnalazione informativa, ma una newsletter); in cui la comunicazione è sempre più virtuale, immediata, semplice e diretta (si dialoga tramite WhatsApp, si pubblicano articoli su blog e social media); in cui il primo approccio con l’altro è l’identikit online.

In un mondo siffatto, l’antico e ricercato stile oratorio dell’avvocato non è più appropriato, rappresenta per molti –inclusi i clienti – un’inutile complicazione e una dannosa perdita di tempo.

Anche il professionista del diritto è sollecitato dunque a curare la propria immagine e reputazione (“personal reputation”) sul web, ove primariamente viene ricercato il suo profilo da colleghi e potenziali clienti: sito internet, pagina Facebook, profilo Linkedin, blog, pubblicazioni e immagini professionali online, sono veri e propri strumenti di lavoro per l’avvocato alla pari dei codici (anche questi invero per lo più informatici).
E il linguaggio usato in tali contesti è necessariamente divulgativo e conciso, la comprensibilità deve essere immediata perché l’attenzione  va colta in un attimo.

Lo stile ampolloso, gli arzigogoli, il latinorum, più che erudizioni oggi appaiono anacronismi utili solo a celare inconsistenza di argomenti. Fermo restando che il ruolo, anche sociale, e il rilievo costituzionale dell’avvocato non possono essere sviliti da un gergo inappropriato e sgradevole, dalla commistione tra piano personale e professionale: lo stesso Codice Deontologico Forense richiama doveri di dignità e decoro e vieta di usare espressioni offensive o sconvenienti.

Da qui la necessità di trovare una mediazione tra tradizione e modernità, tra fiera abilità tecnica, sintomo di sentita appartenenza professionale, e necessità di un approccio moderno ed efficace, comprensibile ai più.

Una linea guida però esiste, e ci illumina la strada: da sempre, retori, oratori, giuristi hanno celebrato la qualità della parola, e ancora più la chiarezza e la sinteticità del linguaggio dell’avvocato. “Utile è quell’avvocato che parla lo stretto necessario, che scrive chiaro e conciso”, diceva Pietro Calamandrei.
Chiarezza e concisione sono dunque tratti ineliminabili, da sempre e per sempre valido, nel lessico dell’avvocato, che deve coniugare cultura, sobrietà e capacità dialettica, ieri come oggi nell’epoca dei social.
Di ciò non dobbiamo dimenticarci, di ciò dobbiamo fare tesoro per salvaguardare e distinguere la nostra amata professione.

Photo credit: scontent.fbri

#TOPICS: ultimi articoli

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

La zavorra del Mezzogiorno

Canio Trione (Economista in Bari)
Qui non si tratta di “aiutare” qualcuno, ma di sapere e perseguire l’interesse della nostra comunità

Leggi l'articolo

I punti cardinali della ripartenza

Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Nell’affrontare quella economica non possiamo dimenticare il senso comune dello stare insieme

Leggi l'articolo

Ripartiamo dai sostantivi femminili

Serenella Molendini (Consigliera nazionale di parità supplente)
Tutte le epidemie precedenti hanno dimostrato che “nel dopo” aumentano le disuguaglianze in particolare di genere

Leggi l'articolo

La guerra dei dati al tempo del COVID-19

Corrado Crocetta (Docente di Statistica Università di Foggia)
In questi giorni, è importante che l’opinione pubblica sia consapevole dei rischi legati alla riduzione del distanziamento sociale

Leggi l'articolo

Le radici del male

Nicky Persico (Avvocato e scrittore)
E’ una storia vera: una di quelle notizie di cui si parla per un po’, e poi spariscono nel vuoto che le inghiotte: nel silenzio

Leggi l'articolo

Affrontare la ripresa

Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Bisognerebbe riferirsi all’“intelligenza” di fare le scelte migliori, ogni giorno, per ciascuno di noi, ma avendo presente l’intera Nazione e il suo futuro

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Emergenza occasione per cambiare

Pubblicato in |||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e l’adolescenza)
Sì a riaperture diversificate; è importante dare ai ragazzi certezze sia sull’inizio dell’anno scolastico sia sulle modalità di svolgimento degli esami di stato

TEMPERATURE IN RIALZO

Pubblicato in

ovvero, ciò che nessun DPCM può annientare Al di là…

CONTE-STATO

Pubblicato in

ANNICHILIMENTO DI GREGGE un’opera al grigio Pillola assai breve. Si…

UN ETERNO PRESENTE

Pubblicato in

Il fine pena mai è tra noi. Validato da una…

MILITES

Pubblicato in

C’è un soldato, tale Pirgopolinice, spaccone e credulone che, per…

Provvedimenti

Pubblicato in

(ai tempi del virus) Leggo l’ordinanza nr. 35 del 19/4/2020,…

Bulimici normativi

Pubblicato in

In poco tempo è stata prodotta una congerie di norme…

KAOS-19

Pubblicato in

Kaos-19. Confinati senza un domani. In lockdown, se vi piace. Maledetto Covid-19.

Il ratto di Europa

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Vediamo se si riesce a trarre qualche insegnamento dal mito di Europa. In realtà, una storia (una delle tante) piuttosto breve.

Curare le relazioni per garantire i diritti

Pubblicato in ||||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e per l’adolescenza)
Tracciato il bilancio di quattro anni di incarico: chiesti per l’Agia pareri obbligatori sulle leggi, poteri di ispezione, possibilità di intervento in giudizio e una struttura del personale stabile