Santa subito

Santa subito

di Marco Pezzella (Attore)

Tutti i diritti hanno lo stesso valore e tutti gli esseri umani hanno il diritto di goderne.

Una regola semplice che ci viene insegnata sin dall’asilo, quando sappiamo di essere esseri umani, ma non sappiamo cosa significhi. Istintivamente, però, sappiamo di essere tutti uguali.
Durante tutta la vita, poi, tale uguaglianza, diviene un assillo per alcuni, un ostacolo per altri e un dogma – per fortuna – per molti. Una incrollabile certezza nel palazzo – tutt’altro che stabile – in cui vive e vegeta la morale di ogni essere umano.

Carte costituzionali, tutele soprannazionali e braccia forti non sono sufficienti a proteggere quell’istintiva uguaglianza, se non si diventa capaci, nel piccolo, di intravedere le ombre dei diritti propri e di quelli altrui.
Si finisce, così, per percepire l’importanza e lo spessore di un diritto solo quando questo viene negato.
Il grado di cattiveria che innesca l’azione violatrice di un diritto può essere più o meno acuto, ma il risultato – in valore assoluto – non cambia mai. E non è una questione di genere.

Santa Scorese aveva ventitré anni e le è stata negata – per sempre – la possibilità di vivere la sua vita. Le è stato negato il diritto di vedere com’è la vita dopo ventitré anni.
Una ragazza spontaneamente virtuosa, una possibile testimone della parola di Dio, chissà. L’azione volontaria di un uomo ha impedito – per sempre – di sapere come e cosa sarebbe diventata Santa dopo quel rosso 15 marzo 1991. Un diritto sacrosanto.

Santa Subito” di Alessandro Piva, film documentario del 2019, premiato alla Festa del Cinema di Roma col “premio del pubblico” (unico riconoscimento di tale festival che, per l’appunto, è una festa e non un concorso) racconta la vita della giovane serva di Dio partendo proprio dalla negazione del diritto alla vita. Il film scandisce – attraverso le voci e le facce della famiglia Scorese – la parola “ingiustizia”.

“Santa Subito”, titolo capace di rivelare l’inclinazione cattolica della ventitreenne barese e la oltremodo ingiusta sofferenza dalla stessa subita, supera il racconto di un omicidio di genere, va – brillantemente – oltre la cronaca di una pagina più che buia della nostra società meridionale; ha la capacità di far compiere allo spettatore un viaggio nel tempo e di condurlo nel 1991, fargli vivere il dolore tuttora lancinante dei famigliari di Santa.

Dolore non assopito che non va da nessuna parte, se ne sta lì negli occhi di Angela, Piero, Rosa Maria e con loro segue zio Dino, Mario, Don Tino, Carmencita e Virginia nelle loro vite. In mano un fazzoletto per asciugare le lacrime, un fiore o un rosario, il cuore continua a battere ad un ritmo diverso. Più lento.

Il film di Alessandro Piva documenta questo dolore senza cadere nella trappola della effimera commiserazione. Funge da monito sociale: lascia che lo spettatore faccia suo quel dolore e lo porti a tavola nel dialogo con le famiglie, con i figli.

Difendere il proprio diritto è un istinto primordiale, ma rispettare il diritto altrui è una regola eterna che soprattutto la società moderna non può permettersi di ignorare. Indipendente dal genere.

Image credit: Saype
https://images.squarespace-cdn.com

#TOPICS: ultimi articoli

Kubrick e la pena giusta

Umberto Apice
Uno Stato repressivo, che tale voglia essere sia pure a fin di bene, sarà sempre uno Stato ingiusto

Leggi l'articolo

Sette uomini d’oro

Enzo Cianciotta
La delinquenza silenziosa dei colletti bianchi, quella che non ha bisogno di azioni sanguinarie

Leggi l'articolo

Dormire con le porte aperte

Paolo Cotza
Mai lasciare che le proprie convinzioni vengano manipolate ed usate dagli altri e rifuggire dalle verità precostituite ed imposte

Leggi l'articolo

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Occorre fare

Noi di Spoiler think tank di futuristi
Portiamo avanti il diritto di guardare al futuro con occhi pieni della speranza di trovare altri che completeranno il nostro percorso

Leggi l'articolo

Cuore ibernato

Gianfranco Terzo
L’incontro introspettivo tra le due anime, fragili e tristi, determina un cortocircuito

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

L’abuso infantile

Pubblicato in |||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in |||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in |||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Libertà di non amare

Pubblicato in |||

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Riconoscere la violenza domestica

Pubblicato in |||

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Il CTU: ipse dixit?

Pubblicato in |||

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

La negazione dell’abuso

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Nelle nostre aule giudiziarie la violenza viene spesso confusa con il conflitto

Il muro del silenzio

Pubblicato in |||

Giovanna Fava
Per chi non vuole vedere, la soluzione è semplice; la violenza al contrario é complessa: serve maggiore competenza

IL RIFIUTO DEL MINORE

Pubblicato in |||

Andrea Mazzeo
Gli operatori psicosociali e giuridici devono rivedere tutti i propri preconcetti sul rifiuto del minore di frequentare un genitore

Non c’è più tempo

Pubblicato in ||

Angelo Schillaci
Storie come quella di Caivano ci ricordano che la proposta di legge contro l’omotranslesbofobia non è un capriccio

Junk science

Pubblicato in |||

Andrea Mazzeo
Il mancato riconoscimento della PAS come malattia è dovuto alla mancanza di studi, clinici, epidemiologici, riconosciuti dalla comunità scientifica

Ancora la PAS?

Pubblicato in |||

Alessandra Capuano Branca
È giusto chiedersi quale sia l’ideologia di riferimento.
La risposta non è difficile, ed è la difesa del patriarcato.