Attualità e prospettive della previdenza forense

Attualità e prospettive della previdenza forense

di Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)

La polarizzazione dei redditi dell’Avvocatura
Quasi in contemporanea con la presentazione del VI Rapporto sull’avvocatura 2022, redatto a cura di Cassa Forense in collaborazione con il CENSIS, che contiene informazioni e dati demografici ed economici che fanno emergere lo scenario in cui operano gli avvocati, il Comitato dei Delegati di Cassa Forense, nella seduta del 29 aprile, ha approvato il bilancio consuntivo al 31-12-2021, che riporta un avanzo di gestione di 1.385 milioni di euro (determinato in parte dal ritorno della gestione del patrimonio mobiliare) ed una consistenza patrimoniale netta di 15.217,1 milioni di euro (contro i 13.832,1 milioni del precedente esercizio).

I dati positivi di sintesi dell’ultimo bilancio annuale non ci devono far dimenticare la situazione reddituale del comparto forense degli Iscritti alla Cassa di Previdenza Forense, come negli ultimi anni sta emergendo.
In particolare, i Numeri dell’avvocatura 2021, a cura dell’Ufficio attuariale di Cassa Forense (stilato sulla base dei redditi dichiarati per l’anno 2020, attraverso i modelli 5/21) e contenuti nel Rapporto mettono in luce soprattutto come il ritorno economico che discende dalla professione forense sia particolarmente diversificato, per lo più per classi di età, genere e territorio.

Recentemente, su questa tematica molti opinionisti hanno riportato dettagliatamente i dati del Rapporto che afferiscono alle condizioni reddituali degli avvocati, con diverse chiavi di lettura dei divari, come in modo costante emergenti tra giovani/anziani, donne/uomini, nord/sud.

Su 241.830 iscritti a Cassa Forense ragguardevole è il numero di coloro che dispongono di un reddito annuo inferiore a € 20.000: trattasi di una fascia di 95.537 posizioni, pari al 40,9 % dell’avvocatura (comprendendo le seguenti posizioni: 15.955 che non hanno inviato il modello 5/2021; 2.160 con redditi inferiori a € 00,00; 13.887 con redditi pari ad €. 00,00).

Solo il 7,6% dell’avvocatura dispone di redditi sopra € 100.700 ed è quella fascia di avvocati che provvede a versare a Cassa Forense il contributo di solidarietà. Trattasi di 15.798 soggetti che producono un monte reddito di € 4.007.022.243, che è poco meno del 50% del monte reddito della totalità degli avvocati, che per il 2021 è stato di € 8.534.669.500.

Se raffrontiamo il monte reddito del comparto forense del 2021 con quello del 2020 si rileva che non vi sono state divergenze in calo particolarmente significative sul totale complessivo: per il 2020, infatti, esso era di € 8.896.333.216.

Emerge tuttavia evidente come i redditi degli avvocati si polarizzino verso la fascia di iscritti che producono redditi superiori ad € 100.700.

Un po’ come sta accedendo in tutti i settori delle attività professionali ed economiche, anche nella categoria professionale forense, un considerevole numero di soggetti si sta palesando indigente.

Vorremmo tutti poter prevedere il trend prospettico della redditività di categoria per il futuro, utilizzando i dati raccolti dal CENSIS e da Cassa Forense.
Il critico contesto generale economico e sociale che stiamo vivendo rende tuttavia alquanto difficoltoso poter dare indicazioni su come intervenire efficacemente per poter realizzare la crescita economica dell’avvocatura tutta ed in particolare di quella che dispone di redditi inadeguati per poter vivere dignitosamente.

L’interesse precipuo di chi opera nel settore della previdenza è quello di attenzionare le criticità correlate alle condizioni reddituali degli avvocati, con le relative dinamiche, per poter far comprendere come essi possano proteggere meglio il loro futuro, dovendo l’attività professionale oggi intrapresa poter garantire sia il presente sia il futuro, per il tempo del pensionamento di ciascuno.

Il reddito va difeso e ciascun iscritto deve impegnarsi a farlo, per sé, investendo su nuove forme di lavoro professionale e su una diversa organizzazione del lavoro rispetto all’attuale, ancora per molti avvocati troppo legata ai modelli del passato.

La situazione reddituale di ogni avvocato al presente pone le basi per la una sicurezza economica di ciascuno e di tutta la categoria, anche in futuro.

L’Ente previdenziale ha il dovere di intervenire, affinché le pensioni degli iscritti siano adeguatamente protette ed è per questo che si deve aver cura oggi della tenuta del sistema previdenziale nel tempo, come peraltro prevede la legge.

In prospettiva, con i numeri e le dinamiche emergenti dai dati ed in particolare dal bilancio tecnico attuariale di Cassa Forense al 31-12-2020, presentato il 29 aprile al Comitato dei Delegati ed in corso di trasmissione ai Ministeri vigilanti, emergono problemi di saldo previdenziale e gestionale negativi, con decrescita del patrimonio, che richiedono interventi di modifica al sistema della previdenza forense vigente.

Pertanto, al di là dei risultati positivi di breve periodo, il focus dell’attenzione va mantenuto sul lungo periodo e sui mutamenti della categoria che sono intervenuti e che interverranno, con una visione prospettica di lungo periodo, con una attenta disamina delle trasformazioni demografiche ed economiche della popolazione degli Iscritti alla Cassa.

Il sistema previdenziale di Cassa Forense fonda il suo equilibrio, pur in presenza della crescita attuale della patrimonializzazione, su un patto generazionale di finanziamento e la sua tenuta è garantita dalla presenza di contingenti di nuova generazione, con potenzialità contributive tali da sostituire le generazioni in progressiva uscita, con trattamenti pensionistici che siano improntati ad equità.

Credits: suju-foto da Pixabay

Di Maria Grazia Rodari, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti per tutti i generi

Anna Losurdo
Un filo rosso verso una società sempre più giusta perchè sempre più uguale

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

Guerra e pace

Anna Losurdo
Non c’è libertà senza pace e non può esserci pace senza libertà

Leggi l'articolo

Nulla via impervia

Anna Losurdo
Nulla è più poetico di una strada solitaria. Ma davvero c’è poesia nelle vie solitarie di questo nostro tempo?

Leggi l'articolo

Nuove parole e nuovi metodi

Anna Losurdo
Improvvisamente la guerra non è più un brutto gioco di bambini

Leggi l'articolo

La grande follia

Laudato si’
Dobbiamo chiederci non chi può vincere la guerra, ma come disattivarla

Leggi l'articolo

Guerra dentro

Tiziana Nuzzo
Costruttore di pace è chi sia adopera ogni giorno a unire

Leggi l'articolo

Glottologia della guerra

Paola Furini
Noi occidentali non eravamo più abituati ad avere paura

Leggi l'articolo

Supplemento d’anima

Anna Paola Lacatena
Per sfuggire all’attrazione esercitata dall’orrore e dalle sue assolute certezze

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Dal sovraindebitamento alla composizione negoziata

Pubblicato in ||

A cura della redazione
L’Associazione Italiana Avvocati e Gestori
della crisi da sovraindebitamento e d’impresa organizza un evento formativo a
ROMA, HOTEL OCCIDENTAL ARAN PARK, 16 e 17 Giugno 2022

Filiazione materna sempre meno invisibile

Pubblicato in ||

Stefania Stefanelli
Una appliazione della tutela costituzionale dell’identità dei figli

Assegno divorzile: il tribunale di Matera bacchetta le sezioni unite

Pubblicato in |||

Enzo Varricchio
Il Tribunale di Matera rilegge la sentenza delle Sezioni unite

Che sapere per non essere condannati

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
L’ipotesi di delitto di diffamazione aggravata all’interno dei social network è sempre più frequente

Le ragioni dei minori, senza pregiudizi

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
Nelle vicende di affidamento dei figli minori spesso molte illazioni psicologiche ma pochi o nessun fatto

Giustizia in tv ma col PNRR

Pubblicato in |||

Enzo Varricchio
È andato in TV il PNRR, il più grande piano di investimenti della storia dell’Unione Europea

Cosa indossavi?

Pubblicato in |

Maria Critina Carratù
Pubblichiamo la prefazione al libro di Iacopo Benevieri

Un percorso affascinante

Pubblicato in |||

Valeria Pettorino

Cultura scientifica e lungimiranza

Pubblicato in |||

Claudia Segre e Anna Losurdo

Ecosistema della condivisione

Pubblicato in |||

Alessandra Pugnetti

Ecosistema della resilienza

Pubblicato in |||

Leonilde Bonfrate

Ecosistema del pregiudizio

Pubblicato in |||

Serenella Civitelli