Benvenuto fisco forfetario (2° parte)

Benvenuto fisco forfetario (2° parte)

di Antonio Damascelli (Avvocato in Bari e Presidente U.N.CA.T.)

In un precedente (primo) intervento del febbraio del 2019 abbiamo esaminato la disciplina del regime forfetario di tassazione del reddito di lavoro autonomo, nella cui categoria sono inseriti tutti i liberi professionisti, quorum gli avvocati.

La legge di bilancio 2019 (L. 28.12.2018 n. 145) aveva innovato l’art. 1 comma 57 lett. d bis) della legge 190/2014, escludendo dal regime forfetario “le persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d’imposta, ovvero nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili ai suddetti datori di lavoro”.

La causa ostativa prevista nella previgente disposizione normativa, anteriormente alla novella del 2019, come indicato nella relazione illustrativa, rispondeva alla ratio di evitare artificiose trasformazioni di attività di lavoro dipendente in attività di lavoro autonomo, prevedendo, a tal fine, un periodo di sorveglianza.

La nuova causa ostativa, a differenza della precedente, fa riferimento all’attività esercitata prevalentemente nei confronti dei datori di lavoro o di soggetti direttamente o indirettamente ad essi riconducibili, con la conseguenza che la verifica del requisito della prevalenza va effettuata solo al termine del periodo d’imposta (Circ. Agenzia Entrate n. 9 del 10 aprile 2019).

In questo quadro normativo si inserisce la modifica della lett. d bis), nella quale sono state aggiunte dalla legge 11 febbraio 2019 n. 12 – di conversione del d.l. n. 135/2018 – le seguenti parole “ad esclusione dei soggetti che iniziano una nuova attività dopo aver svolto il periodo di pratica obbligatorio ai fini dell’esercizio di arti o professioni”.

Sono, quindi, ammessi al regime forfetario dal 2019 gli ex praticanti che iniziano una nuova attività, anche se la esercitano prevalentemente nei confronti dei datori di lavoro presso i quali hanno svolto il periodo di praticantato obbligatorio.

Non è questa la sede più adatta per intrattenerci sull’argomento ma la ratio della disposizione appare orientata a collocarsi nella sfera dei rapporti tra l’avvocato-collaboratore ed il titolare dello studio monocommittente (tema oggetto di attenta riflessione nell’ambito delle istituzioni forensi).
Vale a dire che il praticante avvocato, il quale, successivamente all’abilitazione, presti o continui a prestare la propria attività professionale in favore dell’ex “dominus”, rientra nel regime forfetario.

La disposizione, inserita quale deroga alla disciplina a regime valida per tutte le persone fisiche, si offre a questa interpretazione (rapporto col datore monicommittente) non potendosi riferire alla diversa circostanza del pregresso rapporto di lavoro svolto nei due anni precedenti, ostando il dettato dell’art. 41 comma 11 della legge professionale n. 247/2012.
In base a questa norma, infatti, al praticante è riconosciuto il rimborso delle spese sostenute per conto dello studio ove svolge la pratica, ma il tirocinio professionale non determina di diritto l’instaurazione di un rapporto di lavoro subordinato anche occasionale.

Al tirocinante possono essere riconosciuti, mediante apposito contratto e decorso il primo semestre di pratica, un’indennità o un compenso commisurati all’effettivo apporto professionale dato nell’esercizio delle prestazioni e tenuto conto dell’utilizzo delle strutture dello studio professionale.
La dazione dell’indennità o compenso non trasforma la collaborazione in rapporto di lavoro subordinato, in quanto la natura del reddito, una volta classificato ex lege, non muta per effetto delle modalità di corresponsione del compenso.

In conclusione, se il praticante avvocato si abilita e prosegue l’attività professionale anche prevalentemente col suo dominus, dal quale percepisce compensi, determinerà la ricchezza in modo forfetario sempre che i predetti compensi non siano superiori a 65.000 euro.

https://www.oralegalenews.it/magazine/03-gennaio/il-nuovo-regime-di-determinazione-forfetaria-del-reddito-dei-professionisti/2777/2019/

Pic.:Nattanan Kanchanaprat da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Kubrick e la pena giusta

Umberto Apice
Uno Stato repressivo, che tale voglia essere sia pure a fin di bene, sarà sempre uno Stato ingiusto

Leggi l'articolo

Sette uomini d’oro

Enzo Cianciotta
La delinquenza silenziosa dei colletti bianchi, quella che non ha bisogno di azioni sanguinarie

Leggi l'articolo

Dormire con le porte aperte

Paolo Cotza
Mai lasciare che le proprie convinzioni vengano manipolate ed usate dagli altri e rifuggire dalle verità precostituite ed imposte

Leggi l'articolo

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Occorre fare

Noi di Spoiler think tank di futuristi
Portiamo avanti il diritto di guardare al futuro con occhi pieni della speranza di trovare altri che completeranno il nostro percorso

Leggi l'articolo

Cuore ibernato

Gianfranco Terzo
L’incontro introspettivo tra le due anime, fragili e tristi, determina un cortocircuito

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

REFERENDUM

Pubblicato in

(senza Ockham) Testo del quesito: “Approvate il testo della legge…

Avvocate e discriminazioni

Pubblicato in ||||

Giovanna Barca
Ancora troppe discriminazioni in Italia anche per le donne lavoratrici, incluse le libere professioniste

A scuola con il Covid-19

Pubblicato in |||

Michela Labriola
Gli studenti hanno bisogno delle aule: quel luogo fisico che consenta loro di esprimere la libertà e la relazione tra pari

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo