Benvenuto fisco forfetario (2° parte)

Benvenuto fisco forfetario (2° parte)

di Antonio Damascelli (Avvocato in Bari e Presidente U.N.CA.T.)

In un precedente (primo) intervento del febbraio del 2019 abbiamo esaminato la disciplina del regime forfetario di tassazione del reddito di lavoro autonomo, nella cui categoria sono inseriti tutti i liberi professionisti, quorum gli avvocati.

La legge di bilancio 2019 (L. 28.12.2018 n. 145) aveva innovato l’art. 1 comma 57 lett. d bis) della legge 190/2014, escludendo dal regime forfetario “le persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d’imposta, ovvero nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili ai suddetti datori di lavoro”.

La causa ostativa prevista nella previgente disposizione normativa, anteriormente alla novella del 2019, come indicato nella relazione illustrativa, rispondeva alla ratio di evitare artificiose trasformazioni di attività di lavoro dipendente in attività di lavoro autonomo, prevedendo, a tal fine, un periodo di sorveglianza.

La nuova causa ostativa, a differenza della precedente, fa riferimento all’attività esercitata prevalentemente nei confronti dei datori di lavoro o di soggetti direttamente o indirettamente ad essi riconducibili, con la conseguenza che la verifica del requisito della prevalenza va effettuata solo al termine del periodo d’imposta (Circ. Agenzia Entrate n. 9 del 10 aprile 2019).

In questo quadro normativo si inserisce la modifica della lett. d bis), nella quale sono state aggiunte dalla legge 11 febbraio 2019 n. 12 – di conversione del d.l. n. 135/2018 – le seguenti parole “ad esclusione dei soggetti che iniziano una nuova attività dopo aver svolto il periodo di pratica obbligatorio ai fini dell’esercizio di arti o professioni”.

Sono, quindi, ammessi al regime forfetario dal 2019 gli ex praticanti che iniziano una nuova attività, anche se la esercitano prevalentemente nei confronti dei datori di lavoro presso i quali hanno svolto il periodo di praticantato obbligatorio.

Non è questa la sede più adatta per intrattenerci sull’argomento ma la ratio della disposizione appare orientata a collocarsi nella sfera dei rapporti tra l’avvocato-collaboratore ed il titolare dello studio monocommittente (tema oggetto di attenta riflessione nell’ambito delle istituzioni forensi).
Vale a dire che il praticante avvocato, il quale, successivamente all’abilitazione, presti o continui a prestare la propria attività professionale in favore dell’ex “dominus”, rientra nel regime forfetario.

La disposizione, inserita quale deroga alla disciplina a regime valida per tutte le persone fisiche, si offre a questa interpretazione (rapporto col datore monicommittente) non potendosi riferire alla diversa circostanza del pregresso rapporto di lavoro svolto nei due anni precedenti, ostando il dettato dell’art. 41 comma 11 della legge professionale n. 247/2012.
In base a questa norma, infatti, al praticante è riconosciuto il rimborso delle spese sostenute per conto dello studio ove svolge la pratica, ma il tirocinio professionale non determina di diritto l’instaurazione di un rapporto di lavoro subordinato anche occasionale.

Al tirocinante possono essere riconosciuti, mediante apposito contratto e decorso il primo semestre di pratica, un’indennità o un compenso commisurati all’effettivo apporto professionale dato nell’esercizio delle prestazioni e tenuto conto dell’utilizzo delle strutture dello studio professionale.
La dazione dell’indennità o compenso non trasforma la collaborazione in rapporto di lavoro subordinato, in quanto la natura del reddito, una volta classificato ex lege, non muta per effetto delle modalità di corresponsione del compenso.

In conclusione, se il praticante avvocato si abilita e prosegue l’attività professionale anche prevalentemente col suo dominus, dal quale percepisce compensi, determinerà la ricchezza in modo forfetario sempre che i predetti compensi non siano superiori a 65.000 euro.

https://www.oralegalenews.it/magazine/03-gennaio/il-nuovo-regime-di-determinazione-forfetaria-del-reddito-dei-professionisti/2777/2019/

Pic.:Nattanan Kanchanaprat da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Italian haters

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Leggi l'articolo

Gioventù bruciata

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

Leggi l'articolo

Narcisisti e violenti ma molto social

Anna Losurdo
Con la violenza verbale possiamo sbandierare ai quattro venti la nostra non violenza

Leggi l'articolo

Art against violence

Enzo Varricchio
L’arte è un potente antidoto contro la guerra e la violenza di ogni tipo. Gli artisti visivi contemporanei come Banksi o Toscani contribuiscono a cambiare la mentalità della gente

Leggi l'articolo

Piccoli schiavi invisibili

Roberta Aria (Avvocata in Napoli)
A trent’anni dalla Convenzione di Ginevra sui diritti dell’infazia e dell’adolescenza

Leggi l'articolo

Vis fatale cui resisti non potest

Massimo Corrado Di Florio
Le infinite declinazioni della violenza non risparmiano nessuno. Nessun umano affare ne va esente

Leggi l'articolo

Occhio ai titoli

Antonio Longo (Avvocato in Bari)
La pratica antica, ma non per questo meno grave, di dipingere con aggettivi e caratterizzazioni bonarie l’assassino o il violentatore di turno

Leggi l'articolo

La forza mite della giustizia

Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Declinate al plurale, le violenze riempiono uno spazio senza contorni, difficilmente delimitabile

Leggi l'articolo

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Rugginosi

Pubblicato in

Inutile. Proprio non ce la si fa. Anche le interminabili…

Italian haters

Pubblicato in |||

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Gioventù bruciata

Pubblicato in |||

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

OBLIQUI BULIMICI DELLO ZERO ASSOLUTO

Pubblicato in

Anche quando nessuno domanda più nulla, ecco che si dànno…

L’indomito scorpione e l’allocca rana (corsi e ricorsi)

Pubblicato in

Assistiamo, oggi, al susseguirsi di eventi tutti già scritti. Becere…

Pochi grammi di coraggio

Pubblicato in |||

Nicola Laforgia (Direttore Neonatologia e TIN Universitaria Policlinico di Bari)
Il supporto psicologico in terapia intensiva neonatale è fondamentale

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Ricorda di volerti bene

Pubblicato in |||

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Ricorda di volerti bene
E che c’è una linea
Che nessuno dovrà mai varcare