E se facessimo da soli?

E se facessimo da soli?

Per diversi mesi l’accesso alla Giustizia è risultato molto difficoltoso (per usare un eufemismo) a causa dell’emergenza sanitaria.

Nel pieno dell’emergenza sanitaria, a metà aprile, ho approfittato dell’ospitalità degli amici di “Oralegale news” per lanciare una proposta che, a distanza di qualche mese, mi piacerebbe ribadire.

Quanto costerebbe allo Stato accollarsi i costi delle Camere Arbitrali, sollevando le parti da ulteriori oneri? (spoiler: meno di quanto costerebbe il collasso della Giustizia continuando, nel frattempo, a versare bonus assistenziali).

E se facessimo da soli?

Denuncio subito la mia tesi: almeno per la Giustizia Civile, i C.O.A., (attraverso le Camere Arbitrali e con poche modifiche normative), potrebbero ridurre il numero di cause in ritardo (98.370 in appello e 337.740 in primo grado secondo i dati ufficiali per il 2019 del monitoraggio della Giustizia civile), ed il numero di cause pendenti purché sia lo Stato ad accollarsi i costi degli arbitrati, quanto meno sotto forma di credito di imposta.

Quale potrebbe essere il costo di questa operazione?

Quello che verrebbe versato dallo Stato, in realtà, potrebbe rivelarsi un futuro risparmio.

Due conti:

  1. la Tariffa arbitrale (secondo le Tabelle della Camera di Milano) parte da un minimo di 600,00 euro per Cause fino a 25.000,00;
  2. per ogni anno di ritardo lo Stato deve risarcire per ognuna delle cause in ritardo una somma (in media) tra i 400,00 e gli 800,00 euro;

Questi numeri, da soli, potrebbero essere convincenti: perché lo Stato paga un risarcimento per ogni anno di ritardo quando potrebbe farsi carico (più o meno con la stessa somma) di pagare un Arbitro per risolvere definitivamente il contenzioso?

C’è da aggiungere, inoltre, che oltre ai risarcimenti per la “legge Pinto”, il ritardo della Giustizia civile genera costi indiretti (dovuti ad incertezza e sfiducia di cittadini e imprese) pari a circa l’1 % del PIL.

Infine, a causa della paralisi della Giustizia, lo Stato si accollerà ulteriori costi, quali, ad esempio, l’indennità di 600,00 euro versata agli Avvocati (e per ora anticipata dalla Cassa Forense) che, secondo il comunicato, costa 83.586.600,00 euro per il solo mese di marzo.

Nel mese di Aprile non era ben chiaro dove si potessero trovare risorse economiche per questa operazione (ipotizzavo l’emissione di strumenti finanziari di Stato).

Oggi invece sappiamo che (ad alcune condizioni e nel perimetro ben delineato dalla Commissione Europea) alcune delle risorse che l’Unione Europea mette a disposizione dell’Italia, possono essere utilizzate per migliorare la Giustizia.

Non si tratta di una privatizzazione della Giustizia: i C.O.A. sono Enti Pubblici, ai sensi della Legge 247/2012, e le Camere Arbitrali, da essi amministrate, ben potrebbero costituire un una forma di Giurisdizione pubblica, nel senso ampio del termine.

Una soluzione del genere valorizzerebbe il ruolo e la professionalità degli Avvocati e degli stessi Magistrati e offrirebbe un servizio pubblico finalizzato ad ottenere una Giustizia civile più veloce, più efficiente e più rispettosa dei diritti dei cittadini.

Image credit: Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Kubrick e la pena giusta

Umberto Apice
Uno Stato repressivo, che tale voglia essere sia pure a fin di bene, sarà sempre uno Stato ingiusto

Leggi l'articolo

Sette uomini d’oro

Enzo Cianciotta
La delinquenza silenziosa dei colletti bianchi, quella che non ha bisogno di azioni sanguinarie

Leggi l'articolo

Dormire con le porte aperte

Paolo Cotza
Mai lasciare che le proprie convinzioni vengano manipolate ed usate dagli altri e rifuggire dalle verità precostituite ed imposte

Leggi l'articolo

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Occorre fare

Noi di Spoiler think tank di futuristi
Portiamo avanti il diritto di guardare al futuro con occhi pieni della speranza di trovare altri che completeranno il nostro percorso

Leggi l'articolo

Cuore ibernato

Gianfranco Terzo
L’incontro introspettivo tra le due anime, fragili e tristi, determina un cortocircuito

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

REFERENDUM

Pubblicato in

(senza Ockham) Testo del quesito: “Approvate il testo della legge…

Avvocate e discriminazioni

Pubblicato in ||||

Giovanna Barca
Ancora troppe discriminazioni in Italia anche per le donne lavoratrici, incluse le libere professioniste

A scuola con il Covid-19

Pubblicato in |||

Michela Labriola
Gli studenti hanno bisogno delle aule: quel luogo fisico che consenta loro di esprimere la libertà e la relazione tra pari

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo