facciamoci del mare

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)

Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi.
Come siamo illusi, di fronte al mare. Convinti che possa portare lontano ogni cosa, disintegrarla, far sì che non esista più.
Esattamente come coprirsi gli occhi e pensare che se noi non vediamo nessuno, nessuno ci vedrà.
Perché, appunto, siamo furbi. Già. Dei veri geni, quasi oserei dire.
Per poi, un giorno, ritrovarci sommersi di quel che abbiamo ‘buttato via’.
Ha solo fatto un lungo giro, e poi è tornato tutto: ogni singola bottiglietta, ogni busta, ogni tappo.
Ma in fondo chissenefrega: possiamo sempre prendere il sole, no?
Ah, vero, da quello ormai bisogna praticamente difendersi, per via del buco nell’ozono o cose del genere.
Ma un po’ d’aria fresca, sulla riva, è sempre pronta, giusto?
Uhm, no: c’è il riscaldamento globale, e a volte il caldo è talmente insopportabile che si soffre anche in spiaggia.
Ragazzi, sapete che vi dico: una bella mangiata di pesce , però, non ce la leva nessuno!
Ah sì? C’è un altro problema?
Cavolo, ogni rifiuto, ridotto in minuscoli frammenti, finisce nei nostri piatti. E così, secondo recenti ricerche – ed era intuitivo, in verità – mangiamo ogni settimana l’equivalente di una carta di credito.
Ma allora, cosa ci resta?
Un mare di plastica, mangiando un gelato al gusto di fragola, all’ombra di un telo che ci difende dal sole, facendo attenzione alle schegge di vetro che spuntano dalla sabbia.
E un tuffo refrigerante tra le alghe tossiche, le meduse urticanti e i pesci tropicali, tra colibatteri, nafta, e altri regali.
Se proprio non fossimo capaci di non gettare rifiuti in mare, foss’anche con vie traverse, per salvare pesci, uccelli, tartarughe e quant’altro, dovremmo almeno esserlo per salvare noi stessi: ma l’ottusità può più dell’egoismo. E ci facciamo del mare.
Infine lo troveremo pure, un angolo visuale adatto, scansando nell’inquadratura una bottiglia vuota, un sacchetto nero, e una lattina arrugginita, lo spazio per uno scatto da esibire con orgoglio incontaminato. Per far vedere al mondo intero che è arrivata ancora una volta l’estate.
Non è colpa nostra, in fondo. Sono malefatte del passato, quelle che si manifestano adesso.
Noi stiamo acquisendo una coscienza sociale, su questa plastica maledetta. Noi il sacchetto lo conferiamo come si deve.
Poco ci importa, al fresco dell’aria condizionata, quel che d’altro stiamo combinando. Si scioglieranno i ghiacciai, per questo: ma tanto, tanto lontano.
Il mare, dal canto suo, ci osserva perplesso. E si consola, pensando che siamo biodegradabili, almeno noi, nel giro di qualche anno.
A parte l’equivalente di qualche carta di credito, naturalmente.
Perché ormai, reciteranno, plastica siamo, e plastica ritorneremo.

Pic.: …/inquinamento-plastica-balena.jpeg

#TOPICS: ultimi articoli

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

La zavorra del Mezzogiorno

Canio Trione (Economista in Bari)
Qui non si tratta di “aiutare” qualcuno, ma di sapere e perseguire l’interesse della nostra comunità

Leggi l'articolo

I punti cardinali della ripartenza

Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Nell’affrontare quella economica non possiamo dimenticare il senso comune dello stare insieme

Leggi l'articolo

Ripartiamo dai sostantivi femminili

Serenella Molendini (Consigliera nazionale di parità supplente)
Tutte le epidemie precedenti hanno dimostrato che “nel dopo” aumentano le disuguaglianze in particolare di genere

Leggi l'articolo

La guerra dei dati al tempo del COVID-19

Corrado Crocetta (Docente di Statistica Università di Foggia)
In questi giorni, è importante che l’opinione pubblica sia consapevole dei rischi legati alla riduzione del distanziamento sociale

Leggi l'articolo

Le radici del male

Nicky Persico (Avvocato e scrittore)
E’ una storia vera: una di quelle notizie di cui si parla per un po’, e poi spariscono nel vuoto che le inghiotte: nel silenzio

Leggi l'articolo

Affrontare la ripresa

Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Bisognerebbe riferirsi all’“intelligenza” di fare le scelte migliori, ogni giorno, per ciascuno di noi, ma avendo presente l’intera Nazione e il suo futuro

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Emergenza occasione per cambiare

Pubblicato in |||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e l’adolescenza)
Sì a riaperture diversificate; è importante dare ai ragazzi certezze sia sull’inizio dell’anno scolastico sia sulle modalità di svolgimento degli esami di stato

TEMPERATURE IN RIALZO

Pubblicato in

ovvero, ciò che nessun DPCM può annientare Al di là…

CONTE-STATO

Pubblicato in

ANNICHILIMENTO DI GREGGE un’opera al grigio Pillola assai breve. Si…

UN ETERNO PRESENTE

Pubblicato in

Il fine pena mai è tra noi. Validato da una…

MILITES

Pubblicato in

C’è un soldato, tale Pirgopolinice, spaccone e credulone che, per…

Provvedimenti

Pubblicato in

(ai tempi del virus) Leggo l’ordinanza nr. 35 del 19/4/2020,…

Bulimici normativi

Pubblicato in

In poco tempo è stata prodotta una congerie di norme…

KAOS-19

Pubblicato in

Kaos-19. Confinati senza un domani. In lockdown, se vi piace. Maledetto Covid-19.

Il ratto di Europa

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Vediamo se si riesce a trarre qualche insegnamento dal mito di Europa. In realtà, una storia (una delle tante) piuttosto breve.

Curare le relazioni per garantire i diritti

Pubblicato in ||||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e per l’adolescenza)
Tracciato il bilancio di quattro anni di incarico: chiesti per l’Agia pareri obbligatori sulle leggi, poteri di ispezione, possibilità di intervento in giudizio e una struttura del personale stabile

IL TOTALMENTE ALTRO

Pubblicato in

(il Diritto al rovescio) Qui si parla della negazione di…