facciamoci del mare

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)

Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi.
Come siamo illusi, di fronte al mare. Convinti che possa portare lontano ogni cosa, disintegrarla, far sì che non esista più.
Esattamente come coprirsi gli occhi e pensare che se noi non vediamo nessuno, nessuno ci vedrà.
Perché, appunto, siamo furbi. Già. Dei veri geni, quasi oserei dire.
Per poi, un giorno, ritrovarci sommersi di quel che abbiamo ‘buttato via’.
Ha solo fatto un lungo giro, e poi è tornato tutto: ogni singola bottiglietta, ogni busta, ogni tappo.
Ma in fondo chissenefrega: possiamo sempre prendere il sole, no?
Ah, vero, da quello ormai bisogna praticamente difendersi, per via del buco nell’ozono o cose del genere.
Ma un po’ d’aria fresca, sulla riva, è sempre pronta, giusto?
Uhm, no: c’è il riscaldamento globale, e a volte il caldo è talmente insopportabile che si soffre anche in spiaggia.
Ragazzi, sapete che vi dico: una bella mangiata di pesce , però, non ce la leva nessuno!
Ah sì? C’è un altro problema?
Cavolo, ogni rifiuto, ridotto in minuscoli frammenti, finisce nei nostri piatti. E così, secondo recenti ricerche – ed era intuitivo, in verità – mangiamo ogni settimana l’equivalente di una carta di credito.
Ma allora, cosa ci resta?
Un mare di plastica, mangiando un gelato al gusto di fragola, all’ombra di un telo che ci difende dal sole, facendo attenzione alle schegge di vetro che spuntano dalla sabbia.
E un tuffo refrigerante tra le alghe tossiche, le meduse urticanti e i pesci tropicali, tra colibatteri, nafta, e altri regali.
Se proprio non fossimo capaci di non gettare rifiuti in mare, foss’anche con vie traverse, per salvare pesci, uccelli, tartarughe e quant’altro, dovremmo almeno esserlo per salvare noi stessi: ma l’ottusità può più dell’egoismo. E ci facciamo del mare.
Infine lo troveremo pure, un angolo visuale adatto, scansando nell’inquadratura una bottiglia vuota, un sacchetto nero, e una lattina arrugginita, lo spazio per uno scatto da esibire con orgoglio incontaminato. Per far vedere al mondo intero che è arrivata ancora una volta l’estate.
Non è colpa nostra, in fondo. Sono malefatte del passato, quelle che si manifestano adesso.
Noi stiamo acquisendo una coscienza sociale, su questa plastica maledetta. Noi il sacchetto lo conferiamo come si deve.
Poco ci importa, al fresco dell’aria condizionata, quel che d’altro stiamo combinando. Si scioglieranno i ghiacciai, per questo: ma tanto, tanto lontano.
Il mare, dal canto suo, ci osserva perplesso. E si consola, pensando che siamo biodegradabili, almeno noi, nel giro di qualche anno.
A parte l’equivalente di qualche carta di credito, naturalmente.
Perché ormai, reciteranno, plastica siamo, e plastica ritorneremo.

Pic.: …/inquinamento-plastica-balena.jpeg

#TOPICS: ultimi articoli

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Il fondo di garanzia INPS

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Leggi l'articolo

Una storia dei debiti

di Enzo Varricchio
Per chi non riesce a pagare i debiti si è troppo spesso profilato il baratro del suicidio o comunque della rovina personale e familiare

Leggi l'articolo

Gli Avvocati e il codice della crisi

di Carlo Orlando (Consigliere Nazionale Forense)
È essenziale che le prestazioni intellettuali rese in ambito concorsuale e pre-concorsuale godano della prededuzione e che i compensi siano proporzionati alla complessità dell’incarico

Leggi l'articolo

Autonomia negoziale e comunicazione

di Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Nella gestione dei rapporti patologici tra creditore e debitore si è ampliata la sfera di intervento dell’autonomia privata su base negoziale

Leggi l'articolo

Nuova esdebitazione

di Alvise Cecchinato (Avvocato in Pordenone)
Le modifiche alla liquidazione e la possibilità di esdebitazione senza patrimonio e liquidazione forse daranno davvero la possibilità della seconda chance

Leggi l'articolo

Una occasione perduta

di Luigi Amendola (Avvocato in Salerno)
Il nuovo Codice della crisi non ha risolto il mancato coordinamento tra le disposizioni preesistenti e la legge 3/2012 in tema di falcidiabilità dell’IVA e delle ritenute operate e non versate

Leggi l'articolo

La liquidazione controllata

di Francesco Angeli (Commercialista in Terni)
La nuova disciplina della liquidazione controllata ha risolto i problemi procedurali della liquidazione dei beni nella L. 3/2012 e consente maggiore celerità e migliore soddisfacimento dei creditori

Leggi l'articolo

La direttiva UE 2019/1023

di Stefania Pacchi (Diritto commerciale – Università di Siena)
La Direttiva non presenta né un progetto globale di diritto delle imprese in crisi nè un progetto analitico e completo di disciplina delle ristrutturazioni ma soltanto indirizzi su alcuni punti fondamentali

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Torri

Pubblicato in

“Il giorno seguente non morì nessuno…” mi sarebbe piaciuto scrivere…

La fiducia. Una spirale ci annoierà

Pubblicato in

C’è chi la chiede e chi la dà. C’è anche…

Come si diceva? C’è voluto poco

Pubblicato in

Tutto era già scritto. Tutto era già programmato. Con largo…

Un altro mondo è possibile

Pubblicato in |||

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Il fondo di garanzia INPS

Pubblicato in |||

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Una storia dei debiti

Pubblicato in |||

di Enzo Varricchio
Per chi non riesce a pagare i debiti si è troppo spesso profilato il baratro del suicidio o comunque della rovina personale e familiare

QUASI AMICI

Pubblicato in

L. e N., quasi amici. La misura del quasi è…

Ciarlatano mio Ciarlatano. il Don Chisciotte de noantri

Pubblicato in

Un po’ di ragione vorrei attribuirmela. Lo so, è inelegante…

RIPOSIZIONAMENTI

Pubblicato in

Eravamo alla frutta. Occorreva uno scossone serio. Non so bene…