La saga della canapa

La saga della canapa

di Francesco Mirizzi (Senior Policy Advisor, Associazione Europea della Canapa Industriale)

La saga della canapa industriale prende una direzione tutta particolare in questo 2020.
A inizio luglio, poco prima della chiusura del Parlamento e della pausa estiva, la Commissione Europea ha infatti deciso di emettere un parere preliminare, condiviso solo con alcuni operatori del settore:

gli estratti naturali da fiore di canapa e il CBD derivante dalla pianta, sono da considerarsi come narcotici e non più come alimenti, in base a una lettura tutta particolare e per lo meno dubbia della Convenzione di New York.

Stesso approccio non vale però per il CBD prodotto in laboratorio tramite processi chimici industriali.

Senza entrare nel merito di quali operatori beneficerebbero di tale classificazione, per non rischiare di dare una visione della faccenda che farebbe un baffo agli scenaristi di House of Cards, basta limitarsi ad analizzare alcuni elementi per capire che si tratta di un’aberrazione.

In primo luogo, la Convenzione sopracitata risale al 1961, anno in cui le molecole di THC e CBD erano conosciute solo marginalmente.
Solo nel 2019 l’OMS ha ufficialmente richiesto alle Nazioni Unite di escludere il CBD dall’applicazione del trattato.
Peraltro, il trattato fa espressamente riferimento alle varietà di cannabis coltivate per la produzione di narcotici e non a quelle coltivate per fini industriali (con una quantità di THC inferiore allo 0,2%/1%).

In secondo luogo, l’interpretazione della Commissione è di segno opposto all’opinione dell’Avvocato Generale Tanchev che definisce contraria al diritto comunitario una normativa nazionale che vieti l’importazione di olio di CBD qualora esso sia estratto dall’intera pianta di canapa, e in particolare dalle foglie e dai fiori della stessa.
L’opinione di Tanchev non fa che confermare ciò che la scienza già sapeva: che il CBD non ha alcun effetto psicotropo, dunque non è da considerarsi come droga.

Insomma, la Commissione decide a metà estate di cambiare le carte in tavola.

Il risultato di tale interpretazione, se confermata, sarebbe devastante per il settore che si vedrebbe privato della prima fonte di reddito della pianta: infatti, la fibra e il canapulo sono poco redditizi rispetto agli estratti.
La filiera sparirebbe quasi certamente. E con essa le speranze degli agricoltori di ottenere un reddito aggiuntivo da una coltura intermedia facile da gestire, che necessita di pochissimi trattamenti e che si sposa perfettamente con i principi di sostenibilità enunciati dal Green Deal.

Invece, il CBD rimarrebbe comunque sul mercato, ma prodotto in laboratorio o nei campi di qualche grande compagnia in grado di permettersi le licenze per maneggiare un narcotico.

È forse tempo che si faccia un po’ di chiarezza e che il dibattito diventi trasparente e sottoposto al vaglio democratico.
La politica ha troppi scheletri nell’armadio per ipotecare il futuro di un intero settore agricolo.

Il comunicato stampa di EIHA
https://www.oralegalenews.it/wp-content/uploads/2020/07/PR_HempExtract_Narcotic_IT.pdf

Image credit: Jacques Henri Lartigue
https://www.lartigue.org/wp-content/uploads/2016/05/1980-005-LRT35117ZZ-663×980.jpg

di Francesco Mirizzi, su Ora Legale News:

#TOPICS: ultimi articoli

Kubrick e la pena giusta

Umberto Apice
Uno Stato repressivo, che tale voglia essere sia pure a fin di bene, sarà sempre uno Stato ingiusto

Leggi l'articolo

Sette uomini d’oro

Enzo Cianciotta
La delinquenza silenziosa dei colletti bianchi, quella che non ha bisogno di azioni sanguinarie

Leggi l'articolo

Dormire con le porte aperte

Paolo Cotza
Mai lasciare che le proprie convinzioni vengano manipolate ed usate dagli altri e rifuggire dalle verità precostituite ed imposte

Leggi l'articolo

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Occorre fare

Noi di Spoiler think tank di futuristi
Portiamo avanti il diritto di guardare al futuro con occhi pieni della speranza di trovare altri che completeranno il nostro percorso

Leggi l'articolo

Cuore ibernato

Gianfranco Terzo
L’incontro introspettivo tra le due anime, fragili e tristi, determina un cortocircuito

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

REFERENDUM

Pubblicato in

(senza Ockham) Testo del quesito: “Approvate il testo della legge…

Avvocate e discriminazioni

Pubblicato in ||||

Giovanna Barca
Ancora troppe discriminazioni in Italia anche per le donne lavoratrici, incluse le libere professioniste

A scuola con il Covid-19

Pubblicato in |||

Michela Labriola
Gli studenti hanno bisogno delle aule: quel luogo fisico che consenta loro di esprimere la libertà e la relazione tra pari

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo