La saga della canapa

La saga della canapa

di Francesco Mirizzi (Senior Policy Advisor, Associazione Europea della Canapa Industriale)

La saga della canapa industriale prende una direzione tutta particolare in questo 2020.
A inizio luglio, poco prima della chiusura del Parlamento e della pausa estiva, la Commissione Europea ha infatti deciso di emettere un parere preliminare, condiviso solo con alcuni operatori del settore:

gli estratti naturali da fiore di canapa e il CBD derivante dalla pianta, sono da considerarsi come narcotici e non più come alimenti, in base a una lettura tutta particolare e per lo meno dubbia della Convenzione di New York.

Stesso approccio non vale però per il CBD prodotto in laboratorio tramite processi chimici industriali.

Senza entrare nel merito di quali operatori beneficerebbero di tale classificazione, per non rischiare di dare una visione della faccenda che farebbe un baffo agli scenaristi di House of Cards, basta limitarsi ad analizzare alcuni elementi per capire che si tratta di un’aberrazione.

In primo luogo, la Convenzione sopracitata risale al 1961, anno in cui le molecole di THC e CBD erano conosciute solo marginalmente.
Solo nel 2019 l’OMS ha ufficialmente richiesto alle Nazioni Unite di escludere il CBD dall’applicazione del trattato.
Peraltro, il trattato fa espressamente riferimento alle varietà di cannabis coltivate per la produzione di narcotici e non a quelle coltivate per fini industriali (con una quantità di THC inferiore allo 0,2%/1%).

In secondo luogo, l’interpretazione della Commissione è di segno opposto all’opinione dell’Avvocato Generale Tanchev che definisce contraria al diritto comunitario una normativa nazionale che vieti l’importazione di olio di CBD qualora esso sia estratto dall’intera pianta di canapa, e in particolare dalle foglie e dai fiori della stessa.
L’opinione di Tanchev non fa che confermare ciò che la scienza già sapeva: che il CBD non ha alcun effetto psicotropo, dunque non è da considerarsi come droga.

Insomma, la Commissione decide a metà estate di cambiare le carte in tavola.

Il risultato di tale interpretazione, se confermata, sarebbe devastante per il settore che si vedrebbe privato della prima fonte di reddito della pianta: infatti, la fibra e il canapulo sono poco redditizi rispetto agli estratti.
La filiera sparirebbe quasi certamente. E con essa le speranze degli agricoltori di ottenere un reddito aggiuntivo da una coltura intermedia facile da gestire, che necessita di pochissimi trattamenti e che si sposa perfettamente con i principi di sostenibilità enunciati dal Green Deal.

Invece, il CBD rimarrebbe comunque sul mercato, ma prodotto in laboratorio o nei campi di qualche grande compagnia in grado di permettersi le licenze per maneggiare un narcotico.

È forse tempo che si faccia un po’ di chiarezza e che il dibattito diventi trasparente e sottoposto al vaglio democratico.
La politica ha troppi scheletri nell’armadio per ipotecare il futuro di un intero settore agricolo.

Il comunicato stampa di EIHA
https://www.oralegalenews.it/wp-content/uploads/2020/07/PR_HempExtract_Narcotic_IT.pdf

Image credit: Jacques Henri Lartigue
https://www.lartigue.org/wp-content/uploads/2016/05/1980-005-LRT35117ZZ-663×980.jpg

https://www.oralegalenews.it/wp-content/uploads/2020/07/VIDEO-2020-09-11-08-14-53.mp4

di Francesco Mirizzi, su Ora Legale News:

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il 25 novembre

Pubblicato in

Giornata contro la violenza sulle donne.Mondo assurdo. La violenza sulle…

THE END

Pubblicato in

Nell’infinitamente grande e nell’infinitamente piccolo c’è una immensità di cose…

Fughe, ricrescite e scolature

Pubblicato in

La Cina, quella della via della seta, chiude affari d’oro…

Ito

Pubblicato in

Massimo Corrado Di Florio
“Vivi, lascia vivere ma soprattutto… nun te fa pijà per culo.”

La giusta pena

Pubblicato in ||||

Franca Mina
La previsione di pene elevate astrattamente comminabili determina inevitabilmente un cortocircuito tra amministrazione della giustizia e senso di sicurezza dei cittadini

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio