ma cos'è questa crisi #10

ma cos’è questa crisi #10

di Saverio Regano

Codice della Crisi e della Insolvenza: una riforma a ZERO?

In un uggioso 14 novembre del 2017 entrò in vigore la legge delega nr. 155 e, come qualche volta accade per le nascite inaspettate e difficili tutti gridarono al miracolo…

Effettivamente una riforma epocale che si attendeva da molti, troppi, anni.

Anche mentre scrivo ricordo, ancora, l’emozione che provai nel notare che la legge sul sovraindibitamento era ancora lì. Certo con diverse modifiche ma era li addirittura elevata al rango di procedura concorsuale.

Oggi, rileggendo con attenzione l’art. 9 lett. c di quella legge delega, mi rendo conto di come il Legislatore andò ben oltre le aspettative consentendo

“… al debitore meritevole, che non sia in grado di offrire ai creditori alcuna utilità, diretta o indiretta, nemmeno futura, di accedere all’esdebitazione solo per una volta, fatto salvo l’obbligo di pagamento del debito entro quattro anni, laddove sopravvengano utilità
norma, peraltro, confermata nei regolamenti attuativi rilasciati nel gennaio 2019.

A questo punto mi sono detto: BENE! Non resta che attendere il 2020 ed applicarla al caso concreto e, finalmente, porre in essere “per i meritevoli” il famoso fresh start!

Ma se il C.C.I. prevede la “esdebitazione a zero” chi pagherà i compensi spettanti all’O.C.C.S. e chi coprirà i costi della difesa tecnica (peraltro inaccettabile la assenza di “obbligatorietà della difesa tecnica” in questo tipo di procedure)? e soprattutto chi pagherà il C.U. per l’iscrizione a ruolo della procedura?

Cerchiamo di analizzare uno per volta i tre aspetti:

1) compensi O.C.C.S.: per espressa previsione normativa il ricorso si presenta al Tribunale competente territorialmente (residenza del debitore) per il tramite di un Organismo di Composizione della Crisi (qui si apre un’altra questione circa il fatto che ogni Tribunale dovrà dotarsi un Organismo di Composizione della Crisi – ovviamente mi auguro di matrice forense).
Ciò comporta che, in qualche modo, l’assenza di un OCCS nel circondario non consentirebbe al debitore di accedere alla (e) procedura (e). In questo caso (e solo in questo caso) sarei portato a ritenere che si possa procedere ai sensi dell’art. 15 co 9 l. 3/2012 (nomina di un professionista f.f.).
Orbene, atteso che ai sensi dell’art. 2 del D.M. 202/2014 prevede che: “d) «organismo»: l’articolazione interna di uno degli enti pubblici individuati dalla legge e dal presente regolamento che, anche in via non esclusiva, è stabilmente destinata all’erogazione del servizio di gestione della crisi da sovraindebitamento;

Sarà difficile, quindi, che esso OCCS possa rifiutarsi l’avvio della procedura in presenza dei requisiti di ammissibilità previsti dalla legge e da cui il compenso viene escluso (compenso dell’OCCS in prededuzione).
A questo punto delle due l’una: o l’OCCS rifiuta la procedura (sempre presenti in me i dubbi circa la possibilità di farlo) oppure l’accetterà sapendo che il compenso sarà una parte di ZERO ma in prededuzione!!! Questo scenario lo immagino perché seppur concesso il ruolo di pubblica utilità non vi è la possibilità di accedere ad alcun fondo e, tantomeno, di avere le stesse possibilità dei curatori fallimentari.

2) assenza di obbligatorietà della difesa tecnica: risulta del tutto inimmaginabile uno scenario che non preveda l’assistenza tecnica obbligatoria nella trattazione di queste procedure.
Infatti, non è facile comprendere chi dovrà garantire gli interessi dei debitori (O.C.C.S è e sarà sempre figura terza) durante la trattazione della vicenda sia in sede pregiudiziale/ procedurale sia in sede giudiziale (il provvedimento del Magistrato che omologa o meno e reclamabile!!!). La tutela dei diritti dei cittadini è prerogativa esclusiva degli Avvocati è bene non dimenticarlo in sede di redazione delle leggi!

3) pagamento del C.U.: stessa sorte ritengo toccherà allo stesso Stato in tema di pagamento del C.U. in sede di iscrizione a ruolo del ricorso. Infatti, se al debitore è concesso esdebitarsi a zero e come ben sappiamo tutti il mancato pagamento delle spese di giustizia non rappresenta motivo di improcedibilità della domanda, a chi si rivolgerà lo Stato per il recupero delle spese di giustizia?
Ovvio verrà inserito tra i creditori privilegiati di un debitore che ha i requisiti soggettivi ed oggettivi per esdebitarsi a zero. Quindi lo stato percepirà al termine della procedura una quota preziosa dello ZERO!

In definitiva, ritengo meraviglioso dotarsi finalmente di strumenti giuridici civili che consentano, seriamente, di restituire dignità agli uomini che sempre più spesso per mano degli stessi uomini (homo homini lupus) hanno vissuto un capitolo buio della propria vita che, per alcuni di essi, purtroppo è stato l’ultimo.

PH: mohamed Hassan da Pixabaya

#TOPICS: ultimi articoli

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Un tesoro da salvare

Fabio Cavalera (Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
La parola è uno degli strumenti più esclusivi e appassionanti che abbiamo per opporre al nuovo e algido potere dell’algoritmo il contropotere caldo della ragione

Leggi l'articolo

Parole perdute

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Devo solo cercarle
Le parole che ho perso
Te le ricordi, erano qui
Tra le cose di sempre
Tra i vestiti da smettere
Qualche avanzo di tempo
Bottiglie e scatole
Vuote.

Leggi l'articolo

Siamo le parole che usiamo

Enzo Varricchio
La scrittura, apparsa intorno al quarto millennio a.C. dopo il disegno e il pittogramma, fu un atto fondativo dell’homo sapiens. La parola scritta ha avuto il compito di tramandare memoria delle umane vicende

Leggi l'articolo

Parlare è un’opera pubblica

Massimo Corrado di Florio
Millanteria intellettuale, esaltazione della mera opinione e affermazione della sintesi come mero sistema di diffusione della parola, finiscono col mortificare e deprimere la parola stessa

Leggi l'articolo

La comunicazione al centro

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
Una comunicazione non adeguata, che sia scritta, orale o trasmessa, non solo non raggiunge i propri obiettivi, ma modifica la relazione comunicativa fra le persone

Leggi l'articolo

Hate speech, hate thinking

Aldo Luchi (Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cagliari)
Le parole che usiamo ci qualificano. Connotano i nostri pensieri, le nostre radici culturali, la nostra appartenenza a determinate categorie

Leggi l'articolo

La lingua che crea

Gianni Clocchiatti (Consulente aziendale in Milano)
Il linguaggio è una rappresentazione della realtà ma al contempo è anche un software che fa funzionare il pensiero il quale a sua volta genera i comportamenti

Leggi l'articolo

Consenso mostruoso

Anna Losurdo
L’interdipendenza tra linguaggio, consenso e potere rende evidente la grande responsabilità, per le parole che usiamo e che definiscono i nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

HO VISTO UN FILM

Pubblicato in

“Un giorno di pioggia a New York” è l’ultimo film…

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione