ma cos'è questa crisi #10

ma cos’è questa crisi #10

di Saverio Regano

Codice della Crisi e della Insolvenza: una riforma a ZERO?

In un uggioso 14 novembre del 2017 entrò in vigore la legge delega nr. 155 e, come qualche volta accade per le nascite inaspettate e difficili tutti gridarono al miracolo…

Effettivamente una riforma epocale che si attendeva da molti, troppi, anni.

Anche mentre scrivo ricordo, ancora, l’emozione che provai nel notare che la legge sul sovraindibitamento era ancora lì. Certo con diverse modifiche ma era li addirittura elevata al rango di procedura concorsuale.

Oggi, rileggendo con attenzione l’art. 9 lett. c di quella legge delega, mi rendo conto di come il Legislatore andò ben oltre le aspettative consentendo

“… al debitore meritevole, che non sia in grado di offrire ai creditori alcuna utilità, diretta o indiretta, nemmeno futura, di accedere all’esdebitazione solo per una volta, fatto salvo l’obbligo di pagamento del debito entro quattro anni, laddove sopravvengano utilità
norma, peraltro, confermata nei regolamenti attuativi rilasciati nel gennaio 2019.

A questo punto mi sono detto: BENE! Non resta che attendere il 2020 ed applicarla al caso concreto e, finalmente, porre in essere “per i meritevoli” il famoso fresh start!

Ma se il C.C.I. prevede la “esdebitazione a zero” chi pagherà i compensi spettanti all’O.C.C.S. e chi coprirà i costi della difesa tecnica (peraltro inaccettabile la assenza di “obbligatorietà della difesa tecnica” in questo tipo di procedure)? e soprattutto chi pagherà il C.U. per l’iscrizione a ruolo della procedura?

Cerchiamo di analizzare uno per volta i tre aspetti:

1) compensi O.C.C.S.: per espressa previsione normativa il ricorso si presenta al Tribunale competente territorialmente (residenza del debitore) per il tramite di un Organismo di Composizione della Crisi (qui si apre un’altra questione circa il fatto che ogni Tribunale dovrà dotarsi un Organismo di Composizione della Crisi – ovviamente mi auguro di matrice forense).
Ciò comporta che, in qualche modo, l’assenza di un OCCS nel circondario non consentirebbe al debitore di accedere alla (e) procedura (e). In questo caso (e solo in questo caso) sarei portato a ritenere che si possa procedere ai sensi dell’art. 15 co 9 l. 3/2012 (nomina di un professionista f.f.).
Orbene, atteso che ai sensi dell’art. 2 del D.M. 202/2014 prevede che: “d) «organismo»: l’articolazione interna di uno degli enti pubblici individuati dalla legge e dal presente regolamento che, anche in via non esclusiva, è stabilmente destinata all’erogazione del servizio di gestione della crisi da sovraindebitamento;

Sarà difficile, quindi, che esso OCCS possa rifiutarsi l’avvio della procedura in presenza dei requisiti di ammissibilità previsti dalla legge e da cui il compenso viene escluso (compenso dell’OCCS in prededuzione).
A questo punto delle due l’una: o l’OCCS rifiuta la procedura (sempre presenti in me i dubbi circa la possibilità di farlo) oppure l’accetterà sapendo che il compenso sarà una parte di ZERO ma in prededuzione!!! Questo scenario lo immagino perché seppur concesso il ruolo di pubblica utilità non vi è la possibilità di accedere ad alcun fondo e, tantomeno, di avere le stesse possibilità dei curatori fallimentari.

2) assenza di obbligatorietà della difesa tecnica: risulta del tutto inimmaginabile uno scenario che non preveda l’assistenza tecnica obbligatoria nella trattazione di queste procedure.
Infatti, non è facile comprendere chi dovrà garantire gli interessi dei debitori (O.C.C.S è e sarà sempre figura terza) durante la trattazione della vicenda sia in sede pregiudiziale/ procedurale sia in sede giudiziale (il provvedimento del Magistrato che omologa o meno e reclamabile!!!). La tutela dei diritti dei cittadini è prerogativa esclusiva degli Avvocati è bene non dimenticarlo in sede di redazione delle leggi!

3) pagamento del C.U.: stessa sorte ritengo toccherà allo stesso Stato in tema di pagamento del C.U. in sede di iscrizione a ruolo del ricorso. Infatti, se al debitore è concesso esdebitarsi a zero e come ben sappiamo tutti il mancato pagamento delle spese di giustizia non rappresenta motivo di improcedibilità della domanda, a chi si rivolgerà lo Stato per il recupero delle spese di giustizia?
Ovvio verrà inserito tra i creditori privilegiati di un debitore che ha i requisiti soggettivi ed oggettivi per esdebitarsi a zero. Quindi lo stato percepirà al termine della procedura una quota preziosa dello ZERO!

In definitiva, ritengo meraviglioso dotarsi finalmente di strumenti giuridici civili che consentano, seriamente, di restituire dignità agli uomini che sempre più spesso per mano degli stessi uomini (homo homini lupus) hanno vissuto un capitolo buio della propria vita che, per alcuni di essi, purtroppo è stato l’ultimo.

PH: mohamed Hassan da Pixabaya

#TOPICS: ultimi articoli

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

Instituere – il Patto

Massimo Corrado di Florio
Un potere dello Stato mostra di sé la peggior faccia possibile. Ciò che resta è una melodia amara che svolazza stanca tra le pieghe del nostro tricolore

Leggi l'articolo

Diritti sociali

Fernanda D’Ambrogio (Avvocata in Caserta)
Occorre riscrivere le regole dell’organizzazione pubblica attribuendo finalmente i giusti spazi di azione alla competenza e alla professionalità

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in ||||

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Phishing economy: il gioco d’azzardo

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Dietro la diffusione del gioco d’azzardo c’è una strategia industriale accuratissima delle aziende preposte alla produzione di giochi e scommesse