mare nostrum diritti e dintorni #8

Mare nostrum, diritti e dintorni #8

di Anna Losurdo

Il Mediterraneo è il mare nostrum non solo perchè è qui che cominciata la nostra storia ma anche perché è il luogo del nostro futuro, il “mare tra le terre” in cui si sono verificati conflitti ma anche contaminazioni, che ha diviso ma ha anche unito.

A nord, con l’Europa intera che deve riuscire a ripensarsi, tenendo conto del fatto che i paesi della sponda nord sono la frontiera di tutto il continente.
A sud, con i paesi dell’area MENA (Middle East and North Africa) che devono riuscire a progredire, a risolvere i conflitti e a ridurre i divari socio-economici e politici tuttora esistenti, tenendo conto del fatto che costituiscono la frontiera del continente africano e che senza una inversione di tendenza, saranno destinatari dei flussi migratori provenienti dal resto del continente.

Continuano a ripeterci che bisogna avere paura degli immigrati, ma in realtà temiamo la loro povertà.
Il benessere di noi occidentali dipende in parte anche dall’impoverimento che perpetuiamo da secoli nei territori africani con il colonialismo territoriale prima e con quello economico poi.

Le diseguaglianze e le differenze generano aggiustamenti e le migrazioni sono, spesso, la risposta a differenziali di reddito e di condizioni sociali.

Infatti, i paesi del Mediterraneo sono tuttora caratterizzati da forti divari in termini di crescita demografica, di condizioni socio-economiche e di disponibilità di risorse naturali che rallentano il processo di coesione euro-mediterranea.

Secondo il Rapporto annuale sulle economie del mediterraneo dell’Istituto di Studi sulle Società del Mediterraneo del CNR, negli ultimi vent’anni si è ridotto il divario tra i paesi della sponda meridionale e orientale e i paesi euro-mediterranei.
Il tendenziale allineamento è imputabile, in parte, ai bassi ritmi di crescita del Pil nei paesi euromediterranei e, per altro verso, al maggiore afflusso di investimenti diretti dall’estero, a carattere produttivo, che ha contribuito a consolidare il tessuto produttivo in quei paesi che ne hanno beneficiato maggiormente.
Tuttavia, nei paesi della sponda sud persiste una distribuzione più diseguale di reddito e ricchezza rispetto ai paesi del nord.
Nello stesso arco di tempo, i paesi dell’area sud ed est hanno fatto registrare un progressivo incremento dell’incidenza del loro commercio estero sul totale mondiale, mentre l’area euromed ha perso quote di mercato.

L’incremento della produzione nel settore manifatturiero, la progressiva sostituzione di attività estrattive e il maggiore coinvolgimento di questi paesi negli scambi internazionali di merci evidenziano la complementarietà tra le tre aree Med (nord, sud ed est).
È per questa ragione che l’Europa non può continuare a rinviare la questione della gestione dei flussi migratori.

La dipendenza economica di molti paesi della sponda sud dall’estrazione di combustibili fossili impone a questi paesi di riprogrammare il proprio futuro individuando strategie alternative di sviluppo e di crescita economica e destinando investimenti ingenti a istruzione e formazione.

Le disuguaglianze economiche tra i 25 paesi del bacino del Mediterraneo pongono il problema del nesso esistente tra democrazia e sviluppo nonché della difficile conciliabilità tra governo democratico e crescita economica che caratterizza i paesi della sponda meridionale.
Tradizionalmente, democrazia e sviluppo sociale ed economico avanzano contestualmente: istituzioni politiche inclusive portano a istituzioni economiche inclusive, in grado di creare incentivi per uno sviluppo solido ed equo e per una società solidale.

Le cause dell’instabilità politica e del mancato pieno sviluppo economico dell’area della sponda sud, fatti i dovuti distinguo, sono per un verso riconducibili alla disponibilità di abbondanti risorse petrolifere che può avere un ruolo negativo sulla qualità istituzionale di un paese e sulle libertà civili (il trade-off tra benessere economico e diritti politici).
Per altro verso, ai numerosi conflitti nella l’area della sponda sud, tra cui l’irrisolto conflitto arabo-israeliano, che alterano le naturali dinamiche di mercato e quelle tra le variabili economiche e sociali.

Per lungo tempo i paesi arabi hanno affidato la propria stabilità politica a un accordo autoritario, una sorta di patto sociale tra élite al potere e popolazione, che prevedeva la fornitura da parte dei regimi al potere agli strati più poveri della popolazione di derrate alimentari a prezzi bassi in cambio della rinuncia da parte dei cittadini al pieno godimento dei diritti politici e civili.
Questo modello è andato in crisi quando i prezzi agricoli internazionali hanno cominciato a crescere in maniera esponenziale (a partire dal 2006) e, nel contempo, a causa della riduzione del ruolo della rendita petrolifera quale fattore in grado di sostenere l’accordo autoritario con le élite al potere.

La crescente disoccupazione che ha raggiunto livelli molto alti soprattutto tra i giovani, la persistenza di profonde disuguaglianze economiche tra la popolazione, la diminuzione della percezione soggettiva del benessere e la consequenziale disaffezione dei cittadini verso le istituzioni e i regimi, sono tra i fattori principali dello scioglimento del cosiddetto “contratto sociale arabo” che ha portato alle insurrezioni negli ultimi decenni.

Tuttavia, le “primavere arabe” non possono certamente essere ricondotte a una matrice unica, perché diversi fattori hanno portato all’implosione di quei regimi.

Alla base delle rivolte ci sarebbero state, quindi, crescenti istanze sia per il progresso socio-economico sia per una maggiore libertà e partecipazione politica da parte di ampi segmenti della popolazione che si sono sentiti privati dei diritti civili e in gran parte esclusi dai benefici dello sviluppo economico.

Come sappiamo, le primavere arabe hanno inizialmente suscitato la speranza di un cambiamento democratico della regione ma successivamente hanno rafforzato la conflittualità nei paesi interessati e aumentato l’insicurezza e l’instabilità, fatta eccezione per la Tunisia che sembra aver intrapreso un concreto processo di democratizzazione che non a caso il terrorismo cerca di minare.

La transizione verso una vera democrazia nell’area rimane, allo stato, una mera aspirazione, sebbene sia possibile prevedere che l’evoluzione dei processi socioeconomici e politici nei diversi paesi riesca a porre fine al cosiddetto «eccezionalismo arabo» e a spianare la strada a una governance più democratica che porti ad una maggiore integrazione tra essi e, successivamente, a una maggiore crescita complessiva.

I fattori che contrastano la piena integrazione euro-araba sono: le disparità dei sistemi di governo (di natura politica); la distanza tra le economie della riva nord, più avanzate e industrializzate, e quelle arabo-mediterranee; le disparità sociali connesse ai diversi stadi di sviluppo.

A partire dal 2000 anche le disuguaglianze nell’indice di sviluppo umano tra paesi della sponda sud e nord si sono attenuate.

Dalla breve disamina emerge la complessità delle questioni sul tappeto per cui facile arguire che non si potrà ripensare il Mediterraneo come area di pace e prosperità con slogan e proclami, bensì con un’approfondita analisi delle specificità dei vari Paesi di cui lambisce le coste.

Leggi l’articolo completo:
Mare nostrum.pdf

Pic: bearfotos – it.freepik.com

http://www.ingenere.it/ricerche/donne-e-genere-medio-oriente-e-nord-africa
http://www.menaraproject.eu/wp-content/uploads/2019/03/menara_fr_3-1.pdf

#TOPICS: ultimi articoli

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

surfisti poeti

di Nicola Lopez (Giurista d’impresa in Roma)
I surfisti assorbono l’energia di un’onda, assecondandola per trasformarla in guizzi cinetici

Leggi l'articolo

Se questa è una canzone

di Antonio Longo (Avvocato in Bari)
Le storie si ripetono. Non saranno le leggi a fermarle, né i porti chiusi, né i porti troppo aperti

Leggi l'articolo

Un CCNL per la nautica da diporto

di Roberta Caragnano (Avvocata in Taranto)
Secondo le stime dell’OECD, a partire dal 2030, le industrie del mare hanno il potenziale per superare l’economia globale nel suo complesso sia in termini di valore aggiunto sia di occupazione

Leggi l'articolo

Monterosso, l’isola perduta

di Antonino Greco (Presidente Archeoclub Bari)
Monterosso è il nome che individua un’isolotto ormai scomparso nel mare di Levante a Bari, in prossimità del Fortino e dirimpetto alla Basilica del Santo Nicola

Leggi l'articolo

La via della seta, rischi e benefici

di Ugo Patroni Griffi (Presidente dell’autorità portuale dell’Adriatico Meridionale)
La moderna “Via della Seta” non ha niente a che vedere con l’epopea di Marco Polo o di Matteo Ricci

Leggi l'articolo

Breve diario di un morto per mare

di Massimo Corrado Di Florio
Il mare affascina senza mai raccontare e ci convince, col suo silenzioso e costante movimento, che è proprio nel suo non raccontare che risiede il suo fascino

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

TROJAN

Pubblicato in |

Non intendo cascare nella fin troppo facile battuta. I figli,…

E’ nata Libra, moneta social

Pubblicato in ||||

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Se Libra venisse introdotta, potrebbe crearsi, in un battito di ciglia, un grande mercato globale digitale di quasi 2,5 miliardi di persone accomunato da una moneta unica

Oltre #MeToo

Pubblicato in ||||

di Serenella Molendini (Consigliera Nazionale di Parità supplente)
In occasione della 108° Conferenza Internazionale dell’Organizzazione Internazionale sul Lavoro approvate Convenzione e raccomandazione.

Del prestigio non resta che il gioco

Pubblicato in |

di Massimo Corrado Di Florio

Canapa, in fumo i pregiudizi

Pubblicato in ||||

di Francesco Mirizzi (Policy advisor Copa – Cogeca in Brussell)
La canapa occupa regolarmente i primi posti dell’agenda politica degli Stati membri, come dimostrato dai recenti dibattiti sui negozi di cannabis light

Il “genere” diventa indicatore di valutazione del servizio sanitario nazionale

Pubblicato in |

A cura della Redazione
A BARI SI TERRÀ IL 21-22 GIUGNO IL CONVEGNO NAZIONALE SULLA MEDICINA DI GENERE.

Family in translation

Pubblicato in ||||

di Sergio D’Angelo (Sociologo del lavoro – Presidente di AIF – Puglia)
Le famiglie sono condizionate, in larga misura, dai modelli economici e culturali prevalenti

DPO nel pubblico e nel privato

Pubblicato in ||||

di Francesco Tedeschi (Avvocato in Trani)
Il Regolamento stabilisce l’obbligatorietà della nomina del DPO per gli organismi pubblici e per le organizzazioni private a determinate condizioni

Benvenuto fisco forfetario (2° parte)

Pubblicato in ||||

di Antonio Damascelli (Avvocato in Bari e Presidente U.N.CA.T.)
A seguito della modifica normativa, dal 2019 sono ammessi al regime forfetario gli ex praticanti che iniziano una nuova attività

Seminario informativo a Cagliari

Pubblicato in |

A cura della Redazione
Crisi d’impresa, misure di allerta per prevenirla ed esdebitazione per contrastarla; seminario organizzato da Confcommercio – Sud Sardegna a Cagliari, 24 maggio 2019.

I maltrattamenti sui minori in Puglia

Pubblicato in |

a cura della Redazione
CESVI, maltrattamento all’infanzia: Puglia regione “a elevata criticità”: è quartultima in Italia.

Avvocato, disponiamo una CTU?

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Nei Tribunali ordinari si registra il sempre più frequente ricorso alle CTU per disciplinare l’affidamento dei minori.