Un sogno realizzato

Un sogno realizzato

di Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)

Me la potrei cavare con un “non è facile“, ma sarebbe estremamente riduttivo, certo per me, che sono figlia di magistrato, il confronto con l’epoca in cui mio padre svolgeva le stesse funzioni, è inevitabile.
Sono entrata in magistratura nell’ormai lontano 1983, quando bastava la laurea per partecipare al concorso e, già allora, mio padre diceva che “si preparavano tempi duri”, era stato indetto il referendum per la cd. “Giustizia Giusta” (come se avesse un senso contrapporne una “ingiusta”) e di responsabilità civile per i giudici, un tema che ogni tanto torna alla ribalta della nostra politica.

Da allora ne è passata acqua sotto i ponti: la stagione del terrorismo, “Mani Pulite”, le stragi…. e la magistratura è stata ora osannata, ora colpevolizzata, ma sempre considerata come un monolite, una categoria compatta, indubbiamente un luogo di esercizio del potere.

A parte il rilievo costituzionale del ruolo e la funzione del CSM, penso che, nel quotidiano esercizio della giurisdizione, il giudice non goda di un “potere”, nel senso comune del termine.
Il magistrato, comprendendo nella categoria anche i PM, (posso parlarne con cognizione di causa, avendo svolto tale funzione per circa 15 anni) se svolge il proprio ruolo con competenza, professionalità e assoluta terzietà, si limita ad amministrare la giustizia, interpretando la legge.

È certo un compito gravoso ed importante, ma io lo vedo come un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità.
Di certo, il nostro legislatore, pur contestando l’invasione, da parte della magistratura, di spazi riservati alla politica, ha lasciato, e continua a lasciare, ampi spazi all’opera dell’interprete, ma è questa la sfida quotidiana del magistrato, trovare la soluzione al caso concreto, applicando la legge nello spirito della Costituzione: è una grandissima responsabilità, spesso da non dormirci la notte.

In questi ultimi anni, avverto due rischi, entrambi ugualmente gravi: la deriva burocratica della magistratura e il carrierismo.
La mia categoria, oggi gravata da carichi di lavoro eccessivi, ha perso la passione necessaria per dare impulso, con la giurisprudenza, all’evoluzione del diritto, essendo più interessata ad individuare “carichi di lavoro esigibili”, per potersi difendere da un’eventuale azione disciplinare.

La riforma dell’ordinamento giudiziario, che ha introdotto la cd. “rotazione” degli incarichi direttivi e semidirettivi e le circolari del CSM che hanno ridotto drasticamente l’incidenza del criterio dell’anzianità, nella scelta dei magistrati dirigenti, invece di raggiungere l’obiettivo di rendere meno appetibili detti incarichi, in quanto a termine, e di consentire un controllo sulle capacità dei nominati, hanno incentivato la competizione e gravato il CSM di una discrezionalità di cui, come le cronache recenti hanno rivelato, non sempre si è fatto buon uso.

Potrei continuare a lungo, anche solo ad elencare gli ostacoli che ogni giorno un qualsiasi magistrato incontra, per svolgere un lavoro che, nonostante tutto, per me, continua ad essere un sogno della mia vita realizzato… ma forse sarebbe stato meglio scrivere: “non è facile”.

Photo credit: Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Vicini e lontani

Anna Losurdo
È indiscutibile che millenni di civiltà abbiano inciso in maniera profonda sul DNA umano

Leggi l'articolo

Desideri ingannevoli

Aldo Luchi (Avvocato in Cagliari)
Niente è più facile che ingannare se stessi; l’uomo crede vero tutto ciò che desidera

Leggi l'articolo

Uomini, mezzi uomini e ominicchi

Antonio Longo (Avvocato in Bari)
Tornerà presto -speriamo- il tempo degli abbracci, dei baci, degli incontri e delle riunioni nei nostri studi

Leggi l'articolo

Dallo Statuto dei lavoratori allo Statuto dei lavori

Vito Vannucci (Avvocato in Livorno)
Una vera e propria svolta culturale nell’approccio del legislatore ai temi del trattamento giuridico delle attività di lavoro autonomo e delle attività professionali

Leggi l'articolo

Audizione dell’Istat

Linda Laura Sabbadini (Direttrice della Direzione centrale per gli studi e la valorizzazione tematica nell’area delle statistiche sociali e demografiche)
L’audizione dell’Istat in Commissione Lavoro alla Camera dei deputati

Leggi l'articolo

Ecce homo

Enzo Varricchio
Forse non saremo i più adeguati secondo la storia della nostra specie, ma potremmo diventare i primi a tornare ad esserlo

Leggi l'articolo

La famiglia umana

Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Non c’è oggi il potere calmante dell’abbraccio, del gesto collettivo affettivo inferiore al metro

Leggi l'articolo

Clienti di genere

Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Per l’avvocata/o non sarebbe male se gli uomini parlassero un po’ di più e le donne fossero più concise

Leggi l'articolo

La prima volta

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Ho sempre ammirato le persone che praticano il rispetto: anche e soprattutto quando non ne sono costrette

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Il ratto di Europa

Pubblicato in

news dai temi leggendari Vediamo se si riesce a trarre…

IL TOTALMENTE ALTRO

Pubblicato in

(il Diritto al rovescio) Qui si parla della negazione di…

Antropomorfizzazione

Pubblicato in

(narrazione improbabile da un punto di vista impossibile) Mi scopro…

Cinema e processo politico

Pubblicato in |||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Anche nelle nostre rassicuranti società occidentali il pericolo del pregiudizio politico è sempre in agguato

Baciami, anzi no. Non più.

Pubblicato in

È ben noto che si finisce col ritenere corrette le…

Vicini e lontani

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
È indiscutibile che millenni di civiltà abbiano inciso in maniera profonda sul DNA umano

Per restare a casa occorre lavorare

Pubblicato in

Ciò che molto modestamente io sto imparando da questo attacco…

Generazione hikikomori

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Oggi l’adolescente, non trovando più di fronte l’adulto come colui che regge la sua opposizione, si volge ai pari

MARTORE A CONFRONTO

Pubblicato in

I simpatici animaletti si preparano alla stagione primaverile. Gli accoppiamenti…

2020 l’anno del contagio

Pubblicato in

Sir Arthur Charles Clarke scrisse “2001: A Space Odyssey” nel…

Audizione dell’Istat

Pubblicato in |||

Linda Laura Sabbadini (Direttrice della Direzione centrale per gli studi e la valorizzazione tematica nell’area delle statistiche sociali e demografiche)
L’audizione dell’Istat in Commissione Lavoro alla Camera dei deputati

La giudice

Pubblicato in |||

Paola di Nicola (Tribunale di Roma)
Essere riconosciuta dal proprio interlocutore, chiunque esso sia, come magistrato e non come l’altra metà del cielo che, per millenni, è stata estromessa