Procreazione assistita, quando la speranza non muore

Procreazione assistita, la speranza non muore

di Tania Rizzo (Avvocata in Lecce)

Procreazione Medicalmente Assistita in Italia tra futuro e resistenze. Quando la speranza non muore

La Legge n. 40 del 2004, a quindici anni dalla sua entrata in vigore e dopo accesi dibattiti bioetici, risulta oggi profondamente modificata dagli interventi della Corte Costituzionale.

Con la sentenza 151 del 2009 si è chiarito quale dovesse essere il numero di embrioni da poter impiantare e, soprattutto, si è definita la preminenza della tutela della salute della donna.
Con la sentenza n. 162 del 2014 si è dichiarato illegittimo il divieto di fecondazione eterologa.
Con la sentenza n. 96 del 2015 si è dichiarato illegittimo il divieto di diagnosi genetica pre-impianto per le coppie fertili ma portatrici di patologie genetiche trasmissibili e, infine, sempre nel 2015, con la sentenza n. 229 di è confermato il divieto di soppressione degli embrioni malati

Questa legge, come noto, ammette tra le tecniche di procreazione medicalmente assistita la sola fecondazione assistita disciplinandone, però, rigidamente i requisiti soggettivi e oggettivi e prevedendone espressamente le finalità.

L’art. 1 dispone, infatti, che il ricorso alla procreazione medicalmente assistita è consentito solo alle condizioni e alla modalità previste, anzitutto quando sussiste l’impossibilità a rimuovere le cause di sterilità o infertilità con altri metodi terapeutici e soltanto al fine di favorire la soluzione dei problemi riproduttivi derivanti dalla sterilità o dalla infertilità umana.

L’intento del legislatore del 2004 era, quindi, quello di consentire l’accesso alle tecniche di PMA come extrema ratio, per far fronte ad accertata sterilità o infertilità, solo a coloro che garantivano un progetto familiare e di vita per il nato.

E’ importante partire dal dato normativo e dalle sue modifiche per comprendere l’ineludibile aspetto sociologico. Affrontare le questioni di diritto e bioetica, in Italia, non è mai semplice, soprattutto, quando ci si concentra sul tema “famiglia e figli”.

La vicenda che ho rappresentato avanti il Tribunale di Lecce è, ai più, nota.

Una donna quarantenne, dopo il decesso del marito per una grave e incurabile malattia, si trova dinanzi il rifiuto del centro di PMA a procedere all’impianto degli embrioni crioconservati quando entrambi i coniugi erano viventi.

In sede di giudizio, sciolte le questioni sulla correttezza della procedura medica, restava l’argine del valore del consenso della donna senza la conferma del consenso del marito, perché deceduto.

Come e perché, quindi, è stata di evidente importanza la decisione del Tribunale di Lecce, la terza in Italia, che ha accolto la tesi della ricorrente ed ha autorizzato una donna a procedere con l’impianto di embrioni dopo la morte del marito?

Anzitutto, a mio avviso, perché è un provvedimento che ha posto al centro della questione il diritto della donna a procedere anche successivamente alla morte del marito. Cioè, il diritto della donna in quanto soggetto autonomo e liberamente agente, ben oltre, quindi, il crisma della coppia eterosessuale imposto dalla stessa legge n. 40 ed anche dal codice civile.
In secondo luogo, poi, perché ci si è confrontati in modo positivo e risolutivo con fattispecie concrete in tema di filiazione, settore del diritto particolarmente complesso e magmatico anche attese le dinamiche mediche, psicologiche ed etiche che comporta.

Perché, infatti, potevano venire in vita solo i figli concepiti naturalmente e non quelli concepiti tramite PMA quando, in entrambi i casi, la donne restava vedova?

Proprio le difficoltà culturali, comunque, incidono sull’applicazione piena della legge sulla PMA. Duole segnalare che per esempio, a tutt’oggi, l’apertura che si è data alla PMA eterologa è poco utilizzata in Italia perché resiste il divieto di conservazione dei gameti donati (non esistono centri per la raccolta e conservazione) e perché resiste la pervicace difficoltà ad accogliere l’idea corretta di “maternità surrogata”.

Come se non bastasse, l’identificazione del concetto di famiglia -o di coppia- con quella eterosessuale e l’incapacità ad accettare nuclei famigliari mono genitoriali, determina ancora il fenomeno del c.d. turismo da procreazione che porta tanti italiani a ricorrere all’assistenza di centri medici in altre parti d’Europa, pur avendo eccellenze mediche in Italia.

Nel giugno scorso, proprio la Corte Costituzionale ha rigettato l’eccezione di incostituzionalità della 40 del 2004 che non consente alle coppie omosessuali di procedere con la PMA eterologa.

Una legge da riscrivere, quindi?
No, ma occorre sensibilizzare la società affinché i concetti di famiglia e figli si divincolino, finalmente, dalla mentalità poco aderente alla realtà che impone un uomo e una donna, entrambi in vita, come presupposto alla felicità e all’amore.

PH: Free-Photos da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)
La giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio (Franz Kafka)

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio
Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. Siamo tutti nel medesimo narrato reale

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…

LA BULIMIA, LA “PRESENTIFICAZIONE” DEL FUTURO E LA “NIENTIFICAZIONE” DEL TUTTO

Pubblicato in |

Occorrerebbe muoversi con pazienza e senza quella antipatica fretta del…