Procreazione assistita, quando la speranza non muore

Procreazione assistita, la speranza non muore

di Tania Rizzo (Avvocata in Lecce)

Procreazione Medicalmente Assistita in Italia tra futuro e resistenze. Quando la speranza non muore

La Legge n. 40 del 2004, a quindici anni dalla sua entrata in vigore e dopo accesi dibattiti bioetici, risulta oggi profondamente modificata dagli interventi della Corte Costituzionale.

Con la sentenza 151 del 2009 si è chiarito quale dovesse essere il numero di embrioni da poter impiantare e, soprattutto, si è definita la preminenza della tutela della salute della donna.
Con la sentenza n. 162 del 2014 si è dichiarato illegittimo il divieto di fecondazione eterologa.
Con la sentenza n. 96 del 2015 si è dichiarato illegittimo il divieto di diagnosi genetica pre-impianto per le coppie fertili ma portatrici di patologie genetiche trasmissibili e, infine, sempre nel 2015, con la sentenza n. 229 di è confermato il divieto di soppressione degli embrioni malati

Questa legge, come noto, ammette tra le tecniche di procreazione medicalmente assistita la sola fecondazione assistita disciplinandone, però, rigidamente i requisiti soggettivi e oggettivi e prevedendone espressamente le finalità.

L’art. 1 dispone, infatti, che il ricorso alla procreazione medicalmente assistita è consentito solo alle condizioni e alla modalità previste, anzitutto quando sussiste l’impossibilità a rimuovere le cause di sterilità o infertilità con altri metodi terapeutici e soltanto al fine di favorire la soluzione dei problemi riproduttivi derivanti dalla sterilità o dalla infertilità umana.

L’intento del legislatore del 2004 era, quindi, quello di consentire l’accesso alle tecniche di PMA come extrema ratio, per far fronte ad accertata sterilità o infertilità, solo a coloro che garantivano un progetto familiare e di vita per il nato.

E’ importante partire dal dato normativo e dalle sue modifiche per comprendere l’ineludibile aspetto sociologico. Affrontare le questioni di diritto e bioetica, in Italia, non è mai semplice, soprattutto, quando ci si concentra sul tema “famiglia e figli”.

La vicenda che ho rappresentato avanti il Tribunale di Lecce è, ai più, nota.

Una donna quarantenne, dopo il decesso del marito per una grave e incurabile malattia, si trova dinanzi il rifiuto del centro di PMA a procedere all’impianto degli embrioni crioconservati quando entrambi i coniugi erano viventi.

In sede di giudizio, sciolte le questioni sulla correttezza della procedura medica, restava l’argine del valore del consenso della donna senza la conferma del consenso del marito, perché deceduto.

Come e perché, quindi, è stata di evidente importanza la decisione del Tribunale di Lecce, la terza in Italia, che ha accolto la tesi della ricorrente ed ha autorizzato una donna a procedere con l’impianto di embrioni dopo la morte del marito?

Anzitutto, a mio avviso, perché è un provvedimento che ha posto al centro della questione il diritto della donna a procedere anche successivamente alla morte del marito. Cioè, il diritto della donna in quanto soggetto autonomo e liberamente agente, ben oltre, quindi, il crisma della coppia eterosessuale imposto dalla stessa legge n. 40 ed anche dal codice civile.
In secondo luogo, poi, perché ci si è confrontati in modo positivo e risolutivo con fattispecie concrete in tema di filiazione, settore del diritto particolarmente complesso e magmatico anche attese le dinamiche mediche, psicologiche ed etiche che comporta.

Perché, infatti, potevano venire in vita solo i figli concepiti naturalmente e non quelli concepiti tramite PMA quando, in entrambi i casi, la donne restava vedova?

Proprio le difficoltà culturali, comunque, incidono sull’applicazione piena della legge sulla PMA. Duole segnalare che per esempio, a tutt’oggi, l’apertura che si è data alla PMA eterologa è poco utilizzata in Italia perché resiste il divieto di conservazione dei gameti donati (non esistono centri per la raccolta e conservazione) e perché resiste la pervicace difficoltà ad accogliere l’idea corretta di “maternità surrogata”.

Come se non bastasse, l’identificazione del concetto di famiglia -o di coppia- con quella eterosessuale e l’incapacità ad accettare nuclei famigliari mono genitoriali, determina ancora il fenomeno del c.d. turismo da procreazione che porta tanti italiani a ricorrere all’assistenza di centri medici in altre parti d’Europa, pur avendo eccellenze mediche in Italia.

Nel giugno scorso, proprio la Corte Costituzionale ha rigettato l’eccezione di incostituzionalità della 40 del 2004 che non consente alle coppie omosessuali di procedere con la PMA eterologa.

Una legge da riscrivere, quindi?
No, ma occorre sensibilizzare la società affinché i concetti di famiglia e figli si divincolino, finalmente, dalla mentalità poco aderente alla realtà che impone un uomo e una donna, entrambi in vita, come presupposto alla felicità e all’amore.

PH: Free-Photos da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

Instituere – il Patto

Massimo Corrado di Florio
Un potere dello Stato mostra di sé la peggior faccia possibile. Ciò che resta è una melodia amara che svolazza stanca tra le pieghe del nostro tricolore

Leggi l'articolo

Diritti sociali

Fernanda D’Ambrogio (Avvocata in Caserta)
Occorre riscrivere le regole dell’organizzazione pubblica attribuendo finalmente i giusti spazi di azione alla competenza e alla professionalità

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in ||||

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Phishing economy: il gioco d’azzardo

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Dietro la diffusione del gioco d’azzardo c’è una strategia industriale accuratissima delle aziende preposte alla produzione di giochi e scommesse