Anche il tempo muore di Alzheimer

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio

Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. E non lo si deve fare in nessun teatro immaginario.

Siamo tutti nel medesimo narrato reale. Tutti attori ma senza un copione da imparare a memoria. Talvolta facciamo finta di scordarcene. E lo si fa per una semplice esigenza: sopravvivere è istintivo. Chiunque si sofferma anzitempo a rifletterci su, anche per un solo istante, consuma il più rapidamente possibile il tempo a disposizione.

Ma, qual è il tempo a disposizione? E qual è la misura cui potersi ispirare per tentare di trovare un qualunque orientamento possibile? Sarà forse il tempo entro cui occorre fare qualcosa? Fare per forza qualcosa, intendo.

Non lo credo possibile e piuttosto credo che ogni forzatura finisca col far degradare ogni sforzo accelerativo verso una sub specie di recita del sé. Altra ipotesi di istintiva forma di sopravvivenza. Probabilmente allora l’unico punto fermo è il tempo che è stato. Fine. Ossimoricamente fine.

Quando ero giovane, si dirà. Quando ero giovane, dico. Pessima scelta, ovviamente, non dirlo mai, non foss’altro per il fatto che, non dicendolo, si è è già negata l’esistenza stessa di ciò che è stato. Essere giovani, esserlo stati.

Ora, non scomoderò affatto il pensiero di chi sostiene che si inizia a morire non appena venuti al mondo. Non lo faccio perché è una faccenda talmente vecchia che non merita più alcuna attenzione. Almeno da parte mia. Suggestivo pensare ad una faccenda vecchia annodata ad un evento nascita. Ossimori a profusione. Sarà il tempo che passa.

Provate voi a stare vicino a chi, perfino fin troppo giovane, nemmeno si accorge più del tempo che passa. Mia mamma era diventata così. Un’altra cosa cioè. Si consuma quel tempo del tutto deprivato di qualunque dimensione temporale. Un non-tempo, per l’appunto. Conosco altre mamme che si consumano piano in un tempo già completamente finito. Sì, proprio quel tempo a disposizione di cui ho detto prima. Conosco padri in quella forma di a-dimensione. Storture accidentali dite? Sarà…. Son storture annientanti.

L’anticamera del limbo o, molto più probabilmente, il limbo di chi osserva un tempo altrui che muore di Alzheimer. E parlo di un osservatore che non desidera essere affatto privilegiato.

Quindi? Si resta giovani se la dimensione del tempo non ci appartiene più? Mi pare una specie di cartone animato in cui non si ha nemmeno la libertà di scegliere se entrarci o meno. Il guaio è che questo male del secolo è l’emblema stesso della privazione della libertà di scelta. Anche quella di esser giovani.
E’ un tempo che, quando arriva, arriva. Si dirà: “ma così è troppo presto, però”. Lo so, forse avremo di che lamentarci in futuro. Il nostro, ovvio. Quello degli altri, di quelli non più liberi di decidere se ricordare di essere stati giovani, è terminato. Mi ripeterò. Anche il tempo, perciò, muore di Alzheimer.

Come scrive Cesare Pavese, “perdono tutti e a tutti chiedo perdono”. Sarebbe bello se lo potesse dire il tempo. Ma, quale? Quello che che sta per arrivare o quello che è passato? Inutili dilemmi. Per il momento, ho termini che scadono. Le difese finali se ne fottono. Perfino di Cesare Pavese che ci ha lasciato a 41 anni compiuti. Anzitempo, per non dire giovane.

PH: Massimo Corrado Di Florio, pc, 2019

Dello stesso autore: https://www.oralegalenews.it/topics/anti-stigma/4662/2019/

#TOPICS: ultimi articoli

I giovani adulti e la Suprema Corte

di Paola Furini (Avvocata in Milano)
Non è corretto applicare a un giovane adulto, solo perché maggiorenne, la stessa pena di un adulto

Leggi l'articolo

L’affido: il minore e gli altri

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
In misura inversamente proporzionale alle nascite, aumentano le “attenzioni” e le “regole” che riguardano i bambini

Leggi l'articolo

I migranti minori non accompagnati

di Tommaso Tota (Neuropsichiatra Infantile)
Il diritto di asilo è tra i diritti fondamentali dell’uomo e viene riconosciuto e sancito dall’articolo 10, terzo comma, della Costituzione

Leggi l'articolo

Youth

di Umberto Pantanella (Avvocato in Bari)
La giovinezza è felice, perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque conservi la capacità di cogliere la bellezza non diventerà mai vecchio (Franz Kafka)

Leggi l'articolo

Non siamo un paese per giovani

di Anna Losurdo
I nostri giovani, da sempre, sono una categoria da indagini conoscitive per programmare politiche e interventi, piuttosto che coloro sui quali costruire il nostro futuro

Leggi l'articolo

Facciamoci del mare

di Nicky Persico (Avvocato in Bari e poeta)
Ebbene sì.
Il conto è arrivato, infine.
Come siamo sciocchi, noi esseri umani, quando crediamo di essere furbi

Leggi l'articolo

La marea bianca è nostra madre

di Enzo Varricchio
Tutto ciò che noi siamo qui, a sud dell’Europa e a nord dell’Africa, è umido del nostro mare, lui è la nostra madre

Leggi l'articolo

Conosci te stesso

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Quante volte ci siamo chiesti come si potesse fare a meno di vedere tutti quei treni che finivano ad Auschwitz

Leggi l'articolo

surfisti poeti

di Nicola Lopez (Giurista d’impresa in Roma)
I surfisti assorbono l’energia di un’onda, assecondandola per trasformarla in guizzi cinetici

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Sperimentiamo il Poliamore. Dal networking al netloving il passo potrebbe essere breve.

Pubblicato in

Il tempo dell’outing è arrivato? Mah, chissà. Di certo i…

Ditegli di sì. Sempre.

Pubblicato in

Ve lo ricordate Michele? Quello appena uscito dal manicomio nella…

Facce di C.

Pubblicato in |

“Né più mai toccherò le sacre sponde….a noi prescrisse il…

Non ci resta che il meteo

Pubblicato in

Qui fa un caldo insopportabile. Dice qualcuno. Qui no, tutto…

mi ami? ma quanto mi ami?

Pubblicato in

Due domande secche che non contemplano un tempo di reazione…

Proni alla meta (?)

Pubblicato in

Se solo la conoscessimo. La meta finale, dico. Siamo proprio…

Zingara, prendi questa mano!

Pubblicato in

No, tranquilla, mica te la taglio. Non mi chiamo Matteo.…

Esiste l’amore? No. Ma tu e io, sì.

Pubblicato in

Luigi e Matteo. Matteo e Luigi. Innamorati per sempre. Un…

Le parole giuste

Pubblicato in ||||

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)
Esistono e resistono nell’ambito istituzionale, a partire da quello giudiziario, radicati stereotipi contro le donne

OCCHIO NON VEDE CUORE NON DUOLE? MOSCA CIECA DI STATO

Pubblicato in |

Manette, catene, ferri ai polsi. Va bene, tutto ci sta.…

REPLICANTI. MEGLIO EVITARLI

Pubblicato in |

Tutti, chi più chi meno, ci siamo affezionati al personaggio…

LA BULIMIA, LA “PRESENTIFICAZIONE” DEL FUTURO E LA “NIENTIFICAZIONE” DEL TUTTO

Pubblicato in |

Occorrerebbe muoversi con pazienza e senza quella antipatica fretta del…