Anche il tempo muore di Alzheimer

Anche il tempo muore di Alzheimer

di Massimo Corrado Di Florio

Il tempo che passa non è come uno spettatore che va accontentato per forza. E non lo si deve fare in nessun teatro immaginario.

Siamo tutti nel medesimo narrato reale. Tutti attori ma senza un copione da imparare a memoria. Talvolta facciamo finta di scordarcene. E lo si fa per una semplice esigenza: sopravvivere è istintivo. Chiunque si sofferma anzitempo a rifletterci su, anche per un solo istante, consuma il più rapidamente possibile il tempo a disposizione.

Ma, qual è il tempo a disposizione? E qual è la misura cui potersi ispirare per tentare di trovare un qualunque orientamento possibile? Sarà forse il tempo entro cui occorre fare qualcosa? Fare per forza qualcosa, intendo.

Non lo credo possibile e piuttosto credo che ogni forzatura finisca col far degradare ogni sforzo accelerativo verso una sub specie di recita del sé. Altra ipotesi di istintiva forma di sopravvivenza. Probabilmente allora l’unico punto fermo è il tempo che è stato. Fine. Ossimoricamente fine.

Quando ero giovane, si dirà. Quando ero giovane, dico. Pessima scelta, ovviamente, non dirlo mai, non foss’altro per il fatto che, non dicendolo, si è è già negata l’esistenza stessa di ciò che è stato. Essere giovani, esserlo stati.

Ora, non scomoderò affatto il pensiero di chi sostiene che si inizia a morire non appena venuti al mondo. Non lo faccio perché è una faccenda talmente vecchia che non merita più alcuna attenzione. Almeno da parte mia. Suggestivo pensare ad una faccenda vecchia annodata ad un evento nascita. Ossimori a profusione. Sarà il tempo che passa.

Provate voi a stare vicino a chi, perfino fin troppo giovane, nemmeno si accorge più del tempo che passa. Mia mamma era diventata così. Un’altra cosa cioè. Si consuma quel tempo del tutto deprivato di qualunque dimensione temporale. Un non-tempo, per l’appunto. Conosco altre mamme che si consumano piano in un tempo già completamente finito. Sì, proprio quel tempo a disposizione di cui ho detto prima. Conosco padri in quella forma di a-dimensione. Storture accidentali dite? Sarà…. Son storture annientanti.

L’anticamera del limbo o, molto più probabilmente, il limbo di chi osserva un tempo altrui che muore di Alzheimer. E parlo di un osservatore che non desidera essere affatto privilegiato.

Quindi? Si resta giovani se la dimensione del tempo non ci appartiene più? Mi pare una specie di cartone animato in cui non si ha nemmeno la libertà di scegliere se entrarci o meno. Il guaio è che questo male del secolo è l’emblema stesso della privazione della libertà di scelta. Anche quella di esser giovani.
E’ un tempo che, quando arriva, arriva. Si dirà: “ma così è troppo presto, però”. Lo so, forse avremo di che lamentarci in futuro. Il nostro, ovvio. Quello degli altri, di quelli non più liberi di decidere se ricordare di essere stati giovani, è terminato. Mi ripeterò. Anche il tempo, perciò, muore di Alzheimer.

Come scrive Cesare Pavese, “perdono tutti e a tutti chiedo perdono”. Sarebbe bello se lo potesse dire il tempo. Ma, quale? Quello che che sta per arrivare o quello che è passato? Inutili dilemmi. Per il momento, ho termini che scadono. Le difese finali se ne fottono. Perfino di Cesare Pavese che ci ha lasciato a 41 anni compiuti. Anzitempo, per non dire giovane.

PH: Massimo Corrado Di Florio, pc, 2019

Dello stesso autore: https://www.oralegalenews.it/topics/anti-stigma/4662/2019/

#TOPICS: ultimi articoli

Italian haters

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Leggi l'articolo

Gioventù bruciata

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

Leggi l'articolo

Narcisisti e violenti ma molto social

Anna Losurdo
Con la violenza verbale possiamo sbandierare ai quattro venti la nostra non violenza

Leggi l'articolo

Art against violence

Enzo Varricchio
L’arte è un potente antidoto contro la guerra e la violenza di ogni tipo. Gli artisti visivi contemporanei come Banksi o Toscani contribuiscono a cambiare la mentalità della gente

Leggi l'articolo

Piccoli schiavi invisibili

Roberta Aria (Avvocata in Napoli)
A trent’anni dalla Convenzione di Ginevra sui diritti dell’infazia e dell’adolescenza

Leggi l'articolo

Vis fatale cui resisti non potest

Massimo Corrado Di Florio
Le infinite declinazioni della violenza non risparmiano nessuno. Nessun umano affare ne va esente

Leggi l'articolo

Occhio ai titoli

Antonio Longo (Avvocato in Bari)
La pratica antica, ma non per questo meno grave, di dipingere con aggettivi e caratterizzazioni bonarie l’assassino o il violentatore di turno

Leggi l'articolo

La forza mite della giustizia

Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Declinate al plurale, le violenze riempiono uno spazio senza contorni, difficilmente delimitabile

Leggi l'articolo

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Rugginosi

Pubblicato in

Inutile. Proprio non ce la si fa. Anche le interminabili…

Italian haters

Pubblicato in |||

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Gioventù bruciata

Pubblicato in |||

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

OBLIQUI BULIMICI DELLO ZERO ASSOLUTO

Pubblicato in

Anche quando nessuno domanda più nulla, ecco che si dànno…

L’indomito scorpione e l’allocca rana (corsi e ricorsi)

Pubblicato in

Assistiamo, oggi, al susseguirsi di eventi tutti già scritti. Becere…

Pochi grammi di coraggio

Pubblicato in |||

Nicola Laforgia (Direttore Neonatologia e TIN Universitaria Policlinico di Bari)
Il supporto psicologico in terapia intensiva neonatale è fondamentale

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Ricorda di volerti bene

Pubblicato in |||

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Ricorda di volerti bene
E che c’è una linea
Che nessuno dovrà mai varcare