Delirio del bello

Delirio del bello

di Massimo Corrado Di Florio

Per ogni notte che passa insonne e per ogni giorno di veglia che passa, mi arrendo a me stesso.
Ogni notte necessito di sognare di me per rendermi bello e levigato come certa carta patinata e senza bisogno di ritocchi.
Per ogni notte che passo a sognare di me, per rendermi bella e levigata come certa carta patinata e senza bisogno di ritocchi. E così, durante le veglie sofferte di ogni giorno, sopporto me stessa e sopporto chi mi sta accanto

E così per ogni giorno che passa sopporto me stesso e sopporto chi mi sta accanto.

Due morti che insieme sopportano se stessi e sopportano i tanti se stessi. Purchè nelle loro notti possano sognare di sé senza le distorsioni della vita quotidiana.

Sogni pubblicitari in cui rispecchiarsi senza i confini di una ruga profonda e senza la secchezza di una pelle che si scompagina e si defolia con la costanza tipica di una lancetta dei secondi (sì, dei secondi, di quei secondi che se ne fregano delle ore e perfino dei minuti).

Il punto di approdo è un mero sognare che faccia fuggire da loro stessi la loro cruda realtà epidermica che li rende semplicemente non belli.
Delirio del bello che non c’è, di un photoshop gratuito e senza app da scaricare. È sufficiente una pillola per dormire.

Piccole inquadrature in close-up, singole pose oniriche che acconciano questi due disgraziati, come tanti altri dis-graziati dalla vita dura, difficile, solitaria che soverchia e sovrasta. E che passa.
Vittime del bello che sfiora la pelle e che non è sostanza.
Delirio del bello. Che passa e che nulla lascia.

Nel primo piano del volto lo sfondo sfuma completamente, e ciò porta a una perdita di mondo. L’estetica del close-up rispecchia una società diventata essa stessa una società-close-up.
Byun-Chul Han “La salvezza del bello“, pag. 22

Mai più nulla di sublime tra questi due estranei nello stesso letto e nella stessa casa -orrida come un pertugio profondo scavato nella terra-. Niente più come prima, poiché perfino il prima cerca di sognare se stesso per rendersi gradevole a sé e sperare in un dopo, più bello di prima. Somma contraddizione tra un momento che c’era e uno che sarà.
Sogni senza bisogni.

Delirio del bello. Che passa prima e ancora prima e ancora più di prima. E che nulla lascia. Non più. Una perdita di mondo, per l’appunto.

Fine della storia e di qualunque altra storia fatta di ricorsi e di ricorsi e di ricorsi e di ricorsi. Che stanchezza. Così gira il mondo. Così gira pure quello del principe Myškin che non fu mai un idiota ma soltanto un innamorato del Bello.

Image credit: David Mark da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Arte e Giustizia, filo rosso tra due mondi

Giulia Reina
Favorire le sinergie tra due mondi diversi ma da sempre collegati e collegabili

Leggi l'articolo

Al servizio dei giovani artisti di talento

Nicola Cea
La Fondazione Michele Cea persegue come scopo principale il sostegno ad artisti, giovani e non, in condizioni economiche disagiate

Leggi l'articolo

Arti e processo

Roberto Oliveri del Castillo
Pensare il diritto e il suo limite significa anche pensare il diritto a partire da ciò che eccede i suoi rassicuranti perimetri disciplinari

Leggi l'articolo

Ubuntu

Aldo Luchi
L’individualismo nazionalista ha distorto il concetto di libertà al punto da interpretarla come imposizione delle proprie convinzioni

Leggi l'articolo

Storie dal 41 bis

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Leggi l'articolo

Respirare turismo sostenibile

Cinzia De Marzo
Occorrono una visione di lungo periodo e progetti intelligenti per ripensare forme sostenibili di ospitalità e accoglienza

Leggi l'articolo

Autonomi automi

Sergio D’Angelo
Le relazioni di potere, che sempre più nella contemporaneità assumono forme di servitù volontaria, possono soffocare sul nascere una possibile libertà di scelta

Leggi l'articolo

Macchienereincampobianco

Vittorio Correale
…si accorse che in tutte le canzoni ce n’era una, sempre la stessa. Ne ignorava il significato ma da quella sera gli rimase in mente per sempre: libertà

Leggi l'articolo

In giro per l’Unione

Nadia Germanà Tascona
Il diritto alla libertà di espressione richiede e merita protezione non solo in sé ma in quanto presupposto e fondamento di una società democratica

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa