Delirio del bello

Delirio del bello

di Massimo Corrado Di Florio

Per ogni notte che passa insonne e per ogni giorno di veglia che passa, mi arrendo a me stesso.
Ogni notte necessito di sognare di me per rendermi bello e levigato come certa carta patinata e senza bisogno di ritocchi.
Per ogni notte che passo a sognare di me, per rendermi bella e levigata come certa carta patinata e senza bisogno di ritocchi. E così, durante le veglie sofferte di ogni giorno, sopporto me stessa e sopporto chi mi sta accanto

E così per ogni giorno che passa sopporto me stesso e sopporto chi mi sta accanto.

Due morti che insieme sopportano se stessi e sopportano i tanti se stessi. Purchè nelle loro notti possano sognare di sé senza le distorsioni della vita quotidiana.

Sogni pubblicitari in cui rispecchiarsi senza i confini di una ruga profonda e senza la secchezza di una pelle che si scompagina e si defolia con la costanza tipica di una lancetta dei secondi (sì, dei secondi, di quei secondi che se ne fregano delle ore e perfino dei minuti).

Il punto di approdo è un mero sognare che faccia fuggire da loro stessi la loro cruda realtà epidermica che li rende semplicemente non belli.
Delirio del bello che non c’è, di un photoshop gratuito e senza app da scaricare. È sufficiente una pillola per dormire.

Piccole inquadrature in close-up, singole pose oniriche che acconciano questi due disgraziati, come tanti altri dis-graziati dalla vita dura, difficile, solitaria che soverchia e sovrasta. E che passa.
Vittime del bello che sfiora la pelle e che non è sostanza.
Delirio del bello. Che passa e che nulla lascia.

Nel primo piano del volto lo sfondo sfuma completamente, e ciò porta a una perdita di mondo. L’estetica del close-up rispecchia una società diventata essa stessa una società-close-up.
Byun-Chul Han “La salvezza del bello“, pag. 22

Mai più nulla di sublime tra questi due estranei nello stesso letto e nella stessa casa -orrida come un pertugio profondo scavato nella terra-. Niente più come prima, poiché perfino il prima cerca di sognare se stesso per rendersi gradevole a sé e sperare in un dopo, più bello di prima. Somma contraddizione tra un momento che c’era e uno che sarà.
Sogni senza bisogni.

Delirio del bello. Che passa prima e ancora prima e ancora più di prima. E che nulla lascia. Non più. Una perdita di mondo, per l’appunto.

Fine della storia e di qualunque altra storia fatta di ricorsi e di ricorsi e di ricorsi e di ricorsi. Che stanchezza. Così gira il mondo. Così gira pure quello del principe Myškin che non fu mai un idiota ma soltanto un innamorato del Bello.

Image credit: David Mark da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora