Glottologia della guerra

Glottologia della guerra

di Paola Furini (Avvocata in Milano – FronteVerso Network)

Dopo la caduta del muro di Berlino e la fine della guerra fredda ci eravamo illusi di essersi lasciati alle spalle il terrore dell’Apocalisse nucleare. Ora invece, dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, sono sempre di più gli articoli e i dibattiti sul possibile uso delle armi atomiche.

Sarebbe opportuno che chi è in grado di parlare alle masse e a chi detiene gli ordigni nucleari alzasse la voce e si facesse sentire, come accaduto in passato, quando eravamo sull’orlo del precipizio.
Ricordiamo Einstein, genio ed inventore della bomba atomica, cui è stata attribuita una affermazione agghiacciante “non so come sarà combattuta la terza guerra mondiale ma posso dirti cosa si userà nella quarta: pietre e bastoni“.
La frase è stata pronunciata dopo la fine della seconda guerra mondiale.
In quegli stessi anni alcuni scienziati dell’Università di Chicago, per semplificare il concetto, hanno inventato un orologio metaforico, l’orologio dell’apocalisse (Doomsday clock) che misura il tempo che manca alla fine del mondo, immaginata a mezzanotte. I minuti che la precedono indicano la distanza dall’evento e le lancette vengono spostate avanti o indietro, a seconda del pericolo, una volta all’anno. Mai come ora siamo vicini alla mezzanotte.

In passato anche la musica ha contributo ad allertare le persone.
Tra le tante canzoni ricordo la meravigliosa ed inquietante “Noi non ci saremo” di Francesco Guccini. L’incipit preannuncia “Vedremo nel cielo una sfera di fuoco più grande del sole e più vasta del mondo”. L’immagine potentissima richiama alla mente la palla di fuoco che il cui diametro si allarga in maniera esponenziale vista nei documentari su Hiroshima e Nagasaki. La prima strofa prosegue preannunciando che dopo l’esplosione nemmeno un grido risuonerà … per mille secoli almeno.
Silenzio per millenni. Autoannientamento. Ecco, secondo il cantautore, cosa aspetta la nostra terra.

Imprescindibile il contributo del cinema. Tra i tanti film assai significativo è l’americano The day after – Il giorno dopo, diretto da Nicholas Meyer nel 1983.
Il film descrive un reciproco attacco con armi nucleari tra Stati Uniti e Unione Sovietica e le sue conseguenze.
Il trailer italiano diceva “se questo giorno dovesse venire sarebbe la fine di tutti i giorni”.

Noi occidentali non eravamo più abituati ad avere paura e le voci di chi denunciava le minacce nucleari si sono spente o non le abbiamo più ascoltate.
Bisogna assolutamente che si alzino di nuovo e che gridino, nel linguaggio loro più congeniale, NO alla guerra, NO all’autodistruzione.

Credits: Ogutier da Pixabay

Di Paola Furini, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti per tutti i generi

Anna Losurdo
Un filo rosso verso una società sempre più giusta perchè sempre più uguale

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

Guerra e pace

Anna Losurdo
Non c’è libertà senza pace e non può esserci pace senza libertà

Leggi l'articolo

Nulla via impervia

Anna Losurdo
Nulla è più poetico di una strada solitaria. Ma davvero c’è poesia nelle vie solitarie di questo nostro tempo?

Leggi l'articolo

Nuove parole e nuovi metodi

Anna Losurdo
Improvvisamente la guerra non è più un brutto gioco di bambini

Leggi l'articolo

La grande follia

Laudato si’
Dobbiamo chiederci non chi può vincere la guerra, ma come disattivarla

Leggi l'articolo

Guerra dentro

Tiziana Nuzzo
Costruttore di pace è chi sia adopera ogni giorno a unire

Leggi l'articolo

Supplemento d’anima

Anna Paola Lacatena
Per sfuggire all’attrazione esercitata dall’orrore e dalle sue assolute certezze

Leggi l'articolo

Il fondamento

Aldo Luchi
Chiunque alimenti un conflitto adduce una pretesa superiorità

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Dal sovraindebitamento alla composizione negoziata

Pubblicato in ||

A cura della redazione
L’Associazione Italiana Avvocati e Gestori
della crisi da sovraindebitamento e d’impresa organizza un evento formativo a
ROMA, HOTEL OCCIDENTAL ARAN PARK, 16 e 17 Giugno 2022

Filiazione materna sempre meno invisibile

Pubblicato in ||

Stefania Stefanelli
Una appliazione della tutela costituzionale dell’identità dei figli

Assegno divorzile: il tribunale di Matera bacchetta le sezioni unite

Pubblicato in |||

Enzo Varricchio
Il Tribunale di Matera rilegge la sentenza delle Sezioni unite

Che sapere per non essere condannati

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
L’ipotesi di delitto di diffamazione aggravata all’interno dei social network è sempre più frequente

Le ragioni dei minori, senza pregiudizi

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
Nelle vicende di affidamento dei figli minori spesso molte illazioni psicologiche ma pochi o nessun fatto

Giustizia in tv ma col PNRR

Pubblicato in |||

Enzo Varricchio
È andato in TV il PNRR, il più grande piano di investimenti della storia dell’Unione Europea

Cosa indossavi?

Pubblicato in |

Maria Critina Carratù
Pubblichiamo la prefazione al libro di Iacopo Benevieri

Un percorso affascinante

Pubblicato in |||

Valeria Pettorino

Cultura scientifica e lungimiranza

Pubblicato in |||

Claudia Segre e Anna Losurdo

Ecosistema della condivisione

Pubblicato in |||

Alessandra Pugnetti

Ecosistema della resilienza

Pubblicato in |||

Leonilde Bonfrate

Ecosistema del pregiudizio

Pubblicato in |||

Serenella Civitelli