Il codice della crisi e dell’insolvenza

Il codice della crisi e dell’insolvenza

di Antonio Caiafa (Diritto delle Procedure Concorsuali – L.U.M. ” Jean Monnet ” – Bari)

L’esperienza di questi anni, caratterizzata da una continua evoluzione normativa, ha posto in rilievo la difficoltà di conciliare una adeguata trattazione dei fondamenti della materia ed in particolare delle questioni maggiormente dibattute, rispetto alle quali non è stato sempre agevole ricostruire il punto di vista della dottrina e della giurisprudenza mantenendo, in ordine alle diverse impostazioni, una posizione acritica.

Il codice della crisi e dell’insolvenza – attuato con il d.lgs. 12 febbraio 2019 n.14 – ha posto una specifica attenzione alle problematiche interdisciplinari ed ha considerato, a fronte del fenomeno dissolutivo dell’impresa, la posizione dei lavoratori nell’esercizio delle loro libertà sindacali e politiche, intese come espressione di una partecipazione degli stessi alla vita dell’azienda in crisi, norme queste che entreranno in vigore, decorsi diciotto mesi dalla pubblicazione, avvenuta il 14 febbraio 2019.

Allo stato non può che farsi riferimento alle diverse procedure note indicando, nei limiti in cui una simile operazione risulti essere possibile, per ciascuna di esse, se gli ultimi correttivi possono ritenersi adeguati, a seguito dei profondi mutamenti intervenuti nella struttura economica e politica del nostro Paese.

Si tratta, in definitiva, di problematiche correntemente dibattute per gli aspetti interpretativi e le conseguenze relative e che vivono, attualmente, un periodo di rinnovato interesse per la continua ed intensa dialettica derivante dall’elaborazione della giurisprudenza, oltrechè per le maturate soluzioni che hanno determinato la revisione della relativa disciplina normativa.

Le procedure concorsuali rappresentano, d’altronde, ancora oggi, un tentativo di regolamentazione delle diverse situazioni cui la crisi d’impresa è in grado di dare luogo, allo scopo di individuare, ove possibile, un corretto equilibrio fra la tutela delle ragioni creditorie e la salvaguardia delle risorse dell’impresa, non operando, necessariamente, quali fattispecie estintive di essa.

Si è oggi in presenza di una nuova realtà caratterizzata dalla operata, seppur in tempi ravvicinati, riformulazione completa della materia sul presupposto di rendere questa rispondente alla avvertita esigenza di consentire la sopravvivenza dei complessi produttivi.

L’analisi delle problematiche giuridiche correlate con la crisi e, quando questa è divenuta irreversibile, con l’insolvenza, ha determinato da tempo la costruzione di un sistema maggiormente idoneo e rispondente alle esigenze, non solo, di tutela dei crediti ma, anche e soprattutto, di conservazione dell’impresa, che si ritiene ormai indispensabile preservare, piuttosto che dissolvere o liquidare.

La riforma si caratterizza per aver operato una ristrutturazione della vecchia legge fallimentare operandone il raccordo con le nuove regole, dovute all’inserimento di alcuni istituti nuovi che hanno riguardato le procedure di allerta e composizione della crisi, la gestione dei gruppi di impresa, il procedimento unitario e la revisione del sovraindebitamento, il tutto nel tentativo di armonizzare la nuova legislazione con quella concorsuale dei paesi della Comunità Europea e con l’obbiettivo di eliminare gli ostacoli esistenti per lo sviluppo e la concorrenza, in conseguenza delle evidenti differenti impostazioni normative.

Si è inteso, in conclusione, assicurare e facilitare la ristrutturazione preventiva dell’impresa, favorendo l’emersione tempestiva della crisi prima, dunque, che si versi in una situazione di probabile insolvenza, che si traduce nella concreta impossibilità, per l’imprenditore, di adempiere con regolarità alle proprie obbligazioni allorché non si intervenga tempestivamente.

Scompare il fallimento, mentre vengono ridisegnati il concordato preventivo liquidatorio ed in continuità, nonché gli accordi di ristrutturazione del debito.
Sono previste, poi, apposite regole per l’insolvenza dei gruppi di imprese, con modifica della disciplina della liquidazione coatta amministrativa, con conseguente revisione dei requisiti di accesso e la necessità di un coordinamento con le altre discipline speciali, relative alla liquidazione del patrimonio delle imprese operanti nel settore assicurativo, bancario e finanziario.
E’ stata rivisitata interamente la procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento attraverso il concordato minore.

PH:Adrian Malec da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Un tesoro da salvare

Fabio Cavalera (Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
La parola è uno degli strumenti più esclusivi e appassionanti che abbiamo per opporre al nuovo e algido potere dell’algoritmo il contropotere caldo della ragione

Leggi l'articolo

Parole perdute

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Devo solo cercarle
Le parole che ho perso
Te le ricordi, erano qui
Tra le cose di sempre
Tra i vestiti da smettere
Qualche avanzo di tempo
Bottiglie e scatole
Vuote.

Leggi l'articolo

Siamo le parole che usiamo

Enzo Varricchio
La scrittura, apparsa intorno al quarto millennio a.C. dopo il disegno e il pittogramma, fu un atto fondativo dell’homo sapiens. La parola scritta ha avuto il compito di tramandare memoria delle umane vicende

Leggi l'articolo

Parlare è un’opera pubblica

Massimo Corrado di Florio
Millanteria intellettuale, esaltazione della mera opinione e affermazione della sintesi come mero sistema di diffusione della parola, finiscono col mortificare e deprimere la parola stessa

Leggi l'articolo

La comunicazione al centro

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
Una comunicazione non adeguata, che sia scritta, orale o trasmessa, non solo non raggiunge i propri obiettivi, ma modifica la relazione comunicativa fra le persone

Leggi l'articolo

Hate speech, hate thinking

Aldo Luchi (Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cagliari)
Le parole che usiamo ci qualificano. Connotano i nostri pensieri, le nostre radici culturali, la nostra appartenenza a determinate categorie

Leggi l'articolo

La lingua che crea

Gianni Clocchiatti (Consulente aziendale in Milano)
Il linguaggio è una rappresentazione della realtà ma al contempo è anche un software che fa funzionare il pensiero il quale a sua volta genera i comportamenti

Leggi l'articolo

Consenso mostruoso

Anna Losurdo
L’interdipendenza tra linguaggio, consenso e potere rende evidente la grande responsabilità, per le parole che usiamo e che definiscono i nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

HO VISTO UN FILM

Pubblicato in

“Un giorno di pioggia a New York” è l’ultimo film…

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione