Il codice della crisi e dell’insolvenza

Il codice della crisi e dell’insolvenza

di Antonio Caiafa (Diritto delle Procedure Concorsuali – L.U.M. ” Jean Monnet ” – Bari)

L’esperienza di questi anni, caratterizzata da una continua evoluzione normativa, ha posto in rilievo la difficoltà di conciliare una adeguata trattazione dei fondamenti della materia ed in particolare delle questioni maggiormente dibattute, rispetto alle quali non è stato sempre agevole ricostruire il punto di vista della dottrina e della giurisprudenza mantenendo, in ordine alle diverse impostazioni, una posizione acritica.

Il codice della crisi e dell’insolvenza – attuato con il d.lgs. 12 febbraio 2019 n.14 – ha posto una specifica attenzione alle problematiche interdisciplinari ed ha considerato, a fronte del fenomeno dissolutivo dell’impresa, la posizione dei lavoratori nell’esercizio delle loro libertà sindacali e politiche, intese come espressione di una partecipazione degli stessi alla vita dell’azienda in crisi, norme queste che entreranno in vigore, decorsi diciotto mesi dalla pubblicazione, avvenuta il 14 febbraio 2019.

Allo stato non può che farsi riferimento alle diverse procedure note indicando, nei limiti in cui una simile operazione risulti essere possibile, per ciascuna di esse, se gli ultimi correttivi possono ritenersi adeguati, a seguito dei profondi mutamenti intervenuti nella struttura economica e politica del nostro Paese.

Si tratta, in definitiva, di problematiche correntemente dibattute per gli aspetti interpretativi e le conseguenze relative e che vivono, attualmente, un periodo di rinnovato interesse per la continua ed intensa dialettica derivante dall’elaborazione della giurisprudenza, oltrechè per le maturate soluzioni che hanno determinato la revisione della relativa disciplina normativa.

Le procedure concorsuali rappresentano, d’altronde, ancora oggi, un tentativo di regolamentazione delle diverse situazioni cui la crisi d’impresa è in grado di dare luogo, allo scopo di individuare, ove possibile, un corretto equilibrio fra la tutela delle ragioni creditorie e la salvaguardia delle risorse dell’impresa, non operando, necessariamente, quali fattispecie estintive di essa.

Si è oggi in presenza di una nuova realtà caratterizzata dalla operata, seppur in tempi ravvicinati, riformulazione completa della materia sul presupposto di rendere questa rispondente alla avvertita esigenza di consentire la sopravvivenza dei complessi produttivi.

L’analisi delle problematiche giuridiche correlate con la crisi e, quando questa è divenuta irreversibile, con l’insolvenza, ha determinato da tempo la costruzione di un sistema maggiormente idoneo e rispondente alle esigenze, non solo, di tutela dei crediti ma, anche e soprattutto, di conservazione dell’impresa, che si ritiene ormai indispensabile preservare, piuttosto che dissolvere o liquidare.

La riforma si caratterizza per aver operato una ristrutturazione della vecchia legge fallimentare operandone il raccordo con le nuove regole, dovute all’inserimento di alcuni istituti nuovi che hanno riguardato le procedure di allerta e composizione della crisi, la gestione dei gruppi di impresa, il procedimento unitario e la revisione del sovraindebitamento, il tutto nel tentativo di armonizzare la nuova legislazione con quella concorsuale dei paesi della Comunità Europea e con l’obbiettivo di eliminare gli ostacoli esistenti per lo sviluppo e la concorrenza, in conseguenza delle evidenti differenti impostazioni normative.

Si è inteso, in conclusione, assicurare e facilitare la ristrutturazione preventiva dell’impresa, favorendo l’emersione tempestiva della crisi prima, dunque, che si versi in una situazione di probabile insolvenza, che si traduce nella concreta impossibilità, per l’imprenditore, di adempiere con regolarità alle proprie obbligazioni allorché non si intervenga tempestivamente.

Scompare il fallimento, mentre vengono ridisegnati il concordato preventivo liquidatorio ed in continuità, nonché gli accordi di ristrutturazione del debito.
Sono previste, poi, apposite regole per l’insolvenza dei gruppi di imprese, con modifica della disciplina della liquidazione coatta amministrativa, con conseguente revisione dei requisiti di accesso e la necessità di un coordinamento con le altre discipline speciali, relative alla liquidazione del patrimonio delle imprese operanti nel settore assicurativo, bancario e finanziario.
E’ stata rivisitata interamente la procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento attraverso il concordato minore.

PH:Adrian Malec da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Il fondo di garanzia INPS

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Leggi l'articolo

Una storia dei debiti

di Enzo Varricchio
Per chi non riesce a pagare i debiti si è troppo spesso profilato il baratro del suicidio o comunque della rovina personale e familiare

Leggi l'articolo

Gli Avvocati e il codice della crisi

di Carlo Orlando (Consigliere Nazionale Forense)
È essenziale che le prestazioni intellettuali rese in ambito concorsuale e pre-concorsuale godano della prededuzione e che i compensi siano proporzionati alla complessità dell’incarico

Leggi l'articolo

Autonomia negoziale e comunicazione

di Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Nella gestione dei rapporti patologici tra creditore e debitore si è ampliata la sfera di intervento dell’autonomia privata su base negoziale

Leggi l'articolo

Nuova esdebitazione

di Alvise Cecchinato (Avvocato in Pordenone)
Le modifiche alla liquidazione e la possibilità di esdebitazione senza patrimonio e liquidazione forse daranno davvero la possibilità della seconda chance

Leggi l'articolo

Una occasione perduta

di Luigi Amendola (Avvocato in Salerno)
Il nuovo Codice della crisi non ha risolto il mancato coordinamento tra le disposizioni preesistenti e la legge 3/2012 in tema di falcidiabilità dell’IVA e delle ritenute operate e non versate

Leggi l'articolo

La liquidazione controllata

di Francesco Angeli (Commercialista in Terni)
La nuova disciplina della liquidazione controllata ha risolto i problemi procedurali della liquidazione dei beni nella L. 3/2012 e consente maggiore celerità e migliore soddisfacimento dei creditori

Leggi l'articolo

La direttiva UE 2019/1023

di Stefania Pacchi (Diritto commerciale – Università di Siena)
La Direttiva non presenta né un progetto globale di diritto delle imprese in crisi nè un progetto analitico e completo di disciplina delle ristrutturazioni ma soltanto indirizzi su alcuni punti fondamentali

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Torri

Pubblicato in

“Il giorno seguente non morì nessuno…” mi sarebbe piaciuto scrivere…

La fiducia. Una spirale ci annoierà

Pubblicato in

C’è chi la chiede e chi la dà. C’è anche…

Come si diceva? C’è voluto poco

Pubblicato in

Tutto era già scritto. Tutto era già programmato. Con largo…

Un altro mondo è possibile

Pubblicato in |||

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Il fondo di garanzia INPS

Pubblicato in |||

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Una storia dei debiti

Pubblicato in |||

di Enzo Varricchio
Per chi non riesce a pagare i debiti si è troppo spesso profilato il baratro del suicidio o comunque della rovina personale e familiare

QUASI AMICI

Pubblicato in

L. e N., quasi amici. La misura del quasi è…

Ciarlatano mio Ciarlatano. il Don Chisciotte de noantri

Pubblicato in

Un po’ di ragione vorrei attribuirmela. Lo so, è inelegante…

RIPOSIZIONAMENTI

Pubblicato in

Eravamo alla frutta. Occorreva uno scossone serio. Non so bene…