Il muro del silenzio

Il muro del silenzio

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia e presidente Forum Donne Giuriste)

Per chi non vuole vedere, la soluzione è semplice; la violenza, al contrario, é complessa: serve maggiore competenza.

Cosa hanno in comune tra loro l’Innocent Project degli Stati Uniti, il numero delle donne magistrato, il numero delle donne psicologhe, il numero delle donne assistenti sociali, la Pas, il DSM IV, le Brigate Rosse?
Verrebbe da rispondere “NULLA” ed in effetti è così, semplicemente essi si trovano citati nel medesimo contesto, dal Prof. Gulotta, in un memorandum comunicato, prima che alla Commissione Femminicidi a cui si è detto indirizzato, ai giornali.

I firmatari del memorandum, accademici e professionisti esperti in materia psicoforense, dopo aver premesso di essere favorevoli all’istituzione della Commissione Femminicidio e aver riconosciuto che è un dato assodato che in materia forense vengano compiuti grossolani errori da consulenti, periti e magistrati, “deviano” l’indagine della Commissione, pretendendo di dare una risposta prima che l’indagine stessa sia svolta.
Per raggiungere il loro fine utilizzano esempi che nulla hanno a che fare con lo scopo della Commissione, che è quello di capire se esistano inadeguatezze e lacune nel sistema giustizia che possano indurre ad adottare decisioni sbagliate nell’affidamento dei figli nei casi di violenza familiare.

Affermano i firmatari che “i dati ci dicono che nelle cause (…) che comportano l’affidamento dei figli le donne sono di gran lunga preferite rispetto all’uomo”.
Si tratta di un postulato errato sotto un duplice profilo: da un lato perché non esamina la valenza dell’esercizio della responsabilità genitoriale ma solo il “nomen” dell’affidamento, dall’altro perché non spiega in cosa le donne sarebbero favorite.

Proprio guardando i dati riportati nel memorandum, l’affidamento condiviso è del tutto prevalente: 70.238 su 74.457, ovvero il 94,33 %; l’affidamento esclusivo alla madre si ha solo in 2.993 casi su 74.457, ovvero il 4,02%., negli altri casi l’affidamento esclusivo è al padre o a terzi (Servizi Sociali).

Come mai se la violenza intrafamiliare è così diffusa abbiamo una percentuale così modesta di affidi esclusivi alla madre?
La ragione è semplice: perché la violenza subita spesso non viene denunciata, neppure in sede civile, e anche quando essa è all’origine della separazione viene del tutto sottovalutata nei suoi effetti.
C’è fretta di raggiungere un accordo, viene data applicazione generalizzata all’affido condiviso, Giudici e CTU cercano di “salvare” la figura genitoriale, anche se violenta, ritenendo punitivo ed ostacolante, per l’affermazione della “bigenitorialità“, l’affidamento esclusivo.

Ove il Giudice nel quesito o nell’incarico ai Servizi Sociali, non espliciti la richiesta di verificare se vi sia stata violenza intrafamiliare, nessun CTU, lo farà sua sponte.
Come osservato “Perché sia possibile la rilevazione della violenza assistita è fondamentale che gli operatori abbiano imparato a riconoscere la violenza maschile contro le donne nella sua dimensione strutturale e nella sua capillare diffusione. Siano cioè in grado di “vedere” una dimensione ancora sottovalutata e/o negata” (CISMAI, Linee guida violenza assistita 2018).

La mancata rilevazione finisce per essere collusione con il violento.

Eppure gli effetti della violenza “assistita” sui bambini è devastante, genera paura, insicurezza, dipendenza.
Sul lungo periodo tra gli effetti registrati ci sono casi più o meno gravi di depressione, tendenze suicide, disturbi del sonno e disordini nell’alimentazione (Save the children 18.11.2019. dossier “Abbattiamo il muro del silenzio”), il contrario di quello che si vorrebbe.
Ignorare gli effetti che la violenza intrafamiliare provoca sui bambini è grave, molto grave, per questo serve maggiore competenza, soprattutto da parte degli “esperti”.

di Giovanna Fava su Ora Legale NEWS
https://www.oralegalenews.it/magazine/09-luglio/laffido-il-minore-e-gli-altri/6068/2019/

Image credit: ambermb da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

Quanti delitti in tuo nome

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Quanti delitti in tuo nome

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
In nome della bigenitorialità, i genitori litiganti alziao barriere, ingaggiano guerre giudiziarie e invocano giustizia

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

No PASdaran

Pubblicato in ||||

Fabio Roia
La cosiddetta “sindrome” da alienazione genitoriale o da anaffettività genitoriale (PAS) è stata ipotizzata da uno studioso americano, tale Gardner, come una ipotetica e controversa dinamica psicologica disfunzionale che si attiverebbe sui figli minori coinvolti in contesti di separazione e di divorzio conflittuali dei genitori non adeguatamente mediate.
Questa “sindrome” non ha alcun tipo di fondamento scientifico.

Libertà di non amare

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Riconoscere la violenza domestica

Pubblicato in ||||

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Il CTU: ipse dixit?

Pubblicato in ||||

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

La negazione dell’abuso

Pubblicato in ||||

Ida Grimaldi
Nelle nostre aule giudiziarie la violenza viene spesso confusa con il conflitto