La bellezza dell'errore

La bellezza dell’errore

di Sergio D’Angelo (Sociologo in Bari)

Sto lavorando duro per preparare il mio prossimo errore
(Bertolt Brecht)

L’uomo è l’animale che istituisce storie: il bisogno o, per dire meglio, il desiderio di narrarle dà senso e significato alle sue esperienze. E forse è un modo per raccontarsi quanto la vita sia sotto il suo controllo.
Nelle narrazioni vestiamo abiti diversi imparando a recitare i copioni dei tanti personaggi della commedia umana. Sebbene, con raffinato autoinganno, affermiamo che in fondo l’io narrante ha un’identità autentica: il proprio Sé.
Narrare le nostre storie offre una sponda a transiti e trambusti esistenziali mettendoci al riparo da spaesamenti e incertezze, maldestrezza e vergogna di cui la nostra specie porta stigmi indelebili.

E tuttavia l’inatteso urta la linearità narrativa, faticosamente costruita, facendola vacillare.
Siamo esposti all’errore. Quando sbagliamo è perché possiamo scegliere di farlo: della pietra che cade o del televisore che non si accende non diremmo propriamente che sono in errore.
La contemporaneità ci espone, come mai nel passato, ai passaggi repentini e ai conseguenti imprevisti dei tanti ruoli che proviamo a interpretare.
I destini individuali e collettivi si disfano con estrema facilità, lasciandoci in balìa di spaesamenti e incertezze.

Phronesis è un vocabolo del greco antico che, con qualche licenza, si potrebbe tradurre in abilità nel fare la cosa giusta.
Le attività dell’oggi, da quelle della vita quotidiana e professionale alle sporgenze esistenziali (accadimenti straordinari che colpiscono le nostre vite), richiedono continui esercizi e l’uso di specifiche facoltà: ragionamento, decisione, negoziazione dei conflitti, interpretazione dei tanti ruoli sociali, destrezza nel fronteggiare discorsi eterogenei, gestione di improvvise incontinenze emotive.

Non solo: risultano del tutto insufficienti i processi conoscitivi fondati sulla deduzione (c’è una regola da cui dato un caso, si inferisce un risultato) e sull’induzione (dato un caso e un risultato, se ne inferisce una regola). Abilità nel fare la cosa giusta è adottare ipotesi esplicative (abduttive) che possano essere confermate o rivelarsi errate, comunque in grado di esplorare nuove possibilità.
Non importa che l’ipotesi sia giusta (se ne possono sempre avanzare altre), quel che conta è ridurre l’ignoto e sorprenderci che si possa fare.

Perciò occorrerebbe riconoscere la bellezza dell’apprendimento che può trasformarci: della cura di sé, che non è concepibile senza la cura dei propri discorsi, e che nulla ha da spartire con un’indole solitaria. Tutt’altro, già da sempre l’esercizio della cura è iscritto nella socialità della sfera pubblica. Allora, per tenere a bada il congenito disadattamento di Homo sapiens, occorre potenziare le facoltà che gli permettano un buon uso della sua esistenza.
Raccontiamo quel che l’uomo è o che dev’essere tralasciando spesso quel che egli può fare di sé, della sua forma di vita.
Apprendere dall’errore non è il ritorno a una presunta giusta via, invece è riconoscere che siamo umani perché esploriamo il possibile: né quello che il mondo è, né quello che dev’essere, ma come potrebbe essere altrimenti.

Image credit: www.keblog.it

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti in musica

Aldo Luchi
La condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo ingiusto nel pezzo storico di Bob Dylan

Leggi l'articolo

La voglia di capire il mondo

Luisa Torsi
Le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente

Leggi l'articolo

Ricerca ecologica di lungo termine

Alessandra Pugnetti
Lontani come siamo dal fitoplancton nella nostra struttura fisica e percezione del mondo

Leggi l'articolo

Essere ricercatrice

Ilaria Ferrando
L’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore

Leggi l'articolo

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Sara Invitto
Era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica

Leggi l'articolo

Una vita da scienziata

Patrizia Caraveo
Ho cominciato la mia carriera su un treno in corsa e, da allora, non mi sono mai fermata

Leggi l'articolo

La chimica mi ha folgorato

Angela Agostiano
L’abitudine alla disciplina e al ragionamentomi ha suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule

Leggi l'articolo

Una strada a forma di sé

Cristina Mangia
Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari

Leggi l'articolo

Un lavoro che mi piace molto

Vincenza A.M. Luprano
Studiare fisica dello stato solido mi ha entusiasmato tantissimo

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

Brandelli di giustizia

Pubblicato in

I giudici, che della giustizia ne sono i rappresentanti, non…

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono