La bellezza dell'errore

La bellezza dell’errore

di Sergio D’Angelo (Sociologo in Bari)

Sto lavorando duro per preparare il mio prossimo errore
(Bertolt Brecht)

L’uomo è l’animale che istituisce storie: il bisogno o, per dire meglio, il desiderio di narrarle dà senso e significato alle sue esperienze. E forse è un modo per raccontarsi quanto la vita sia sotto il suo controllo.
Nelle narrazioni vestiamo abiti diversi imparando a recitare i copioni dei tanti personaggi della commedia umana. Sebbene, con raffinato autoinganno, affermiamo che in fondo l’io narrante ha un’identità autentica: il proprio Sé.
Narrare le nostre storie offre una sponda a transiti e trambusti esistenziali mettendoci al riparo da spaesamenti e incertezze, maldestrezza e vergogna di cui la nostra specie porta stigmi indelebili.

E tuttavia l’inatteso urta la linearità narrativa, faticosamente costruita, facendola vacillare.
Siamo esposti all’errore. Quando sbagliamo è perché possiamo scegliere di farlo: della pietra che cade o del televisore che non si accende non diremmo propriamente che sono in errore.
La contemporaneità ci espone, come mai nel passato, ai passaggi repentini e ai conseguenti imprevisti dei tanti ruoli che proviamo a interpretare.
I destini individuali e collettivi si disfano con estrema facilità, lasciandoci in balìa di spaesamenti e incertezze.

Phronesis è un vocabolo del greco antico che, con qualche licenza, si potrebbe tradurre in abilità nel fare la cosa giusta.
Le attività dell’oggi, da quelle della vita quotidiana e professionale alle sporgenze esistenziali (accadimenti straordinari che colpiscono le nostre vite), richiedono continui esercizi e l’uso di specifiche facoltà: ragionamento, decisione, negoziazione dei conflitti, interpretazione dei tanti ruoli sociali, destrezza nel fronteggiare discorsi eterogenei, gestione di improvvise incontinenze emotive.

Non solo: risultano del tutto insufficienti i processi conoscitivi fondati sulla deduzione (c’è una regola da cui dato un caso, si inferisce un risultato) e sull’induzione (dato un caso e un risultato, se ne inferisce una regola). Abilità nel fare la cosa giusta è adottare ipotesi esplicative (abduttive) che possano essere confermate o rivelarsi errate, comunque in grado di esplorare nuove possibilità.
Non importa che l’ipotesi sia giusta (se ne possono sempre avanzare altre), quel che conta è ridurre l’ignoto e sorprenderci che si possa fare.

Perciò occorrerebbe riconoscere la bellezza dell’apprendimento che può trasformarci: della cura di sé, che non è concepibile senza la cura dei propri discorsi, e che nulla ha da spartire con un’indole solitaria. Tutt’altro, già da sempre l’esercizio della cura è iscritto nella socialità della sfera pubblica. Allora, per tenere a bada il congenito disadattamento di Homo sapiens, occorre potenziare le facoltà che gli permettano un buon uso della sua esistenza.
Raccontiamo quel che l’uomo è o che dev’essere tralasciando spesso quel che egli può fare di sé, della sua forma di vita.
Apprendere dall’errore non è il ritorno a una presunta giusta via, invece è riconoscere che siamo umani perché esploriamo il possibile: né quello che il mondo è, né quello che dev’essere, ma come potrebbe essere altrimenti.

Image credit: www.keblog.it

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora