La letteratura dei giudici

La letteratura dei giudici

di Enzo Varricchio

Nel panorama editoriale di un Paese come l’Italia in cui il numero dei lettori diminuisce (6 italiani su 10 non hanno letto nemmeno un libro nel 2018, a fronte del siderale 90% di lettori svedesi – dati AIE), mentre aumenta il numero di scrittori, un posto a parte lo meritano i magistrati-letterati, schiera ormai ben posizionata mediaticamente e nelle classifiche di vendita. Singolare il caso della Puglia, ove sta assurgendo al rango di vera e propria scuola.

Caringella, Oliveri del Castillo, Scelsi, De Giovanni, Mattencini, D’Ambrosio, De Cataldo, Giulio Donegani (pseudonimo), sono “penne togate” pugliesi molto apprezzate dal grande pubblico, spuntate poco dopo il “miracolo editoriale Carofiglio”.
Il fenomeno tuttavia va oltre i confini nazionali. C’è persino l’Unione Europea dei Giudici Scrittori (EUGIUS), con sede in Roma e con lo scopo di associare i giudici-scrittori d’Europa al fine di diffondere “un messaggio universale di giustizia e arte nel presupposto che ciò che è bello è anche buono e giusto”. Propala le tesi del “giudice creativo” e del “diritto libero”.

Trattasi di giudici scrittori o di scrittori giudici?

Queste ibridazioni di solito annacquano i pregi ed esaltano i limiti. Meglio diremmo “giudici e scrittori”, due lavori diversi e compatibili, anche perché quasi mai lo scrittore nasce tale per professione.
Vien da chiedersi tuttavia se esiste una particolare inclinazione dei magistrati a fare anche i letterati.
La capacità di scrivere bene, quantomeno in modo chiaro e comprensibile, dovrebbe essere connaturata al lavoro del magistrato: una sentenza scritta male è una sentenza incerta e appellabile, se non ingiusta. Tuttavia, considerato che a Milano esiste l’associazione-blog Fronte Verso che “traduce” i provvedimenti dei giudici in un italiano comprensibile a tutti, s’intende che il bello scrivere non sempre caratterizza il loro operato.
La familiarità col genere giallo o legal thriller per chi frequenta le aule dei processi penali è senz’altro un vantaggio ma lo stesso vale per poliziotti, avvocati e cancellieri, e poi grandi autori di questo genere, come Simenon e Camilleri, non erano affatto operatori forensi.
Più pertinente all’ambito letterario è l’abitudine del giudice a ricostruire la trama del processo, a scandagliare l’animo umano, a cercare la verità oltre le apparenze.
A ogni buon conto, non è facile capire perché questa categoria professionale dovrebbe essere più vocata o favorita in letteratura.
Christine Von Borries, pubblica ministera e scrittrice, ha rivelato che “Con la scrittura puoi creare e immaginare tutti quei mondi che hai solo sfiorato e rispondere a tutti gli interrogativi che ti poni ogni giorno. Entri finalmente dentro alla testa delle persone e ne descrivi le sensazioni e le motivazioni, oltre ai delitti e alle azioni commesse. Hai anche il vantaggio di poter raccontare indagini, sviluppi e colpi di scena e una conclusione spesso più soddisfacenti di quella a cui ti conducono le indagini reali”.
Ma questa è solo una delle varie spiegazioni della passione dei giudici per la letteratura, non credo la principale.

I magistrati raccontano perché narrare rende liberi.

La verosimiglianza del romanzo permette loro di assumere vesti e ruoli inconcepibili nella vita reale, di condurre un’esistenza parallela scapigliata e romantica, di frequentare i personaggi e le psicologie più improbabili sperimentando ipotesi e sconfitte senza paura di sbagliare, oppure semplicemente di lasciarsi andare alla propria natura, tutte cose loro precluse nella realtà soprattutto dopo gli scandali per corruzione e in seno allo stesso CSM.
In piena enfasi moralizzatrice, ai giudici è richiesto non solo di essere ma anche di apparire imparziali e incorruttibili dinanzi all’opinione pubblica; quindi niente più auto sfavillanti, amicizie potenti, incarichi prestigiosi. Forse molta, molta più ipocrisia…

Il lavoro di giudice fatto in modo serio e discreto, lontano dai riflettori della cronaca, il lavoro che la stragrande maggioranza dei magistrati svolge, è un lavoro prestigioso e ben remunerato ma solitario e fortemente limitativo della libertà.

E allora che c’è di meglio di una fuga senza guardie del corpo nelle vaste praterie del racconto, di un tuffo senza toga nel magma creativo della narrazione?

Invero, la domanda giusta non è “Perché tanti giudici fanno gli scrittori?”, quanto “Che letteratura producono?”.
Per il momento non si segnalano capolavori assoluti.

Forse, quando fanno gli scrittori, dovrebbero uscire del tutto dal mondo della giustizia, anziché continuare a ristagnarci.

Dello stesso Autore su Ora Legale News

https://www.oralegalenews.it/?s=Enzo+Varricchio

Siti citati nell’articolo:

http://www.antiarte.it/eugius/index.htm

http://www.fronteverso.it

Bibliografia minima: Il tocco e la penna (ovvero dei giudici scrittori, edito da Sapere 2000 – Roma 2004) con presentazione del giudice Enrico Monti e prefazione “Giustizia e letteratura” del giudice scrittore tedesco Herbert  Rosendorfer

PH credit: Manu Invisible & Frode, Dura lex, sed lex, Milano 2014

#TOPICS: ultimi articoli

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Un sogno realizzato

Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)
Un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità

Leggi l'articolo

E il giudice sorrise

Elisabetta Rosi (Consigliera della Corte di cassazione)
Si deve trattare con cura ogni processo, come se fosse l’unico processo da trattare, perché è unico per chi lo vive, sia esso vittima od accusato

Leggi l'articolo

Giudici e Avvocati

Anna Losurdo
L’Avvocato che esercita la sua professione con libertà e indipendenza rafforza l’indipendenza della giurisdizione

Leggi l'articolo

L’evidenza invisibile

Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma) 
Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale

Leggi l'articolo

Magistratus sum

Decidere sugli altri e per gli altri è un atto complesso che coinvolge l’intima percezione di sé, impone di superare pregiudizi, convinzioni culturali, abiti mentali

Leggi l'articolo

Privilegi o prerogative

Sergio Di Paola (Consigliere della Corte di cassazione)
La presunzione di essere depositario delle certezze giuridiche e storiche deve cedere al costante esercizio dell’arte del dubbio

Leggi l'articolo

Il diritto alla giustizia

Umberto Apice (già Avvocato Generale presso la Corte di cassazione)
Portare sul tavolo del giudice ogni malessere sociale, senza provvedere alla eliminazione delle cause, finisce per tramutare in fisiologico quello che è patologico

Leggi l'articolo

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona

Anche noi?

Pubblicato in ||||

Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)
Bullismo e molestie sessuali anche nel settore legale analizzati in un sondaggio dell’International Bar Association

Esseri linguistici

Pubblicato in |||

AnnaMaria Passaggio (business career coach in Milano)
Se la parola è azione e l’azione costruisce il nostro essere, allora possiamo modificare il nostro essere attraverso la parola