L'accelerazione del sovra indebitamento

L’accelerazione del sovra indebitamento

di Chiara Valcepina e Fabio Cesare (Avvocati in Milano)

Poche disposizioni normative sono state protagoniste di un percorso travagliato come la legge 3/2012.
La normativa esordisce con cinque articoli dedicati all’usura, una legge fotocopia e un correttivo, a pochi mesi dall’entrata in vigore, introdotto dal D.L 179/2012.
La tensione culturale che ha intessuto il varo della prima regolamentazione dell’insolvenza per i soggetti non fallibili è evidente anche dalla tecnica legislativa, fatta di continui rimandi, errori linguistici grossolani.

L’incertezza nella collocazione sistematica ha spinto gli interpreti a ricondurre il sovraindebitamento a principi diametralmente opposti, ora la tutela dei debitori, ora il vaglio della “meritevolezza”, come argine ai benefici percepiti come eccessivamente lesivi delle aspettative dei creditori

Le ampie deroghe al principio consensualistico e alla garanzia generica hanno poi condotto ad applicazioni restrittive, che hanno comportato non poche incertezze applicative sulla cessione del quinto, sul concetto di frode dei creditori ostativo all’apertura della liquidazione del patrimonio, sulla possibilità di accedere al sovraindebitamento in assenza di beni da esitare.

Le difficoltà culturali che hanno condotto a una tardiva regolazione del fenomeno dell’insolvenza civile non stupiscono: sono troppo radicati negli interpreti i timori legati alla violazione delle obbligazioni pecuniarie e alla possibilità che i debitori sottraggano parte dei loro averi ai creditori, complice talvolta l’attività dei professionisti che li assistono, incline alla ricerca di soluzioni a tutela del singolo ma senza una vera sensibilità sull’impatto di esse su larga scala.

Se si riflette con una visione più ampia, si scopre tuttavia che sono plurimi gli esempi di cancellazione dei debiti nella storia, spesso legati a questioni di acquisizione del consenso e di tenuta del tessuto sociale.

Basti ricordare che il codice di Hammurabi prevedeva che in caso di cattivi raccolti, i contadini oberati dai dai prestiti concessi a titolo privato da alti funzionari, venivano periodicamente esdebitati per ripristinare l’ordine precedente.
Lo stesso fece il faraone Tolomeo V, nel 196 Avanti Cristo: come riferisce la Stele di Rosetta, annullò i debiti verso il trono del popolo dell’Egitto.
Gli esempi potrebbero moltiplicarsi: Catilina propose nel programma elettorale per la sua elezione a Console le Tabulae Novae, con le quali prometteva di annullare i debiti della plebe a danno degli ottimati, suoi avversari, che invece temevano per i propri crediti.

Gli esempi potrebbero giungere fino ai giorni nostri.

Il rispetto dei patti, dunque, non è un principio universale, ma è un tema difficile da elaborare perché divisivo.

Eppure la necessità di gestire in modo efficiente le crisi finanziarie che il sistema economico crea di continuo è una necessità insopprimibile se non si vuole far gravitare i debitori nel campo dell’illegalità e dell’usura.
I sistemi criminali sono infatti fonte di innegabile attrazione per i sovraindebitati, vittime morte finanziaria e civile, perché nella difficoltà la spinta è di certo più decisa verso la sopravvivenza che per il rispetto della legge.

Del resto, il sovraindebitamento è anche efficiente: consente di dosare al meglio le risorse giurisdizionali, poiché un solo ufficio può gestire plurime posizioni esecutive a beneficio di un’ordinata massa di creditori, senza peraltro premiare solo i più dotati e consapevoli, che possono permettersi di intraprendere delle costose iniziative esecutive anche con il rischio che si rivelino antieconomiche.

Il codice della crisi imporrà una decisa accelerazione all’istituto: anzitutto, saranno possibili le liquidazioni su istanza di terzi e non del solo debitore.
In tal modo, l’istituto diverrà anche strumento di recupero del credito e non più strumento di grazia per il debitore, sostituendosi peraltro, in un’ottica deflattiva, alle tradizionali espropriazioni individuali.
Inoltre, verranno eliminate le maggiori incertezze interpretative, dalla concorsualizzazione della cessione del quinto, fino alla possibilità di liberarsi dai debiti una sola volta, a determinate condizioni, senza pagare alcunché se non vi è nulla da liquidare, attraverso l’esdebitazione del debitore incapiente.

Le novità del codice imporranno, quindi, di superare le ritrosie culturali che hanno frenato fino ad oggi l’applicazione dell’istituto negli operatori del diritto, per una più fluida e ampia applicazione non solo limitata ad evitare sofferenze immotivate e rinsaldare la coesione sociale, ma anche per esplorare nuove vie per un più equo recupero del credito.

PH: dan321132 da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Un tesoro da salvare

Fabio Cavalera (Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
La parola è uno degli strumenti più esclusivi e appassionanti che abbiamo per opporre al nuovo e algido potere dell’algoritmo il contropotere caldo della ragione

Leggi l'articolo

Parole perdute

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Devo solo cercarle
Le parole che ho perso
Te le ricordi, erano qui
Tra le cose di sempre
Tra i vestiti da smettere
Qualche avanzo di tempo
Bottiglie e scatole
Vuote.

Leggi l'articolo

Siamo le parole che usiamo

Enzo Varricchio
La scrittura, apparsa intorno al quarto millennio a.C. dopo il disegno e il pittogramma, fu un atto fondativo dell’homo sapiens. La parola scritta ha avuto il compito di tramandare memoria delle umane vicende

Leggi l'articolo

Parlare è un’opera pubblica

Massimo Corrado di Florio
Millanteria intellettuale, esaltazione della mera opinione e affermazione della sintesi come mero sistema di diffusione della parola, finiscono col mortificare e deprimere la parola stessa

Leggi l'articolo

La comunicazione al centro

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
Una comunicazione non adeguata, che sia scritta, orale o trasmessa, non solo non raggiunge i propri obiettivi, ma modifica la relazione comunicativa fra le persone

Leggi l'articolo

Hate speech, hate thinking

Aldo Luchi (Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cagliari)
Le parole che usiamo ci qualificano. Connotano i nostri pensieri, le nostre radici culturali, la nostra appartenenza a determinate categorie

Leggi l'articolo

La lingua che crea

Gianni Clocchiatti (Consulente aziendale in Milano)
Il linguaggio è una rappresentazione della realtà ma al contempo è anche un software che fa funzionare il pensiero il quale a sua volta genera i comportamenti

Leggi l'articolo

Consenso mostruoso

Anna Losurdo
L’interdipendenza tra linguaggio, consenso e potere rende evidente la grande responsabilità, per le parole che usiamo e che definiscono i nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

HO VISTO UN FILM

Pubblicato in

“Un giorno di pioggia a New York” è l’ultimo film…

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione