L'evidenza invisibile

L’evidenza invisibile

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)

Chi è digiuno della feconda elaborazione femminile e femminista sulla questione della presenza delle donne nelle istituzioni, costruite al maschile per millenni, potrebbe chiedersi se davvero esistano ancora ostacoli culturali e sociali in magistratura. La risposta è si, anche nell’avvocatura e in qualsiasi altro ambito.

Partiamo dalla lingua, arma di potere che costruisce l’identità, senza chiedere il permesso. Governante al maschile è colui che governa un Paese. Al femminile, la governante è colei che cura la casa.
Questo costituisce il nostro sostrato culturale e crea la nostra identità. Formazione, storia e cultura entrano prepotentemente nell’interpretazione.

La storia del genere maschile e del genere femminile, l’esercizio del potere dell’uno con la scientifica esclusione dell’altro, hanno inciso sull’identità di ciascuno facendo la differenza nell’interpretazione, nella relazione e nell’empatia con qualsiasi parte processuale.
Ma ci vuole consapevolezza di genere per capirlo e per evitare l’omologazione, altrimenti noi donne riproduciamo un modello maschile che non solo non siamo in grado di imitare, ma quando ci proviamo ci rendiamo più uomini del peggiore uomo.

Non farci apprezzare la nostra differenza di donne è un quotidiano lavoro di secolare gestione maschile del potere che ha posto se stesso come unico parametro. Noi donne non esistiamo e se esistiamo non valiamo nulla.
Non c’è male come risultato: restare unico ed indiscusso modello.
Per vederlo ci vogliono le lenti di genere, cioè la orgogliosa consapevolezza del proprio femminile, di quel femminile contro il quale si sono scagliati millenni di misoginia.
I vocabolari conoscono da pochi anni la parola che descrive la repulsione per gli uomini, la misandria.

Vedere tutto questo fa molto male perché mette in crisi tutto ciò che si è costruito fino a quando si sono aperti gli occhi. In ogni luogo, in ogni contesto, si esprime una scientifica operazione di svalutazione del nostro genere e l’apoteosi di quello maschile. Anche da parte delle stesse donne.

Guardare in una prospettiva di genere è un esercizio quotidiano. Un esempio? Contare le relatrici ai corsi della Scuola Superiore della Magistratura o nei panel di luoghi che contano.
Se si parla di corruzione o criminalità organizzata neanche una, sulla violenza di genere compaiono come per magia.
La ragione è che corruzione e mafia valgono molto nell’immaginario collettivo e sono ritenute la vera criminalità, invece i reati contro le donne sono da tutti ritenuti di scarso valore, infatti non permettono di fare carriera.

Gli uomini ci sono dove c’è potere, le donne dove c’è lavoro. Ci fanno credere che questo avvenga perché le donne si tirano indietro. Non è così: le donne sanno a) che arriveranno solo se proposte da un uomo a cui quel nome femminile serve; b) non conteranno nulla a meno che non siano eccezionali (gli uomini possono essere normali…), c) dovranno trasformarsi in uomini.

Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale. Françoise Héritier, antropologa femminista, la chiamava l’evidenza che non si vede.
Un giorno mi sono chiesta perché mi facessi uomo solo nel firmare le sentenze, ho indossato le lenti di genere e ho utilizzato orgogliosamente il mio articolo determinativo femminile.
La mia piccola rivoluzione ha fatto sì che in ogni udienza dovessi spiegare a qualcuno la ragione di quel femminile che appariva eccentrico e fuori luogo perché, mi dicevano, l’istituzione è neutra. E no, questo è l’ennesimo trucco: le donne sono state escluse dalla magistratura fino al 1963 solo perché donne.

Questo vuol dire che la nostra, come qualsiasi altra, non è affatto un’istituzione neutra, è un’istituzione che vede benissimo la differenza tra maschile e femminile tanto da essere stata appannaggio solo degli uomini fino al 1963. Sono passati più di 50 anni, siamo oltre la metà in magistratura.
Ma il terrore millenario del nostro ingresso ha generato quella rivoluzione che ci sbarrava le porte? Sarebbe importante capire cosa è cambiato interpretativamente con il punto di vista femminile.

Quel che è certo è che non siamo adeguatamente rappresentate, non abbiamo potere simbolico. Non è piacevole vederlo, si preferisce ritenere che la differenza di genere in magistratura non esista perché l’istituzione è neutra. Le giovani magistrate (65 %) che partono per la prima sede confessano sottovoce di temere il pregiudizio di cui saranno vittime per il loro desiderio di avere figli o per la gonna che indosseranno, sentendosi un “problema da risolvere” per colleghi, capi, avvocati: è un tema istituzionale.

Non basta la presenza delle donne, c’è necessità di consapevolezza della storia e del valore del femminile, negare il nostro genere, a partire dalla lingua, è il più grave tradimento che possiamo fare a noi stesse e alla toga che indossiamo.

Photo credit: Pixabay

Della stessa Autrice, su Ora legale News: le-parole-giuste

La giudice. Una donna in magistratura, Paola Di Nicola, Ed. 881, 2013

#TOPICS: ultimi articoli

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

La zavorra del Mezzogiorno

Canio Trione (Economista in Bari)
Qui non si tratta di “aiutare” qualcuno, ma di sapere e perseguire l’interesse della nostra comunità

Leggi l'articolo

I punti cardinali della ripartenza

Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Nell’affrontare quella economica non possiamo dimenticare il senso comune dello stare insieme

Leggi l'articolo

Ripartiamo dai sostantivi femminili

Serenella Molendini (Consigliera nazionale di parità supplente)
Tutte le epidemie precedenti hanno dimostrato che “nel dopo” aumentano le disuguaglianze in particolare di genere

Leggi l'articolo

La guerra dei dati al tempo del COVID-19

Corrado Crocetta (Docente di Statistica Università di Foggia)
In questi giorni, è importante che l’opinione pubblica sia consapevole dei rischi legati alla riduzione del distanziamento sociale

Leggi l'articolo

Le radici del male

Nicky Persico (Avvocato e scrittore)
E’ una storia vera: una di quelle notizie di cui si parla per un po’, e poi spariscono nel vuoto che le inghiotte: nel silenzio

Leggi l'articolo

Affrontare la ripresa

Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Bisognerebbe riferirsi all’“intelligenza” di fare le scelte migliori, ogni giorno, per ciascuno di noi, ma avendo presente l’intera Nazione e il suo futuro

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Emergenza occasione per cambiare

Pubblicato in |||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e l’adolescenza)
Sì a riaperture diversificate; è importante dare ai ragazzi certezze sia sull’inizio dell’anno scolastico sia sulle modalità di svolgimento degli esami di stato

TEMPERATURE IN RIALZO

Pubblicato in

ovvero, ciò che nessun DPCM può annientare Al di là…

CONTE-STATO

Pubblicato in

ANNICHILIMENTO DI GREGGE un’opera al grigio Pillola assai breve. Si…

UN ETERNO PRESENTE

Pubblicato in

Il fine pena mai è tra noi. Validato da una…

MILITES

Pubblicato in

C’è un soldato, tale Pirgopolinice, spaccone e credulone che, per…

Provvedimenti

Pubblicato in

(ai tempi del virus) Leggo l’ordinanza nr. 35 del 19/4/2020,…

Bulimici normativi

Pubblicato in

In poco tempo è stata prodotta una congerie di norme…

KAOS-19

Pubblicato in

Kaos-19. Confinati senza un domani. In lockdown, se vi piace. Maledetto Covid-19.

Il ratto di Europa

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Vediamo se si riesce a trarre qualche insegnamento dal mito di Europa. In realtà, una storia (una delle tante) piuttosto breve.

Curare le relazioni per garantire i diritti

Pubblicato in ||||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e per l’adolescenza)
Tracciato il bilancio di quattro anni di incarico: chiesti per l’Agia pareri obbligatori sulle leggi, poteri di ispezione, possibilità di intervento in giudizio e una struttura del personale stabile

IL TOTALMENTE ALTRO

Pubblicato in

(il Diritto al rovescio) Qui si parla della negazione di…