L'evidenza invisibile

L’evidenza invisibile

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)

Chi è digiuno della feconda elaborazione femminile e femminista sulla questione della presenza delle donne nelle istituzioni, costruite al maschile per millenni, potrebbe chiedersi se davvero esistano ancora ostacoli culturali e sociali in magistratura. La risposta è si, anche nell’avvocatura e in qualsiasi altro ambito.

Partiamo dalla lingua, arma di potere che costruisce l’identità, senza chiedere il permesso. Governante al maschile è colui che governa un Paese. Al femminile, la governante è colei che cura la casa.
Questo costituisce il nostro sostrato culturale e crea la nostra identità. Formazione, storia e cultura entrano prepotentemente nell’interpretazione.

La storia del genere maschile e del genere femminile, l’esercizio del potere dell’uno con la scientifica esclusione dell’altro, hanno inciso sull’identità di ciascuno facendo la differenza nell’interpretazione, nella relazione e nell’empatia con qualsiasi parte processuale.
Ma ci vuole consapevolezza di genere per capirlo e per evitare l’omologazione, altrimenti noi donne riproduciamo un modello maschile che non solo non siamo in grado di imitare, ma quando ci proviamo ci rendiamo più uomini del peggiore uomo.

Non farci apprezzare la nostra differenza di donne è un quotidiano lavoro di secolare gestione maschile del potere che ha posto se stesso come unico parametro. Noi donne non esistiamo e se esistiamo non valiamo nulla.
Non c’è male come risultato: restare unico ed indiscusso modello.
Per vederlo ci vogliono le lenti di genere, cioè la orgogliosa consapevolezza del proprio femminile, di quel femminile contro il quale si sono scagliati millenni di misoginia.
I vocabolari conoscono da pochi anni la parola che descrive la repulsione per gli uomini, la misandria.

Vedere tutto questo fa molto male perché mette in crisi tutto ciò che si è costruito fino a quando si sono aperti gli occhi. In ogni luogo, in ogni contesto, si esprime una scientifica operazione di svalutazione del nostro genere e l’apoteosi di quello maschile. Anche da parte delle stesse donne.

Guardare in una prospettiva di genere è un esercizio quotidiano. Un esempio? Contare le relatrici ai corsi della Scuola Superiore della Magistratura o nei panel di luoghi che contano.
Se si parla di corruzione o criminalità organizzata neanche una, sulla violenza di genere compaiono come per magia.
La ragione è che corruzione e mafia valgono molto nell’immaginario collettivo e sono ritenute la vera criminalità, invece i reati contro le donne sono da tutti ritenuti di scarso valore, infatti non permettono di fare carriera.

Gli uomini ci sono dove c’è potere, le donne dove c’è lavoro. Ci fanno credere che questo avvenga perché le donne si tirano indietro. Non è così: le donne sanno a) che arriveranno solo se proposte da un uomo a cui quel nome femminile serve; b) non conteranno nulla a meno che non siano eccezionali (gli uomini possono essere normali…), c) dovranno trasformarsi in uomini.

Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale. Françoise Héritier, antropologa femminista, la chiamava l’evidenza che non si vede.
Un giorno mi sono chiesta perché mi facessi uomo solo nel firmare le sentenze, ho indossato le lenti di genere e ho utilizzato orgogliosamente il mio articolo determinativo femminile.
La mia piccola rivoluzione ha fatto sì che in ogni udienza dovessi spiegare a qualcuno la ragione di quel femminile che appariva eccentrico e fuori luogo perché, mi dicevano, l’istituzione è neutra. E no, questo è l’ennesimo trucco: le donne sono state escluse dalla magistratura fino al 1963 solo perché donne.

Questo vuol dire che la nostra, come qualsiasi altra, non è affatto un’istituzione neutra, è un’istituzione che vede benissimo la differenza tra maschile e femminile tanto da essere stata appannaggio solo degli uomini fino al 1963. Sono passati più di 50 anni, siamo oltre la metà in magistratura.
Ma il terrore millenario del nostro ingresso ha generato quella rivoluzione che ci sbarrava le porte? Sarebbe importante capire cosa è cambiato interpretativamente con il punto di vista femminile.

Quel che è certo è che non siamo adeguatamente rappresentate, non abbiamo potere simbolico. Non è piacevole vederlo, si preferisce ritenere che la differenza di genere in magistratura non esista perché l’istituzione è neutra. Le giovani magistrate (65 %) che partono per la prima sede confessano sottovoce di temere il pregiudizio di cui saranno vittime per il loro desiderio di avere figli o per la gonna che indosseranno, sentendosi un “problema da risolvere” per colleghi, capi, avvocati: è un tema istituzionale.

Non basta la presenza delle donne, c’è necessità di consapevolezza della storia e del valore del femminile, negare il nostro genere, a partire dalla lingua, è il più grave tradimento che possiamo fare a noi stesse e alla toga che indossiamo.

Photo credit: Pixabay

Della stessa Autrice, su Ora legale News: le-parole-giuste

La giudice. Una donna in magistratura, Paola Di Nicola, Ed. 881, 2013

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti in musica

Aldo Luchi
La condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo ingiusto nel pezzo storico di Bob Dylan

Leggi l'articolo

La voglia di capire il mondo

Luisa Torsi
Le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente

Leggi l'articolo

Ricerca ecologica di lungo termine

Alessandra Pugnetti
Lontani come siamo dal fitoplancton nella nostra struttura fisica e percezione del mondo

Leggi l'articolo

Essere ricercatrice

Ilaria Ferrando
L’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore

Leggi l'articolo

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Sara Invitto
Era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica

Leggi l'articolo

Una vita da scienziata

Patrizia Caraveo
Ho cominciato la mia carriera su un treno in corsa e, da allora, non mi sono mai fermata

Leggi l'articolo

La chimica mi ha folgorato

Angela Agostiano
L’abitudine alla disciplina e al ragionamentomi ha suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule

Leggi l'articolo

Una strada a forma di sé

Cristina Mangia
Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari

Leggi l'articolo

Un lavoro che mi piace molto

Vincenza A.M. Luprano
Studiare fisica dello stato solido mi ha entusiasmato tantissimo

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

Brandelli di giustizia

Pubblicato in

I giudici, che della giustizia ne sono i rappresentanti, non…

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono