L'evidenza invisibile

L’evidenza invisibile

di Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma)

Chi è digiuno della feconda elaborazione femminile e femminista sulla questione della presenza delle donne nelle istituzioni, costruite al maschile per millenni, potrebbe chiedersi se davvero esistano ancora ostacoli culturali e sociali in magistratura. La risposta è si, anche nell’avvocatura e in qualsiasi altro ambito.

Partiamo dalla lingua, arma di potere che costruisce l’identità, senza chiedere il permesso. Governante al maschile è colui che governa un Paese. Al femminile, la governante è colei che cura la casa.
Questo costituisce il nostro sostrato culturale e crea la nostra identità. Formazione, storia e cultura entrano prepotentemente nell’interpretazione.

La storia del genere maschile e del genere femminile, l’esercizio del potere dell’uno con la scientifica esclusione dell’altro, hanno inciso sull’identità di ciascuno facendo la differenza nell’interpretazione, nella relazione e nell’empatia con qualsiasi parte processuale.
Ma ci vuole consapevolezza di genere per capirlo e per evitare l’omologazione, altrimenti noi donne riproduciamo un modello maschile che non solo non siamo in grado di imitare, ma quando ci proviamo ci rendiamo più uomini del peggiore uomo.

Non farci apprezzare la nostra differenza di donne è un quotidiano lavoro di secolare gestione maschile del potere che ha posto se stesso come unico parametro. Noi donne non esistiamo e se esistiamo non valiamo nulla.
Non c’è male come risultato: restare unico ed indiscusso modello.
Per vederlo ci vogliono le lenti di genere, cioè la orgogliosa consapevolezza del proprio femminile, di quel femminile contro il quale si sono scagliati millenni di misoginia.
I vocabolari conoscono da pochi anni la parola che descrive la repulsione per gli uomini, la misandria.

Vedere tutto questo fa molto male perché mette in crisi tutto ciò che si è costruito fino a quando si sono aperti gli occhi. In ogni luogo, in ogni contesto, si esprime una scientifica operazione di svalutazione del nostro genere e l’apoteosi di quello maschile. Anche da parte delle stesse donne.

Guardare in una prospettiva di genere è un esercizio quotidiano. Un esempio? Contare le relatrici ai corsi della Scuola Superiore della Magistratura o nei panel di luoghi che contano.
Se si parla di corruzione o criminalità organizzata neanche una, sulla violenza di genere compaiono come per magia.
La ragione è che corruzione e mafia valgono molto nell’immaginario collettivo e sono ritenute la vera criminalità, invece i reati contro le donne sono da tutti ritenuti di scarso valore, infatti non permettono di fare carriera.

Gli uomini ci sono dove c’è potere, le donne dove c’è lavoro. Ci fanno credere che questo avvenga perché le donne si tirano indietro. Non è così: le donne sanno a) che arriveranno solo se proposte da un uomo a cui quel nome femminile serve; b) non conteranno nulla a meno che non siano eccezionali (gli uomini possono essere normali…), c) dovranno trasformarsi in uomini.

Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale. Françoise Héritier, antropologa femminista, la chiamava l’evidenza che non si vede.
Un giorno mi sono chiesta perché mi facessi uomo solo nel firmare le sentenze, ho indossato le lenti di genere e ho utilizzato orgogliosamente il mio articolo determinativo femminile.
La mia piccola rivoluzione ha fatto sì che in ogni udienza dovessi spiegare a qualcuno la ragione di quel femminile che appariva eccentrico e fuori luogo perché, mi dicevano, l’istituzione è neutra. E no, questo è l’ennesimo trucco: le donne sono state escluse dalla magistratura fino al 1963 solo perché donne.

Questo vuol dire che la nostra, come qualsiasi altra, non è affatto un’istituzione neutra, è un’istituzione che vede benissimo la differenza tra maschile e femminile tanto da essere stata appannaggio solo degli uomini fino al 1963. Sono passati più di 50 anni, siamo oltre la metà in magistratura.
Ma il terrore millenario del nostro ingresso ha generato quella rivoluzione che ci sbarrava le porte? Sarebbe importante capire cosa è cambiato interpretativamente con il punto di vista femminile.

Quel che è certo è che non siamo adeguatamente rappresentate, non abbiamo potere simbolico. Non è piacevole vederlo, si preferisce ritenere che la differenza di genere in magistratura non esista perché l’istituzione è neutra. Le giovani magistrate (65 %) che partono per la prima sede confessano sottovoce di temere il pregiudizio di cui saranno vittime per il loro desiderio di avere figli o per la gonna che indosseranno, sentendosi un “problema da risolvere” per colleghi, capi, avvocati: è un tema istituzionale.

Non basta la presenza delle donne, c’è necessità di consapevolezza della storia e del valore del femminile, negare il nostro genere, a partire dalla lingua, è il più grave tradimento che possiamo fare a noi stesse e alla toga che indossiamo.

Photo credit: Pixabay

Della stessa Autrice, su Ora legale News: le-parole-giuste

La giudice. Una donna in magistratura, Paola Di Nicola, Ed. 881, 2013

#TOPICS: ultimi articoli

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Un sogno realizzato

Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)
Un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità

Leggi l'articolo

E il giudice sorrise

Elisabetta Rosi (Consigliera della Corte di cassazione)
Si deve trattare con cura ogni processo, come se fosse l’unico processo da trattare, perché è unico per chi lo vive, sia esso vittima od accusato

Leggi l'articolo

Giudici e Avvocati

Anna Losurdo
L’Avvocato che esercita la sua professione con libertà e indipendenza rafforza l’indipendenza della giurisdizione

Leggi l'articolo

La letteratura dei giudici

Enzo Varricchio
I magistrati raccontano perché narrare rende liberi, la verosimiglianza del romanzo permette loro di assumere vesti e ruoli inconcepibili nella vita reale, condurre un’esistenza scapigliata e romantica

Leggi l'articolo

Magistratus sum

Decidere sugli altri e per gli altri è un atto complesso che coinvolge l’intima percezione di sé, impone di superare pregiudizi, convinzioni culturali, abiti mentali

Leggi l'articolo

Privilegi o prerogative

Sergio Di Paola (Consigliere della Corte di cassazione)
La presunzione di essere depositario delle certezze giuridiche e storiche deve cedere al costante esercizio dell’arte del dubbio

Leggi l'articolo

Il diritto alla giustizia

Umberto Apice (già Avvocato Generale presso la Corte di cassazione)
Portare sul tavolo del giudice ogni malessere sociale, senza provvedere alla eliminazione delle cause, finisce per tramutare in fisiologico quello che è patologico

Leggi l'articolo

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona

Anche noi?

Pubblicato in ||||

Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)
Bullismo e molestie sessuali anche nel settore legale analizzati in un sondaggio dell’International Bar Association

Esseri linguistici

Pubblicato in |||

AnnaMaria Passaggio (business career coach in Milano)
Se la parola è azione e l’azione costruisce il nostro essere, allora possiamo modificare il nostro essere attraverso la parola