narcisisti e violenti ma molto social

Narcisisti e violenti ma molto social

di Anna Losurdo

Da dove viene la rabbia enorme cha abbiamo dentro?
Le cause della rabbia sociale e politica sono sempre e solo economiche?
Su quale pensiero primitivo si innesta la logica elementare dell’odio?

È il limes l’idea originaria nella quale abbiamo trovato la misura etica per vivere nella polis e che ci impedisce di violare l’altro in nome delle pulsioni. La civiltà giuridica si contrappone alla logica primitiva della violenza (e della reazione violenta) e introduce la pena, il recupero.

Ma è anche la linea che possiamo attraversare per andare incontro all’altro, per creare relazioni e trasformarci reciprocamente.
È questo forse che spaventa: il mistero di ciò che può accadere.

Da questa paura ancestrale trae forse origine la pessima abitudine di suddividere l’umanità in categorie per poi individuarne una contro la quale scagliarsi.
Non esiste, invece, una suddivisione netta tutti i buoni da una parte e tutti i cattivi dall’altra.
Lo sappiamo bene. Anche se fingiamo di dimenticarlo.

Chiudere fuori gli altri o chiudere dentro noi.
Se i confini tra le persone fossero davvero permeabili, eviteremmo il confino a noi stessi.

Dal 2004, anno di esordio dei social, il narcisismo ha subito una impennata, come attestano numerosi studi effettuati in Italia e all’estero. Si stima che almeno il 20% delle persone potrebbe essere soggetto a sviluppare tratti narcisistici.
Il disturbo narcisista ha molte declinazioni e diverse intensità.
E come si sa, i narcisisti non possono amare nessuno.

Nessun uomo è un’isola, completo in se stesso; ogni uomo è una parte del tutto. La morte di qualsiasi uomo mi sminuisce, perché io sono parte dell’umanità. E dunque non chiedere mai per chi suona la campana: suona per te (John Donne).

E in realtà, mentre frequentiamo un mondo virtuale, che immaginiamo sconfinato, facciamo un gran parlare dei confini fisici.
Anche se, a ben vedere, anche sui social viviamo l’illusione della inesi-stenza dei confini e ci chiudiamo in filter bubble, confinati in comunità uniformi e nei gruppi chiusi.
Ed è proprio in questi ambienti che si proliferano haters e si diffonde il linguaggio d’odio: genere di parole e discorsi per esprimere odio e intolleranza verso una persona o un gruppo (razziale, etnico, religioso, di genere o orientamento sessuale) o nei confronti di categorie di soggetti più deboli.

La diffusione avviene attraverso due processi.
Il primo, è quello delle “cascate sociali”. ciascuno di noi tende a basarsi su ciò che fanno e pensano gli altri, in mancanza di informazioni di prima mano o su argomenti di cui non sappiamo niente.
L’altro è quello della “polarizzazione dei gruppi“. Fenomeno per cui quando persone con idee simili si parlano, finiscono con approdare a una idea più estrema di quella iniziale di ciascuno, passando da una adesione scettica alla certezza assoluta.

Basta poco a riconoscere il fenomeno e a riconoscerci.
E a trovare conferma di quanto ho appena detto.

È sufficiente scorrere il rullo delle notizie di Facebook e leggere la sequenza di commenti via via più assertivi, più categorici, più violenti.
Gli obiettivi? Intere categorie di persone, che polarizzano quel sentimento di frustrazione violenta che si alimenta di luoghi comuni e affermazioni apodittiche.

Un esempio per tutti? Il razzismo e i migranti.
Si disserta di migrazioni ignorando tutte le informazioni che servirebbero. Non sappiamo nulla di tassi di natalità e di morte; disponiamo di informazioni sommarie di geopolitica, ignoriamo le più elementari nozioni di demografia. Ma contiamo i migranti che sbarcano sul nostro territorio.
E gridiamo all’invasione.
Perché cosi mettiamo a tacere le nostre paure ancestrali. Sublimiamo le domande sul senso della nostra vita.
Con la violenza verbale possiamo sbandierare ai quattro venti la nostra non violenza.
E questo vale per tutte le forme di violenza malcelate o nascoste, anche a noi stessi.

Photo credit: LEGO Art by Nathan Sawaya Yellow

della stessa autrice, su Ora legale News:

https://www.oralegalenews.it/magazine/mare-nostrum-diritti-e-dintorni/5571/2019/

#TOPICS: ultimi articoli

Italian haters

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Leggi l'articolo

Gioventù bruciata

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

Leggi l'articolo

Art against violence

Enzo Varricchio
L’arte è un potente antidoto contro la guerra e la violenza di ogni tipo. Gli artisti visivi contemporanei come Banksi o Toscani contribuiscono a cambiare la mentalità della gente

Leggi l'articolo

Piccoli schiavi invisibili

Roberta Aria (Avvocata in Napoli)
A trent’anni dalla Convenzione di Ginevra sui diritti dell’infazia e dell’adolescenza

Leggi l'articolo

Vis fatale cui resisti non potest

Massimo Corrado Di Florio
Le infinite declinazioni della violenza non risparmiano nessuno. Nessun umano affare ne va esente

Leggi l'articolo

Occhio ai titoli

Antonio Longo (Avvocato in Bari)
La pratica antica, ma non per questo meno grave, di dipingere con aggettivi e caratterizzazioni bonarie l’assassino o il violentatore di turno

Leggi l'articolo

La forza mite della giustizia

Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Declinate al plurale, le violenze riempiono uno spazio senza contorni, difficilmente delimitabile

Leggi l'articolo

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Il fondo di garanzia INPS

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Rugginosi

Pubblicato in

Inutile. Proprio non ce la si fa. Anche le interminabili…

Italian haters

Pubblicato in |||

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Gioventù bruciata

Pubblicato in |||

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

OBLIQUI BULIMICI DELLO ZERO ASSOLUTO

Pubblicato in

Anche quando nessuno domanda più nulla, ecco che si dànno…

L’indomito scorpione e l’allocca rana (corsi e ricorsi)

Pubblicato in

Assistiamo, oggi, al susseguirsi di eventi tutti già scritti. Becere…

Pochi grammi di coraggio

Pubblicato in |||

Nicola Laforgia (Direttore Neonatologia e TIN Universitaria Policlinico di Bari)
Il supporto psicologico in terapia intensiva neonatale è fondamentale

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Ricorda di volerti bene

Pubblicato in |||

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Ricorda di volerti bene
E che c’è una linea
Che nessuno dovrà mai varcare