narcisisti e violenti ma molto social

Narcisisti e violenti ma molto social

di Anna Losurdo

Da dove viene la rabbia enorme cha abbiamo dentro?
Le cause della rabbia sociale e politica sono sempre e solo economiche?
Su quale pensiero primitivo si innesta la logica elementare dell’odio?

È il limes l’idea originaria nella quale abbiamo trovato la misura etica per vivere nella polis e che ci impedisce di violare l’altro in nome delle pulsioni. La civiltà giuridica si contrappone alla logica primitiva della violenza (e della reazione violenta) e introduce la pena, il recupero.

Ma è anche la linea che possiamo attraversare per andare incontro all’altro, per creare relazioni e trasformarci reciprocamente.
È questo forse che spaventa: il mistero di ciò che può accadere.

Da questa paura ancestrale trae forse origine la pessima abitudine di suddividere l’umanità in categorie per poi individuarne una contro la quale scagliarsi.
Non esiste, invece, una suddivisione netta tutti i buoni da una parte e tutti i cattivi dall’altra.
Lo sappiamo bene. Anche se fingiamo di dimenticarlo.

Chiudere fuori gli altri o chiudere dentro noi.
Se i confini tra le persone fossero davvero permeabili, eviteremmo il confino a noi stessi.

Dal 2004, anno di esordio dei social, il narcisismo ha subito una impennata, come attestano numerosi studi effettuati in Italia e all’estero. Si stima che almeno il 20% delle persone potrebbe essere soggetto a sviluppare tratti narcisistici.
Il disturbo narcisista ha molte declinazioni e diverse intensità.
E come si sa, i narcisisti non possono amare nessuno.

Nessun uomo è un’isola, completo in se stesso; ogni uomo è una parte del tutto. La morte di qualsiasi uomo mi sminuisce, perché io sono parte dell’umanità. E dunque non chiedere mai per chi suona la campana: suona per te (John Donne).

E in realtà, mentre frequentiamo un mondo virtuale, che immaginiamo sconfinato, facciamo un gran parlare dei confini fisici.
Anche se, a ben vedere, anche sui social viviamo l’illusione della inesi-stenza dei confini e ci chiudiamo in filter bubble, confinati in comunità uniformi e nei gruppi chiusi.
Ed è proprio in questi ambienti che si proliferano haters e si diffonde il linguaggio d’odio: genere di parole e discorsi per esprimere odio e intolleranza verso una persona o un gruppo (razziale, etnico, religioso, di genere o orientamento sessuale) o nei confronti di categorie di soggetti più deboli.

La diffusione avviene attraverso due processi.
Il primo, è quello delle “cascate sociali”. ciascuno di noi tende a basarsi su ciò che fanno e pensano gli altri, in mancanza di informazioni di prima mano o su argomenti di cui non sappiamo niente.
L’altro è quello della “polarizzazione dei gruppi“. Fenomeno per cui quando persone con idee simili si parlano, finiscono con approdare a una idea più estrema di quella iniziale di ciascuno, passando da una adesione scettica alla certezza assoluta.

Basta poco a riconoscere il fenomeno e a riconoscerci.
E a trovare conferma di quanto ho appena detto.

È sufficiente scorrere il rullo delle notizie di Facebook e leggere la sequenza di commenti via via più assertivi, più categorici, più violenti.
Gli obiettivi? Intere categorie di persone, che polarizzano quel sentimento di frustrazione violenta che si alimenta di luoghi comuni e affermazioni apodittiche.

Un esempio per tutti? Il razzismo e i migranti.
Si disserta di migrazioni ignorando tutte le informazioni che servirebbero. Non sappiamo nulla di tassi di natalità e di morte; disponiamo di informazioni sommarie di geopolitica, ignoriamo le più elementari nozioni di demografia. Ma contiamo i migranti che sbarcano sul nostro territorio.
E gridiamo all’invasione.
Perché cosi mettiamo a tacere le nostre paure ancestrali. Sublimiamo le domande sul senso della nostra vita.
Con la violenza verbale possiamo sbandierare ai quattro venti la nostra non violenza.
E questo vale per tutte le forme di violenza malcelate o nascoste, anche a noi stessi.

Photo credit: LEGO Art by Nathan Sawaya Yellow

della stessa autrice, su Ora legale News:

https://www.oralegalenews.it/magazine/mare-nostrum-diritti-e-dintorni/5571/2019/

#TOPICS: ultimi articoli

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Un tesoro da salvare

Fabio Cavalera (Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
La parola è uno degli strumenti più esclusivi e appassionanti che abbiamo per opporre al nuovo e algido potere dell’algoritmo il contropotere caldo della ragione

Leggi l'articolo

Parole perdute

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Devo solo cercarle
Le parole che ho perso
Te le ricordi, erano qui
Tra le cose di sempre
Tra i vestiti da smettere
Qualche avanzo di tempo
Bottiglie e scatole
Vuote.

Leggi l'articolo

Siamo le parole che usiamo

Enzo Varricchio
La scrittura, apparsa intorno al quarto millennio a.C. dopo il disegno e il pittogramma, fu un atto fondativo dell’homo sapiens. La parola scritta ha avuto il compito di tramandare memoria delle umane vicende

Leggi l'articolo

Parlare è un’opera pubblica

Massimo Corrado di Florio
Millanteria intellettuale, esaltazione della mera opinione e affermazione della sintesi come mero sistema di diffusione della parola, finiscono col mortificare e deprimere la parola stessa

Leggi l'articolo

La comunicazione al centro

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
Una comunicazione non adeguata, che sia scritta, orale o trasmessa, non solo non raggiunge i propri obiettivi, ma modifica la relazione comunicativa fra le persone

Leggi l'articolo

Hate speech, hate thinking

Aldo Luchi (Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cagliari)
Le parole che usiamo ci qualificano. Connotano i nostri pensieri, le nostre radici culturali, la nostra appartenenza a determinate categorie

Leggi l'articolo

La lingua che crea

Gianni Clocchiatti (Consulente aziendale in Milano)
Il linguaggio è una rappresentazione della realtà ma al contempo è anche un software che fa funzionare il pensiero il quale a sua volta genera i comportamenti

Leggi l'articolo

Consenso mostruoso

Anna Losurdo
L’interdipendenza tra linguaggio, consenso e potere rende evidente la grande responsabilità, per le parole che usiamo e che definiscono i nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione

La data è indelebile

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Quando, dopo un tempo che mi è parso interminabile, la gragnuola di spari è cessata, per terra c’erano tre corpi