narcisisti e violenti ma molto social

Narcisisti e violenti ma molto social

di Anna Losurdo

Da dove viene la rabbia enorme cha abbiamo dentro?
Le cause della rabbia sociale e politica sono sempre e solo economiche?
Su quale pensiero primitivo si innesta la logica elementare dell’odio?

È il limes l’idea originaria nella quale abbiamo trovato la misura etica per vivere nella polis e che ci impedisce di violare l’altro in nome delle pulsioni. La civiltà giuridica si contrappone alla logica primitiva della violenza (e della reazione violenta) e introduce la pena, il recupero.

Ma è anche la linea che possiamo attraversare per andare incontro all’altro, per creare relazioni e trasformarci reciprocamente.
È questo forse che spaventa: il mistero di ciò che può accadere.

Da questa paura ancestrale trae forse origine la pessima abitudine di suddividere l’umanità in categorie per poi individuarne una contro la quale scagliarsi.
Non esiste, invece, una suddivisione netta tutti i buoni da una parte e tutti i cattivi dall’altra.
Lo sappiamo bene. Anche se fingiamo di dimenticarlo.

Chiudere fuori gli altri o chiudere dentro noi.
Se i confini tra le persone fossero davvero permeabili, eviteremmo il confino a noi stessi.

Dal 2004, anno di esordio dei social, il narcisismo ha subito una impennata, come attestano numerosi studi effettuati in Italia e all’estero. Si stima che almeno il 20% delle persone potrebbe essere soggetto a sviluppare tratti narcisistici.
Il disturbo narcisista ha molte declinazioni e diverse intensità.
E come si sa, i narcisisti non possono amare nessuno.

Nessun uomo è un’isola, completo in se stesso; ogni uomo è una parte del tutto. La morte di qualsiasi uomo mi sminuisce, perché io sono parte dell’umanità. E dunque non chiedere mai per chi suona la campana: suona per te (John Donne).

E in realtà, mentre frequentiamo un mondo virtuale, che immaginiamo sconfinato, facciamo un gran parlare dei confini fisici.
Anche se, a ben vedere, anche sui social viviamo l’illusione della inesi-stenza dei confini e ci chiudiamo in filter bubble, confinati in comunità uniformi e nei gruppi chiusi.
Ed è proprio in questi ambienti che si proliferano haters e si diffonde il linguaggio d’odio: genere di parole e discorsi per esprimere odio e intolleranza verso una persona o un gruppo (razziale, etnico, religioso, di genere o orientamento sessuale) o nei confronti di categorie di soggetti più deboli.

La diffusione avviene attraverso due processi.
Il primo, è quello delle “cascate sociali”. ciascuno di noi tende a basarsi su ciò che fanno e pensano gli altri, in mancanza di informazioni di prima mano o su argomenti di cui non sappiamo niente.
L’altro è quello della “polarizzazione dei gruppi“. Fenomeno per cui quando persone con idee simili si parlano, finiscono con approdare a una idea più estrema di quella iniziale di ciascuno, passando da una adesione scettica alla certezza assoluta.

Basta poco a riconoscere il fenomeno e a riconoscerci.
E a trovare conferma di quanto ho appena detto.

È sufficiente scorrere il rullo delle notizie di Facebook e leggere la sequenza di commenti via via più assertivi, più categorici, più violenti.
Gli obiettivi? Intere categorie di persone, che polarizzano quel sentimento di frustrazione violenta che si alimenta di luoghi comuni e affermazioni apodittiche.

Un esempio per tutti? Il razzismo e i migranti.
Si disserta di migrazioni ignorando tutte le informazioni che servirebbero. Non sappiamo nulla di tassi di natalità e di morte; disponiamo di informazioni sommarie di geopolitica, ignoriamo le più elementari nozioni di demografia. Ma contiamo i migranti che sbarcano sul nostro territorio.
E gridiamo all’invasione.
Perché cosi mettiamo a tacere le nostre paure ancestrali. Sublimiamo le domande sul senso della nostra vita.
Con la violenza verbale possiamo sbandierare ai quattro venti la nostra non violenza.
E questo vale per tutte le forme di violenza malcelate o nascoste, anche a noi stessi.

Photo credit: LEGO Art by Nathan Sawaya Yellow

della stessa autrice, su Ora legale News:

https://www.oralegalenews.it/magazine/mare-nostrum-diritti-e-dintorni/5571/2019/

#TOPICS: ultimi articoli

Kubrick e la pena giusta

Umberto Apice
Uno Stato repressivo, che tale voglia essere sia pure a fin di bene, sarà sempre uno Stato ingiusto

Leggi l'articolo

Sette uomini d’oro

Enzo Cianciotta
La delinquenza silenziosa dei colletti bianchi, quella che non ha bisogno di azioni sanguinarie

Leggi l'articolo

Dormire con le porte aperte

Paolo Cotza
Mai lasciare che le proprie convinzioni vengano manipolate ed usate dagli altri e rifuggire dalle verità precostituite ed imposte

Leggi l'articolo

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Occorre fare

Noi di Spoiler think tank di futuristi
Portiamo avanti il diritto di guardare al futuro con occhi pieni della speranza di trovare altri che completeranno il nostro percorso

Leggi l'articolo

Cuore ibernato

Gianfranco Terzo
L’incontro introspettivo tra le due anime, fragili e tristi, determina un cortocircuito

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

REFERENDUM

Pubblicato in

(senza Ockham) Testo del quesito: “Approvate il testo della legge…

Avvocate e discriminazioni

Pubblicato in ||||

Giovanna Barca
Ancora troppe discriminazioni in Italia anche per le donne lavoratrici, incluse le libere professioniste

A scuola con il Covid-19

Pubblicato in |||

Michela Labriola
Gli studenti hanno bisogno delle aule: quel luogo fisico che consenta loro di esprimere la libertà e la relazione tra pari

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo